Homepage > Saggistica > Viaggi > Humour > Gli indifendibili: un'osservazione dei Paesi Bassi: la sua cultura e i suoi abitanti Recensioni

Gli indifendibili: un'osservazione dei Paesi Bassi: la sua cultura e i suoi abitanti

The Undutchables: An Observation of the Netherlands: Its Culture and Its Inhabitants
Da Colin White Laurie Boucke,
Recensioni: 29 | Valutazione complessiva: Male
Premiato
5
Bene
1
Media
7
Male
10
Terribile
6
Presenta uno sguardo umoristico approfondito sulla vita, le stranezze, i costumi e il carattere olandesi, con osservazioni sul comportamento olandese nei Paesi Bassi e all'estero; include appendici su modi di dire, espressioni e omonimi olandesi.

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Iorgo Hunsucker

Nonostante la mia edizione piuttosto recente, molte delle informazioni che gli autori offrono sono obsolete o semplicemente non vere. Sì, Gli indifendibili ha le sue curiosità, ma nel complesso questa bibbia per espatriati mi ha deluso. Quando ho riflettuto sulla causa, me ne sono reso conto Gli indifendibili si presenta davvero bello ed esilarante, ma in realtà è scandalosamente vecchio stile.

Ciò potrebbe avere a che fare con il fatto che gli autori sono persone anziane. Almeno questa è l'impressione che mi è stata data. Erano MOLTO supponente nel libro e le loro opinioni spesso mi sembravano terribilmente conservatrici e, ancora una volta, antiquate (ho appena verificato la scrittrice Laurie Boucke e ho notato che una volta aveva scritto diversi libri sul vasino che addestrava il tuo bambino). Vorrei che avrebbero offerto ai loro lettori le cose buone e lasciato che formassero le loro opinioni.

Peggio ancora, sono anche abbastanza politici. Mi hanno persino ricordato Rick Santorum affermando che gli anziani olandesi indossano bracciali con il messaggio "niente eutanasia per favore". E anche quella metà di tutti i casi di eutanasia nei Paesi Bassi sono costretti. Che è il 10 percento di tutti i decessi nei Paesi Bassi (Falso, non esistono tali braccialetti e ogni caso di eutanasia deve iniziare con una richiesta del paziente. Né la famiglia né il medico possono avviare la procedura, che ha regole molto chiare e rigorose) .

Gli autori giocano un trucco simile. Ridicolizzano (il che può essere divertente), ma sembrano anche detestare le procedure degli olandesi quando si tratta di eutanasia. Cito - e lo tradurrò da quando ho letto la traduzione olandese - "I medici olandesi non aiutano solo i pazienti terminali a morire, ma aiutano anche i bambini e i neonati, e anche quelli che non soffrono di nulla se non della vita stessa". Dire che si tratta di un'affermazione semplificata non lo copre nemmeno. Un altro esempio di bashing medico olandese: secondo gli autori sono noti per diagnosticare i pazienti al telefono senza averli visti. Scrivono farmaci da prescrizione senza chiedere la storia medica di un paziente o possibili allergie.
Wow, devo essere stata una ragazza fortunata per essere stata invitata a consultare tutti questi anni!

E infine, usare "doei" (in contrapposizione a "dag", che si traduce in "ciao") apparentemente mostra che non sei una persona istruita e nel complesso piuttosto volgare. Anche se uso questa parola su base giornaliera e sono colpevole di gettare un doppio doei ("doei doei!"), Non mi offendo facilmente (hanno ottenuto quella parte sulla destra olandese: p). Tuttavia, devo menzionare: mi lasci andare, Gewoon, Niet van Mn Brood Eten! - che è abbastanza sicuro urlare con tutto il cuore "doei!" quando visiti i Paesi Bassi. Probabilmente sarai considerato carino. E indovina un po ', ho sentito che il CEO lo sta usando volgare saluto anche ...

