Homepage > bambini > PictureBooks > Classics > The Giving Tree Recensioni

The Giving Tree

Da Shel Silverstein
Recensioni: 29 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
13
Bene
3
Media
2
Male
2
Terribile
9
"Una volta c'era un albero ... e lei amava un bambino." Così inizia una storia di percezione indimenticabile, magnificamente scritta e illustrata dal talentuoso e versatile Shel Silverstein. Ogni giorno il ragazzo veniva all'albero per mangiare le sue mele , dondola dai suoi rami o scivola giù dal suo tronco ... e l'albero era felice. Ma quando il ragazzo è cresciuto ha iniziato a desiderare di più dal

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Gentry Gugliotta

HEY, KIDS E SHEL FAN SILVERSTEIN! VIENI QUI E LEGGI QUESTO!

Ok, questa merda fottuta, proprio qui. The Giving Tree è la storia stravagante di come questo piccolo egoista coglione dalla faccia da culo lo prende a calci con questo albero santo e pieno. Sempre bene per un po ', tutti voi, con il piccolo cazzo tutto lassù dentro e un detto all'albero, "Sì, lo sai mah cagna", ma poi all'improvviso, questo balzo saltellante attraversa la pubertà, porta la sua chia o qualche altra merda, e così se ne va a farsi fottere le puttane sul blocco per tutto il dannato giorno e non può risparmiare un fottuto minuto per questo povero vecchio albero che aspetta 'per lui e che sembra tutto fottuto, triste e cadente e merda. Quindi questa piccola cagna da punk arriva sull'albero - questo è un fottuto albero, senti? - e chiedile a lei ['perché è una signora sexy culo] per qualche g. Bene, l'albero è tutto, tipo, "Non ho soldi, cagna. Che parte di me dice ATM su di esso? Mmm-hmmm. Pensavo di sì ..." E avrebbe dovuto resistere, ma ... - no - questo albero diventa fottutamente benevolo ed è come, "Beh, ho delle mele pazze che puoi andare in giro per le strade." Quindi questo stronzo dalla faccia da culo, come, aumenta tutte queste maledette mele e 'lascia questo albero con, come, la sua trama tutta una merda. Quindi dopo, dopo aver lavorato per le strade con il suo equipaggio, il ragazzino cagna ritorna, sembra più vecchio e sollevato e chiede all'albero fottuto una culla. Quindi l'albero dice "Hol 'up. Hai persino visto Coldwell Banker tutto su e quaggiù? Penso di no." Ma poi, essendo tutti gentilmente una merda, l'albero è tipo "Ma ho dei rami pazzi ..." E cosa? Fottuta mamma lo riprende di nuovo per questo sciocco. Più tardi, un'altra dannata volta, la puttana del culo tornerà, sembrando tutta vecchia e un po 'flaccida e storta ora, e gli piace: "Puttana, cosa hai preso per me adesso?" "Awww, diavolo," dice l'albero, ma poi lei inizia a diventare di nuovo morbida e di merda e dire: "Perché non mi tagli il baule o un po 'di merda e vai a testa e frullando uno yacht stremato? , in pieno stile Hamptons? " Lui, tipo "Sì, l'ho pensato anch'io, cagna." E poi - indovina un po 'cosa? - un piccolo mack avvizzito e avvizzito ritorna con il culo tutto emorroidato e un po 'di merda. Sembra sporco e vecchio. L'albero è tipo "So che non vieni a prendermi. Tutto quello che ho è un moncone fottuto, fottuto fottuto in culo. Come tornerai da me in quel modo?" Questa cagna da coglione è tutta sbavata e sollevata e vuole solo sedersi. Che cosa fa l'albero fottuto? Dice: "Inferno no! Fottuto stronzo, fottiti faccia a faccia in culo o qui per te ti ho tagliato bene: ti do un fungo pazzo di albero pazzo, figlio di puttana!" La fottuta fine, figli di puttana.

Va bene, quindi non è proprio così The Giving Tree finisce, ma forse è come dovrebbe. Qualche tempo fa mi ha dato la mia ex fidanzata e, in seguito, amico di lunga data The Giving Tree come parte del mio regalo di compleanno. L'ho adorato, ma l'ho anche odiato, perché mi sentivo così male per l'albero che è continuamente sconvolto da questo inutile "Ragazzo" - come è sempre noto, indipendentemente dall'età; Desideravo consolare l'albero e, forse un po ', condannare questo libro come un altro intrattenimento "per bambini" spaventoso dal punto di vista emotivo alla maniera di Zanna Gialla. Non farmi fregare sull'apprendimento di lezioni preziose. L'unica lezione che ho imparato è che gli esseri umani non sono altro che pile fumanti di feci lentigginose e che volevo trovare un rifugio senza scopo di lucro per alberi non amati e cani rabbiosi e qualsiasi altra cosa non umana, viva o no, che era indesiderato o disprezzato.

Detto questo - e anche se non approvo il trattamento dell'albero di donazione - questo libro è molto commovente e molto delicato. La delicatezza è in qualche modo contrastata quando il lettore gira il libro e vede l'autore fotografare un Shel Silverstein dall'aspetto assolutamente malvagio. Sembra il tipo di persona che brucerebbe intere foreste di alberi rari dando solo per calci. Picture Otello appena prima strangola Desdemona.

Se tu - e, sì, ti sto parlando personalmente - non sei commosso dalla difficile situazione dell'albero dopo aver letto questo libro, allora forse è il momento di fare un "controllo di te stesso: sei l'albero che ti dà o sei il figlio di puttana Takin' albero? O sei un furtivo nel mezzo della notte e un albero che ruba tutta la mia merda?
data di revisione 04/21/2020
Bernardo Heglund

Di recente ho letto questo libro al mio bambino.

