Homepage > Fantasia > Vampires > Bloodborne Recensioni

Bloodborne

Bloodborn
Da Nathan Long
Recensioni: 29 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
7
Bene
14
Media
7
Male
1
Terribile
0
Ulrika, recentemente trasformata in vampira, tenta di adattarsi al suo nuovo modo di vivere. Ma quando un altro vampiro viene ucciso a Nuln, Ulrika e il suo mentore, Gabriella, vengono mandati a indagare. Presto si trovano ad affrontare un pericolo da tutte le parti mentre tentano di risolvere un mistero che minaccia l'esistenza stessa della linea di sangue lahmiana. Come possono sperare di distruggere qualcosa

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Nealy Jelarde

Bene, è quella stagione spettrale in cui provo a fare solo letture horror per un po '... ma sono in vena di un romanzo fantasy. Dove devo rivolgermi? Risposta: Warhammer.

Risposta migliore: Warhammer con i vampiri.

La serie Warhammer è per molti versi il tuo mondo fantasy in stile "basato su un gioco di ruolo", proprio come i libri di Dragonlance o Forgotten Realms. Ciò che lo separa dalla più classica serie D&D è la natura più cupa del mondo e gli elementi dell'orrore cosmico limite che si imbatte in esso (sul serio, se vuoi una lettura inquietante, vai sul loro wiki e leggi alcuni dei Chaos gods of Warhammer). La serie è probabilmente meglio conosciuta per la linea 40K, che è essenzialmente una fantascienza militare con tropi fantasy, ma il vecchio mondo originale è ancora in piedi con alcune letture divertenti.

Questo è uno di quei libri che ho letto al momento giusto. Riconosco che non è un'ottima lettura; ha delle linee ridicole e alcune interazioni tra i personaggi mi hanno fatto ridere. (visualizza spoiler)[Quindi Famke e Ulrika si scambiano come due righe e ora sono i migliori amici. Seriamente, trascorrono addirittura 30 pagine insieme in tutto il libro? (nascondi spoiler)] Con tutti i suoi problemi, questa è una lettura estremamente divertente, che è tutto ciò che chiedo da tali libri. L'azione è stata buona, il personaggio principale è stato abbastanza simpatico (e mentre faceva un autoesame dei dilemmi morali di diventare un vampiro e nutrirsi di umani, fortunatamente non è diventata un personaggio depresso meditabondo che cerca di farsi un cruccio costante) . I personaggi secondari erano un po 'confusi, ma il principale cacciatore di streghe era un personaggio ben sviluppato che giocava bene con i tropi attesi di un personaggio del genere (interpretandoli per lo più eterosessuali, ma non essendoci mai stupidi). La stimolazione è eccellente e la trama è in realtà ... abbastanza intelligente, anche se cade in uno o due momenti a occhi aperti. Tutto intorno è stato solo uno scoppio, e facile perdonare i suoi difetti in quanto è solo una lettura divertente.

Sono stato informato che avrei dovuto davvero leggere le serie Gotrek e Felix prima di leggere questa in quanto è una specie di spin-off. È vero che il modo in cui Ulrika si è trasformata in un vampiro è trattato molto rapidamente nelle prime pagine e spiegato in un paragrafo o due anziché in una scena dettagliata (molto probabilmente come un riepilogo per coloro che l'hanno già letto ma potrebbero aver dimenticato dettagli), detto che ho scoperto che funziona abbastanza bene come standalone in quanto almeno ricapitola qualcosa di importante e non è pieno di riferimenti costanti a lavori precedenti. Mentre suppongo che rovini il fatto che in almeno un libro non andrà così bene per Ulrika, sembra che anche vedere il titolo del libro omnibus (Ulrika the Vampire) sarebbe praticamente un omaggio. Quindi ... * scrolla le spalle * avanti con la recensione!

È sempre una sfida per me dire se consiglierei questi romanzi fantasy in stile RPG ad altri lettori, dato che quelli a cui piacciono quasi già li conoscono. Raramente sono eccezionali (anche se ci sono alcune eccezioni nella serie Dragonlance che a mio avviso raggiungono la grandezza) ma quasi sempre sono sempre divertenti. Un solido arrotondamento per 3.5 / 5 in quanto non mi sembra appropriato dare un 4.
data di revisione 04/21/2020
Mahau Ryll

**** ½

Questo libro è stato molto meglio di quanto pensassi. In realtà sono abbastanza impressionato. Forse ho letto troppi romanzi di vampiri di merda. E ammettiamolo, la fantasia può diventare piuttosto noiosa con tutte le sue descrizioni eccessive e personaggi cliché. Bloodborne ho evitato tutte quelle insidie, e, è stato ben scritto, trascinandomi nel vivido mondo di Warhammer.

Non ho mai letto libri di Warhammer. (Cavolo, non ho mai nemmeno giocato al gioco). Ma non importava. Non devi avere familiarità con Warhammer per leggere questo. Il mondo è ricco e lussureggiante e così ben consolidato che sembra un luogo tangibile. Diversi autori si sono aggiunti ad esso per anni, quindi ha una complessità che non credo che un autore avrebbe potuto raggiungere. Sono sempre stato il tipo di persona che sentiva di dover iniziare con il 1 ° libro per apprezzare una serie, ma con Warhammer non devi farlo. È solo un posto. Quindi, mentre i personaggi possono riferirsi a persone o luoghi di altri libri, non succede spesso e non è eccessivo. Ancora più importante, non sembra una discarica di informazioni. Quindi, anche se Ulrika è un personaggio che è stato introdotto per la prima volta in Gotrek e Felix serie, non devi leggere quei libri per entrare in questo. Aggiunge semplicemente colore a un mondo già colorato.

