Homepage > Finzione > HistoricalFiction > Australia > Una lunga strada da casa Recensioni

Una lunga strada da casa

A Long Way From Home
Da Peter Carey
Recensioni: 30 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
5
Bene
10
Media
7
Male
5
Terribile
3
Irene Bobs ama guidare velocemente. Suo marito è il miglior venditore di auto nell'Australia sud-orientale rurale. Insieme a Willie, il loro navigatore magro, si imbarcano nella Prova di Redex, una corsa brutale in tutto il continente, su strade che nessuna auto potrà mai sopravvivere. Una lunga strada da casa è il capolavoro in stile tardo di Peter Carey; un'emozionante storia ad alta velocità che inizia in un modo,

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Proudfoot Vitale

Questa è una recensione importante. Perché, potresti voler sapere? Bene, due motivi:

1) Per la prima volta da quando ho letto Una piccola vita, Sto assegnando una valutazione a 1 stella a una recensione. Ho sempre pensato a quel "libro" ogni volta che decidevo se avrei dovuto assegnare 1 stella. Odio questo libro quanto A Little Life? In tutta onestà, NON odio questo libro tanto quanto odio A Little Life. Come potrei? Ma questo libro non mi piaceva fino al punto di ... beh, ci riuscirò in ragione # 2 tra un secondo. Il punto è che sto riportando le recensioni da 1 stella.

2) Per la prima volta nei miei 3+ anni su Goodreads, sto recensendo un libro che ho abbandonato. Questo è un grosso problema, gente! Tante volte ho sofferto attraverso libri che non mi sono piaciuti, libri che non mi hanno coinvolto, libri che erano un lavoro ingrato da leggere e in cui tornare. FINALMENTE, mi sto concedendo il lusso di dire "questo non è per me, ciao ora". Non sei orgoglioso di me?

Ero così interessato a leggere questo nuovo libro di Peter Carey. È un vincitore del Booker Prize (x2) e un autore nuovo per me. Quindi perché sto infrangendo tutte le regole e le sto gettando da parte? Non è stato scritto male (Mr. Carey è un autore affermato, nessun pericolo). Non ha avuto una storia incredibile (beh, almeno, non al 30% quando alla fine ho rinunciato).

Ero semplicemente annoiato dagli strappi. Non mi sentivo interessato a nessuno dei personaggi: "Titch", il piccolo omino sposato con la signora Bobs, da qualche parte in un posto polveroso e sgangherato in Australia, e suo padre antipatico che vuole aprire un concessionario Ford per disputare suo figlio che vuole fare esattamente la stessa cosa. C'è stata una scena lunga e noiosa con la moglie di Titch che ha distrutto un'elica ... il che non significava assolutamente nulla per me. Hanno un vicino Willie, un ragazzo tedesco, un insegnante che è stanco di sentirsi un estraneo e che ha scosso uno studente fuori dalla finestra (di nuovo, in qualche modo non importa) e che è in uno spettacolo di gioco, che ha una relazione con una donna che il suo concorrente ha detto nel game show. Sei ancora con me? Veramente?

Onestamente, non ricordo di essere stato meno coinvolto in una storia piena di persone che non mi interessano nemmeno leggermente. Capisco dalla sinossi della trama che parteciperanno a una sorta di gara automobilistica, e buon Dio, non posso forzarmi attraverso altri 2/3 di questo libro per scoprire come va. Tiny Titch e la signora Bobs e Willie dovranno scoprirlo da soli. Sono fuori di testa!

E dannazione, ci si sente bene!

Grazie a Netgalley e Penguin Random House Canada per avermi fornito una copia gratuita di questo libro in cambio di una recensione onesta.
data di revisione 04/21/2020
Jabon Zauala

4.5 ★
“Non c'erano soldi nella prova Redex. Duecento pazzi che circumnavigano il continente australiano, più di diecimila miglia su strade fuoristrada così sconnesse che potrebbero spezzare il telaio a metà. . .

Ora affronteremmo il paese assassino. Affronteremmo strade con polvere profonda due piedi. Avremmo fatto il giro del nostro continente omicida nella stessa macchina che Joe Blow ha guidato al lavoro. "

Sono corretto! Questo è quello che ho detto nella mia recensione originale: "Parte del divertimento della particolare edizione australiana che ho letto è stato l'ortografia errata di" Redex Trial "sull'auto. Legge" Redex Trail ", il che mi fa chiedere se l'artista è troppo giovane per sapere quali prove in auto sono."
A Long Way from Home di Peter Carey

Beh vergogna per me! Intendiamoci, ho sentito l'autore chiedere di questo spelling sull'illustrazione di copertina, e ha detto di non averlo visto, quindi non ne aveva idea. Un lettore mi ha ammonito severamente per aver fatto un saggio sull'età dell'artista e ha detto che proviene da un vecchio poster. Non ho trovato il poster, ma ho trovato quello che sembra l'auto che lo ha ispirato, TRAIL invece di TRIAL e tutti gli stessi sponsor, credo. Mi scuso. Adoro l'illustrazione di copertina, ma mi chiedo ancora l'ortografia.

descrizione
Foto in bianco e nero di quella che sembra l'auto in copertina. Questa berlina Holden fu la voce di prova di Redex del 1954 di Ross Krieg, Ron Treloar e Ron Sanders, Jr. di Willaston South Australia.

Questa storia è ambientata negli anni '1950 e il Redex è stato un evento popolare seguito da tutti gli appassionati di auto mentre aspettavamo di sentire ciò che Gelignite Jack Murray aveva fatto esplodere ogni giorno (per cancellare la pista con "gelatina", ovviamente).

Titch Bobs e la moglie Irene prendono parte al processo con il vicino Wille Bachhuber come navigatore. Titch è un uomo minuscolo, mai così bello, secondo la sua altrettanto piccola moglie. Suo padre è un imbroglione, un abile, donnaiolo che fa impazzire Fords e fa impazzire Irene. Le dinamiche familiari della famiglia Bobs sono la spina dorsale della storia mentre Titch e Irene cercano di aprire una concessionaria Holden (!) * E promuoverla attraverso il Redex. The Titches e Willie vivono a Bacchus Marsh, una città a ovest di Melbourne, dove l'autore è cresciuto.

Ma Willie, come insegnante e insegnante di radio quiz a soli 26 anni, è una parte importante del corpo della storia. È stato sposato, ha lasciato la moglie e il figlio appena nato (certo che non è suo) e vive nella casa accanto alle Titches. È affascinato dalle mappe e quando il preside della sua scuola gli assegna la creazione di un programma scolastico sull'industria della lana, inizia le ricerche.