Non è la prima volta che lo leggo. Probabilmente non è nemmeno la decima volta. Ma è la prima volta che leggo il libro in un decennio e, dato il fatto che la mia memoria è come una grattugia, mi piace pensare di aver avuto un'esperienza abbastanza fresca.

Il risultato è questo: onestamente non so cosa provo per questo libro.

Anche se non hai letto la storia, probabilmente ne conosci l'essenza. Un albero ama un ragazzo e regala pezzi di se stesso al ragazzo per renderlo felice.

Da un lato, questa storia può essere considerata un'esortazione aperta e onesta verso l'amore disinteressato in stile Agape. Amore che non chiede nulla. Amore che dà tutto.

D'altra parte, questa storia può essere letta come un'orribile condanna per una co-dipendenza disfunzionale non corrisposta.

Dopo aver letto il libro, onestamente non so quale sia.

Da un lato, prendere questo libro al valore nominale è probabilmente un gioco da pazzi. Silverstein era un bastardo sarcastico contorto. Ha scritto testi per il Dr. Hook. (In particolare "Freaking at the Freaker's Ball".) E di nuovo nella mia giovinezza, ho scoperto una sua poesia in uno dei Playboys di mio padre. Si chiamava "The Great Pot Smoke-Off".

Il punto è che il tizio faceva parte della controcultura. Era pieno di beffe e meta. E come tale, sembra strano che scriva qualcosa che sembra un'ovvia approvazione del disinteresse simile a Cristo ... e poi è stato tutto qui.

D'altra parte, quando Silverstein si stava divertendo con te, di solito non andava in giro. Una delle sue prime pubblicazioni fu "Il libro ABZ di zio Shelby". Che * sembra * come un libro per bambini, ma chiaramente non è:

Ecco un pezzo dalla pagina su Potty Training:

"Vedi il vasino
Il vasino è profondo
Il vasino ha dell'acqua sul fondo.

"Forse qualcuno cadrà nel vasino e affogherà.

"Non preoccuparti. Finché continui a bagnare i pantaloni, non affogherai mai nel vasino."

Qui non c'è molta ambiguità. La sua lingua è abbastanza chiaramente nella sua guancia.

Ma quando leggo The Giving Tree, non vedo l'autore che mi fa l'occhiolino da dietro le quinte. La storia * sembra * essere semplice.

Ma ecco la cosa, anche se la storia * è * semplice, non so come mi sento al riguardo. Il ragazzo è egoista nella storia? Assolutamente. È un po 'di merda. Eppure non ottiene un po 'di rabbia. Lo vogliamo un po ', ma non è quello che succede. Il ragazzo non sembra imparare una lezione. E nemmeno l'albero.

Ciò sembra implicare che qui non c'è lezione da imparare.

Cerchiamo di essere chiari. L'albero è * felice * alla fine del libro. Non c'è ambiguità a riguardo. È del tutto possibile che l'albero abbia agito nel suo miglior interesse. È del tutto possibile che l'albero, se perdonerai l'espressione, agirà secondo il Lethani.

Anche dopo averci pensato un paio di giorni, non so ancora cosa provo. Questa è una rarità per me.

Per questo motivo, sto dando queste cinque stelle. Se scrivi un libro che mi lascia fare domande. Se scrivi un libro su cui le persone possono avere legittimi disaccordi. Se scrivi un libro su cui le persone possono ancora litigare dopo cinquant'anni ... è chiaramente un libro a cinque stelle.
data di revisione 04/21/2020
Kadner Kangas

So che molte persone hanno un amore sentimentale per questo libro e lo rispetto - non puoi razionalizzare la connessione emotiva. E generalmente mi piace questo autore. Ma con questo libro, poiché non ha ispirato una vera risposta emotiva in me, mi rimane solo la prospettiva razionale, che in me era questa:

Questo libro mi preoccupa profondamente, perché racchiude il martirio autodistruttivo e autocommiserante come il modello dell'amore per gli altri. E penso che ci sia già troppo di questo nella nostra società. Questo libro sembra dire che se ami davvero qualcun altro, ti danneggerai, ti paralizzerai, abbatterai i tuoi confini, ti distruggerai per loro. Inoltre, implica che coloro che sono amati per natura devono usare e divorare coloro che li amano. Un modello incredibilmente malsano per l'amore e le relazioni, in particolare per il libro di un bambino.

Sono un genitore di due figli e sebbene molti genitori abbiano offerto questo libro come rappresentante della vera natura dell'amore dei genitori, non posso essere d'accordo. Se dovessi crescere i miei figli in questo modo, sento che insegnerei loro solo a prendere egoisticamente da coloro che li amano, ad usare le persone e aspettarsi sempre di più - e dall'altro lato, insegnerei loro che se amano qualcuno, quindi devono dare se stessi fino a quando non fa male, devono vivere senza confini di alcun tipo.

Invece di crescere i miei figli in questo modo, sento che è importante insegnare loro a rispettare coloro che li amano e si prendono cura di loro, a non prendere così tanto dagli altri da danneggiare; Sento che è importante insegnare loro che anche nell'amore tutti dobbiamo mantenere i nostri confini, la nostra integrità. Sento che i miei figli, e tutti i bambini davvero, capiscono che l'amore vero e sano non richiede la distruzione o la diminuzione di chiunque vi sia coinvolto, che in realtà l'amore vero e sano alla fine guarisce e costruisce coloro che vi partecipano.

Suppongo che questo libro possa essere stato inteso come un anti-lezione, un esempio di come NON comportarsi - ma in tal caso, non è stato chiarito che fosse così, perché la maggior parte delle persone che leggono questo libro sembrano prendere come esempio ideale di amore.

Certamente è possibile non prenderlo così sul serio; ma quando il messaggio e la filosofia sottostanti sono così concentrati e pesanti, è difficile evitare di assaggiarlo in ogni passaggio.