Per quanto riguarda i vampiri, sono meravigliosamente grintosi. La maggior parte di loro sono donne - la sorellanza di Lahmian. Ulrika è appena nata, è cambiata contro la volontà, quindi non è completamente a suo agio nella sua nuova vita. Né è ancora a suo agio con i suoi poteri non morti. La sua insegnante è Gabriella, la sua padrona.

Mentre Ulrika ammira, rispetta e ama Gabriella, non credo che si preoccupi molto della sorellanza. È troppo indipendente e ha un amore per l'umanità, che va contro la sua nuova vita. È divertente, Anne Rice ha sempre reso i suoi vampiri un po 'androgini e slanciati, e penso che Long faccia la stessa cosa qui, solo i personaggi femminili con cui sta giocando, rendendoli femminili, specialmente Ulrika. Ulrika è descritta come un aspetto da ragazzo, si veste in abiti maschili e sfoggia un taglio di capelli corto, ma è anche femminile. Pensavo fosse un personaggio simpatico. Potevo facilmente immaginare che lei e Gabrielle diventassero amanti. Gabrielle la chiama persino "amata". Entrambi hanno punti di forza diversi che si completano a vicenda. Sfortunatamente, Ulrika è attratta anche dagli uomini, il che è qualcosa che impara è un grosso errore. C'è una certa tragedia nel diventare un vampiro, e mi piace il modo in cui Long ci tocca. Quello che mi è veramente piaciuto, però, è che i vampiri di Long siano veri mostri. Non ti lascia mai dimenticare neanche quello. Possono fare a brandelli un essere umano e lo fanno anche loro, ma ciò non mi ha impedito di simpatizzare con loro.

Per quanto riguarda la storia, è un thriller emozionante (forse un po 'polposo, ma a me piace così). Ho avuto difficoltà a scrivere questo libro durante l'ultima metà. Long non sembra avere problemi a uccidere i personaggi, quindi non sapevo davvero chi sarebbe riuscito. Per non parlare, scrive scene d'azione eccellenti. C'era una scena in cui mi sono ritrovato a trattenere il respiro. LOL

Quindi, tutto sommato, mi sono divertito Bloodborne Un sacco. Lo consiglio se ti piacciono i libri fantasy. Leggerò sicuramente il libro 2.
data di revisione 04/21/2020
Enrica Magallan

"Ho paura dei veri esseri umani, non dei vampiri"

Alcuni di voi che leggono i libri della Black Library, in particolare le cose fantasy di Warhammer più vecchie, lo sapranno Bloodborne parla di uno dei personaggi secondari di Gotrek e Felix Ulkria Magdova - un ex nobile kislevita, figlia di Ivan Straghov. C'è una buona ragione per cui ha ottenuto la sua trilogia, essendo una tosta e tutto il resto. Per me, cosa più interessante, questo esplora un angolo più oscuro di Warhammer - proprio come è essere un vampiro e come NON esserlo. È quasi comico, ma funziona così bene da diventare uno dei miei preferiti. Se ti interessa Ulrika su come è diventata una vampira, prova a leggere omicida

In sostanza la storia si riduce a una continuazione della storia di Ulrika dalle storie di Gotrek e Felix. Un po 'di retroscena su Ulrika; era una figlia di un nobile kislevita, come ho già detto. I Kislev sono interessanti nel senso che sono simili ai mongoli e difendono la maggior parte dei confini settentrionali da uomini bestia, caos e predoni della Norvegia. Ulkria compare in molte delle storie di Gortek e diventa un personaggio fondamentale a pieno titolo. Viene coinvolta con Felix, in seguito complicando le cose - tanto più per Gotrek che vuole solo ucciderla e farla finita. Dopo tutto quello che fa una cacciatrice! Ad ogni modo, la loro relazione è sia molto passionale che infuocata, quasi disfunzionale al punto in cui non si piacciono.

La storia si svolge tra Vampireslayer e il suo ritorno omicida quindi la contessa Gabriella sta cercando di aiutarla a controllare la lussuria del sangue vampirico - prima che il suo addestramento sia completato, Ulrika viene ordinata a Nuln ed è lì che inizia davvero la storia. Vampireslayer è dove viene trasformata in un vampiro da Krieger. Alla fine di questo romanzo, sia l'uccisore che il giovane nobile sono in conflitto, entrambi per motivi molto diversi, uno vuole aiutarla, l'altro vuole ucciderla come ho già detto. Alla fine, la contessa Gabriella promette al duo che insegnerà a Ulrika come abbracciare i suoi modi lahmiani. Anch'io ho riso!

Giusto, in realtà parlando Bloodborne ora - cosa mi è piaciuto? Un sacco. In primo luogo, come ho già accennato in precedenza, la storia evita davvero il solito archetipo di battaglie di Warhammer di battaglie, morte, redenzione e qualcuno che sta morendo in modo eroico. È rinfrescante leggere come può esistere qualcuno, anche se un vampiro (che sono generalmente cattivi coglioni), ma capovolgilo e fai del bene. A Ulrika vengono insegnate cose come; moderazione, discrezione, come si agisce e si comporta con gli umani come una signora della società e dell'educazione. Questa è fondamentalmente la prima metà del romanzo, sembra un po 'noiosa, ma è tutt'altro. C'è una vera narrazione qui. Poco dopo parte per Nuln (una città animata nei romanzi Gotrek e Felix) con la contessa Gabriella e si ritrova rapidamente ad abituarsi a risolvere i dilemmi in cui si ritrova, dopodiché viene spinta in una situazione in cui i vampiri si trovano assassinata e ha bisogno di scoprire chi e cosa sta facendo questo.