È sorpreso di trovare la sanguinosa storia coloniale che non ha mai imparato a scuola e che in qualche modo non ha mai incontrato durante gli studi per il quiz. Mentre viaggia avanti e indietro da Bacchus Marsh a Melbourne per filmare lo spettacolo, dice

“. . . , il paesaggio accanto alla linea ferroviaria era sempre triste e denudato: tane di coniglio, erosione, piantagioni a forma di L di frangivento di conifere dure negli angoli dei solitari paddock. . . Avrei presto visto lo stesso paesaggio fuori dalla finestra per quello che era sempre stato: un campo di battaglia coloniale dimenticato, il sito impregnato di sangue di un violento "contatto" tra i neri indigeni e i bianchi imperiali. Se non fosse stato un segreto di stato, avrebbe potuto anche esserlo. "

Comincia a confrontare i confini delle proprietà di oggi con le mappe delle terre indigene.

“. . . mappe delle proprietà pastorali che giacciono come un mosaico letale in cima alle vere terre tribali. . Ero in pace trascrivendo le famose proprietà di Deanside e Rockbank. Era ovviamente una mappa dell'omicidio. Cos'altro dovevo fare? "

Come australiano, Willie Bachhuber è inorridito, ma come uomo incantato dal vecchio atlante europeo di sua nonna, è fissato sulla mappatura di se stesso e sul fatto che non ha mai sentito di appartenere all'Australia meridionale dove è nato, ma piuttosto ha un “Irremovibile convinzione di non appartenere a dove mia madre mi aveva liberato. . ., la mia vera casa deve trovarsi nell'atlante dell'Impero asburgico e nelle terre dell'Ungheria. "

Certo, questo lo rimuove personalmente dal problema del sanguinoso esproprio aborigeno, non essendo di origini coloniali. Ma scopre di non poterlo respingere e prende le sue mappe in macchina. All'inizio del processo e si fanno strada fino alla costa orientale dell'Australia, altri frammenti di storia aborigena emergono.

Ho ascoltato Peter Carey intervistato su questa storia e ha detto di essersi sentito obbligato come scrittore australiano a trovare e dire la verità sulla storia della sua terra natale. Nelle sue interviste regala più della storia di quella che sono disposto a condividere qui, ma basti dire che "i Bobbseys", come li chiama Willie, ricevono un'educazione inaspettata sul massacro aborigeno dal loro navigatore istruito.

Quando Irene trova il cranio di un bambino in un mucchio di ossa in una cavità nella boscaglia, lo riporta in macchina e nota che ha un foro di proiettile. Si chiede quanti corpi siano stati sepolti nella cavità. Si fanno strada attraverso il paese con discussioni e battaglie, calore e polvere e alla fine trovano la gente del posto che li guarda in modo strano. Scoprono che gli aborigeni non possono muoversi liberamente nelle città ma sono assegnati ovunque siano stati messi. **

The Titches e Bachhuber sono "adottati" da un vecchio aborigeno che chiamano Battery Doctor (perché fa un buon trucco da meccanico di Bush per sistemare la batteria - i lettori australiani possono conoscere la meravigliosa serie TV con quel nome, dove la "meccanica" aborigena nel outback sostituisce gli assi rotti con tronchi, ecc.) Incontriamo la sua famiglia e vediamo come vivono.

A volte divento impaziente con la scrittura di Carey e non so esattamente perché. I capitoli ruotano tra Titch, Irene e Willie, per lo più, e all'inizio non è sempre chiaro chi sta parlando, cosa che trovo fastidiosa. Di solito non sono così spesso. Se l'avessi aperto in biblioteca per leggere l'inizio, l'avrei rimesso a posto. Non mi piaceva affatto. Ma dopo averne sentito parlare, ascoltato Carey leggerne alcuni ed essere interessato sia alla rivalità Ford-vs-Holden (GM) nello sport automobilistico che alla storia aborigena, ho dovuto provarlo.

Sono contento di averlo fatto. C'è molto da consigliarlo, incluso questo passaggio:

“L'avevo aspettato, la stagione delle piogge, in tutte le mattine infuocate e le rocce riscaldate del pomeriggio, e ancora non ero preparato, non per la sua densità, immensità, il ruggito sul tetto, l'obliterazione di ogni distanza, l'aria succhiato dai miei polmoni, come se significasse uccidermi. La pioggia era la temperatura del sangue. "

Un paio di note a piè di pagina:
* Fino a poco tempo fa, la General Motors Holden produceva automobili in Australia con una feroce rivalità con Ford, come la rivalità americana Ford-Chevy, ma questa è quasi una cosa religiosa in Australia!

** Gli aborigeni avevano carte o etichette per consentire loro di muoversi. Questa è l '"esenzione" che il dottore di batteria ha portato. Il sangue intero era limitato.

“Certificato generale di esenzione. Questo documento dà diritto al portatore, HALF CASTE Aboriginal noto come LOCHY PETERSON (1) di lasciare la stazione di Quamby Downs, (2) per camminare liberamente attraverso la città senza essere arrestato, (3) per entrare in una nave o in un hotel (l'individuo non può essere servito— a discrezione del proprietario). NB: è vietato parlare in madrelingua. "
data di revisione 04/21/2020
Eliza Goldrich

Come di solito Peter Carey i popoli le pagine della sua prosa insolita con ogni sorta di personalità strane ...
This was Titch’s only fault, the belief he could have anything he wished. This is how birds fly into window glass, how women fall pregnant.
In stile e giocosità Una lunga strada da casa ricorda in qualche modo il suo primo romanzo Illywhacker. Sul lato della trama il romanzo parla della corsa automobilistica nazionale in tutto il continente ...
Questa è l'atmosfera delle gare:
Dwarfed behind the wheel, Mrs Bobbsey was coughing and spitting and we had four hundred miles to Mount Isa, creek crossings and – worse than that – certain competitors who had disconnected their brakelights to cause accidents behind. No competitor on that leg will forget the dust coating every surface, the drumming violent gibber stones like a malevolent spirit with a sledgehammer clouting the bottom of your car.
E questa è l'atmosfera dell'auto:
The smell of a rally car, the stink, the whiff, the woo, you will never find the recipe for this pong in the Women’s Weekly but ingredients include petrol, rubber, pollen, dust, orange peel, wrecked banana, armpit, socks, man’s body. I drove into the night on the ratshit regulator. My headlights waxed and waned depending on the engine revs. Beneath us was bulldust, two feet thick.
Ma certo Una lunga strada da casa è molto più profondo di quello e sotto la trama ci sono significative profondità psicologiche.
Ogni vita è unica e ti viene data, ma una volta tanto devi cercare di non sprecarla ...
data di revisione 04/21/2020
Pandich Brus

La mia storia di lettura Peter Carey finora:-
Oscar e Lucinda 3 stelle (era abbastanza buono)
Beatitudine 5 stelle (amato, amato, adorabile!)
La chimica delle lacrime 1 stella (ottimo titolo)
Amnesia 4 stelle (era buono)

Penso che significhi che io e il signor Carey abbiamo una relazione su e giù. Una lunga strada da casa era più il lato negativo.

