Homepage > Classics > Gotico > Finzione > Il romanticismo della foresta Recensioni

Il romanticismo della foresta

The Romance of the Forest
Da Ann Radcliffe
Recensioni: 30 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
2
Bene
10
Media
13
Male
3
Terribile
2
Ambientato in un'Europa cattolica romana di passioni violente e estrema oppressione, il romanzo segue il destino della sua eroina Adeline, che è misteriosamente messa sotto la protezione di una famiglia in fuga da Parigi per il debito. Si rifugiano in un'abbazia in rovina nel sud-est della Francia, dove vengono scoperte sinistre reliquie del passato - uno scheletro, un manoscritto e un pugnale arrugginito -

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Merton Iino

Ann Radcliffe takes the bump-in-the-night, crepuscular Catholicism of Horace Walpole, and adds a load of ‘sequestered virgin’ stuff straight out of Richardson. The result is rather a load of old tosh, to be honest, although there are some enjoyable thrills. The plot never makes much sense at the best of times, and by the end it has completely dissolved into dei ex machina, relazioni nascoste, interminabile poesia e così tanto svenimento dall'eroina Adeline che trascorre la maggior parte dell'inconscio del dénouement. Non importa se sposarsi, dovrebbe controllare la sua pressione sanguigna.

Forse la parte di maggior successo è la prima sezione, in cui la nostra eroina sincopica e le sue amiche si rifugiano in un'antica abbazia in rovina nelle foreste della campagna francese, dove si dilettano per essere "devoti alla malinconia e al dolore segreto". Questi capitoli sono pieni di passaggi segreti, scheletri, antichi manoscritti e simili, mentre Adeline respinge i progressi di un cattivo così libero da sfumature che potrebbe anche farsi roteare i baffi. Successivamente, piuttosto bruscamente, il romanzo diventa uno strano tipo di diario di viaggio, prendendo in Linguadoca, Provenza e Alpi come Radcliffe cita liberamente dalla letteratura di viaggio contemporanea.

Come sempre, il gotico è legato a un passato (per l'Inghilterra), e quindi al cattolicesimo "straniero". Gli eroi di Radcliffe in questo caso sono francesi del diciassettesimo secolo, sebbene allo scopo di esporre i suoi precetti morali, in genere prendono parte ai valori dell'anglicanesimo del XVIII secolo: così, quando un personaggio scopre la tomba sbriciolata di un monaco nel bosco, si lancia in una diatriba anacronistica:

‘Peace be to his soul! but did he think a life of mere negative virtue deserved an eternal reward? Mistaken man! reason, had you trusted to its dictates, would have informed you, that its active virtues, the adherence to the golden rule, “Do as you would be done unto,” could alone deserve the favour of a Deity, whose glory is benevolence.’

Allo stesso modo, nel cuore della Savoia cattolica, i nostri eroi in qualche modo finiscono per stare con un pastore che si stacca dalle pagine della sensibile dottrina calvinista (strappata principalmente da Rousseau). Sebbene i colpi di scena e gli sviluppi del personaggio siano decisamente incerti, vi è un certo interesse nel vedere come la forma del romanzo fosse ancora messa a fuoco qui, e occasionalmente i set di Radcliffe funzionano in modo abbastanza efficace. Nei suoi brevi intervalli di coscienza, Adeline può essere un'eroina piuttosto fortunata e alcuni dei personaggi secondari sono davvero convincenti - in particolare La Motte, che è una combinazione insolita di eroe e cattivo.

La cosa più interessante, forse, è vedere come i temi gotici adumbrati di Radcliffe - omicidio, stupro e cripto-incesto - sarebbero stati sviluppati con fragorosa esplicitazione da persone come Matthew Lewis e il Marchese de Sade. Sade era un suo grande ammiratore ed è curioso immaginarlo mentre sfoglia i suoi libri nella sua cella al Bicêtre. Ma in questo, come in tante altre cose, il Marchese e io non ci vediamo del tutto.
data di revisione 04/21/2020
Som Dzwonkowski

Questo era il mio terzo titolo Radcliffe e il mio meno preferito. Il blurb GR dice che si ritiene rappresenti il ​​suo miglior lavoro, ma o stavo vedendo la sua "formula" in modo troppo chiaro o semplicemente non ero impressionato dalla storia stessa, perché preferivo moltissimo The Italian. Quello era uno spasso. Era più un piagnucolio.