Mi ricorda quell'altro amato libro d'infanzia sull'amore, in cui la madre del giovane ragazzo è così ossessiva nel coccolarlo e nel nasconderlo di notte che, anche quando diventa sempre più grande, lei lo segue, si intrufola nel dormitorio del college, si intrufola nella sua casa da adulto, lo prende dal letto con la moglie ancora addormentata e lo rassicura (se stessa?) che "sarà sempre il mio bambino". *brivido*

Nel complesso: dolce, ma al punto da essere stucchevole, e un messaggio inquietante. = /
data di revisione 04/21/2020
Windsor Fessler

Scorrendo verso il basso, sembra che diversi recensori si siano risentiti del messaggio apparentemente pesante di questo libro sull'egoismo / altruismo. Capisco perfettamente perché lo trovano sconvolgente o sdolcinato. Prepotente, anche. Ma non sono d'accordo.

Sono state avanzate alcune affascinanti teorie L'albero del dare. È ingannevolmente semplice sulla sua superficie, sì. Ma se questa fosse davvero solo una storia di moralità hippy dura e veloce, i suoi due personaggi principali (albero naturale vivente, ragazzo umano in crescita) e la loro relazione avrebbero resistito a un'interpretazione così ampia nel corso degli anni?

Il professor Timothy Jackson della Stanford University (trovato su Wiki):

È una storia triste? Bene, è triste allo stesso modo in cui la vita è triste. Siamo tutti bisognosi e, se siamo fortunati e buoni, invecchiamo usando gli altri e abituandoci ... La nostra finitudine non è qualcosa di cui pentirsi o disprezzare; è ciò che rende possibile dare (e ricevere). Più dai la colpa al ragazzo, più devi criticare l'esistenza umana. Più dai la colpa all'albero, più devi criticare l'idea stessa di genitorialità. La donazione dell'albero dovrebbe dipendere dalla gratitudine del ragazzo? Se lo fosse, se i padri e le madri aspettassero la reciprocità prima di prendersi cura dei loro piccoli, allora saremmo tutti condannati.

Una valutazione ammirevole da parte di un teologo ... anche se come una piccola arma, la mia percezione era diversa. La mia gente, scienziati umanisti secolari che mi hanno insegnato un mantra "riciclare, ridurre, riutilizzare" a circa quattro anni, mi hanno fatto conoscere The Giving Tree nello stesso periodo abbiamo iniziato a leggere The Lorax. (Un altro stupido seminale!) Forse a causa della loro influenza sul mio sviluppo iniziale, sono uscito da entrambi i libri con molte domande molto pesanti e persistenti riguardanti l'atteggiamento negligente dell'umanità nei confronti della vecchia Madre Terra.

Senza dubbio, siamo una specie che generalmente prende e prende dall'ambiente, in modo ingrato e sconsiderato. Purtroppo questa sembra essere una tendenza che continuerà fino a quando sia noi che le risorse della terra non saremo completamente esauriti. (Cioè, a meno che non possiamo in qualche modo convincere noi stessi E i nostri figli a capovolgerli.)

Hai mai notato che nel corso del racconto, il ragazzino "vuole" solo cose dall'albero? Solo alla fine della sua vita "ha davvero" bisogno di qualcosa da lei ... un posto dove riposare per un momento, per essere in pace.

Anyhoo. Gli aspetti del comportamento umano che mi sono stati presentati in questo libro continuano a sussultare e ossessionarmi nell'età adulta. Rileggerlo ora non fa che rafforzare il mio desiderio permanente di restituire qualcosa alla nostra stanca ma bellissima madre terra, che sembra non avere altra scelta se non quella di sottomettersi alla nostra presa infinita.

La favola di Silverstein è empatica e aperta. Fondamentalmente, riflette l'incapacità miope, spesso per tutta la vita, di distinguere il bisogno dal bisogno, ma non ci maledice per questo.
data di revisione 04/21/2020
Ambie Blanzy

Sì, il ragazzo è un bastardo egoista, che non merita l'amore e la generosità che ottiene di volta in volta. Chiunque legga questo libro da bambino è ben consapevole di questo fatto.

Tuttavia, sono scioccato nel vedere a quanti non è piaciuto. Il mio unico pensiero è che molti lettori permettano al loro odio per il ragazzo di essere confuso con l'odio per il libro. Il libro condona il comportamento del ragazzo o cerca semplicemente di raccontare una narrazione? La qualità di un libro soffre quando la qualità morale dei suoi personaggi si fa bandiera?

È compito della narrativa mettere in relazione una storia. È compito di un classico mettere in relazione una storia senza tempo, a cui possono riferirsi innumerevoli lettori di ogni età. Da dove proviene l'odio? È perché così tanti lettori hanno conosciuto persone che hanno preso e preso con un fervore così implacabile da spostare questo odio su un libro che racconta semplicemente una storia così fondamentale da non poter fare a meno di suscitare sentimenti in qualsiasi essere umano che la legge?

Silverstein, secondo me, ha raggiunto il suo apice con questo libro, così semplice, così puro e più senza tempo di qualsiasi libro a cui riesco a pensare (al momento).
data di revisione 04/21/2020
Hulbig Camarata

Si prega di visitare il nostro blog all'indirizzo www.twogalsandabook.com per vedere questa e altre recensioni!

The Giving Tree di Shel Silverstein è un must per i bambini. È una storia che può far venire le lacrime agli occhi. I bambini possono conoscere l'importanza della cura, del dare e di come dovremmo trattare gli altri.

Questo favorito essenziale e dell'infanzia rimane ancora una parte della nostra biblioteca di casa.