L'idea del libro suonava bene: gente che correva in auto nell'entroterra australiano nella prova Redex negli anni '1950. Il problema era che quella parte del libro diventava noiosa. I personaggi erano piuttosto piatti con solo Irene e Willie che si avvicinavano persino alle persone con cui il lettore poteva simpatizzare. Il padre era così terribile che mi ha attivamente compiaciuto quando (visualizza spoiler)[ è morto (nascondi spoiler)]

Questo non significa che il mio rapporto con l'autore sia finito. Quest'uomo ha scritto Beatitudine after all! He has a lot more titles for me to try in hope of another winner.
data di revisione 04/21/2020
McGee Quenzel

It is perhaps to the detriment of this book that I read it on my journey to and from the announcement of the shortlist for The Republic of Consciousness Prize for UK and Irish small presses. Any book by a long established, double Booker prize winning, elderly white male was likely to lack freshness and vibrancy when compared to the hardcore literary fiction and gorgeous prose on the long and shortlist for that prize; and the great authors and wonderful small presses I had the privilege to meet at that event.

Questo è un libro di tre sezioni distinte, che a volte possono sembrare tre libri diversi, anche se con un senso ragionevolmente chiaro di dove l'autore sta guidando il libro.

La prima sezione è divertente se poco impegnativa - introducendo un numero di grandi personaggi e in particolare i due narratori alternati della prima parte - Irene Bobs (moglie di Titch) e Willie Bachhuber, vicini di casa in una piccola città australiana vicino a Melbourne negli anni '1950.

Titch (e l'altrettanto piccola Irene) ei loro due figli si sono trasferiti in città con la speranza di creare un concessionario Ford, ma anche (in particolare agli occhi di Irene) per sfuggire al padre più grande della vita e buono a nulla di Titch Dan Bobs (un pioniere dell'aviazione) - un tentativo che si rivela inutile.

Willie, figlio di un pastore luterano è un insegnante di scuola part-time ma temporaneamente sospeso per aver fatto penzolare uno scolaretto fuori dalla finestra come punizione per i commenti contro gli immigrati (bianchi), ed esperto residente in un quiz radiofonico dove vince regolarmente assegni ingenti ma falsi . Durante il suo fu anche (segretamente) fuggendo, ma nel suo caso la legge (con gli ufficiali giudiziari che lo inseguono per i pagamenti del matrimonio - ha lasciato la moglie e il bambino che crede di non essere suo).

Questa sezione termina con Titch, sull'orlo di una concessionaria Holden che entra nella (vita reale) prove di raduno motoristico di Redex Reliability in Australia, con Titch come copilota e Willie (un esperto lettore di mappe) come navigatore.

La seconda sezione racconta le prove del Redex. All'inizio non mi venne in mente niente di più che una combinazione di due punti fondamentali della TV per bambini britannici degli anni '70: Wacky Races (con Irene come Penelope Pitstop, Dan come una combinazione Dick Dastardly / Muttley, e con Titch sostenuto dall'Ant Hill Mob) incrociate con Skippy.

Un tema più complesso (anche se piuttosto fortemente telegrafato) inizia ad emergere: il trattamento australiano della sua popolazione aborigena: razzismo informale e palese (con Willie sempre più scioccato nel constatare che le persone lo considerano parzialmente nero); genocidi passati (un sito di massacro in cui si imbattono - e l'indifferenza casuale delle autorità alla scoperta); la cancellazione dello stile di vita e della visione del mondo aborigeni (quando Willie si rende conto dei diversi concetti di terra posseduti dagli aborigeni e che sono stati coperti dai concetti occidentali di confini e proprietà della terra). Lo stesso Redex - che celebra lo spirito pionieristico dei coloni e letteralmente cavalca i luoghi sacri - diventa una metafora di questo processo.

La terza sezione, cambia marcia ancora una volta. Willie viene a conoscenza delle sue origini razziali (molto accennate) attraverso una coincidenza piuttosto improbabile, e Irene della verità della genitorialità di suo figlio (e del perché Willie lo abbandonò alla nascita). Willie finisce bloccato come una stazione di bestiame dove gli viene chiesto di insegnare ai bambini aborigeni. Comincia a cercare di spiegare la mappa dell'Australia e ha ricevuto la storia bianca australiana per i bambini, ma finisce per chiedere agli anziani aborigeni di condividere le loro storie con la classe e sostituisce la mappa con le immagini di queste storie.

Questa parte, per quanto ben intenzionata, sembra gravemente forzata piuttosto che naturale, e sembra discendere in condiscendenza, con tentativi pesanti di trasmettere le conversazioni di Willie con gli aborigeni.

È davvero difficile sapere quale commento positivo possa eventualmente essere fatto leggendo i seguenti esempi di passaggi:

‘Proper film star’ Doctor Battery said, approximately. Actually he said something like ‘him, proper film star’ or ‘‘im proper film star” but I will spare you my own confusion

He dream for you (‘’E dream for you’ to be precise.)


Nel complesso, questo è chiaramente un tentativo serio da parte di un noto autore di fare finalmente i conti con la storia oscura del suo paese, ma non è molto coerente.

Nel capitolo finale, il figlio di Willie riflette su Willie e poi sulle attività successive di Willie in un modo che può essere preso solo come una conclusione sul libro stesso.

My father may have been, a many have suggested, a meddlesome well-meaning amateur anthropologist, but he was also a well-educated, deeply read man, an intellectual whose soul had been seriously contorted as a result of his country’s practice of ethnic cleansing

What may seem to be the signs of madness might be understood by someone familiar with alchemical literature as an encryption whose function is to insist that our mother country is a foreign land whose language we have not yet earned the right to speak
data di revisione 04/21/2020
Venetia Linke

I really struggled to read this book. Every once in a while there was some tidbit that piqued my interest and kept me from giving up on it, but I wasn't crazy about the writing style, pace or tone of the book. I was also sometimes flummoxed by Australian expressions. I'd round 2.5 rating stars up to 3. I think the author had good intentions but perhaps he is not the right person to tackle the history of the cruel and racist treatment of the Aborigines in Australia. By combining that history with that of a road race it diminished the impact of an important story about which I know very little.