Questa è la traccia di base del romanzo e lo fa davvero molto bene, poiché la scrittura è di prima classe. I personaggi sono vari e coinvolgenti. Uno dei miei favoriti personali è il cacciatore di streghe Friedrich Holmann che non ha idea che Ulrika sia un vampiro. Fa bene il suo lavoro ... per l'Impero. È piuttosto cupo e noioso in un modo "tutto ciò che non è umano ha bisogno di morire". Mescola tutto insieme a tutto ciò che viene menzionato, con un certo intrigo e suspense genuini, rende davvero una lettura avvincente. Ci sono alcune gemme nascoste dei primi giorni di Warhammer e questa è una di queste.

A proposito di personaggi, la troupe di vampiri non è solo un mondo sinistro che conquista Von Carstein. Abbiamo Mathilda, in parte vampiro, in parte lupo. Ruvido intorno ai bordi, un po 'un ghigno. Aiuta a portare un po 'di leggerezza nella congrega dei vampiri di Nuln. Una piccola lamentela è Lady Hermione che per me si presenta come un moccioso viziato - il che dovrebbe essere il caso, è un vampiro di 1000 anni, ma ancora un po 'esagerato per me. Mi sentivo come se avesse ascoltato molto Radiohead e Nine Inch Nails. La definizione della media di paranoico. È piuttosto veloce da giudicare. È davvero un disastro man mano che i personaggi vanno - c'erano volte in cui pensavo di potermi infilare una forchetta negli occhi per passare il tempo, ma ho continuato a combattere. Ce ne sono alcuni che meritano di essere menzionati, il povero vecchio merluzzo, Rodrik, il pedone di un vampiro e un povero ragazzo.

Ci sono alcuni punti di contesa, per me comunque. Quando si tratta della cronologia del romanzo, ho detto che continua la storia Vampireslayer e omicida quando Gotrek e Felix lasciarono Ulrika alle cure della contessa Gabriella. Tutto ciò è accurato, tuttavia sembra che siano passati circa cento anni Bloodborne. Lo sollevo solo perché potrebbe essere un errore da parte mia, tuttavia non si adatta al Fine dei tempi che è venuto alcuni anni dopo. Dal punto di vista temporale, non si adatta. Voglio dire, la migliore lettura Shamanslayer per avere un'idea su questa piccola gaffe.

Penso che Nathan Long abbia fatto un ottimo lavoro nello scrivere un personaggio femminile forte come una tragica eroina. Saranno tutti gli attacchi di taglio, morso e ghoul, Bloodborne i vampiri erano lontani dai racconti sui vampiri che ho letto in precedenza e si allontanano persino da alcune tradizioni. C'è un po 'di vero orrore anche qui. Penso che il finale sia stato un po 'brusco, ma molti romanzi di Warhammer che ho letto sembrano correre dal punto AB e i finali non sono sempre geniali, ma fanno un lavoro utile. Quindi, quello che arriviamo qui è l'apertura di una trilogia. Personaggi rinfrescanti e unici e tradizioni non dirette. È in parte detective, in parte romanzo horror. È una buona varietà in un Vecchio Mondo che è cupo e cupo. mi sono davvero divertita Bloodborne. Purtroppo, i romanzi della Biblioteca Nera tendono a rimanere verso la formula collaudata in questi giorni (o qualcosa per introdurre una nuova serie da tavolo). È raro che pubblicano romanzi basati su personaggi, che ottengono la loro serie di romanzi. Qualcosa che hanno affrontato più recentemente, ma il più delle volte, personaggi davvero fantastici (come Ulrika) vengono abbandonati per una nuova espansione o gioco. Tutto un po 'triste davvero.
data di revisione 04/21/2020
Farrow Kempton

Sono rimasto molto colpito da questo libro dall'inizio alla fine.
Essendo stato appena introdotto nell'universo di Warhammer, non sapevo cosa aspettarmi ed ero piacevolmente sorpreso.
Questo è un vero romanzo sui vampiri con un po 'di carne. Se ti piacciono i tuoi vampiri addomesticati e non violenti, sei nel posto sbagliato!

La storia ruota attorno a Ulrika mentre inizia ad adattarsi alla sua nuova vita da vampiro. È stata rimossa dalla casa dell'uomo che l'ha trasformata, un evento che accade prima dell'inizio del libro, ed è accolta e seguita dalla dinamica Contessa Gabriella, un vampiro secondo il mio stesso cuore. Quando altri del loro genere, la linea di sangue lahmiana, vengono assassinati, i due vengono inviati a Nuln per aiutare a indagare.

Non mi dilungherò troppo nello spoiler, ma quello che dirò è che questa è una storia di vampiri con alcuni denti seri! I vampiri sono violenti e in conflitto con la loro natura, predatori spietati e viscosi che hanno davvero paura di ciò che i grandi e i cattivi hanno deciso di venire e ucciderli. Se un vampiro ha paura, allora sai che è qualcosa di abbastanza serio, ed è stato!