5 *****
data di revisione 04/21/2020
Elurd Stucki

Questa recensione è ora disponibile sul mio blog all'indirizzo https://www.skylarb.com/single-post/2...

data di revisione 04/21/2020
Liebowitz Dowless

Quindi è Natale e a mia moglie piace avere tutti noi - io e mia moglie, e i nostri gemelli di tre anni - ogni sera durante l'Avvento facciamo un evento diverso in famiglia. Mi piace questa pratica; sono piccole cose come questa a mantenere forte la nostra famiglia. L'evento di questa sera è stato la lettura di libri a tema natalizio.

Abbiamo deciso di leggere THE GIVING TREE e altri tre libri di Natale. Se avessi previsto ciò che stava per accadere, avrei omesso THE GIVING TREE dalla mia selezione.

Consentimi di ripetere detto evento:

L'ambientazione: il letto di mamma e papà.

Dopo un tortuoso periodo in cui i miei figli si lavavano i denti, si mettevano il pigiama e convinto che avrebbero dovuto portare a letto solo due animali di peluche, ho iniziato a leggere i libri. Il primo libro è andato bene. I bambini risero. Mia moglie ed io abbiamo sorriso. Il secondo libro era buono quanto il primo libro. Altre risate. Più sorrisi Poi è arrivato il momento di THE GIVING TREE. Ora ho letto tutti i libri di Shel Silverstein. Li trovo abbastanza divertenti, allegri e creativi.

THE GIVING TREE non era diverso. O almeno così pensavo. Vedi, non ho mai prestato molta attenzione alla storia. Bene, questo non è del tutto vero. Mi è sempre piaciuto il messaggio sul dare quando gli altri prendono costantemente. E il periodo natalizio è il momento perfetto per condividere questo messaggio.

Ma mio figlio, Noah, ha interpretato il libro in modo diverso.

Mentre leggevo il libro, mi sono concentrato su come il bambino diventa un uomo e perde la sua innocenza di dare, assumendo un atteggiamento più egoistico. Mio figlio ha visto il ragazzo invecchiare. Quando l'albero ha dato tutto tranne il moncone al ragazzo come uomo, ho visto questo come un generoso messaggio di carità. Noah lo vide come l'uomo che uccideva l'albero. Ma non è tutto.

Un estratto della notte:

Io: la fine. Questa è stata una bella storia.

Noah: Non mi è piaciuto.

Io perché? L'albero era molto generoso e l'uomo si rese conto che aveva solo preso e mai restituito.

Noah: (Mi fissa senza espressione come se avessi appena finito di leggerlo sul mio estratto conto.)

Io: cosa non ti è piaciuto della storia?

Noah: Il ragazzo invecchia e uccide l'albero e ora sta per morire.

Io: (interiormente: SSSSSHHHHHHHHIIIIIIIIIIITTTTTTTTTTTTTT !!!!!!!!!! L'argomento della morte.)

Io: No, tesoro. L'albero diede i suoi rami e il tronco all'uomo—

Noah: il ragazzo ha ucciso l'albero. E ora il ragazzo è vecchio e sta per morire.
Io: No, amico. L'albero è appena cambiato. E il bambino ha vissuto una lunga vita—

Noah: E ora sta per morire.

Io: (FFFFFFFFFFUUUUUUUUUUCCCCCCCCCKKKKKKKKKKKK !!!!!!!!!! Internamente, ovviamente.)

Quindi, non avendo altro modo di combattere la determinazione di mio figlio per dimostrare che l'albero era stato assassinato e che il bambino era ormai un vecchio e stava per morire presto, ho fatto quello che ogni padre dovrebbe fare in questa faccenda.

Io: chiedi alla mamma cosa pensa, amico.



data di revisione 04/21/2020
Gala Ster

L'albero del dono ti strapperà il cuore in 621 parole.

Conosciamo e amiamo tutti Shel Silverstein per le sue stravaganti poesie, ma The Giving Tree è una delle storie più tristi e piene di speranza mai raccontate. Genio puro ed assoluto, questo è.
data di revisione 04/21/2020
Tia Boutin

Relazione orribile tra un bambino egoista e non riconoscente e una madre che si sacrifica e che non ha altro scopo nella vita se non quello di regalarsi. Continuo ad aspettarmi che una pagina mancante appaia dove fa incazzare tutto il ceppo d'albero alla fine.

Penso che questo sia offensivo e spregevole.

È una lezione orribile per i bambini. Preferirei vedere più letteratura che onori e rispetti i sacrifici che i genitori fanno, piuttosto che il vero focus di questo libro: dimostrare le aspettative che ha questo buco nero di un bambino.

Sento che il sacrificio, senza un concetto di sé, dà meno peso al sacrificio.

Questo potrebbe essere riscritto con un ragazzo affamato che rosicchia avidamente gli scarti che sua madre sta tagliando dal suo corpo.
data di revisione 04/21/2020
Kimbra Cokel

Cerco di rubare libri scritti per bambini, dal momento che non sto dando albero e non sto pagando per quello che mio figlio legge. Ma questo libro, ogni volta che lo leggo (nella stessa libreria), lo riporto nel punto in cui l'ho preso, con rabbia, se posso aggiungere. Questo libro non merita di essere rubato.

Cosa mi fa arrabbiare:
Ogni volta che leggo questa storia, tutto quello che voglio fare è inserire la mia mano nella copertina del libro, catturare quel frutto che cade e vedere l'albero e portarlo a casa e fare pipistrello per mio figlio un piede che manca al mio letto (attualmente in equilibrio su mattoni) e aggiungere una tavola in più al mio letto in modo che io possa sdraiarmi un po 'di più con le gambe. Dopo essere stato completamente rilassato, allora sì, avrei mangiato quella frutta gustosa e assicurandomi che quel pezzo di merda in miniatura, carino, mai felice non ottenga nulla.
Ma parlando seriamente (questo non significa che non ero serio prima), l'albero che si è ridotto a un moncone, ha chiesto ripetutamente al ragazzo di sedersi sotto la sua ombra e giocare con lei. Ma tutto ciò che contava per quel ragazzo erano i suoi bisogni, in effetti l'albero soddisfaceva tutti i suoi bisogni dando tutto quello che aveva e non una volta che quel ragazzo le era grato.