Il frastuono fa sembrare che il libro sia incentrato su una corsa su strada, ma la gara del 1953 non inizia nemmeno fino alla seconda metà del libro. L'inizio del libro è un'introduzione a tre personaggi stravaganti. Irene e Titch Bobs stanno lottando per aprire un concessionario di automobili a Bacchus Marsh, Victoria. Il loro vicino è Willie Bachhuber, un insegnante di liceo di 26 anni e un concorrente di quiz che perde entrambi i lavori. La storia è raccontata in capitoli alternati da Irene e Willie e spesso mi ci è voluto un po 'di tempo per capire di quale si stesse parlando. I tre decidono di partecipare alla prova Redex, una gara su strada di 18 giorni. "Duecento pazzi che circumnavigano il continente australiano, a più di diecimila miglia su strade di terra battuta così sconnesse che potrebbero rompere il telaio a metà."

Intervallati dai dettagli del Redex, che è una razza piuttosto noiosa, otteniamo informazioni casuali sulla vita di Willie and the Bobs (o, come Willie a volte li chiama, i Bobbseys), il fratello nazista di Willie, i quiz e la storia di Australia. La parte più interessante del libro per me è l'ultima parte dedicata al periodo dopo che Willie ha lasciato la gara. A malincuore ottiene un'altra posizione di insegnamento educando i figli dei lavoratori aborigeni. "Mi pagavano venti sterline alla settimana per cancellare il passato, modernizzare i neri, renderli il più bianchi possibile nella speranza che sarebbero cresciuti come scorte di bestiame, lubra e punk wallah." Si scopre che Willie è colui che ottiene l'educazione. Il dialetto usato occasionalmente in questa parte del libro era troppo lavoro per me da seguire. "Hanno combattuto i Whitefellah. Hanno avuto una lancia e i Whitefellah hanno avuto un fucile. Se il Whitefellah è stato tirato fuori non ha avuto un colpo di pistola, non ha potuto radunare, uccidendo tutto il popolo. Non gli hanno mai dato il via libera." Questa era la prima volta che leggevo questo autore e speravo di apprezzare il libro più di me.

Ho ricevuto una copia gratuita di questo libro dall'editore.
data di revisione 04/21/2020
Guinevere Shrawder

Set in the early 1950s in Bacchus Marsh, Victoria, the main characters are Irene and Titch Bobs, a happily married couple who want to be Ford dealers and set up their own car yard but Holden has recently emerged and is challenging Ford for supremacy. Irene and Titch decide to go on the Redex trial, a type of car rally that circumnavigated Australia and was quite popular at that time. Their neighbour Willie Bachhuber, a handsome schoolteacher who fancies Irene, ends up with them on the Redex trial as their navigator.

C'è sicuramente un elemento autobiografico nel libro mentre Carey è cresciuto a Bacchus Marsh e i suoi genitori gestivano una concessionaria della General Motors Holden. Carey si avventura anche in storie e personaggi indigeni per la prima volta nella sua carriera di scrittore. Nel processo Redex viene scoperto un sito di massacro e il cranio di un bambino viene portato in una stazione di polizia dove il poliziotto locale lo etichetta "Sopra il cranio infantile trovato vicino a xxx". Di recente ho letto un'intervista a Carey in cui gli è stato chiesto perché avesse deciso che dopo 14 libri era giunto il momento di esplorare la cultura aborigena e la riscrittura della storia australiana da parte dell'uomo bianco. Carey disse che era a una conferenza degli scrittori a metà degli anni '1980 in cui l'attivista indigeno Gary Foley disse di aver capito che gli scrittori bianchi volevano aiutare, ma "abbiamo abbastanza merda da affrontare". Carey aveva sempre pensato che Foley avesse ragione, ma ... "D'altra parte, non puoi essere uno scrittore australiano bianco e passare tutta la vita ignorando l'aspetto più grande e più importante della nostra storia, e cioè che noi ... sono stati i beneficiari di un genocidio ... non posso passare la vita a non scriverne, e se mi prendo un cazzo da solo, bene lo farò, ma almeno ci proverò ”.

Ci sono un paio di acclamati autori australiani in cui ho difficoltà ad entrare e Peter Carey è uno di questi. È molto, molto tempo che non leggo Oscar e Lucinda e Illywhacker e volevo provare un altro dei suoi libri per vedere se la mia prospettiva sarebbe cambiata, ma non è stato così. Per cominciare, ci vogliono secoli, circa 150 pagine, prima di arrivare alla carne della storia. Inoltre, simile ai miei pensieri su altri suoi libri, per tutti i lampi di scrittura brillante e spiritosa, penso solo che Carey cerchi di essere un po 'troppo intelligente, carino, eccentrico, chiamalo come vuoi e le tangenti che spesso fa sminuisce lo sviluppo del personaggio e mi rende difficile interagire con le persone e la storia. Lo ammiro per aver affrontato il "grosso problema" australiano e gli ho dato 3 stelle.
data di revisione 04/21/2020
Maris Butaud

9 ° libro per il 2018.

Il Commonwealth of Australia è stato fondato sotto il concetto di Terra Nullius. La terra vuota. Nessuna terra fu presa perché non esistevano proprietari prima dell'arrivo dei primi coloni bianchi. Questa era ovviamente una finzione, ma fu abbattuta solo dal caso della Corte Suprema di Eddie Mabo negli anni '1980, quando l'Australia riconobbe infine il precedente insediamento nero del continente (la tomba di Mabo fu successivamente profanata da bianchi arrabbiati).

Non avevo quasi conoscenza della storia aborigena che cresceva a Melbourne negli anni '1970. Quando gli aborigeni apparvero, vennero presentati come stranieri esotici nella cultura australiana - il misterioso boscimano che poteva rintracciare qualsiasi cosa, in grado di cacciare con un boomerang, mangiare cibi esotici, goanna, larve streghe, emu - o come pigri ubriachi sporchi senza speranza mai essere in grado di adattarsi alla società civile.

L'insediamento australiano è praticamente iniziato con la corsa all'oro negli anni 1850, o se sei stato fortunato potresti rintracciare i tuoi antenati nell'insediamento penale originale dal 1820 o prima. I neri non hanno preso parte a questa storia. Facevano parte dello sfondo come canguri ed eucalipti.

La Melbourne in cui sono cresciuto era una vibrante città multiculturale (mia madre e mia nonna erano due di quei nuovi immigrati di Balts dopo la seconda guerra mondiale citati da Carey all'inizio del libro), ma uno quasi senza neri.