I personaggi sono ben realizzati, il mondo è interessante e accattivante e ha molti elementi che ci si aspetterebbe da un romanzo fantasy. Ci è voluto un po 'di tempo prima che la storia iniziasse davvero a girare ma non era affatto noioso fino a quel momento. Nathan Long ha svolto un lavoro davvero straordinario nella creazione di un gruppo di vampiri femminili dinamici, fondendo i personaggi della società della classe superiore che hanno dovuto tenere con la politica dei vampiri del mondo di Warhammer, il che porta ad alcune letture interessanti. Sono curioso di vedere da dove arriva Long, la serie Ulrika the Vampire è una trilogia.

I veri fan dei vampiri non rimarranno delusi!
data di revisione 04/21/2020
Odeen Sanjey

Questo è il primo libro di una trilogia che parte dalla serie di romanzi Gotrek e Felix. Quei romanzi non sono obbligati a leggere perché non li ho ancora letti e il mio divertimento non è affatto diminuito.
Bloodborn è la storia di Ulrika Magdova, un vampiro appena trasformato che si stabilisce in qui esistenza di non morti. La sua guida in questa Gabriella, che le sta insegnando le vie della sorellanza lahmiana e come può sopravvivere in un mondo pieno di fanatici e cacciatori senza altro obiettivo se non quello di purificarli.
Ulrika si stabilisce nel suo nuovo posto abbastanza rapidamente, giusto in tempo per sapere che qualcuno ha esposto e ucciso altri membri della sua sorellanza.
Ulrika è un personaggio divertente anche se il "buon" vampiro è un po 'stanco a questo punto. Almeno nell'universo di Warhammer non è sempre un lieto fine per tutti. Il libro è violento e non tutti lo fanno uscire.
Il finale è stato un po 'conveniente per me. I vampiri si confrontano con un gruppo di cacciatori di streghe e riescono a uscire dalla situazione. Mi sembra che se sospetti che qualcuno sia un vampiro, lo schizzi con la tua acqua santa. Quindi hai un vampiro morto o una persona bagnata, non così grande di una scommessa.
data di revisione 04/21/2020
Chancelor Colpack

Shadowhawk recensisce il primo romanzo di Ulrika the Vampire, una serie spin-off ispirata e caratterizzata da un personaggio della popolare e continua serie Gotrek & Felix.

"Un romanzo intenso e pieno di azione che approfondisce la vita di un vampiro recentemente trasformato che lotta per trovare il suo posto nel mondo." ~ I campi fondanti

Il mio precedente incontro con il lavoro di Nathan era l'eccellente Omnibus di Blackhearts, con le avventure di Reiner Hetzau, un ex pistolero dell'Impero, e dei suoi compagni mentre venivano inviati in una missione pericolosa dopo l'altra per espiare i loro crimini. L'omnibus è stata un'ottima lettura per me, considerando che è stato il mio primo romanzo di Warhammer Fantasy e quindi è stata un'ottima introduzione all'ambientazione, data l'ampia varietà di situazioni e nemici che Reiner e i suoi amici affrontano.

Il successivo è stato Orcslayer, parte della serie Gotrek & Felix in corso e, sebbene non buono come l'Omnibus di Blackhearts, era comunque una lettura abbastanza buona, in particolare con i suoi vari colpi di scena che ti tenevano in punta di piedi.

Ed è per questo che ho raccolto i romanzi di Ulrika in un batter d'occhio al Games Day di quest'anno. Volevo davvero tornare nel mondo di Warhammer e sapendo che il lavoro di Nathan mi ha sempre intrattenuto, Bloodborn e il suo sequel Bloodforged sono stati uno dei miei primi acquisti. L'impostazione di Warhammer è diversa dalla maggior parte delle altre impostazioni fantasy proprio perché è molto più scura di queste altre impostazioni ed è davvero unica in quasi tutto. È anche una delle ambientazioni più ricche di cui abbia mai letto e come una specie di controparte approssimativa del cupo buio di Warhammer 40,000 è una di cui mi è sempre piaciuto leggere in passato.

Bloodborn è il primo romanzo che ho letto dopo una pausa di circa due mesi e sono stato immediatamente catturato da esso. L'ho finito in circa due sedute ed è uno di quei pochissimi romanzi che abbia mai letto che ho finito così in fretta. In effetti, l'unico romanzo che ho finito più velocemente di questo sarebbe stato Harry Potter e l'Ordine della Fenice, che ho finito in un record di 5 ore.

La scrittura di Nathan scorre così bene da una pagina all'altra che è difficile resistere a scrivere questo romanzo. Avendo letto i romanzi di Gotrek e Felix che la descrivono anni fa, la sua storia era qualcosa che non ricordavo affatto sfortunatamente, ma non era affatto un problema. Gli eventi passati della serie originale sono citati in tutto il romanzo, in particolare dal momento che Ulrika ha ancora sentimenti piuttosto profondi per Felix, e quindi non è stato quasi uno sforzo per tenere traccia di tutti questi eventi.

Una delle mie prime reazioni al romanzo mentre stavo leggendo è stata la semplicità della scrittura di Nathan. Non esiste un linguaggio fiorito non necessario. Le scene d'azione, di cui ce ne sono parecchie, sono tutte brevi e ben confezionate e ognuna è unica. Ulrika, anche se a volte è un po 'angosciata e sbrigativa, non sminuisce le parole. Il che si adatta bene al suo personaggio in quanto è una Boyarina di Kislev ed era un soldato nell'esercito di suo padre prima che fosse trasformata. Anche il dialogo con gli altri personaggi, alcuni dei quali hanno personalità piuttosto prolisse, è breve e mirato.