Non credo che questa storia significhi una relazione tra genitori e figli. Questo ragazzo, tutto ciò che condivideva erano i suoi problemi, ma che dire di quei momenti in cui si godeva la vita. In realtà, ovviamente, raccontiamo i nostri problemi ai nostri genitori e alla fine ci aiutano a liberarcene. Ma sono anche quei momenti di felicità che condividiamo con loro.
La felicità diventa doppia quando condivisa (con la persona giusta).
I genitori crescono insieme al bambino a differenza dell'albero che si è ridotto per renderlo felice, ma non l'ha mai visto felice e sorridente.
Questa storia viene spesso letta dai genitori per il loro bambino, ma cosa succede se li fa sentire miserabili e colpevoli, pensando che i loro genitori sono come "l'albero che dà" e che non danno nulla in cambio. Come si può leggere questo libro per un bambino?

Ho raccontato la storia a mia madre e le ho chiesto dei suoi pensieri - Prima di tutto recita un verso in sanscrito e mi traduce come:
Un albero non mangia mai i suoi frutti e un fiume non beve mai la propria acqua.
Inoltre spiega che loro (albero, fiume e in generale natura) esistono non per se stessi ma per gli altri.
Penso a me stesso che anche noi (certamente non tutti) siamo lì per proteggerli e conservarli come segno di amore reciproco.
Mentre scrivo questa recensione a canzone gioca debolmente nella mia mente:
Sweet dreams are made of these
Who am I to disagree?
Travel the world and the seven seas
Everybody's looking for something
Some of them want to use you
Some of them want to get used by you
Some of them want to abuse you
Some of them want to be abused
Sweet dreams are made of these
Who am I to disagree? Sono completamente confuso di cosa tratta questa storia e di quale messaggio il signor Silverstein stava cercando di trasmettere ... ma quello che so per certo è che Marilyn Manson Rocks!
data di revisione 04/21/2020
Malin Buchta

"Una volta c'era un albero e lei amava un bambino."
Shel Silverstein, L'albero del dono

1

Di recente ho riletto Shel Silverstein's The Giving Tree. Era la prima volta in tanti anni che l'ho letto. Adoro questo libro ; Io ho sempre. Ma leggerlo da adulto, oltre 30 anni, questa volta è stato così diverso. Mancavano le calde sfocature delle letture precedenti. Ora, mi ha fatto sentire triste e vuoto. In questo modo, non l'ho vista come una parabola di generosità e amore, ma invece l'ho vista come una storia di egoismo, avidità e distruzione. Forse questa volta sono stato influenzato dagli eventi del mio passato o dagli eventi delle follie di Mr Trump. O forse sono diventato stanco per età ...

1

La cosa divertente è che amo ancora The Giving Tree . Era potente la prima volta, e ancora di più questa volta. Cosa puoi dire di un libro che ha avuto un profondo impatto su di te nella tua giovinezza e ancora, anni dopo, ma in un modo completamente diverso. L'albero è altruista (io come un adulto) e il ragazzo diventa egoista (io nella mia giovinezza) ~~ e non parliamo di ciò che ho fatto (il ragazzo) per amore.

1

Sì, posso relazionarmi.
data di revisione 04/21/2020
Gawain Oehrlein

Book Review
Ho letto per la prima volta The Giving Tree by Shel Silverstein quando avevo dodici anni, ma poi l'ho letto di nuovo al college come parte di un corso chiamato "Lettura nella scuola elementare". La mia opinione non è necessariamente cambiata tra le due letture, ma i miei occhi sono stati aperti un po 'più ampi. Non ho mai capito che fosse un libro così controverso, né che l'autore a volte fosse considerato non ideale per i bambini, nonostante scrivesse libri illustrati per loro.



L'essenza di base del libro ruota attorno all'amicizia / all'amore e all'abuso / utilizzo di qualcuno per quello che possono offrire rispetto al solo godersi il tempo con loro. A prima vista, è una bellissima storia di un bambino che ama così tanto il suo albero ... giocando, dondolando, arrampicandosi ... Ma quando cresce, non vuole più quelle cose perché ha bisogno di cose basilari in la vita di cui tutti abbiamo bisogno: cibo, riparo, calore, acqua, ecc. E chiede sempre di più all'albero finché non le viene lasciato un piccolo ceppo solitario. Ha regalato mele e rami, è stata lasciata sola per anni alla volta ...

Per i bambini piccoli, è una lezione su come non essere egoisti. Come imparare il concetto di dare e avere. Come essere un amico e non abusare di quella relazione. Molti sostengono che sia una storia oscura di un ragazzo che non impara mai davvero la lezione, anche alla fine quando torna un'ultima volta per chiedere un'altra cosa: un posto dove sedersi prima di morire.

Sì, questa è una esagerazione della storia, ma a seconda di come / quando leggi il libro, la tua percezione potrebbe cambiare. Penso che dipenda dal fatto che Silverstein scelga di non "ricoprire di zucchero" la storia ... e mostrare che tutto è amorevole alla fine. Sta essenzialmente dicendo "Le persone ti faranno del male. Stai attento." E questa è una lezione per insegnare ai bambini.

Non sono un genitore e non sono diventato insegnante; tuttavia, sono fermamente convinto della libertà di parola e di non tenere i libri lontano dalle persone. Invece di vietare un libro, determina l'età da leggere. Non c'è niente di sbagliato nel leggere questo libro in giovane età, purché ne parli con un bambino. Chiedi loro cosa hanno imparato. Assicurati che vedano entrambi i lati della storia. Ma non lasciare che facciano tutto da soli, così prendono il messaggio sbagliato dall'immagine o dalle parole.