Ricordo che una volta mi sono seduto a un tavolo da cucina nei primi anni '1980, a bere birra con un gruppo di amici universitari. Kate, raccontava del suo recente viaggio nel Nord. Una volta, mentre camminava in una cittadina di campagna del nord, sola, poco prima del tramonto, all'improvviso sentì un braccio nero attorno alla spalla. Era terrorizzata. Ti sto proteggendo, disse la voce. Quei bianchi là sono cattivi. Ti faranno del male. Vieni con me. E così fu guidata da questa aborigena a bere con un gruppo di neri seduti sulla striscia di natura erbosa nel mezzo della strada principale che attraversava la città. Ora sei al sicuro, le è stato detto. Quei bianchi non ti toccheranno ora che sei stato con noi.

Più o meno nello stesso periodo un paio di amici decisero di attraversare Redfern, un sobborgo aborigeno di Sydney. Presumevano che dato che erano rimasti / verdi che tutto sarebbe andato bene. Ma all'improvviso, mentre camminavano, bottiglie vuote venivano gettate fuori dalle case tutt'intorno a loro e dovevano fare una ritirata frettolosa che correva in mezzo alla strada. Erano così bianchi che avevano pensato che essere bianchi non fosse un problema.

Da studente mi sono avvicinato al nord fino a Cairns. Mi sono ricordato di aver visitato una volta da bambino quando era ancora un villaggio di pescatori, ora era pieno di turisti - sposi in luna di miele giapponesi e viaggiatori con zaino e sacco a pelo - diretti verso la scogliera o nella foresta pluviale. Una notte stavo camminando lungo la spiaggia e, a 50 metri di distanza, vidi un gruppo di circa otto aborigeni riuniti in cerchio a bere. All'improvviso un carro della polizia apparve tutto arrestato. Ricordo la mia rabbia / vergogna osservarmi come una fragile donna anziana, che avrebbe potuto passare per l'età di mia nonna, insieme al resto che veniva messo sul pavimento di metallo sul retro per il carro di arresto. Pulire la città per i turisti.

E così continua: in uno dei miei ritorni in Australia negli anni 2000, ricordo che durante il viaggio verso il mio aeroporto discutevo con i miei genitori che insistevano sul fatto che tutti i bambini aborigeni erano in pericolo, poiché la pedofilia era radicata nella cultura aborigena.

Cito queste storie come un lungo preludio perché il libro di Carey mi ha infastidito nel modo in cui ha avvolto questa parte atroce della storia australiana in una sorta di orribile bagliore nostalgico (mentre Carey probabilmente aveva poco a che fare con la copertina, sta dicendo che mostra un'auto degli anni '1950 in tutta la sua bellezza retrò). È molto più sicuro parlare di razzismo attraverso il prisma di un tempo perduto più di sessant'anni fa, specialmente quando la maggior parte dell'azione si svolge molto lontano dai principali centri abitati di Melbourne e Sydney (i mercati degli schiavi in ​​Libia sono circa per quanto riguarda i club techno nel mio quartiere invernale di Berlino). Sarebbe stato molto interessante se avesse impostato il suo libro non nell'estremo nord negli anni '1950, ma negli anni 2000 a Melbourne o Sydney.

Anche la struttura del libro non funziona per me in quanto cerca senza successo di essere due cose molto diverse contemporaneamente: una mitica rivisitazione dell'infanzia di Carey a Bacchus Marsh in Australia negli anni '1950 (dove suo padre possedeva una concessionaria Holden) e successiva corsa Redex in tutto il paese - e la scoperta del patrimonio aborigeno di un altro uomo. Le due storie non si sono mai veramente mescolate bene e alla fine si allontanano nella loro direzione. Ho trovato l'ultimo terzo del libro il più interessante, ma il finale stesso (una forma di epilogo) mi suggerisce che Carey non sapeva dove stesse andando con la sua storia. Ci sono molti fatti interessanti qui, ma non si inseriscono in una narrazione coerente. Inoltre ho trovato i tocchi magici realistici (i bambini rapiti dalle aquile; un vecchio che appare come per magia su lunghe distanze) distratto e non ha aggiunto alla narrazione.

Un argomento molto interessante che merita un trattamento più serio.

2-stelle.
data di revisione 04/21/2020
Ettie Bormet

Of all the novels I’ve read by two-time Booker winner Peter Carey, this one is the best. I romped through it, trying fruitlessly to slow down my reading so that it would never end. Fast-paced, utterly engaging and full of trademark Carey eccentrics, A Long Way from Home is a comic novel which also reveals the slow dawning of Australia’s recognition of its real history.
A Long Way From Home è la storia di un'Australia ormai lontana. È ambientato negli anni '1950, un'era di ottimismo sfrenato e prosperità, quando c'era piena occupazione. Ci si aspettava che le donne si conformassero a un ruolo domestico e la storia nera dell'Australia era a decenni di distanza dall'essere riconosciuta. La relazione amorosa duratura dell'Australia con l'automobile stava decollando perché la gente comune poteva permettersi di acquistarne una e il marchio delle auto stava cominciando a essere collegato all'identità maschile.
Il minuscolo Titch Bobs e la sua esuberante moglie Irene sono una coppia decisa ad andare avanti. Titch è uno dei migliori venditori di auto in Australia e, per sfuggire al padre prepotente Dan, vuole fondare la propria concessionaria Ford a Bacchus Marsh, circa 60 km a nord-est di Melbourne (e anche il luogo di nascita di Peter Carey). questi sforzi vengono sabotati, Irene si fa strada verso il grande rivale della Ford Holden e, come parte dei loro sforzi per aumentare il profilo della loro attività, decidono di partecipare alla Prova di affidabilità Redex.
Gli anni '1950 furono l'era dei Redex Trials originali che affascinarono l'Australia, ma questi eventi endurance dell'Australia rotonda erano ancora discussi con rispetto anche negli anni '1970 quando stavo imparando a guidare su strade sterrate. Le prove, seguendo un percorso di circa 10,000 miglia (15,000 km) attraverso alcuni dei paesi più duri della terra, avrebbero dovuto dimostrare l'affidabilità della macchina normale quando guidata nelle peggiori condizioni che un australiano avrebbe mai potuto aspettarsi di incontrare. A quei tempi i concorrenti non erano professionisti: potevo usare il termine team di mamma e papà, tranne per il fatto che le concorrenti femminili erano rare. Erano i giorni in cui l '"auto di famiglia" era guidata da papà che consideravano l'auto solo loro, e le donne per lo più non avevano nemmeno la patente di guida.
Sebbene avessero il permesso di avere protezioni per i fari in mesh e bull bar, le auto non dovevano essere modificate e c'erano regole rigide sul tipo di riparazioni consentite. Scommetto che la rappresentazione di Carey dello skulduggery che si è svolto dietro le quinte si basa su eventi autentici ... dopo aver fatto un po 'di rally guidando me stesso (come navigatore terrorizzato) posso certamente garantire l'autenticità delle sequenze mozzafiato di Carey che si svolgono su strade dell'entroterra che a malapena meritano il nome. Non so come i conducenti siano riusciti a rimanere seduti su quel terreno inarrestabile senza cinture di sicurezza a imbracatura completa ...