La semplicità è sempre un grande vantaggio per me. Ho letto alcuni lavori eccessivamente prolissi in passato e mentre la mia esperienza con loro nel complesso è stata piuttosto incostante, è stata più di quest'ultima e meno la prima. Quindi mi piacciono i romanzi che tendono a non essere grandiosi e prolissi. Perché sono facili perdersi per tutte le ragioni sbagliate.

In termini di caratterizzazione, penso che Nathan abbia ragione sul denaro qui. Essendo un nuovo vampiro, specialmente uno che è stato ingannato e sedotto, le motivazioni di Ulrika e le sue azioni sono tutte credibili. Il che va bene e bene dal momento che Ulrika the Vampire ora si muove in una società molto diversa e fa parte di una cultura molto diversa da Ulrika the Kislevite. I suoi nuovi "amici", se così possiamo chiamarli, le sono particolarmente antagonisti senza nemmeno rendersene conto poiché sono tutti lahmiani, una linea di sangue da vampiro che si affida quasi esclusivamente a inganni e sotterfugi per raggiungere i suoi scopi. Ulrika il Kislevite trova naturalmente tali intrighi e trame piuttosto sgradevoli, ma Ulrika il Vampiro deve imparare a conviverci, per il suo bene.

La forte caratterizzazione non è qualcosa che è monopolizzata da Ulrika. Anche la sua mentore, la contessa Gabriella von Nachthafen, i vari lahmiani di Nuln, giovani e vecchi, e il templare Friedrich Holmann, un cacciatore di streghe di Sigmar, sono tutti interpretati in modo piuttosto superbo e coerente. La natura lahmiana è enfatizzata in tutto il romanzo e non si stanca mai perché la situazione in cui si trovano i personaggi è così intricata e fragile che un passo falso può far precipitare tutto su di loro.

Lo stesso vale per Holmann, la cui natura zelante è evidente fin dall'inizio, così come la sua dedizione concentrata e risoluta per il suo lavoro. È anche il giovane eroe accattivante nel romanzo e Ulrika, data la sua brama di Felix e Max, è irresistibilmente attratta da lui e il loro intreccio romantico è quasi straziante da guardare perché le loro nature sono completamente nemiche l'una dell'altra. Basti dire che le cose non finiscono bene per nessuno dei due, anche dopo tutti i tentativi di Ulrika di affermare la sua umanità sulla sua stessa natura aliena, vampirica.

I vampiri in genere non sono mai i bravi ragazzi, o le ragazze come in alcuni casi, e quindi trovarmi a incoraggiare i lahmiani a scoprire chi li sta uccidendo uno per uno è stato piuttosto eccitante e sorprendente. La trama si sposta quasi lateralmente, a volte, ma è sempre in progresso, quindi non è una delle mie lamentele perché Nathan gioca a indovinare con i suoi lettori. Ogni volta che sembra che le cose stiano cercando Ulrika e le sue nuove sorelle, il loro mondo si capovolge ancora una volta. E questa è la bellezza del romanzo proprio perché Nathan non rende prepotenti questi sconvolgimenti nella vita dei suoi personaggi o un lavoro da leggere. Sono tutti freschi e al punto.

È quasi come leggere un thriller omicida fantasy, e chi non ama un buon thriller?

Una delle migliori curiosità del romanzo è una discussione tra Ulrika e Gabriella mentre i due viaggiano dalla Sylvania a Nuln per assistere lì i lahmiani. La discussione ruota attorno alle diverse linee di sangue dei vampiri e dà suggerimenti molto allettanti su ciò che li rende davvero tick. La confusione di Ulrika in tutte le complessità è qualcosa a cui il lettore può ben identificarsi e ho trovato che fosse un bel tocco di Nathan.

La questione delle diverse linee di sangue tra i vampiri non è qualcosa che ho davvero incontrato nella più grande letteratura / media sui vampiri là fuori, quindi questa è stata una delle cose più singolari del romanzo. Avrai sicuramente la sensazione di non leggere dei tuoi stereotipati Vampiri ma di qualcosa di diverso che si distingue da solo. Che tutto ciò si colleghi molto bene all'impostazione di Warhammer più ampia è ovviamente un punto a favore.

La mia unica vera, grave lamentela con il romanzo è la sua fine. Nathan fa un buon lavoro nel costruire questo possibile finale, dandogli una sensazione quasi inevitabile ma quando tutto ruota intorno, stai ancora sperando che l'inevitabile non accada. Questo finale è tanto più toccante e potente perché Nathan non batte in buca con esso. È un finale scioccante di sicuro e quasi insensibile nella sua esecuzione. Ho menzionato quanto mi è piaciuta la semplicità del resto del romanzo e questo è un momento dell'intera narrativa che volevo che Nathan elaborasse e realizzasse davvero.

Che non parla bene del suo stile. Ti fa indovinare fino alla fine del romanzo e questo non è qualcosa che molti autori possono fare bene. Nathan in effetti sembra troppo facile, quindi complimenti a lui.

Se sei un fan di Warhammer Fantasy in generale, o un fan della Black Library ancora più in generale, o se hai sempre voluto prendere più letteratura sui conti dei vampiri dopo i romanzi di Jack Yeovil Genevieve e i romanzi di Steven Savile su Von Carstein, allora Bloodborn è per te . Anche se sei un nuovo arrivato nell'ambientazione, scoprirai che il libro è molto facile da approfondire e ti facilita il mondo di Warhammer con un buon ritmo e molti riferimenti ad eventi che accadono in altri romanzi. Quindi sì, consiglierò sicuramente il romanzo a chiunque.