Sì, il ragazzo era un $$. È vero, l'albero doveva imparare prima quando dire "no". Ma tutti vogliamo sentirci amati. Il libro copre così tante lezioni nella vita, è difficile tenere traccia. Per me, alla fine, è un libro solido che vale la pena condividere con i tuoi figli. Forse non a scuola, in quanto è una lezione tra genitori / figli / fratelli - a casa - come famiglia. Tutto sommato, sono contento di averlo letto alcune volte e spero che tutti gli diano la possibilità di pensare a tutto ciò che sta cercando di dire.

Chi Sono...
Per chi non conosce me o le mie recensioni ... ecco lo scoop: ho letto MOLTO. Scrivo MOLTO. E ora blog MOLTO. Per prima cosa la recensione del libro va su Goodreads, e poi lo invio sul mio blog WordPress all'indirizzo https://thisismytruthnow.com, dove troverai anche recensioni TV e film, la rivelatrice e introspettiva 365 Daily Challenge e molti blog sui luoghi che ho visitato in tutto il mondo. E puoi trovare tutti i miei profili sui social media per ottenere i dettagli su chi / cosa / quando / dove e le mie foto. Lascia un commento e fammi sapere cosa ne pensi. Vota nel sondaggio e voti. Grazie per esserti fermato. Nota bene:: Tutto il contenuto scritto è una mia creazione originale e protetto da copyright per me, ma la grafica e le immagini sono state collegate da altri siti e appartengono a loro. Mille grazie ai loro creatori originali.

[polldaddy poll = 9729544]

[polldaddy poll = 9719251]
data di revisione 04/21/2020
Lek Ventresca

Mia figlia di 5 anni le aveva letto questa cosa in età prescolare e alla fine scoppiò in singhiozzi incontrollabili. "Non è giusto! L'albero è MORTO e il ragazzino era così cattivo!"

Esatto, tesoro. Questo libro puzza del patriarcato. Tienilo lontano dai tuoi figli, specialmente dalle tue figlie.
data di revisione 04/21/2020
Eph Engh

Leggendo le altre recensioni su questo libro, sono davvero sorpreso che ci sia un tale livello di odio per questo libro. Ma poi ho pensato che tutti gli altri nel mondo adorassero anche il mio insegnante di quarta elementare. Dobbiamo crescere qualche volta.

Non riesco a immaginare di non amare questo libro. Posso immaginare di rimproverare l'atteggiamento del ragazzo, dell'albero, ma non posso immaginare di non allontanarmi da questo libro con una comprensione più profonda della natura umana, della reciprocità, dell'amore di un genitore per un figlio e della natura del servizio.

Forse anche io sono cristiano e posso vedere un parallelo tra Dio e l'umanità. Forse è che sono una figlia e posso vedere il parallelo tra genitore e figlio. Forse è che sono consapevole dell'ambiente e posso vedere un parallelo tra la terra e l'umanità. Ci sono così tanti strati in questo libro, così tante cose diverse da trarne.

Ho letto che altre persone dicono che l'albero è succoso, volitivo, permettendo al ragazzo di prendere tutto ciò che ha senza una parola di protesta. Non vedi che è questo il punto? Quanta forza serve per sottomettersi perfettamente a qualcun altro? Dare tutto te stesso per renderli felici, per dare loro ciò di cui hanno bisogno. Avresti criticato i tuoi genitori per non aver fatto quella crociera hawaiana che volevano perché invece avevi bisogno di parentesi graffe?

Riesco a vedermi nel ragazzo, posso vedere i modi che ho preso da Dio, dai miei genitori, dalla terra, senza una parola di ringraziamento, nemmeno un pensiero per quello che devono rinunciare a me. Mi fa arrabbiare? Qualche volta. Mi rende triste? Molte volte. Mi fa odiare questo libro per aver indicato i modi in cui non riesco? No. Sono una ragazza grande, posso prenderlo.
data di revisione 04/21/2020
Gasper Arocha

Shel Silverstein è veramente uno dei più grandi poeti americani per bambini. The Giving Tree è una meravigliosa storia di amicizia e invecchiamento. Nessun spoiler, ma non lasciare che i tuoi figli perdano questa storia assolutamente meravigliosa!
data di revisione 04/21/2020
Joselow Lafontain

Facilmente il libro per bambini più vile mai scritto, per ragioni eloquentemente dichiarate da circa un milione di altri poster qui. Ricordo che mia nonna, che non mi piaceva (sì, ad alcuni bambini non piacciono i loro nonni, è vero) mi ha spinto questo libro in modo terribilmente PROFONDO e BELLO e qualcosa di cui dovrei davvero PENSARE. E ti chiedi perché non mi è piaciuta mia nonna? (Mia madre pensava che fosse anche un pezzo di merda.) Comunque, è sempre un libro vomito, e sono contento che ci siano altre persone che pensano che lo sia. Quando ero un bambino, era considerato il ne plus ultra di profondità e bellezza nella letteratura per l'infanzia. Dio ci aiuti se è vero, ma per fortuna non lo è. Se vuoi una vera storia sull'auto-sacrificio che non ti farà venire voglia di uscire e prendere un poleax per ogni albero entro un raggio di cinque miglia, prova The Fire Cat.
data di revisione 04/21/2020
Vogel Fillingham

"Mi dispiace" sospirò l'albero. Vorrei poterti dare qualcosa ... ma non mi rimane nulla. Sono solo un vecchio moncone. Mi dispiace...."
"Non ho molto bisogno ora", disse il ragazzo,
"Solo un posto tranquillo dove sedersi e riposare. Sono molto stanco."
"Bene", disse l'albero, raddrizzandosi il più possibile,
"Bene, un vecchio moncone è buono per sedersi e riposare. Vieni, ragazzo, siediti. Siediti e riposa."
E il ragazzo l'ha fatto.