Certo, la piccola stampa nella mia edizione potrebbe aver reso il libro più difficile da affrontare. I miei vecchi occhi riuscivano a gestirlo solo in brevi sessioni, e probabilmente ero infastidito da quel dettaglio tanto quanto lo ero dalle tante volte in cui la nostra eroina Adeline svanisce. Lei sviene molto. E piange secchi di lacrime ogni altra pagina, ed è generalmente malinconica in tutto il libro, ma così dolce e nobile nel suo portamento che tutti la adorano a pezzi, incluso il cattivo. Quest'ultimo fatto è ovviamente uno dei motivi di tutte le sue lacrime e svenimenti.

Iniziamo a incontrare la famiglia La Motte, in fuga da Parigi per situazioni solo accennate, ma che gli costerebbe la vita del signor se rimarrà. È la persona più egoista a questo punto e in gran parte del libro, sempre più preoccupato per se stesso e per il suo futuro che per la sua famiglia, che ha trascinato giù con lui.

Durante la loro fuga attraverso una foresta oscura di notte, si incontrano con alcuni briganti che costringono La Motte a portare con sé l'orfana Adeline, e da lì alla fine della storia ci preoccupiamo di ciò che accadrà alla povera ragazza svenuta. A un certo punto ho indovinato chi fosse probabilmente il super cattivo, ma non ho indovinato le sorprendenti coincidenze nell'ultima sezione. Devo essere stato un po 'stordito da quel punto perché naturalmente gli eventi sarebbero accaduti esattamente in questo modo, non importa quanto potesse sembrare incredibile. Gli ultimi capitoli sono alza gli occhi trattenendo il respiro preoccupando Adeline e le sue amiche. Scapperanno tutti dalle grinfie del malvagio Marchese? Vivranno tutti attraverso gli svenimenti che hanno iniziato a colpire quasi tutti i personaggi a questo punto? E che dire di quel romanticismo ..... Adeline riesce mai ad asciugare gli occhi e ad essere felice ?!

Una nota su questa particolare edizione. L'introduzione ha uno spoiler importante nei primi paragrafi. A meno che tu non sia uno studente della storia e delle tradizioni del genere gotico, suggerirei di saltare sia l'introduzione che le note. Attenersi alla storia stessa. Per me potrebbe non essere stato il Radcliffe più interessante in circolazione, ma trasformarlo in un libro di testo sullo stile di scrittura non è il modo per renderlo migliore.
data di revisione 04/21/2020
Galen Granahan

Professionisti: Si legge come i buoni bit di Udolpho - vale a dire, come una sorta di morbidissimo mistero di Enid Blyton - meno i Bad Bits. Misteri ragionevolmente convincenti; tentativi di fuga sinceramente tesi; un senso di minaccia sessuale da adulto (se descritto in modo delicato / esilarante); molta atmosfera. diversamente da Udolpho, le rivelazioni non sono fragorosamente anticlimatiche, e c'è qualche vera ambiguità negli elementi soprannaturali - e ci sono misericordiosamente pochi paesaggi paesaggistici e sonetti a due punte (sebbene i Capitoli 18 e 19 abbiano tutti quelli mancanti in forma concentrata).

CONTRO: Eccessivo svenimento; Servi Semplici; una famiglia casuale di terzo atto; fisionomia. Le brave persone sono incredibilmente buone e le cattive sono eccessivamente cattive. Tutti si rivelano essere l'ex compagno di stanza del cugino del nipote di tutti gli altri. Seriale, abuso, di, virgole.