Alla fine, consiglierei comunque alle persone che visitano i Paesi Bassi di navigare Gli indifendibili per una risata e alcune informazioni unilaterali sugli olandesi. Ma per favore prendilo con un enorme granello di sale!
data di revisione 04/21/2020
Ilyse Wolma

Non fraintendetemi, quando gli espatriati si riuniscono, si divertono a sottolineare le idiosincrasie del loro paese ospitante, ma per favore non leggete questo libro se vi trasferite nei Paesi Bassi o vivete qui da solo un anno o due e lo sono alla ricerca di un'introduzione alla società olandese. Sebbene sia presumibilmente divertente, lo è solo al livello dell'espatrato più negativo nel punto più basso del continuum di shock culturale. Potrebbe fare uno scherzo divertente per un comico in piedi o per una bella frusta in una mattina di caffè, ma non fa un buon libro. 'The Undutchables' esagera piccoli fastidi e differenze (dalla cultura britannica o americana), spesso si concentra sulla meschinità e fraintende deliberatamente il modo di vivere e di pensare olandese. Gli autori, ex espatriati nei Paesi Bassi, hanno persino la guancia di commentare gli olandesi all'estero: "Gli immigrati olandesi criticano la vita nel loro paese ospitante, paragonandola al loro meraviglioso Paesi Bassi"Pot chiamare il bollitore nero, forse?

Questo libro è in stampa dal 1989, con la sua sesta edizione nel 6. La versione che ho letto era la terza edizione del 2010, ma non riesco a immaginare che il tono di fondo sia cambiato molto da quando è stato pubblicato per la prima volta. Come la maggior parte dei media espatriati nei Paesi Bassi, è eccezionalmente distorto nei confronti di Amsterdam - l'Olanda nel senso più accurato della parola - e paga solo il labbro al resto del paese, dove gli atteggiamenti sono spesso abbastanza diversi. Avendo vissuto nel sud-est del paese per la maggior parte degli ultimi 3 anni, trovo spesso che le opinioni sui forum degli espatriati e in questo libro abbiano poca relazione con la mia esperienza, ma forse è perché preferisco enfatizzare il positivo e abbracciarmi la cultura del paese in cui ho fatto la mia casa.

Questo è un libro che ha suscitato in me una forte reazione e mi sono ritrovato a prendere costantemente appunti, in parte perché molto è cambiato da quando è stata pubblicata questa edizione. Meno di una settimana dopo l'investitura del re Willem-Alexander, è stato divertente leggere che "Willem-Alexander sarà ben preparato a diventare re alla fine del secolo". Ha dovuto aspettare ancora un po '! Una delle previsioni era che le celebrazioni di Sinterklaas sarebbero state incorporate nel Natale, il che non ha certamente dimostrato il caso. Nonostante il fatto che uno degli autori sia abituato al servizio sanitario nazionale e alla previdenza sociale, ho scoperto che la loro visione dello stato sociale olandese è eccezionalmente americana, incapace di vederlo come una rete di sicurezza per coloro che ne hanno bisogno. Considerano gli olandesi motivati ​​solo dal denaro e chiedono i loro diritti, ma in qualche modo è considerato superiore lavorare sodo per promuovere la propria felicità e prosperità individuali a spese degli altri. C'è un intero capitolo sulla parsimonia seguito da uno sull'eliminazione dello stato. Anche il punto di vista dell'educazione dei figli è eccezionalmente negativo e, a distanza di vent'anni, posso solo dire che i cosiddetti figli viziati di un tempo si sono rivelati straordinariamente bene e la società non è crollata di conseguenza:
Twenty years on, the current herds of freeborn Dutch, with their divine qualities, will be the backbone of the country. They will be the mainstay of industry, the financiers and the politicians. Dutch kids, spawned by over-liberated mothers and welfare-minded fathers, will rule and govern the country.