E l'albero era felice.
data di revisione 04/21/2020
Elenore Hutzel

È impossibile avvolgere la mia mente sul libro. Una parte di me vorrebbe che finisse così: l'albero suggerisce al ragazzo di abbatterla per fare una barca, lui ne accetta il consiglio e l'albero cade su di lui, uccidendoli entrambi. La morale è una citazione che ho sentito attribuito a Bill Cosby: se passi tutta la vita a cercare di rendere felici le altre persone, non sarai mai felice. Il ragazzo è punito per tutti, ma violenta chi si prende cura di lui più di chiunque altro al mondo, e l'albero paga il prezzo più alto per tutta la vita, permettendosi di essere uno zerbino o, in alternativa, finalmente si vendica.

Chissà cosa Silverstein stava cercando di superare con questa parabola alternativamente toccante e inquietante? Una mia ex ragazza mi ha regalato questo libro all'inizio della relazione. Cosa stava cercando di attraversare? Non posso dare a una recensione così tangibilmente sbalorditiva come "The Giving Tree" una recensione completamente negativa, e come sempre l'arte è carina e coinvolgente. E chi può dire, forse il ragazzo voleva solo raccontare una piccola storia su un bell'albero? Il primo tra i molti doni di Silverstein (a parte i più evidenti talenti di umorismo e rima) erano il pathos e l'irriverenza. Nel caso di "The Giving Tree", comunque, per questo lettore è molto difficile determinare quale di questi tratti stia sollevando la testa qui.

In conclusione: non è un buon regalo per l'altro significativo.
data di revisione 04/21/2020
Alduino Gabert

Ho sempre adorato questo libro. Da giovani ci siamo persino comportati come una scenetta con quattro persone che suonavano l'albero.

L'anno scorso ho letto un libro di memorie di qualcuno e loro odiavano questo libro e parlavano di quanto fosse malsana la premessa. Dare tutto quello che hai a qualcuno che ti lascia fino a quando non rimane più nulla. Non ci sono confini sani qui. Posso vederlo da questa parte e dall'altra parte. Mette in luce molti argomenti diversi che è ciò che l'arte dovrebbe fare. Devo dire che amo ancora la storia, ora sono più consapevole di ciò.
data di revisione 04/21/2020
Evan Weinburg

Revisione in prima lettura:
Leggilo con la mia sorellina Sarah. È una lettura dolce e stimolante. Spiega così tanto in parole così semplici e dirette.

Recensione sulla seconda lettura:
L'ho letto di nuovo oggi perché mio padre ha visto un video su Facebook basato su di esso, ma alla fine ha collegato l'albero ai genitori che danno tutto per i loro figli. Mio padre lo adorava e non potevo impedirmi di stampare le 2 pagine e di consegnarglielo. Lo adoro e adoro questo libro.
Questo libro si fa davvero strada nel mio cuore ogni volta.
data di revisione 04/21/2020
Coad Cowdin

Non sopporto questo libro. Qualcuno l'ha regalato ai miei figli e sono molto vicino a nasconderlo o regalarlo in modo da non doverlo più leggere prima di andare a letto. Il ragazzo egoista e indifferente che prende e prende e prende dall'albero fino a quando l'albero non ha letteralmente altro da dare, mi fa solo venire voglia di sfogliare le pagine e strozzarlo. Qual è il messaggio qui? È "Quando qualcuno ti ama, va bene approfittarne all'infinito perché saranno sempre lì per te"? O forse "Se ami qualcuno, dai loro tutto quello che hai e non aspettarti nulla in cambio, mai."

Voglio sempre piangere per il ceppo solitario di un albero alla fine. Era un buon albero. Meritava più del monello ingrato che le tolse tutte le mele, i rami e il tronco.
data di revisione 04/21/2020
Lonni Zaro

Mi dispiace, signor Silverstein. Questo tipo di trippa è ingiustificabile. E esporre i bambini ad esso? Non sono uno psicologo infantile, ma quale sarebbe il punto? Immagino che Bernie Madoff abbia letto questo libro e vedo come si è rivelato. In effetti c'è un'intera generazione di imbroglioni che lo hanno preso come la loro bibbia. Grazie mille, ragazzo Shelly.

La mia vera reazione a questo pezzo di sdolcinatezza moralmente ambigua e riprovevole è meglio espressa dal tipo di danza interpretativa che era il forte di Molly Shannon (una sola sillaba, per gridare forte, gente - PER FAVORE) su Saturday Night Live. Ma poiché questa non è un'opzione realistica di goodreads, cedo la piattaforma di revisione al genio del film d'animazione, Amy Winfrey:

L'albero di muffin

Dannato se do a questo libro qualche stella.
data di revisione 04/21/2020
Lief Waggonerjr

Mia moglie ed io abbiamo discusso di questo libro:

VONNIE: Non sono sicuro dell'età in cui una persona scopre la gioia di dare. Forse, per me, è stato quel primo Natale in cui avevo risparmiato abbastanza del mio assegno per acquistare effettivamente qualcosa per i miei genitori. Ricordo l'aspettativa di vederli scartare il regalo e poi i grandi sorrisi che si diffondevano sui loro volti mentre dicevano "Vonnie, non avresti dovuto". Penso che The Giving Tree sia davvero una storia sulla genitorialità e sulle lunghezze in cui mamme e papà andranno per i loro figli. I genitori danno all'infinito. E non è fino a quando i bambini cresceranno e avranno figli propri che potranno comprendere appieno questo livello di amore.