Quindi, in pratica:

Probabilmente l'unico romanzo di Radcliffe che potrei davvero raccomandare - o, sai, ridicolmente "raccomandare" - senza sentirmi pure colpevole. (Come tutti i suoi libri, è meglio leggerlo in tandem con amici con i quali è possibile sviscerarlo leggermente mentre si va. Forse è divertente per un club del libro?)

Il romanticismo della foresta ha la brevità e la stupida qualità sensazionale dei romanzi precedenti e più sciocchi di Radcliffe, ma è scritta nella voce più calma, più sicura (oserei dire "letteraria"?) delle sue opere successive. Sembra sicuramente essere il prodotto di una piccolissima svolta artistica. In realtà, ho il forte sospetto che l'accoglienza critica positiva per questo sia andata interamente alla sua testa e abbia portato alla Ann Radcliffe che tutti conosciamo e amiamo - "se a loro piacciono le mie descrizioni sublimi del paesaggio nei Capitoli 18 e 19, lo faranno amore tre interi volumi di alberi!'

Il nefasto nido d'amore del Marchese de Montalt vale probabilmente il prezzo del libro da solo:
The storm was violent and long, but as soon as it abated they set off on full gallop, and having continued to travel for about two hours, they came to the borders of the forest, and, soon after, to a high lonely wall, which Adeline could just distinguish by the moon-light, which now streamed through the parting clouds.

Here they stopped; the man dismounted, and having opened a small door in the wall, he unbound Adeline, who shrieked, though involuntarily and in vain, as he took her from the horse. The door opened upon a narrow passage, dimly lighted by a lamp, which hung at the farther end. He led her on; they came to another door; it opened and disclosed a magnificent saloon, splendidly illuminated, and fitted up in the most airy and elegant taste.

The walls were painted in fresco, representing scenes from Ovid, and hung above with silk drawn up in festoons and richly fringed. The sofas were of a silk to suit the hangings. From the centre of the ceiling, which exhibited a scene from the Armida of Tasso, descended a silver lamp of Etruscan form: it diffused a blaze of light, that, reflected from large pier glasses, completely illuminated the saloon. Busts of Horace, Ovid, Anacreon, Tibullus, and Petronius Arbiter, adorned the recesses, and stands of flowers, placed in Etruscan vases, breathed the most delicious perfume. In the middle of the apartment stood a small table, spread with a collation of fruits, ices, and liquors. No person appeared. The whole seemed the works of enchantment, and rather resembled the palace of a fairy than any thing of human conformation.

Adeline was astonished, and inquired where she was, but the man refused to answer her questions, and, having desired her to take some refreshment, left her. She walked to the windows, from which a gleam of moon-light discovered to her an extensive garden, where groves and lawns, and water glittering in the moon-beam, composed a scenery of varied and romantic beauty. 'What can this mean!' said she: 'Is this a charm to lure me to destruction?'
Wow.
data di revisione 04/21/2020
Stanwood Dennies

“He never read the Romance of the Forest, nor the Children of the Abbey. He had never heard of such books before I mentioned them, but he is determined to get them now as soon as ever he can.”

Capitolo 4, Emma, ​​di Jane Austen

(Contiene avvisi spoiler)

Decisi di leggere Romance of the Forest per vedere che tipo di libri Harriet Smith raccomandava al povero Mr. Martin. Mentre ho ancora molta strada da fare su Children of the Abbey (640 pagine!), Posso tranquillamente dire che sono libri molto sciocchi. Ora capisco che barzelletta sia per Harriet che il signor Martin legga questi libri. Sono libri gotici universalmente soprannominati, ma secondo me sarebbero descritti più accuratamente come romanzi sentimentali con elementi gotici.

Adeline, una giovane donna è allontanata da un convento ed è rinchiusa in un'abbazia dove pensa di essere protetta da un nobile e da sua moglie, ma è davvero stata istituita per diventare l'amante di un Marchese. In seguito scopre che il Marchese è un assassino (amico!) E suo padre (ewww!). Ma non sapeva assolutamente che fosse sua figlia. E si scopre che è suo zio. (Non esattamente come e-y-ma, ma comunque ... eww.)

