Homepage > Orrore > Ciclo di Cthulhu > Lovecraftian > Il ciclo Ithaqua Recensioni

Il ciclo Ithaqua

The Ithaqua Cycle
Da Robert M. Price August Derleth, Algernon Blackwood, Brian Lumley, Joseph Payne Brennan, Pierre Comtois,
Recensioni: 6 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
1
Bene
2
Media
3
Male
0
Terribile
0
Ithaqua, il Cold Walker in the Waste, ha radici profonde nel folklore del nord ghiacciato. È Sasquatch, il Wendigo, il Wind-Walker. Qui, riuniti in un unico posto, c'è un intero ciclo di storie su Ithaqua, dal seminale di Algernon Blackwood "The Wendigo", al nuovissimo "Wrath of the Wind-Walker".

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Woo Bellafiore

Non importa quante di queste raccolte di Call of Cthulhu che leggo, ci sono sempre alcune storie che sono molto meglio di altre, il caso in ogni antologia. In questa raccolta ci sono un totale di 14 storie (più un'introduzione dell'editor e commenti dell'editor prima di ogni storia).

Nel complesso, è stato un libro a posto, e di gran lunga la migliore storia dell'intera collezione è stata la prima, "The Wendigo", di Algernon Blackwood. Successivamente, i lettori delle storie del mito di Cthulhu nelle loro varie forme riconosceranno molti degli autori che hanno contribuito a questo volume, ma il lavoro di Blackwood è di gran lunga superiore.

Ecco l'elenco dei contenuti (un * indica i miei preferiti)

1. "The Wendigo", di Algernon Blackwood *
Una squadra di cacciatori che tracciano le alci nel deserto canadese decide che forse avrebbero più fortuna se si separassero. Due di loro, Defago (la guida) e Simpson (un giovane scozzese nella festa di caccia) decollano in canoa per l'altra sponda del lago. La prima notte fuori, il Wendigo rende noto il suo aspetto e lascia dietro di sé l'orrore. Storia eccellente; forse domare dopo ciò che è stato scritto per l'orrore in questi giorni, ma ho pensato che fosse fantastico.

2. "The Thing from Outside", di George Allen England *
Originariamente apparso su una rivista nel 1923, ha ancora un buon potenziale di scorrimento oggi. Un piccolo gruppo di persone che si stanno dirigendo a sud per lasciare la baia di Hudson prima che inizi il rigido inverno hanno il loro incontro con il male sotto forma di "una cosa dall'esterno". Si trovano in una corsa per la sopravvivenza e il loro buonsenso. Buona.

3. "La cosa che camminava sul vento", di August Derleth *
Devo ammettere di averlo letto prima, ma non so esattamente da dove ho così tante di queste antologie che le storie stanno iniziando a confondersi. Tuttavia, è qui che cambia il nome del Wendigo in Ithaqua e lo collega (a modo suo) al Mythos originale di HPL. Buono e inquietante.

4. "The Snow-Thing (Ithaqua)", di August Derleth - il sequel di The Thing That Walked on the Wind, e non buono come l'originale. Mi è piaciuta la storia di base (peccato che non avrebbe potuto fare una serie solo di storie di Dalhousie), ma questo porta altri personaggi del mito che non sembrano adattarsi.

5. "Oltre la soglia", di August Derleth
Va bene, questo è stato abbastanza decente, ma non nella lista delle migliori storie del libro. Un giovane di Arkham viene convocato per andare a casa di suo nonno nelle terre selvagge settentrionali del Wisconsin. Sembra che ci siano stati degli eventi strani negli ultimi tempi. Certamente, ci sono i tipici "testi malvagi che avrebbero dovuto essere bruciati ma non lo erano, così caddero nelle mani sbagliate" di routine insieme alla cosa "convocazione del potere malvagio" in corso qui. Non molto nuovo o altamente originale in questa storia particolare se in passato hai letto molto su HPL o Derleth.