JON: The Giving Tree è il racconto per antonomasia di una relazione disfunzionale - e quella che si inserisce, non volutamente, negli stereotipi di genere. L'albero femmina è un fattore abilitante, che consente costantemente al maschio di camminare su di lei. All'inizio tutto è bello - giocano insieme e si godono la reciproca compagnia. Ma presto il maschio vuole di più. Ha bisogno di soldi, prende altri amanti. Quindi, quando colpisce tempi difficili, torna al caro vecchio albero. "Prendi i miei rami", dice, e lui le taglia gli arti e il ciclo ricomincia. La storia termina con un vecchio avvizzito che ritorna sull'albero un tempo meraviglioso che ha profanato attraverso la sua sconfinata avarizia. E poi, il più scioccante di tutti, il patetico moncone che rimane lo accoglie di nuovo! Una triste esplorazione di una relazione in cui uno dà, dà e dà, e tutto ciò che fa è prendere.

VONNIE REPLIES: Jon ha torto. Si tratta dell'amore altruistico. Nel profondo del mio cuore so che darei tutto a Jon. Anche se significava rinunciare ai miei vestiti preferiti, ai miei risparmi, alla mia capacità di ballare e cantare. Solo così Jon sarebbe felice. Perché alla fine, la sua felicità è la mia radice.

JON REPLIES: Ora mi vergogno di quello che ho scritto prima.

data di revisione 04/21/2020
Berardo Tejpal

Ho appena ascoltato una lettura animata del libro dell'autore stesso.

Vedo che l'opinione è divisa su questo libro. Molte persone lo vedono come una favola dell'amore incondizionato e vengono toccati. Altri lo vedono come sfruttamento e sono offesi.

Lo vedo come una favola sull'uomo e la natura. "Lui" prende dalla natura quanto "lei" può dare, fino a quando non rimane più nulla: alla fine, gli rimane solo la natura. Qualcosa di cui rimuginare nei tempi moderni.

È una bella storia per i bambini piccoli? Forse no.
data di revisione 04/21/2020
Beau Manac

Ho sempre adorato questo libro, quindi sono rimasto sorpreso da quanti revisori lo odiano. Da bambino mi chiedevo come l'albero potesse dare così tanto. Ora che sono più grande, so che i genitori / i caregiver danno così tanto ai loro figli / cariche (se metaforicamente). Quindi tutti i genitori sono sap? Certamente non danno letteralmente casa e casa, ma i sacrifici che facciamo per coloro che amiamo non hanno limiti quantificabili. Questo libro non dovrebbe insegnare ai bambini il valore della condivisione tanto quanto dimostra che a volte l'amore e il sacrificio vanno di pari passo. Penso che abbia dimostrato magnificamente le differenze di età e comprensione insite nelle relazioni genitore / figlio. L'albero è un martire? Può essere. Immagino che dovrei leggerlo di nuovo. Ma penso che un libro in grado di suscitare un'emozione così accesa sia sicuramente un libro che vale la pena leggere. Guadagna un posto permanente nella mia libreria.
data di revisione 04/21/2020
Lynne Gagnegiroux

Non sono sicuro di quale sia la confusione che i miei amici apprezzano o odiano davvero questo libro. Lo trovo semplicemente buono. Buon messaggio Buona illustrazione Buona lettura. Niente di spettacolare da impazzire. Niente di triste da piangere davvero un secchio di lacrime.

The Giving Tree è una commovente storia di amicizia tra il melo altruista e un ragazzo. Si godevano la reciproca compagnia quando il ragazzo era ancora piccolo, ma quando è cresciuto, le sue priorità sono cambiate e aveva altre esigenze. L'albero ha cercato di aiutare il ragazzo fino a quando lei (l'albero) non ha avuto nulla da dare in quanto è stata ridotta a un moncone. All'epoca, il ragazzo era già un vecchio e così, su invito dell'albero, si sedette riposante e l'albero era di nuovo felice.

Mi è piaciuta la storia perché, in superficie, si tratta di protezione ambientale. Gli alberi ci danno vita (ossigeno, frutti, riparo e ombra per proteggerci dalla luce solare). Gli alberi trattengono l'acqua sul terreno impedendo l'erosione del suolo e le inondazioni. Tuttavia, gli uomini hanno tagliato alberi e distrutto foreste. Verrà il tempo che saremo tutti vecchi e non ci sarà nulla su cui riposare se non i ceppi morti in decomposizione.

Scavando più a fondo, questo potrebbe riguardare l'amore incondizionato che i genitori (albero) danno ai loro figli. L'albero o il vecchio (era il ragazzo) si sono forse pentiti di quello che è successo alla fine? No perchè? Perché è così che va la vita. I genitori provvedono ai loro figli e fanno di tutto per renderli felici e aiutarli a realizzare i loro sogni. Il ragazzo è andato all'albero per chiedere aiuto in diverse occasioni. L'albero ha aiutato dando il suo frutto, le sue foglie e i suoi rami, il suo tronco anche se alla fine è stata ridotta a un moncone. Era ancora viva e invitò il vecchio (il ragazzo) a sedersi su di lei e ciò rese lei e presumibilmente lui felice.

Quindi, è un lieto fine! Perché alcuni dei miei amici piangono leggendo questo libro? Per quanto ne sai, dal tronco cresceranno nuovi germogli e l'albero sopravviverà all'uomo e la loro sarà un altro ragazzo e un'altra storia e il libro avrà una seconda parte. È solo che Shel Silverstein è già morto e non ha potuto scrivere un sequel per questo libro.

Penso che i lettori lo interpretino troppo quando il punto è che Silverstein voleva solo che fosse un libro per bambini che descrivesse la realtà della vita: che i genitori si sacrificassero per i loro figli e questo perché i genitori amano i loro figli incondizionatamente ed è così che normalmente va la vita.

Lascia una recensione per The Giving Tree