Per quanto riguarda il suo punteggio, ci sono lievi problemi di editing nel romanzo, principalmente solo un paio di scambi di nomi e la strana parola qua e là che sono sbagliati e quindi trovo difficile dare al romanzo più di un 8.5. Ma quel finale, proprio quel finale, lo spinge oltre il segno e perché l'intera esperienza in generale è così buona, in particolare per un lettore di ritorno come me.

Pertanto, do Bloodborn un 9/10.
data di revisione 04/21/2020
Elladine Parmeter

Ho letteralmente divorato questa storia. Quattro giorni per leggere 400 pagine significa che la storia cattura il lettore. Niente potrebbe essere più vero di quello. Mi aspettavo una storia fantasy spensierata ma sono rimasto sorpreso dal finale. Non è agrodolce. È assolutamente tragico. Non tragico come in "il personaggio principale muore" (nessuno spoiler qui, stiamo parlando del primo libro di una trilogia), ma tragico come in "non c'è catarsi per il personaggio principale". La stessa storia inizia come un cliché "trova l'assassino" ma presto si svolge in modi inaspettati. L'autore sa come mantenere l'attenzione su tutta la storia e il linguaggio, sebbene a volte ripetitivo nelle sue forme, è piacevole e semplice da leggere, il che è abbastanza rinfrescante
data di revisione 04/21/2020
Nereen Humbel

Con la sua ambientazione in franchising e il cast pesante di vampiri, il romanzo intitolato con una trilogia in mente "Bloodborn" avrebbe potuto facilmente essere un caos di tropi fantasy abusati, personaggi dimenticabili e sequenze d'azione ambientate su una trama telegrafata. Invece, l'autore Long produce un ammirevole mistero a tema fantasy con simpatici personaggi che vivono al di là dei loro ruoli. Il cast segue sicuramente una traccia del suo culmine cinematografico, ma è un finale in coppia con un finale il cui impatto pochi si aspetterebbero da un romanzo di genere. I conflitti emotivi si stanno impegnando senza essere sovraccarichi, e c'è più di un personaggio che i lettori saranno tristi di lasciarsi alle spalle. Consigliato per gli appassionati di fantasy che potrebbero altrimenti sentirsi imbarazzati per averlo scelto dallo scaffale.
data di revisione 04/21/2020
Dorri Velazques

Avevo aspettative molto basse su questo libro. L'unica ragione per cui l'ho preso dal cestino della libreria era perché ho visto il logo "warhammer" su di esso, e per € 5,99 ho ingannato che valesse la pena rischiare.

Con un titolo come "Ulrika il vampiro" e l'immagine di copertina così com'era, mi aspettavo una "luna nuova" o forse anche un "incantesimo" nel libro. Sono stato piacevolmente sorpreso.

Ho trovato il personaggio principale molto simpatico anche se ha dovuto prendere alcune decisioni difficili durante la storia, e il finale è stato abbastanza originale da mantenere la mia lettura a un ritmo ansioso fino all'ultima frase.

Tutto sommato una lettura molto semplice e vale davvero la pena provare.
data di revisione 04/21/2020
Atcliffe Pushaw

ATTENZIONE QUI POSSONO ESSERE SPOILER !!!

di leggere i romanzi di End Times perché dopo aver seguito la storia di Ulrika dai primi romanzi di Gortek e Felix fino al primo romanzo di Doom of Gotrek Gurnison, Kinsayer, dovevo sapere cosa le era successo. Come è stato difficile [Email protected] ragazza del nord viene trasformata in una cagna senza cuore senza cura per l'umanità e ancor meno per Felix dopo essere stata trasformata in un vampiro?

Bene, questo libro, il primo dei tre, fa davvero un buon lavoro nel porre le basi. Tanto per cominciare, queste vampiri lahmiane sembrano essere l'esatto contrario di ciò a cui sono abituato a leggere sui vampiri in Warhammer. Dove tutti i vampiri maschi vogliono uccidere persone e fare domande ... beh, mai.

Queste signore si occupano di lavorare da dietro le quinte e di tirare le corde dall'ombra, perché farlo da soli quando hai un sacco di spume di sangue per farlo per te? E questo è parte del problema per Ulrika. Era abituata a essere in prima linea e ad affrontare i propri problemi. Non questo sfarzo e fafferia su cui insiste la sua padrona. Ed è questa la debolezza dei lahmiani.

Hanno passato così tanti anni a farsi il naso e a recitare la parte delle donne dell'alta società che hanno quasi dimenticato la loro natura di vampiro, al punto che quando sembra che uno scontro tra loro sia inevitabile, uno di loro dice letteralmente "Io ha dovuto combattere in oltre un secolo ". Hanno trascorso così tanto tempo fingendo di essere qualcosa che non sono, hanno dimenticato quello che sono in realtà.

Non c'è da stupirsi che Ulrika lo odia lì, viene rinchiusa e trattata come dice una bambola. Essere vestiti e sfilare in giro.

The Good Stiff
- Questo è il primo libro che ho letto in cui si approfondisce davvero il modo in cui funziona la società lahmiana, ed è brillantemente scritto.

- Mi è piaciuto come si riprende quasi immediatamente dopo gli eventi in Vampireslayer.