6. "Born of the Winds", di Brian Lumley *
Questo mi è davvero piaciuto, ma sono di nuovo un grande fan della maggior parte del lavoro di Lumley. Un meteorologo americano sta visitando la Navissa, Manitoba per riprendersi dopo aver subito un qualche tipo di "lamento toracico". Sta a casa di un amico, il giudice Andrews. Sembra che il giudice avesse un amico scomparso qualche anno fa nelle fredde terre selvagge del nord, lungo il sentiero Olassie. La fede nel Wendigo / Wind-Walker è forte qui. Ad ogni modo, il meteorologo ascolta una conversazione tra la vedova di Bridgeman e il giudice, e si scopre che ora il figlio della signora Bridgeman è scomparso lungo la pista di Olassie, e lei mira a riportarlo indietro. Il meteorologo si offre volontario dopo aver letto alcuni dei lavori di Bridgeman sull'antropologia e gli strani culti del nord. Poco sanno nessuno dei due cosa c'è in serbo per loro ...
Una storia molto bella; uno dei migliori della collezione.

7. "Spawn of the North", di George C. Diezel II e Gordon Linzner *
Uno sguardo diverso alla leggenda di Wendigo / Wind-Walker / Ithaqua, ambientata nei giorni passati. Nell'estremo nord dello Yukon si trova la Consolidated Mine, i cui operai si ritrovano nel loro tempo libero nel Lucky Nugget Saloon. Un nuovo ragazzo arriva in città e inizia ad attirare l'attenzione su di sé raccontando storie alte da casa sua, in Texas. Sembra che tutto ciò che ha il Nord-Ovest, beh, sia più grande in Texas. Mentre si vanta di alcune "potenti creature preoccupanti", uno dei patroni, il vecchio Jac, inizia in semi-trance. Comincia a parlare del Wendigo e mostra al nuovo ragazzo il segno lasciatogli dalla creatura circa cinquant'anni prima. Inutile dire che questa è una delle case dei Wendigo e nessuno è al sicuro, nemmeno un texano che parla duro. Mi è piaciuto questo; è un approccio gradevole e diverso alla storia.

8. "Vengono solo di notte", di Randy Meloff - Pensa Wendigo = Yeti e sposta la scena sull'Himalaya, aggiungi un po 'di Ia! Ia! Ithaqua e hai la foto.

9. "Passi nel cielo", di Pierre Comtois * Anche questo era un reinsediamento della leggenda Ithaqua / Wendigo / Wind-Walker, questa volta nelle foreste dell'estremo nord della Russia durante il periodo della guerra civile russa subito dopo il I bolscevichi avevano preso il potere. Un giornalista americano si unisce a un'unità che lotta contro i rossi e ottiene molto più di quanto si aspettasse. Ben scritto, pieno di suspense e tutto intorno a una bella storia.

10. "Jendick's Swamp" di Joseph Payne Brennan
Uno scrittore e un agente vanno a visitare una casa abbandonata e sgangherata che si trova nel mezzo di una palude dopo che un visitatore di New York che stava facendo la caccia si perse e poi si imbatté nella vecchia casa da cui giurò che due occhi lo stavano fissando . decollò in fretta, ma si destò la curiosità del poliziotto. Si scopre che la famiglia che aveva posseduto la casa era un fornitore di sacrifici per Ithaqua - ma presumibilmente erano tutti morti. Quindi, naturalmente, vanno a cercare il posto; bene, non rovinerò il resto. Questo mi è piaciuto.

11. "The Wind Has Teeth", di G. Warlock Vance e Scott H. Urban *

Quando i precursori del progresso moderno vogliono impadronirsi di un sito sacro e costruire condomini, potrebbe essere il momento che la natura reagisca. Detto in un modo non così ordinato, questa era una bella storia; un po 'più moderno degli altri in questa collezione.

12. "Stalker of the Wild Wind", di Stephen Mark Rainey * Una storia molto eccellente che inizia molto normalmente, e proprio quando ti stai chiedendo cosa potrebbe venire da questo, o perché questa storia è in questo libro, l'anormale ti raggiunge e ti aggancia. La storia è raccontata in tempi moderni, guardando indietro alla prima guerra mondiale, da un pilota di un aereo tedesco, e racconta di un combattimento di cani che una volta ha avuto in che ha cambiato la sua vita per sempre. Molto ben detto e anche inquietante.

13. "Il paese del vento", di Pierre Comtois - Sulle colline del Vermont, un giovane cacciatore si imbatte in una città completamente deserta e fin troppo tardi scopre perché è così. Buona.