Sai come Marianne in Senso e sensibilità di Jane Austen ha nozioni romantiche e cerca sempre intense emozioni e sentimenti? Bene, questa è la parte "Sensibilità". Marianne è l'incarnazione di personaggi come Adeline. Adeline abbraccia attivamente la malinconia, così come molti dei suoi amici e amanti. Colpisce il lettore moderno come molto strano. Penso che la malinconia avesse una definizione leggermente diversa rispetto a adesso, che non corrispondeva necessariamente alla depressione clinica. Tuttavia, i personaggi di questo romanzo sono piuttosto indulgenti nella prontezza a sentirsi tristi. Si parla molto di personaggi che cercano di sforzarsi contro il loro travolgente ennui, ma ciò serve principalmente a illustrare quanto siano forti e intense le emozioni che provano.

Questo è il tipo di assurdità che Austen mette in guardia contro la sua rappresentazione di Marianne. Le sue eroine sono donne sensibili come Elinor, la sorella di Marianne, il "Senso" di Senso e Sensibilità. Ma non c'è dubbio che Austen amasse davvero questi libri. Una volta è possibile vedere scene e situazioni in questi romanzi che Austen raccoglie e scrive variazioni nei suoi romanzi.

Alcuni dei giovani di Austen prendono in giro lo stile del romanzo gotico attraverso un assurdo mimetismo. Ma il suo lavoro da adulto mi colpisce come una risposta diretta allo stile letterario di Radcliff e altri. L'autrice di Romance of the Forest, Anne Radcliffe, prende scorciatoie che nessun laboratorio di scrittura tollererebbe. I personaggi principali spesso non sono descritti in alcun tipo di dettaglio. L'azione è descritta in modo casuale. Non scrive "e poi parlano un sacco e poi vanno a letto" ma si avvicina in molte circostanze. Radcliffe e altri romanzieri stavano lavorando su un supporto relativamente nuovo di zecca. Ci sono voluti pionieri come Austen per mostrare come stimolare correttamente l'azione e come descrivere i pensieri e le azioni delle persone in modo ragionevole.

Leggere Romance of the Forest mi ha fatto apprezzare maggiormente Jane Austen. Ora sono motivato a leggere altri romanzi della sua epoca in modo da poter comprendere meglio non solo il suo lavoro, ma come i romanzi hanno assunto le tradizioni che tutti diamo per scontate.
data di revisione 04/21/2020
Letisha Melinson

This book was published in 1791. Author Ann Radcliffe was married, never traveled far from London, and she is regarded as one of those writers that began the "romantic gothic novel." She profoundly influenced Jane Austin. The writing is so rich and exquisite, you'll need to go slow and savor each sentence. Is is possible that the English language peaked in the 18th century, and then we began to lose words? Here's an excerpt: "She read a little, but finding it impossible any longer to abstract her attention from the scene around, she closed the book, and yielded to the sweet complacent melancholy which the hour inspired." And Mrs. Radclifee continues this writing for 380 pages of very small print. If you ARE a reader of Gothic Novels, you may want to read this. And if you are NOT, I'll say this. The writing is such that you can read a chapter (and there are XXVI) a week and yet be able to remember the story line. Many of these books were published as weekly series in the newspapers, even though it took a half year to read to the end.
data di revisione 04/21/2020
Sexton Brumlow

È difficile recensire un libro come questo senza rivelare alcuni punti chiave (ovvero spoiler), quindi terrò la bocca chiusa. La storia è migliorata man mano che andava avanti: l'inizio mi ha annoiato. C'è un sacco di preamboli e impostazioni dell'umore che sono tutte belle e dandy, tranne che volevo solo arrivare alla carne della questione. Preliminari già sufficienti.

È totalmente gotico. È pieno di segreti, molta oscurità, un sacco di mistero e un sacco di lacrime spaventose. Seriamente, ero pronto a costruire un'arca a causa di tutte le lacrime di Adeline. Pianse più di un'adolescente che leggeva Twilight. Pianse più di quel tizio che sedeva di fronte a me quella volta che dovevo vedere Titanic al cinema.