Per leggere il resto della mia recensione, visitare https://anzlitlovers.com/2017/11/14/a...
data di revisione 04/21/2020
Audres Korte

A Long Way From Home, di Peter Carey sta per essere pubblicato negli Stati Uniti e per questo dico,
"Evviva, sì, è giunto il momento".

Non abbiate paura di leggere questo libro perché è stato scritto da un autore australiano e usa idiomi australiani e rivela una brutta storia australiana *. È un buon libro e vale la pena dedicare del tempo a comprenderlo.

Narrato a sua volta da Irene Bobs e Willie Buchhuber, descrive la preparazione, la gestione, i risultati e le conseguenze del Tedex, un estenuante test di resistenza automobilistica di 9700 miglia. Perché i Bob partecipano? Perché ... il marito di Irene, Titch, vuole farsi un nome per poter diventare un rivenditore di successo della GM Holden, la General Motors Car australiana. Titch impegna Irene ad aiutare a guidare e Willie a navigare.

In questa narrazione avanti e indietro, apprendiamo che Irene ama suo marito, che ha due figli, che è un'autista eccellente. Willie, la sua vicina, è un'insegnante, ha lasciato sua "moglie" per allevare da solo il figlio nero ed è un eccellente navigatore.

Secondo alcuni recensori, questo libro è una satira. In me ha suscitato sentimenti di umorismo e tristezza. Ci sono alcune cose divertenti e tristi che accadono ai partecipanti. Le personalità e le relazioni sembrano cambiare. Sconvolgente quando succede a qualcuno che hai iniziato a conoscere e ad amare.

Non volevo che questo libro finisse. Gioco di parole previsto, è stato un bel giro.


* Vorrei essere chiaro, che non intendo denigrare l'Australia per il suo maltrattamento dell'Aborigine; gli Stati Uniti hanno una storia MOLTO brutta riguardo al maltrattamento dei neri, come TUTTI sappiamo.
data di revisione 04/21/2020
Talia Haile

What we want from two-time Booker winner Peter Carey is another propulsive Australian masterpiece like “True History of the Kelly Gang.” What we get is this opaque tale of spoiled affections and disinterred racism called “A Long Way From Home.”

Non che lo sapresti dall'apertura sbarazzina del romanzo o dalla sovraccoperta. I primi capitoli, ambientati nell'Australia del dopoguerra, sembrano la messa in scena di una corsa su strada per rom-com. Uno dei due narratori del romanzo è l'irrefrenabile Irene, moglie di Titch Bobs, il più grande commesso Ford nelle zone rurali di Victoria. Irene lo adora: “Sono stato messo sulla terra per amare il tuo corpo torturato e il tuo. . . .

Per leggere il resto di questa recensione, vai a The Washington Post:
https://www.washingtonpost.com/entert...
data di revisione 04/21/2020
Wymore Carnrike

A Mad Max-less romp across the Australian continent. My busy schedule really struggled to induce this text into my life--it was hard! I left it for dead, left it as a joke, left it to do so much other stuff that did not include literature. It was EASY to LEAVE. Carey is a master at making things happen quickly, but perhaps it is the Australian way to leave us in dust clouds the entire time. Although I've even forgotten how it ends now, I do remember it is a narrative that ping-pongs (sometimes in a frenzy) between two central characters, companions in the continental race, while dealing with fathers and sons (absences of, reminisces of) and obvious racism and misogyny. It's scope is awesome; it is wholesome like, I dunno, an Australian League of the Own (minus baseball and only with one woman protagonist!)--a PG-13 film, ready to be filmed.
data di revisione 04/21/2020
Adelice Fourman

Questo libro contiene davvero due libri in uno. La prima parte è un'esplorazione della cultura bianca australiana e dei suoi motivi duraturi tra cui automobili, mascolinità e cultura yobbo. Carey interroga come coloro che non si adattano a questo potrebbero navigare nello stile di vita australiano.

Ma queste lotte percepite tra mascolinità e femminismo, così come la cultura yobbo e l'intellettualismo sono solo una parte di ogni esplorazione della cultura australiana. La storia ci dice che la cultura australiana è stata costruita sopra la sottomissione della cultura aborigena australiana. Carey va dove pochi autori australiani hanno osato andare. Alcuni probabilmente a causa della convinzione che questo aspetto dell'esperienza australiana non sia la storia bianca dell'Australia da raccontare e alcuni probabilmente perché è così lontano dalla nostra esperienza quotidiana che semplicemente non siamo in grado di scriverne. Di conseguenza, la seconda parte della storia ha un'atmosfera e un ritmo molto diversi. Tuttavia non è meno convincente per questo.

Anche se a volte l'ho trovato inspiegabile, se ho lasciato che la scrittura mi travolgesse, mi trattenessi e rimanessi in sella, ho scoperto di aver sperimentato una comprensione a un livello molto più elementare ed emotivo piuttosto che logico intellettuale. Questo è il genio di Carey; è in grado di suscitare questa reazione nel lettore. La sua capacità di evocare la sensazione dell'entroterra dalla sempre presente polvere avvolgente nell'asciutto al implacabile fango nell'umido probabilmente aveva molto a che fare con esso.

Con il senno di poi, lo stato di Willie come estraneo nella prima metà del libro ha telegrafato il suo status di centro della storia nella sua seconda metà. Il titolo del libro solleva anche domande su chi è lontano da casa, dov'è casa, di chi è casa e quanto lontano dobbiamo viaggiare per arrivarci?