Alcuni punti di vista in questo libro sono decisamente offensivi, come l'implicazione che gli olandesi all'estero sono diversi da qualsiasi altro espatriato in alcuni paesi in cui i locali sono impiegati come cuochi o servitori, e questa gemma:
Selection of Christian school enables parents to segregate their children from Turks, Moroccans, etc., (who follow the Muslim faith) without being seen to be racist.

La lettura di questo libro mi ha anche ricordato tutti quei piccoli cambiamenti che si sono verificati negli ultimi 25 anni e quante delle cose menzionate sono ora defunte:
- I biglietti strippenkaart sono stati sostituiti dalla chipcard OV
- i fiorini sono stati sostituiti da euro
- il taxi del treno non esiste più
- mestbanken (banche di concime) non sono più necessarie: gli agricoltori devono limitare la produzione in modo da poterla utilizzare sulla propria terra o trovare un altro mercato
- il servizio militare non è più obbligatorio
- hasjtaxis non sono ammessi (se mai lo sono stati) e i caffè alla cannabis / hash sono ora conosciuti come negozi di caffè
- la macchina da caffè obbligatoria ha lasciato il posto alle macchine Senseo, Nespresso ed espresso
- la menzione di esaurimenti nervosi mi ha ricordato che il concetto di "overspannen" è stato sostituito dal concetto di "burnout"
- è stato vietato fumare nei cinema e nei luoghi pubblici
- PTT è stato sostituito da KPN e TNT / TPG / PostNL
- l'ortografia moderna o progressiva è stata e più o meno scomparsa
- NS Reisplanner (pianificatore di viaggio in treno) su dischetto nei formati MS-DOS o ATARI!

Al giorno d'oggi, ci sono così tanti eccellenti blog, forum e fonti di informazioni online sugli espatriati che è ora che questo libro venga ritirato dal mercato. Se stai cercando umorismo, prova www.invadingholland.com, http://stuffdutchpeoplelike.come per informazioni di base, dai un'occhiata a www.access-nl.org.



data di revisione 04/21/2020
Richard Stammer

Gli indifendibili: un'osservazione dei Paesi Bassi, della sua cultura e dei suoi abitanti è un libro leggendario tra gli espatriati che vivono nei Paesi Bassi. È presumibilmente una "bibbia" di tutte le cose olandesi. Tra i tanti, questo libro è anche considerato incredibilmente divertente, ma ovviamente l'umorismo è altamente soggettivo.

L'ho letto nel 2007, dopo aver vissuto in Olanda per circa 2 anni. Devo dire che cattura molte delle strane stranezze che rendono olandese il popolo olandese, rendendole diverse dal resto di noi. Ma onestamente, come danese, gran parte di ciò che leggo sugli olandesi si può dire anche del popolo e della cultura danese, che è davvero molto simile a quello olandese, solo molto poco ci distingue. La differenza più grande è in realtà la lingua, e anche quella è simile.

Questo libro è sicuramente una lettura interessante, istruttiva ea volte anche divertente, soprattutto se lo leggi dopo aver vissuto qui per un po 'e può mettere in relazione i suoi aneddoti e storie con il tuo campo di riferimento ed esperienza.
data di revisione 04/21/2020
Ginni Skretowicz

Molti anni fa visitavo di nuovo i Paesi Bassi. Vedrei presto un coinquilino olandese dai tempi dell'università. Ma prima sono andato in una libreria e ho preso questo libro che avevo visto sugli scaffali prima. La prima cosa che il libro mi ha avvertito di non fare è leggere il libro senza prima pagarlo. Quindi ho comprato un caffè prima nel loro bar, poi mi sono seduto a leggere il libro, quasi urlando dalle risate per quello che c'era dentro. Il primo avvertimento sulla mia navigazione, seguito da altri due avvertimenti su come trattare con gli olandesi, si è rivelato così appropriato che hanno perfettamente adattato ogni singola reazione del giovane impiegato della libreria quando ho restituito la mia tazza di caffè. Forse era così arrabbiata perché aveva visto il titolo del libro di cui stavo ridendo, ma come le ho detto, penso che sia stato davvero perché avevo letto una parte del libro senza prima averlo acquistato.