Se Adeline avesse fatto soldi con ogni lacrima caduta, sarebbe stata un ricco personaggio letterario.

A parte le lacrime eccessive (che capisco è davvero un aspetto della letteratura gotica, quindi), c'erano alcune cose del 18 ° secolo che mi hanno infastidito perché sono totalmente una ragazza del 20 ° / 21 ° secolo - cose come le persone nella storia non aprono gli occhi. Li "chiudono". Credo che questa parola sia stata usata anche in relazione a una porta. "Chiudendo" gli occhi o le porte o quant'altro è un po 'inquietante per me. Sembra ... innaturale. E poi c'erano altre piccole cose britanniche che mi infastidivano. Come l'ortografia di "surprize" e "apprize". Totalmente distratto.

Non mi sono mai sentito così moderno rispetto a quando ho letto questo.

In tutta serietà è stata una bella storia. Un po 'melodrammatico per quello di cui avevo bisogno adesso. Se devo tenere insieme la mia merda, non ho molta simpatia per i personaggi che svenono, svenono, piangono, qualunque cosa ad ogni goccia di uno spillo. Volevo schiaffeggiare Adeline un paio di volte, ma poi ho capito che tutti i personaggi erano un po 'deboli.

Leggerò ancora I misteri di Udolpho. Radcliffe è stato incredibile nel descrivere l'ambiente, che si tratti di natura o di un'abbazia in rovina. Sono interessato a vedere come i suoi altri romanzi gotici reggono in confronto.
data di revisione 04/21/2020
Caspar Hachey

If The Romance of the Forest (hereafter ROF), were a film, it would be gorgeous - crumbly ruins, Swiss Alps, lakes, weeping willows, dark prisons, skeletons in basements. Guillermo Del Toro would be all over this shit. And if M. Night and Del Toro had a lovechild, he would direct this rambling exploration of victimhood. Don't expect a hero, expect, as another reviewer aptly put it, "a whole lot of freaking tears" and fainting, with frequent poetry breaks (I skipped all of the poems. Sue me). Another reviewer didn't seem to like the epigraphs. I thought they were freakin' brilliant. Especially all the Macbeth. Somebody has to have done their thesis on Macbeth + ROF, or the world is not a fair place.

Se stai cercando qualcosa che non ti richiederà un mese per leggere, leggi The Woman in White di Wilkie Collins (complimenti al recensore che lo ha suggerito). Più a lungo, ma meglio, e la trama si muove più velocemente. Non fraintendetemi, le ultime 60 pagine di ROF vi faranno tagliare le unghie e far cadere la mascella come un paziente mentale. È così contorto. Ci vogliono solo un sacco di scene della natura, sospiri, "sentimenti molesti" e ansia per arrivarci. In effetti, preparati a "farti incazzare da Adeline" (grazie recensore precedente!).

La Motte e il figlio sono più interessanti, sì. Ma Louis (figlio), è il precursore di Jacob e Theodore di Stephenie Meyer (non un La Motte) è, hai indovinato, scintillante Edward. Si trasforma in un triangolo amoroso in alcuni punti. Pierre (padre), inizia la storia, scompare, torna alla fine. È in conflitto, non è un bravo ragazzo e non ci resta che dubitare che sarà mai del tutto buono. E questo, amici miei, è una lettura interessante.