- La cacciatrice di streghe è stata un bel tocco, dopo aver letto Kinslayer e visto il suo distacco dall'umanità è bello vedere le circostanze su come è arrivata lì, immagino che la strada per essere un vampiro dal cuore freddo sia lastricata di relazioni rotte.

- Mi è piaciuto molto il finale, come si pone la sua domanda su dove siano le sue lealtà e se vuole stare con la sua padrona.

The Bad Stuff
-Questo sta iniziando a diventare un'abitudine ma non ho trovato nulla che non mi piacesse con questo libro, è stato ben scritto e vale la pena mettere la mia lettura dei romanzi di End Times.

Una cosa che dirò, mi piace come pensa ai suoi amici Gotrek, Felix e Max. Mi piace il fatto che sappia che ci sarà per lei (forse) e spero di non ucciderla? Bene, per quelli di noi che leggono Kinslayer credo che conosciamo la risposta a questo?

Se non hai letto nessuno dei romanzi di Gotrek e Felix, direi che ora è un buon momento. Non solo per la storia di fondo di Ulrika, ma anche perché sono alcuni libri impressionanti e probabilmente la serie di libri di Warhammer migliore e più lunga finora. ????
data di revisione 04/21/2020
Keynes Deklerk

Vale la pena leggere. Ci sono alcuni problemi grammaticali e di altro tipo che avrebbero potuto essere risolti con un altro giro di editing: mi hanno distratto dalla lettura, ma non abbastanza da dissuadermi dal continuare con la storia (perché la storia è piuttosto buona). Questo libro mi è stato suggerito (che non sa quasi nulla di Warhammer) da un amico (che, dovrebbe essere notato è un fan di Warhammer) in termini di storia dei suoi vampiri e che ha bisogno di una piccola visione del mondo di Warhammer. È sicuramente rinfrescante leggere una storia di vampiri in cui i vampiri sono in realtà mostri, ma hanno anche le loro "vite" e una società tutta loro mentre trattano con gli umani e così via. La protagonista è ancora simpatica mentre ammette di essere un mostro perché si aggrappa ancora alla sua vita umana da quando è una nuova vampira (e si chiede di chiedersi come andrà da qui - rimarrà aggrappata alle vestigia della sua vita umana o abbraccerà il suo vampirismo?). Il ritmo è atroce, principalmente a causa del fatto che l'autore ci ha raccontato tutto all'inizio invece di mostrarci come sono accaduti gli eventi prima di questo libro - il che ha portato a un improvviso afflusso di azioni non-stop. Ancora una volta, questo avrebbe potuto essere risolto con un altro giro di editing / redazione. Nonostante i negativi, non vedo l'ora di leggere i prossimi due libri della trilogia di Ulrika per scoprire cosa succede con questa storia interessante.
data di revisione 04/21/2020
Atalanta Bick

Non ero davvero sicuro di cosa aspettarmi da questo libro. Fa parte dell'universo di Warhammer e pubblicato con il loro marchio. Non so molto di Warhammer, quindi ho pensato che potrei essere lasciato indietro. Mi sbagliavo!

Ulrika the Vampire segue la nostra omonima protagonista durante i suoi primi mesi da giovane vampira. Questo è un momento difficile per i vampiri in quanto qualcosa li sta cercando e li sta uccidendo. Mentre cercano di cacciare il loro assassino vengono anche seguiti e interrogati dai cacciatori di vampiri. Intrappolata tra questi due nemici, Ulrika deve imparare a controllare i suoi impulsi e i suoi poteri.

Hai bisogno di 0 conoscenze di Warhammer per goderti questo libro.

Ben scritto e con un cenno alla regina dei dannati di Anne Rice.
data di revisione 04/21/2020
Hewes Casilles

Quindi, normalmente i romanzi di Warhammer sono solo scene di battaglia di sangue dopo scena di battaglia, motivo per cui le leggo. Un mio grave senso di colpa, alcune persone come stupide storie d'amore di YA, mi piacciono i sanguinosi libri di Warhammer? ‍♀️ TUTTAVIA QUESTO LIBRO, è stato bellissimo. Aveva una trama intrigante e un cast femminile di personaggi INCREDIBILE e sono appena morto. È un fantastico romanzo sui vampiri, ha avuto l'orrore gotico, i vampiri tosti, l'avventura, un LOVE INTEREST e le “sorelle” femminili che prendono a calci nel culo. Non posso proprio. Ulrika è ora il mio personaggio preferito, non c'è dubbio.
data di revisione 04/21/2020
Orest Bonet

Finalmente ho iniziato a leggere questo libro dopo essere stato assillato per anni dall'OH.
Era decisamente molto meglio di quanto pensassi.
Ci è voluto un po 'per finire a causa degli impegni della vita, ma non vedevo l'ora di iniziare il libro 2 della serie.
data di revisione 04/21/2020
Terrance Rattner

Significativamente meglio di quanto mi aspettassi. Molto un romanzo di Old World Warhammer ma una storia così solida piena di personaggi interessanti. In attesa del resto della serie.
data di revisione 04/21/2020
Babbie Swavely

Davvero abbastanza decente. Una storia di furti di vampiri e una piacevole esplorazione morale di un nuovo vampiro trasformato e dei suoi guai e travagli. Attendo con impazienza il secondo volume.
data di revisione 04/21/2020
Zoha Justin

Bloodborn è in realtà il libro che mi ha incoraggiato a scrivere il mio primo romanzo, soprattutto perché il personaggio principale è un vampiro. Ho pensato che il concetto fosse valido. Nathan ha una lunga esperienza in questo settore e la scrittura è molto ben eseguita. Ti connetti all'istante con Ulrika e sei desideroso di seguirla attraverso le sue avventure spesso spiacevoli.