Normalmente sarei l'ultima persona a raccomandare una satira piena di stereotipi scritta da un colpo attraverso Yank o due, ma per citare un adesivo per paraurti che un vecchio calzolaio britannico mi ha menzionato, dopo aver ripetuto un elenco di dichiarazioni pronunciate per me dal mio ormai vecchio amico olandese, "Puoi sempre dirlo a un olandese, ma non puoi dirgli molto".
data di revisione 04/21/2020
Richers Perman

Adoro assolutamente questo libro. Come canadese che vive nei Paesi Bassi, mi sento spesso un alieno completo. È stato fantastico leggere questo libro e vedere che non sono solo e non sono l'unico a vedere gli olandesi in questo modo. Il libro è pieno di fatti interessanti ed è molto divertente. Anche se non sei olandese o non vivi nei Paesi Bassi, penso che lo troveresti un'ottima lettura. Soprattutto se sei anche leggermente curioso di sapere com'è la vita qui nelle terre basse. Gli autori sono persone molto divertenti e amichevoli, ho parlato con loro in diverse occasioni sul loro sito web. Hanno un punto d'incontro sul loro sito Web (www.undutchables.com) in cui espatriati in NL possono riunirsi e discutere della vita in NL o semplicemente conoscersi. Questo ottiene due pollici in su!
data di revisione 04/21/2020
Adriaens Karow

Come nativo dell'Olanda, posso assicurarti che tutto nel libro è Vero (scusa, umorismo olandese, echt waar! :)
data di revisione 04/21/2020
Doro Kosoff

Un must per chiunque sia olandese o vorrebbe visitare il nostro piccolo, disordinato, affollato ma oh paese così amichevole.
data di revisione 04/21/2020
Vachill Haggins

Libro fantastico! A deve leggere per capire molto sulla cultura olandese. Cinicamente informativo, è esattamente quello che devi sapere sull'essere olandese!
data di revisione 04/21/2020
Myrwyn Maturo

Qualcuno americano che aveva vissuto nei Paesi Bassi per due decenni mi ha consigliato questo libro quando mi sono trasferito. È una lettura molto breve ma anche datata, comunque “recente” l'edizione che hai. Era una lettura degna di nota.

Oltre alle cose che non possono cambiare troppo in fretta, come le case e la forma delle scodelle, solo una manciata di osservazioni mi è sembrata di resistere alla prova del tempo.

Uno, il suggerimento che gli olandesi sono aperti a nuove tendenze e idee e che ogni generazione porta con sé qualcosa di nuovo. È per questo motivo che le edizioni dei libri risalgono così in fretta: gli atteggiamenti e i comportamenti procedono rapidamente e la diversità è un catalizzatore.

In secondo luogo, l'idea che i Paesi Bassi siano una società di autoregolamentazione "non governata da discorsi dall'alto". È (ancora) evidente una volta che fai amicizia o lavori qui che la coercizione non fa parte del tessuto e impari a capire la sottile differenza tra consenso e consenso.

Oh e uno bonus: i cani continuano a cavalcare in cestini per biciclette.

A partire dal 2020 ci sono probabilmente libri e blog di espatriati migliori là fuori per aiutarti a capire le differenze culturali, ovunque tu sia.
data di revisione 04/21/2020
Kalbli Kostiv

Questo è un tipico libro di satira, gli autori sicuramente volevano che i lettori facessero delle belle risate quando lo leggevano - e l'ho fatto! Ma è così pieno di stereotipi, sto iniziando a stancarmi / annoiarmi. Inoltre, gli autori sono chiaramente americani, quindi per loro una cultura in cui le persone non hanno paura di perdere il lavoro o di esprimere le proprie opinioni ai propri capi è scioccante. Lo stesso vale per la cultura collaborativa degli olandesi - è difficile per gli americani capire come le persone semplicemente non competono tra loro in ogni momento, a tutti i costi! Per loro, la tolleranza e l'uguaglianza sono un concetto così estraneo che lo prendono sempre in giro! E va bene, fallo! Ma la satira diventa tremendamente noiosa ...