Leggi questo visivamente in modo da poter godere del paesaggio. Se non ci riesci, potresti annoiarti. Ma c'è molto da disimballare qui, se sei disposto ad affrontare il vero lavoro che ci vuole. Penso che ne valga la pena per le ultime 60 pagine.

data di revisione 04/21/2020
Kristoffer Boulter

In letteratura, poche cose suscitano la mia ira come coincidenze ridicole utilizzate come mezzo per far avanzare o legare una trama. È una testimonianza del fascino della finzione di Ann Radcliffe che l'ultimo quarto di questo libro non ha deragliato così tanto il mio divertimento. Sono completamente conquistato dalle sue descrizioni pittoriche del paesaggio (non abbastanza compiute qui come in I misteri di Udolpho, un lavoro migliore in generale), così come i ritratti di una vita familiare idilliaca che ha prenotato le sue opere. C'è una qualità edificante, un elemento essenziale bontà simile a quello trovato in Dickens, sui suoi romanzi che penso mi attireranno sempre e mi riempiranno di meraviglia e desiderio di un mondo (o calibro di uomo) migliore di questo. Mi piace persino la poesia. Questo è uno scrittore essenziale nella tradizione gotica / romantica e intendo leggere la sua opera.
data di revisione 04/21/2020
Kutchins Quitter

Full disclosure: This was my first Ann Radcliffe novel. It was, I would say, my first proper encounter with anything of this infamous genre. I’d say the closest I’ve been before was with Dracula, and that has so much horror and fantasy that I just think it’s almost apples and oranges.

Sono stato completamente preparato per donne delicate e piangenti dal cuore nobile e virtuoso e grondanti di buone qualità. Sono stato preparato per foreste tenebrose che contenevano molti segreti oscuri. Adoro un buon castello in rovina; mi aspettavo uno di quelli.

Non ha assolutamente deluso, su tutti questi punti. C'è un omicidio e un gioco disgustoso, c'è un orfano povero ma bellissimo senza un amico al mondo, a chi si rivolgerà, nessuno la aiuterà? e c'è l'immaginazione evocativa che il titolo evoca. E nel complesso, l'ho trovato immensamente divertente. Non ho bisogno di fare il lirico sul romanzo gotico, e onestamente non penso di dover approfondire la trama, ma ecco alcune osservazioni casuali:

The Romance of the Forest è stato scritto nel 1791. Quello che ho trovato nelle opere di lettura del 1700 è che questo è il periodo (almeno per me) in cui si è verificato uno dei più grandi cambiamenti nello stile di prosa, in particolare per quanto riguarda la durata e l'uso della frase di virgole. Scopri la lunghezza della seconda frase di Robinson Crusoe di Defoe, scritta nel 1719:

"Ottenne una buona proprietà per merce e, lasciando il suo commercio, visse in seguito a York, da dove aveva sposato mia madre, i cui parenti si chiamavano Robinson, una famiglia molto buona in quel paese, e da cui fui chiamato Robinson Kreutznaer ; ma, per la solita corruzione delle parole in Inghilterra, ora siamo chiamati — anzi ci chiamiamo e scriviamo il nostro nome — Crusoe; e così i miei compagni mi chiamavano sempre. "

Cripes. È molto districante se non ci sei abituato. E Robinson Crusoe non è nemmeno particolarmente difficile. Se hai voglia di una sfida, prova le lettere dell'ambasciata turca di Lady Mary Montagu, più o meno alla stessa ora.

Alla fine del 18 ° secolo, la sintassi sembra aver fatto un grande passo verso frasi più brevi e comprensibili, ed è stato quel cambiamento di cui ho tratto beneficio leggendo The Romance of the Forest. C'erano ancora alcune cose che si sono ostacolate, ma nel complesso la prosa differiva poco dalla struttura della frase ai giorni nostri.

La principale differenza tra le epoche della letteratura era la lunghezza! Radcliffe è stato pagato per parola? Più a lungo è meglio? Abbondanti quantità di descrizione abbondano, paragrafo dopo paragrafo, in un modo in cui un editore moderno prenderebbe immediatamente la penna rossa. E ci è voluto un po 'per abituarsi, ma onestamente, una volta che ero nella marcia giusta, non l'ho odiato. Era certamente un'occasione per sguazzare in prosa.

L'altra osservazione molto ovvia era nella rappresentazione dell'adorabile eroina, Adeline. Adeline, in poche parole, pianse per tutto il romanzo. Nessuna pagina potrebbe passare senza che gli occhi le si riempiano di lacrime. Se ci fosse un gioco a bere The Romance of the Forest, ed è stato un sorso di vino per "lacrime" e due per "cupo", saresti sul pavimento a metà del primo capitolo.