Il libro è triste, avvincente e costringe il lettore a fissare direttamente il ventre della storia bianca australiana. Ci mostra anche una cultura che è sopravvissuta nonostante la sua sottomissione e attira per il lettore piccoli atti di ribellione quotidiani, oltre a suggerire grandi atti dopo la colonizzazione che sono stati in gran parte ignorati dalla cultura bianca. Credo che questo libro sarà ricordato come una delle grandi storie dell'Australia.
data di revisione 04/21/2020
Morrie Doakes

Un sondaggio avvincente e senza paura della psiche australiana degli anni '1950, quando regnò l'ottimismo del dopoguerra bianco e i segreti del cuore oscuro del paese dovevano ancora essere apertamente riconosciuti. Lo sviluppo del nucleo centrale del romanzo è magistrale: se questo non vuole farti tornare indietro e rivisitare l'intero canone di Carey, nulla lo farà.
data di revisione 04/21/2020
Clarine Moulhem

The author uses the Redex Trial, a car race around 1950s Australia, as the vehicle (excuse the pun) for several different story lines: the dissection of the marriage of Irene and ‘Titch’ Bobs; the gradual unearthing by their navigator, Willie Bachhuber, of who he really is; and an exploration of the appalling history of the treatment of the aborigines and their culture. For me, the parts involving Willie and his journey of discovery were more compelling than either the events of the race or the relationship between the Bobs. In any event, the latter rather disappears into the background as the book progresses and anyone reading it mainly for coverage of the race will be disappointed.
data di revisione 04/21/2020
Alvera Pester

Lots of good material, but the story meandered rather than being sharply focused, and I couldn’t quite believe in the main female protagonist.
data di revisione 04/21/2020
Manheim Panas

DNF @ 15%
Se stai pensando che il 15% non è abbastanza per sapere se una storia è buona o no, allora sono d'accordo. È comunque abbastanza lungo per sapere che lo stile e la consegna della storia non fanno per te.
Peter Carey ha usato qui uno stile che ricorda le letture dolorose richieste a scuola. Con punti di vista in prima persona che mescolano dialoghi, pensieri e descrizioni tutti insieme, devi davvero prestare attenzione per ottenere i dettagli succosi. Per me, in questi giorni, a meno che non sia immediatamente attratto dalla storia, non mi interessa fare il lavoro. Volevo a mala pena leggere di recente The Picture of Dorian Gray; quindi probabilmente puoi immaginare che per una pubblicazione scritta di recente non ho tolleranza per questo snobismo.

Credo che non sia più perdonabile scrivere libri (di qualsiasi tipo) che sono così lontani dal regno del 50% dei lettori. E questo viene da qualcuno che ama Il Signore degli Anelli e Jonathan Strange e Mr Norrell che sono entrambi molto intensi e leggono talenti per conto proprio, ma almeno hanno attirato la mia attenzione rapidamente. Se sei un autore mainstream e vuoi vendere libri devi davvero scrivere per il tuo pubblico; e a meno che tu non voglia il piccolo pubblico marginale dei dottorandi e il lettore snob occasionale, allora ti consiglio di non scrivere libri come questo.
Indipendentemente dal fatto che tu mi creda un wuss (lol) per non aver sfogliato più pagine o non istruito o qualsiasi altro termine dispregiativo che ti viene in mente; Sono contento di passare questo e passare a migliaia di altri libri là fuori che sono infinitamente più leggibili di questo.

Nota: ho ricevuto un eARC di questo libro dall'editore tramite NetGalley. Questa è una recensione onesta e imparziale.
data di revisione 04/21/2020
Gay Fattig

Earlier this year, in the depths of winter, I went to Dublin for a long weekend, specifically to see Peter Carey in conversation with Joseph O’Connor at the Pepper Cannister Church on Upper Mount Street. It was essentially the Irish launch of his latest novel, Una lunga strada da casa, che da allora è stato selezionato per il Miles Franklin Literary Award 2018.

È stata una serata divertente, anche se molto, molto fredda (anche con il riscaldamento acceso, la chiesa era simile a quella di un frigorifero gigante e dopo un'ora nei banchi riuscivo a malapena a sentire i miei piedi perché si erano intorpiditi dal freddo ). Ha in gran parte parlato del retroscena del romanzo, che si basa sul Redex Australia Trial, un raduno su strada risalente al 1953 che ha circumnavigato l'Australia ed era aperto a piloti professionisti e dilettanti in auto non modificate non adatte al terreno accidentato.

La famiglia di Carey gestiva un concessionario di auto Holden a Bacchus Marsh, la città di provenienza, quindi ha condiviso molte storie divertenti sulle auto e su questo particolare raduno, che ha seguito ossessivamente da ragazzo - tra gli altri argomenti, inclusa la politica , viaggiare, scrivere e perché aveva aspettato così tanto tempo per scrivere sulla storia indigena dell'Australia.

Questo romanzo - il suo 14 ° - si basa molto sulla Prova del Redex e si concentra su un trio di personaggi eccentrici che entrano nell'evento, prima che si trasformi in un'intrigante esplorazione di un diverso tipo di razza - quella dei crimini bianchi dell'Australia contro la sua popolazione indigena .

Per leggere il resto della mia recensione, visitare il sito il mio blog.
data di revisione 04/21/2020
Domeniga Bonifay

Forse 3.5. Mi sono piaciute molto alcune sezioni di questo, e lo stile di scrittura era davvero interessante - ma nel complesso l'ho trovato un po 'confuso e sfocato. Ho anche trovato il finale un po 'insoddisfacente. Quindi, molti temi fantastici, uno stile narrativo davvero interessante, ma alla fine non mi ha dato risultati soddisfacenti.
data di revisione 04/21/2020
Seadon Heydel

I knew nothing about the Redex Trial, a round-Australia competition to test out cars and gain publicity for them, until reading this book, which is set in the 1950s, but this brings it to life. This novel is so well-written it's hard to stop reading it. Told in alternate chapters by Willy, a young man who has fled his wife and child in Adelaide to become a teacher in the remote Bacchus Marsh in South Australia; and Irene Bobs, Willy's next door neighbour, wife of 'Titch' (an aspiring car salesman), and mother of two. Titch, Irene and Willy team up to take on the challenge of the Redex Trial, but there are secrets that Irene and Willy will discover along the way. Towards the end of this novel, the lighthearted antics become a lot more serious, as Willy begins a journey of self-discovery. There are some sad and horrific truths about the ingrained racism and maltreatment of the aboriginal population in Australia, which come out and haunt all the characters. Believe me, this is one of those books you will not forget.
data di revisione 04/21/2020
Addiego Mealing

Character is everything in Peter Carey's twisty new novel, "A Long Way From Home", and we are treated to some unique character types; from real jerks, to humorous caricatures, to deeply moving “real” people. This cast will stick with you for a long time.

Ambientato in Australia nel 1953 e nel '54, il romanzo è narrato con punti di vista alternati tra Irene Bobs, una moglie e una madre moderne, e il suo vicino quiz, la vicina di casa, Willie Bachhuber, che ha molti segreti - alcuni dei quali non si rende nemmeno conto. Irene ama molto il marito Titch e, come squadra, si sforzano di aprire un concessionario di automobili e guidare la famosa Redex Trial, una vera e propria gara in Australia con il suo terreno spesso aspro (specialmente nel 1954). Irene non è particolarmente brava con una mappa, ma Titch scopre che Willie lo è e lo firma rapidamente come navigatore.