E sì, alcune parti o commenti del libro sono davvero divertenti, ma mi sarebbe piaciuto di più il libro se l'autore non avesse rilasciato la sua opinione così spesso ...

In conclusione, sto scrivendo questo libro per ora a pagina 170 ... forse tra qualche mese tornerò su di esso, ma per ora è solo un sacrificio per prenderlo e ci sono troppi buoni libri là fuori ...
data di revisione 04/21/2020
Voccola Lathem

La mia ragazza si è recentemente trasferita nei Paesi Bassi dagli Stati Uniti per me (sono olandese), ei miei genitori le hanno regalato questo libro per Natale. Perché sembrava una lettura divertente, ho deciso di provarlo. Vorrei non aver ...

A partire da lì, c'erano alcune curiosità, specialmente quella che circonda il trasporto pubblico e la guida. Ho riso a crepapelle un paio di volte, perché mi sono reso conto che noi, olandesi, possiamo davvero essere molto odiosi e stupidi in attesa di un treno sul binario. Tuttavia, anche se il nostro paese è piatto come una scacchiera (hanno capito bene nel libro), dopo è andato in discesa.

Alcune "accuse" che fanno sono semplicemente errate, al limite dell'insulto. Posso ridere delle mie carenze e delle mie "persone", ma non quando fanno dichiarazioni su fatti errati. Accanto a ciò, alcune di quelle parole si sono appena sentite, un po 'maleducate o razziste.

Ho valutato il libro due stelle perché ha alcune parti divertenti che mi hanno fatto ridere. Il capitolo che mi è piaciuto di più? 21. Perché era l'ultimo ...
data di revisione 04/21/2020
Favin Kores

Era divertente. Questo è un fatto. Tanti fatti sugli olandesi e sulla cultura olandese sembrano fuori posto o addirittura strani ma, a dire il vero, l'Europa è un posto strano e le ostruzioni non sono diverse. Affascinante e accattivante a modo suo, se sei aperto a nuove esperienze ti piacerà vivere nei Paesi Bassi o con un Nederlander. Eppure a volte ti senti frustrato, ma fa tutto parte del fascino.
L'approccio del libro è stato molto divertente ma ad alcuni punti mi è sembrato davvero offensivo e non mi è piaciuta molto questa sensazione. È una bella lettura, a volte esilarante a volte noiosa e ripetitiva, ma è ciò che dice il titolo: un'osservazione - niente di più niente di meno.
data di revisione 04/21/2020
Ailssa Rouly

Sinceramente il peggior libro che abbia mai letto.

È chiaro che gli scrittori odiano assolutamente i Paesi Bassi e tutti quelli che vi abitano.
Fingendo che sia "umorismo", quando in realtà si sta solo prendendo in giro ogni singola cosa possibile, anche le cose che sono esattamente le stesse in tutti gli altri paesi occidentali.
Non importa se ciò di cui stanno parlando è una cosa buona o cattiva nella realtà, questo libro farà sembrare che sia la cosa peggiore del mondo. E se non riescono a trovare abbastanza cose brutte sui Paesi Bassi: inventeranno solo cose, fingendo di essere fatti reali!
data di revisione 04/21/2020
Lotti Baile

Un libro satirico, leggi la versione (credo) del 2003, quindi non molto recente, per esempio parlavano ancora del Guilder olandese anziché dell'euro.
È una divertente prospettiva di estranei satiracali dei Paesi Bassi e del popolo olandese che offre una visione divertente. più di una cosa da leggere per piacere che per imparare qualcosa da
data di revisione 04/21/2020
Cicily Pam

Se sei interessato ai modi in cui i Netherlander differiscono dai tuoi stessi connazionali, questa è una lettura piacevole. Se sono uguali, è molto più divertente.