Il che è strano, per due motivi. Il primo è che non è una pushover. Svenisce alcune volte (perché ovviamente lo fa), ma va esplorando e cercando di risolvere i misteri (anche quando coinvolgono scheletri nei sotterranei), e cammina da sola nella foresta e fugge quando viene imprigionata. Tutto sommato, le sue azioni sono piuttosto sdolcinate vista l'epoca, nonostante il fatto che lo faccia mentre piange e svenisce e sospira sulle cose.

E la seconda ragione per cui è strano è che, per l'amor del cielo, è stata scritta da una donna! È questo ciò che Radcliffe voleva essere, una giovane donna che piangeva delicatamente e che era irreprensibile, ma a cui continuavano a succedere cose deliziosamente orribili? Apparentemente non sappiamo davvero abbastanza di lei per trarre una conclusione sul perché la sua eroina è così debole. Ma questo non è un prodotto dell'era da solo - un sacco di personaggi femminili di questo periodo erano decisamente pratici, da Lizzie Bennet a Fanny Hill.

A parte questo c'erano un paio di altri aspetti degni di nota. Il primo è stato che, verso la fine, i capitoli sembravano iniziare a vacillare. C'è stato un intero capitolo, penso ambientato a Nizza, che sembrava non avere alcuno scopo reale, e che mi ha fatto solo dimenticare i cattivi del pezzo che sono andati a lungo senza menzione. E mentre avanzavo verso di loro verso la fine, e le pagine rimanenti diventavano sempre più numerose, mi ritrovai a chiedermi come mai il romanzo potesse essere risolto nel tempo. Ho iniziato a sospettare che non lo sarebbe mai stato e che il distanziamento degli antagonisti era intenzionale, in modo che quando non avessero mai ottenuto la loro sorpresa, il lettore non sarebbe stato così indignato.

Non avrei dovuto preoccuparmi. All'incirca il capitolo finale si avvia all'improvviso in una marcia così frenetica che mi sono ritrovato a chiedermi quando la cocaina fosse entrata nella società inglese e se la signora Radcliffe ne avesse appena offerto un po '. Tutte le estremità sciolte sono legate, tutti i cattivi mordono la polvere e tutti gli eroi e le eroine vivono felici e contenti e si trovano comodamente ricchi per l'avvio. Huzzah, dico I.

Mi è piaciuto molto The Romance of the Forest. È stata un'educazione per me, in un genere classico che non avevo mai veramente esplorato, e che svolge un ruolo importante nello sviluppo della letteratura inglese. Ho adorato il libero sfogo e il gioioso abbandono che è stato dato alle descrizioni di luoghi che l'autore sicuramente non aveva mai visitato, e ho sorriso al personaggio francese occasionale che ha dichiarato che gli scrittori inglesi erano sicuramente i migliori che ci fossero.

Uno da provare quando hai un sacco di tempo e pazienza!
data di revisione 04/21/2020
Docia Rogg


"Il romanticismo della foresta" è un romanzo gotico di Ann Radcliffe che fu pubblicato per la prima volta nel 1791. Radcliffe era un autore inglese e un pioniere del romanzo gotico. Il romanzo è stato il suo primo grande successo, ha attraversato quattro edizioni nei suoi primi tre anni. Tuttavia, si sa molto poco della vita di Radcliffe. Nel 1823, l'anno della sua morte, la Edinburgh Review, disse: "Non è mai apparsa in pubblico, né mescolata nella società privata, ma si è separata, come il dolce uccello che canta le sue note solitarie, avvolta e invisibile." Christina Rossetti ha tentato di scrivere una biografia sulla sua vita, ma ha abbandonato il progetto per mancanza di informazioni. Dato che si sapeva così poco sull'autore, c'erano molte voci su di lei come se fosse impazzita a causa della sua terribile immaginazione e fosse stata confinata in un manicomio, che fosse stata catturata come una spia a Parigi o che avesse mangiato rara braciole di maiale prima di ritirarsi per stimolare gli incubi per i suoi romanzi. Se una di queste voci fosse vera nessuno sembra saperlo. Ho letto che Radcliffe ha influenzato molti autori successivi, tra cui il Marchese de Sade, Edgar Allan Poe e Sir Walter Scott. Mentre sarei stato elettrizzato nel sapere che ho ispirato Edgar Allan Poe e Sir Walter Scott, spero certamente che nulla di ciò che scrivo abbia mai ispirato il Marchese de Sade, ma sono solo io, tranne che nel mio diario non ho mai scritto una parola in tutti. Ho pensato che fosse interessante che alla fine Radcliffe non amasse la direzione in cui andava la letteratura gotica e ha smesso di scrivere presumibilmente per frustrazione, anche se non ho idea di cosa non le piaccia.