14. "Wrath of the Wind-Walker", di James Ambuehl * - Un giornalista ha ricevuto l'incarico di intervistare un professore solitario che ha improvvisamente deciso di parlare e divulgare un segreto su una spedizione iniziata in Cambogia durante il periodo della Khmer rosso. La sua missione: cercare un culto misterioso che adorava un dio di neve e ghiaccio di cui si parlava nei misteriosi frammenti di Eltdown. Quello che trovano e le sue conseguenze è letteralmente agghiacciante. Bella storia - molto inquietante.

Nel complesso, una lettura molto divertente, con molti autori familiari e un ottimo lavoro. Consigliato a coloro che sono interessati al mito lovecraftiano (anche se qui non c'è nulla di HPL). Avrei sicuramente iniziato con alcuni Lovecraft di base prima di entrare in queste antologie.
data di revisione 04/21/2020
Gahan Zaccagnino

Ancora un'altra grande antologia nella serie Chaosium's Cycle di Robert M Price!

Questo libro mi ha dato un'introduzione al mio primo racconto dello stimato Algernon Blackwood, Il Wendigo . Posso capire perché ha la reputazione che ha - fa un ottimo lavoro nel dare alla Natura (con una N maiuscola) un senso di alterità e bellezza, ma anche inquietante come luogo in cui l'uomo non appartiene interamente. Mi sono divertito moltissimo con questo fino alla fine - non era il più grande fan del finale, ma tutto il resto è stato di prim'ordine.

Naturalmente, sono incluse anche le storie di Derleth che sono state l'origine di questa particolare divinità Mythos. La lettura di questi dopo aver letto la storia di Lumha su Ithaqua lascia che questi sembrino una pallida imitazione, anche se questi sono gli originali. Buono per l'interesse storico, e quelli come me che vogliono leggere tutta l'uscita Mythos di Derleth.

Parlando di Lumley, è incredibile Nato dai venti è stato anche descritto qui, e non soffre di un brutto finale Il Wendigo lo fa. Storia di prim'ordine, e credo che Lumley non abbia abbastanza elogi per alcuni dei suoi fantastici romanzi di Mythos.

Ora per alcune delle successive storie di Mythos. "Spawn of the North" è uno che rimarrà con me, in parte solo per il legame / amicizia maschile in esso. Non è qualcosa che vedo molto spesso nella fiction / media. "Jendick's Swamp" non era uno dei miei preferiti o altro, ma il disgusto che è riuscito a evocare in me è qualcosa di cui congratularmi per una storia dell'orrore, suppongo.

Mi è piaciuta particolarmente anche "Stalker of the Wild Wind", che mi ha dato le sfumature dell'incidente di Charlie Brown e Franz Stigler della seconda guerra mondiale - solo con un dio titanico dei venti del nord. Non sono sicuro se questo è ciò che l'autore aveva in mente, ma è quello che ne ho ricavato. Racconto Mythos unico dei piloti di caccia della prima guerra mondiale.

Sono rimasto impressionato dal modo in cui gli autori successivi sono riusciti a variare i luoghi e le situazioni delle loro storie su Ithaqua. Sì, sai che finirà con un povero bastardo che si congela come un ghiacciolo. Ma diamine, un paio di storie si svolgono in una palude e una giungla! Quindi avere delle cose fuori dal circolo polare artico è stata una sorpresa.

Il mio apprezzamento per questa antologia è stato probabilmente migliorato leggendo una storia o due ogni volta che la mia zona ha avuto un tempo nevoso. Quindi le cose sono state adeguatamente distribuite in modo da non diventare troppo ripetitive o stantie, che potrei vedere essere un problema valido se le leggo insieme. Questo è qualcosa che potrebbe potenzialmente essere un problema per una serie di antologie a tema di Chaosium, se il tema non è abbastanza ampio.