Consigliato come lettura estiva, davvero leggero e puoi attraversarlo a qualsiasi ritmo tu voglia senza troppi problemi (in realtà l'ho masticato per una parte migliore dell'intero anno ed è ancora buono).
data di revisione 04/21/2020
Bendicta Aikins

Questo è il libro peggiore che ho letto quest'anno. Mi piace leggere l'opinione di "un estraneo" che cosa pensa delle persone olandesi e capisco perfettamente che un buon senso dell'umorismo ne fa parte.

Ma questo libro era di gran lunga quello che pensavo fosse. Lo scrittore si è bloccato in Olanda, credo, e non ha mai incontrato veri olandesi. In questo libro c'erano anche molte cose in cui una grande menzogna! Peccato!
data di revisione 04/21/2020
Zennas Sepulbeda

Una copertura completa umoristica, anche se leggermente superata di tutto olandese. Dirai aha cose che hai notato o grattarti la testa per qualcosa che non hai visto affatto. Meglio non prenderlo troppo sul serio ma con uno stroopwafel in mano.
data di revisione 04/21/2020
Brandwein Dalene

Come libro di umorismo sembra esagerato. Eppure, mentre lo leggevo, mio ​​genero olandese, che ha vissuto nei Paesi Bassi per tutta la vita, ha affermato di vedersi nel libro.

Non sono più a casa loro, quindi lo segnerò come letto anche se non sono riuscito a completarlo.
data di revisione 04/21/2020
Panta Heacox

Un po 'troppo stereotipato, a volte sembra quasi incredibilmente esagerato (e sono stato un expact nei Paesi Bassi per 15 anni ...)
data di revisione 04/21/2020
Vandervelde Kotler

Ugh. Ho letto una versione davvero obsoleta. Non sono riuscito a trovare una versione più recente gratuitamente e non volevo dare soldi a questi autori compiaciuti e sessisti, quindi ho smesso di leggerlo.
data di revisione 04/21/2020
Berliner Potchen

Uno sguardo interessante, sarcastico, approfondito sui Paesi Bassi, come sperimentato dagli autori prima del 1992. Quando visiteremo lì nel 2018 vedrò quanto o quanto poco è cambiato. Dovrebbe essere divertente.
data di revisione 04/21/2020
Carley Shortell

Questo è stato un libro divertente per me da leggere come Dutchie. Ho riso molto, ma !! Alcune delle osservazioni degli autori sono vere, sebbene molto esagerate ed estremamente generalizzate e pertanto NON da dare per scontate. Se questo libro è destinato agli espatriati; Immagino che il suo obiettivo sia impedire loro di immigrare nei Paesi Bassi. Gli autori sottolineano davvero tutte le cose negative (di nuovo: troppo generiche e sovraesagerate); i lati positivi di Dutchdom sembrano non esistere ai loro occhi. È difficile non pensare che debbano odiare i Paesi Bassi o almeno gli olandesi, poiché continuano a riferirsi a loro come "intasamenti". Ho trovato qualcosa di dubbio, ad esempio la parte su Sinterklaas e Natale. Gli autori affermano che i Paesi Bassi festeggiano due Natale e alla fine ne manterranno solo uno. SBAGLIATO! Mi sento in dovere di raccontare la vera storia: Sinterklaas / Sint Nicolaas (gli autori non sembrano riconoscere che questa è la stessa celebrazione) è una festa religiosa, che celebra San Nicola e non ha nulla a che fare con il Natale. Il Babbo Natale americano è solo un adattamento di San Nicola, e come molte cose americane, questo adattamento americano è tornato di nuovo in Olanda.
Le cose che scrivono su medici e ospedali sono molto negative e non corrispondono ai miei stessi esperimenti. E i bambini si comportano diversamente in Olanda che in altre parti del mondo? Non credo proprio di si. Anche alcune delle informazioni non sono aggiornate (ad esempio, basta scorrere le altre recensioni).
Non lo consiglierei sicuramente alle persone che vogliono conoscere i Paesi Bassi e i suoi abitanti.
data di revisione 04/21/2020
Ashling Throop