La storia, metà mistero e metà avventura, è molto interessante e ti tiene dall'inizio alla fine. Tuttavia, le mie due critiche sarebbero che a volte la narrazione sembra un po 'distorta in alcune parti, non del tutto fluente come dovrebbe. In secondo luogo, mentre il climax epico delle storie è eccitante, è la sua conclusione finale molto deludente e il seguito della storia non ha corretto questa delusione.

Ma, se ti piacciono i vampiri e sei sullo sfondo di Warhammer Fantasy, questa è una bella storia.
data di revisione 04/21/2020
Berk Kuzel

Spinning off of the Slayer Series Vampire Slayer. Ulrika Magdova, ex amante dell'interesse di Felix e del neonato vampiro, è sotto l'istruzione e la cura della contessa Gabriella e sta facendo fatica a controllare la sua voglia di nutrirsi. Gabriella è una vampira di tipo lahmiano, è stata incaricata dalla sua regina di aiutare le sue sorelle a Nuln. Gabriella porta Ulrika con sé a Nuln, dove trovano delle sei sorelle, due sono state uccise. I loro corpi lasciati in pubblico con artigli e zanne estesi per esporli come vampiri, questo crea panico nella gente e attira l'attenzione dei Cacciatori di Streghe. Ulrika fa un po 'di spionaggio per la sua padrona e accetta di lavorare con una delle cacciatrici di streghe che non riconosce che Ulrika è lei stessa un vampiro.
data di revisione 04/21/2020
Colpin Toledo

Ulrika è una vampira, come molti vampiri, comprata in questa condizione contro la sua volontà. Negoziando la sua nuova vita contro l'orrore di essere una non morta, affronta anche cospirazioni nella città di Nuln.

Ulrika è apparsa per la prima volta nei libri di Gotrek e Felix di William King. Era una nobile kislevita e guerriera del regno di ghiaccio. Trasformata dal lichemaster Adolphus Krieger, fu affidata in custodia a un vampiro lahmiano per addestrarla sulle vie dei non morti e dei custodi dal soccombere agli istinti più bassi.

Questa non è solo una fantasia di vampiri, è anche un romanzo poliziesco che combina il meglio dell'alta fantasia con il mistero - la battaglia e che lo ha fatto con un po 'di sangue tra amici.
data di revisione 04/21/2020
Say Parminder

Parlava di una ragazza Ulricka che era stata opposta alla volontà dal vampiro e che suo padre lo uccise a causa del suo atteggiamento. Così Ulricka fu presa sotto la cura di Gabby che le insegnò alcune cose. Ma sembra che Ulricka funga da PI e incontri il suo nemico mortale ma diventano amici e si aiutano a vicenda. Non mi piaceva il fatto che accadessero fisicamente tra lei e questo ragazzo e alla fine è morto per mano della sua amante. La storia secondo me ha richiesto molto tempo per attrarmi, ma è stata interessante ma non mi è piaciuto come sia finita. Potrei essere ancora interessato a leggere il prossimo libro della serie. Non lo consiglio vivamente ma va bene.
data di revisione 04/21/2020
Negris Beckner

Mi aspettavo un franchising abbastanza standard qui, simile a quello che ottieni nei libri di Trek o Forgotten Realms, ma questo è stato sorprendentemente buono.

Questo avrebbe potuto facilmente essere un pezzo di licenza per tagliare i biscotti, ma l'autore ha immaginato abbastanza per trasformarlo in una lettura molto divertente ma non eccezionale.

Questo è il mio primo tentativo in un libro della Black Library dato che io stesso sono un giocatore di VC. Mi è piaciuta la storia e l'aggiunta alla peluria del mio Army Book.

Prenderò il prossimo libro alla fine.
data di revisione 04/21/2020
Roderick Deady

È stato abbastanza buono, anche se il personaggio principale era tratto da un romanzo di G&F (che detesto). Ci dà un'idea dei Lahmiani, anche se alcune parti del romanzo non sono all'altezza (ad esempio, "dimentica" di essere un vampiro). Potrebbe però diventare un personaggio più forte e più divertente.
data di revisione 04/21/2020
Netty Leanza

Fatti divertenti.

Uno dei vampiri nel libro si chiama Murnau, lo stesso del cognome del regista (FW Murnau) di un film chiamato Nosferatu (nel 1922), coincidenza? Non pensare.
data di revisione 04/21/2020
Elisee Kortz

Mi è piaciuto questo libro, mistero molto vivido ed eccitante. Il finale è pieno di azione, ma non era quello che pensavo dovesse essere.
data di revisione 04/21/2020
Jenette Kmiecik

Un grande libro e la parte migliore è che la storia sta persino migliorando con il secondo e il terzo libro di questa fantastica serie! Consiglio vivamente questo a chiunque!
data di revisione 04/21/2020
Nicks Mallozzi

Non è un brutto sforzo per una serie spin-off. La profondità della psicoanalisi che si può vedere nel personaggio di Ulrika è a dir poco interessante. In molti modi questa è una storia fantastica, ma rilevante per ogni persona che ha mai lottato per ritrovarsi e riorientare la propria vita dopo un evento che le ha cambiato la vita.

Lascia una recensione per Bloodborne