Un buon libro con cui rannicchiarsi di notte su una sedia accogliente mentre fa tremare la neve!
data di revisione 04/21/2020
Tonina Vipulander

Un po 'di miscuglio. Alcune storie eccellenti e alcune storie belle ma non grandi. Una lettura divertente, ma può diventare un po '"uguale" se leggi tutto in una volta sola.
data di revisione 04/21/2020
Wynny Altobell


Una delle chiavi minori della serie di raccolta in gran parte eccellente di Chaosium su vari aspetti del Cthulhu Mythos, concentrandosi come il suo titolo suggerirebbe Ithaqua, il camminatore del vento, un'entità che non ha origine con Lovecraft ma con August Derleth attraverso Algernon Blackwood, e ampliata su via Lumley e Comptois et al. in racconti fortien. Questo è un mito che è la cosa affamata nata dal vento e dai cieli freddi che scrivono in grande, e come predatore elementale / viaggiatore oscuro piuttosto che indifferenza cosmica o intelligenza maligna troppo aliena per capire, e come tale soggetto che si dirige verso il folklore settentrionale più tradizionale- as-horror del trope lovcraftian al suo interno.

Come per molte di queste raccolte raccolte per tema sovrapposto, il tuo millage qui può variare, così come per me la qualità dei racconti in questo, dal solido eccellente di cui ce ne sono diversi (con "Il Paese del Vento" di Pierre Comtois lo standout per me), alle storie che hanno creato l'idea del Walker in the Wastes per cominciare con le quali sono almeno interessanti (anche se la prosa di Blackwood, lo confesso, non ha mai colpito stilisticamente con me), a metà del i pasticcini da strada della vecchia guardia e un paio di veri e propri clangers, che per me non avrebbero dovuto fare il taglio e purtroppo mi hanno disertato abbastanza da rimandarmi a finire per un po 'quando li ho colpiti (e sono l'unica ragione per cui non l'ho fatto vota questa una stella più in alto!)
data di revisione 04/21/2020
Sierra Reigle

Per una serie di ragioni, Ithaqua è (imho) una figura soprannaturale secondaria nel mito di Lovecraft. Il motivo principale è che è stato creato da August Derleth, che era spesso un migliore amico e campione di HPL di uno scrittore. Di conseguenza, l'editore Price aveva ben poco da scegliere quando inventava i contenuti di questa antologia oltre alla fan fiction, che ovviamente è guastata da una grande varianza nella qualità e nell'innovazione. Tuttavia, Price si comporta bene con i materiali limitati con cui deve lavorare (come al solito). Il racconto di Algernon Blackwood "The Wendigo" è abbastanza buono, ed è interessante valutare la tradizione letteraria di Ithaqua alla luce delle sue origini in quella storia. Tuttavia, dei tre racconti fondamentali di Derleth ristampati qui, vale la pena leggere solo "Beyond the Threshold" (e questa è una raccomandazione qualificata), e molte delle storie che seguirono l'esempio di Derleth soffrono di una mancanza di immaginazione: di solito comportano una rivisitazione dello stesso storia di base ancora e ancora negli anni '1980. Per fortuna, gli scrittori successivi hanno iniziato a sperimentare le idee in questione, quindi questo libro migliora notevolmente nelle ultime 75 pagine circa. In particolare, la rielaborazione della prima guerra mondiale di Stephen Rainey sul mito di Wendigo è molto ben fatta: innovativa, interessante e mostrando più di un debito nei confronti di Lovecraft che di Derleth. Anche la storia di James Ambuehl su un culto di Ithaqua nell'era di Khamp Rouge a Kampuchea è abbastanza ben fatta.
data di revisione 04/21/2020
Bambie Taraschke

Questo merita davvero un 3.5, ma il sistema di valutazione non consente stelle frazionarie.

Come tutti i libri della serie Chaosium The Ithaqua Cycle soffre di alcune irregolarità nella qualità della trama. I più importanti come voci deboli sono quelli di August Derleth (che, secondo me, dovrebbero essere entrambi lodati per aver salvato le opere di Lovecraft dall'assoluta oscurità e dannati per aver fatto un tale hash del "mito").

Queste stesse voci deboli sono anche raccolte nella raccolta delle opere lovecraftiane di Derleth "The Cthulhu Mythos" https://www.goodreads.com/book/show/7...

L'altra debolezza di cui soffre la serie è l'incapacità del redattore di NON spiegare in modo eccessivo il lead-in / background per ogni singola voce. Se ti piacciono le sorprese, dovresti leggere queste DOPO ogni storia come un post scriptum piuttosto che come prefazione.

Alla fine, questa collezione vale sicuramente i soldi per i fan dei Greater Mythos e per i completisti, ma probabilmente il fan occasionale sarà meglio servito attenendosi alle opere di Lovecraft.

Lascia una recensione per Il ciclo Ithaqua