"[Gli olandesi] migrano attraverso un processo simile all'osmosi in base al quale si assimilano nella loro nuova cultura così facilmente e così bene che persino a volte sembrano dimenticare le loro radici. Ma raramente perdono la loro eredità e tornano a scrivere quando è conveniente o soddisfacente per l'ego (The UnDutchables, pagina 241). "

Ho lasciato l'Olanda nel 1953, a tre anni, e mi sono assimilato in America il più rapidamente possibile. Non ho mai dimenticato la mia eredità, ma l'ho trascurata, tranne quando mi sono riunita con i membri della famiglia. L'anno scorso sono finalmente tornato nel mio luogo di nascita per la prima volta da quando ho lasciato, all'età di 60 anni. Quell'esperienza mi ha fatto riaccendere il mio interesse per la mia provenienza e perché sono così.

Questo libro mi è stato menzionato dopo il mio ritorno dall'Olanda e, sulla base delle recensioni che ho letto qui, ho deciso di effettuare l'acquisto. Non sono rimasto deluso.

Questo libro è pieno di allitterazioni, giochi di parole e umorismo "intasato", mentre fornisce fatti e opinioni su ciò che rende olandese olandese e ciò che rende l'Olanda unica tra le nazioni del nord Europa.

Devo ammettere che ci vuole un po 'di tempo per abituarsi all'umorismo in questo volume, ma una volta raggiunta la sua lunghezza d'onda, è abbastanza divertente.

Ho già consigliato questo libro ad amici che provengono da un'eredità olandese e te lo consiglio se sei olandese, sei di origini olandesi o hai una relazione con qualcuno che è olandese (o vorrebbe essere olandese).
data di revisione 04/21/2020
Liddle Dandurand

Questo libro contiene alcune buone informazioni per coloro che sono interessati a conoscere la vita nei Paesi Bassi. Il libro è soggetto a iperbole ("non è sconosciuto per i deboli di cuore andare in arresto cardiaco al suono di un telefono che squilla"), sebbene altrimenti accurato, basato sulla mia esperienza con gli olandesi e che vivono nel loro paese. Stavo leggendo una vecchia versione della metà degli anni '1990.

Il tono arrabbiato e sarcastico combinato con la continua allitterazione imbarazzante, giochi di parole poveri, inutili sostituzioni di parole inglesi per termini olandesi (come "toadstool" per "toestel") e l'insistenza nel riferirsi agli olandesi come "intasamenti" hanno reso questo libro quasi illeggibile . Continuavo a chiedermi perché gli autori fossero così irritati e offesi dalle caratteristiche olandesi. Un approccio migliore sarebbe stato semplicemente quello di sottolineare le cose che gli olandesi fanno diversamente, preservando il senso di ciò che i nuovi arrivati ​​potrebbero trovare interessanti e utili per adattarsi alla società olandese, sulla falsariga della serie Culture Shock.

Il cattivo editing era spaventoso, con parti apparentemente casuali di paragrafi che venivano messi in risalto come se fossero sommari importanti, uso frequente di maiuscole nel testo normale, confusione di omofoni (come l'uso di "tuorlo" per "giogo"), e dare la priorità a wan tenta di essere carino o intelligente rispetto alla chiarezza. Dubito che questa edizione abbia mai visto il lavoro di un redattore professionista.

Lascia una recensione per Gli indifendibili: un'osservazione dei Paesi Bassi: la sua cultura e i suoi abitanti