A questo punto sembriamo avere una storia da amico in viaggio; La folle avventura di Irene, Titch e Willie e le avventure da brivido durante la prova di Redex? Non così in fretta, la narrazione di Irene è costellata di terribili prefigurazioni del disastro. Il matrimonio di Irene e Titch resisterà allo stress del Redex unito a segreti coniugali? In che modo la conoscenza storica di Willie delle terre che attraversano influenzerà la squadra?

Il più interessante è il modo in cui il romanzo si sposta nella storia dell'atroce trattamento australiano degli aborigeni da parte degli immigrati bianchi, portando con sé profonde questioni di identità. Questo non è uno sguardo frivolo su una gara su strada. Che Carey sia in grado di raccontare questa particolare storia con una tale dose di umorismo è ciò che lo rende uno scrittore così acclamato. Questa storia sarebbe un film fantastico e bellissimo. La mia unica critica è con l'ultima parte del romanzo in cui Carey si concentra su Willie e Irene diventa una specie di nota a piè di pagina e il finale sembra affrettato ... quasi come uno sprint finale verso un traguardo.
data di revisione 04/21/2020
Vetter Wurgler

Un libro che catturò l'Australia a metà del XX secolo in un momento in cui l'entroterra era remoto, l'Australia stava sviluppando la sua ossessione per le automobili, il patriarcato stava iniziando a essere testato e, soprattutto, si sentiva il pieno impatto della generazione rubata . Carey intreccia tutti questi temi meticolosamente in una trama che è allo stesso tempo divertente e sensibile.
data di revisione 04/21/2020
Elon Splinter

Having lived through everything mentioned in this book, I think I can say that the content is written with hindsight and doesn't reflect the true blue feelings of the time. In fact, in places they were much worse than portrayed. In other areas, events were played up and I consider this story a work of fiction written with an audience in mind rather than Australian social history. Of course, we've come to expect a good old yarn from Mr Carey and that's what he's given us, although not as good as his previous novels.
data di revisione 04/21/2020
Burra Nekki


Devo dire che questo libro mi ha sorpreso, non mi aspettavo di godermelo, comunque, mi è piaciuto molto. La storia e la cultura aborigena, The Redex Trial Car Race, i personaggi stravaganti e le ambientazioni degli anni '1950 mi hanno tenuto impegnato dall'inizio alla fine. Un romanzo profondo e complesso scritto magnificamente.

* Libro n. 3 della sfida australiana per l'autore maschile del 2019
data di revisione 04/21/2020
Barret Wentzlaff

This is a character-driven novel which takes place in the 1950s Australian small-town life. I felt very engaged by the characters. They were an interesting motley group of personalities, the most prominent being Willie, Irene and Titch. The premise is also interesting.The idea of following these 3 very different people whose lives collide interested me, so I finished the book, but I have to say it didn't really provide a satisfying read. I didn't know that much about Australian history and all the difficult tensions and conflicts that existed between the indigenous folks and whites, and perhaps my appreciation of the book suffered as a result. The language is also a little difficult, what with the local phraseology and lingo. Maybe I'm just too removed from Australia and its history to appreciate the language and in-depth look at the setting of the various small towns and the Aboriginal history. After a while the plot did not hold my interest at all, and I felt what happened to Willie, getting trapped in that village, was a little bizarre, not to mention what happens to him at the end. I'm also not exactly sure what happened with Irene and Titch's marriage, or if Beverly ever got her comeuppance...
data di revisione 04/21/2020
Binni Minick


Come altri scrittori australiani contemporanei come Tsiolkas e Winton, Carey non si oppone alle sue opinioni sull'eredità razzista e omicida dell'Australia. Raccoglierà le croste storiche, ma come questi scrittori, condivide anche un profondo amore per il paese e si manifesta nei dettagli del clima, del paesaggio e di tutti i meravigliosi tesori che contiene. La sua vasta conoscenza e ricerca approfondita rendono davvero vivo il testo e mostrano anche la sua simpatia e rispetto per ciò che hanno tanti aborigeni e resistono in quello che rimane uno degli angoli più spietati e intolleranti del mondo di lingua inglese.

L'umore e l'atmosfera di questo libro mi hanno fatto venire in mente l'eccezionale Facey, "A Fortunate Life" e "Last Cab To Darwin", ma conserva ancora molti dei segni distintivi di Carey, dal suo umorismo ironico ad alcuni dei colorati e ricca descrizione. Ho pensato che ci fossero delle linee adorabili qui, in particolare quelle memorabili incluse: "Abbiamo guardato le loro luci posteriori rosse con il panico segreto dei bambini abbandonati dopo il tramonto". e "Un uomo bianco a torso nudo raggomitolato come un cavalluccio marino, asciugato sulla sabbia." Ti ha davvero messo in azione.

Ci sono alcuni momenti meravigliosi in questo libro, ed è chiaro che Carey si sta godendo un periodo di forte scrittura, il suo ultimo romanzo, "Amnesia", è stato riempito con alcuni grandi pensieri politici e perspicaci. Ho trovato il finale un po 'irregolare e deludente, ma nel complesso lo standard della scrittura era alto e Carey ha un tale dono per la narrazione che consiglierei questo libro a chiunque.
data di revisione 04/21/2020
Pelag Chandpreet

Scritto magnificamente e difficile da sminuire. Una finestra sulla cultura dell'outback australiano degli anni '1950. I ribelli tranquilli non tagliano le ali delle loro galline; Junkyard Salvage è orgoglioso di fare; vinci una estenuante gara automobilistica di fondo e sarai pronto per la vita. Anche una finestra su come venivano trattati gli indigeni australiani, e quindi rilevante qui ora e ovunque sempre.

parole chiave: triangolo amoroso; gentili vicini; suocero esplosivo dall'inferno; non è strano, è il nostro brillante navigatore; il mio sedere è stato costruito per la guida ad alta velocità; diversi tipi di eroi locali
data di revisione 04/21/2020
Marcus Innes

No Peter Carey book deserves fewer than four stars! He's an incredible story-teller, and his sentences are beautiful. I would not place this among his best books, however. Surprisingly given Carey's leftist Australian politics, he had not yet included many significant Aboriginal characters, and so there is a way in which this book feels more dutiful than others -- and although it is still crazily effusive, it is (for him) a bit muted. Still, there are plenty of surprises and wonderfully colorful scenes.

Lascia una recensione per Una lunga strada da casa