Radcliffe ha pubblicato sei romanzi in tutto, ma lo è stato "Il romanticismo della foresta"che ha stabilito la sua reputazione come la prima tra le scrittrici di romanzi della sua era. Il romanzo è considerato romantico nelle sue vivide descrizioni di paesaggi e scene di lunghi viaggi, ma l'elemento gotico è evidente attraverso il suo uso del soprannaturale e molte altre cose spaventose. Per quanto riguarda il gotico, ho cercato la descrizione e ho scoperto che dovrebbe causare una piacevole specie di terrore. Nel romanzo gotico dovremmo avere:

"un mistero minaccioso e una maledizione ancestrale, nonché innumerevoli simboli come passaggi nascosti ed eroine svenute spesso".

Alla fine "ogni apparente intrusione soprannaturale è infine ricondotta a cause naturali".

Dobbiamo avere un'ambientazione inquietante: "Lo scenario in rovina e in rovina implica che un tempo esisteva un mondo fiorente. Un tempo l'abbazia, il castello o il paesaggio erano qualcosa di prezioso e apprezzato. Ora, tutto ciò che dura è il guscio in decomposizione di una dimora un tempo fiorente."

Abbiamo tutto questo dentro "Il romanticismo della foresta". È stato divertente leggere solo per cercare tutti questi elementi. La nostra eroina, Adeline, è certamente in pericolo, è sempre in pericolo da una cosa o dall'altra e passa molto tempo a svenire. Quindi abbiamo bisogno di un eroe e lo abbiamo in Teodoro, uno degli assistenti del Marchese de Montalt. Parlando del Marchese de Montalt, è il nostro malvagio villico e ovviamente avevamo bisogno di un villico. Altri due personaggi principali sono il signor Pierre de la Motte e sua moglie, la signora Constance de la Motte. La Motte trascorre il suo tempo andando avanti e indietro tra uno dei bravi ragazzi e uno dei cattivi. All'inizio del romanzo la Motte e sua moglie stanno fuggendo da Parigi dove è in debito e stanno cercando di sfuggire ai suoi creditori. Con loro ci sono i loro servi Peter e Annette, Peter fornisce molta commedia al romanzo. Ovviamente è buio mentre fuggono e, naturalmente, entrano in una foresta profonda e scura dove si imbattono in Adeline e la salvano da una casa di villici. Ora la loro carrozza si rompe e camminano attraverso i boschi incontrando un'abbazia abbandonata e in rovina. Avevamo sicuramente bisogno di una foresta oscura e di un'abbazia in rovina. Poi scoprono dagli abitanti del villaggio la storia di un uomo intrappolato nell'abbazia per non essere mai più visto. Nessuno nel villaggio andrà vicino all'abbazia, ci viene detto che gli unici occupanti sono topi, pipistrelli, gufi e, naturalmente, il fantasma del ragazzo intrappolato.

Non voglio dirti altro della trama, leggi il libro se vuoi saperlo. Mi sono divertito a leggere questo libro, cose sciocche e tutto il resto. Ero divertito con me stesso che quando il grande mistero dell'uomo intrappolato fu risolto ero così preso dalle rovine e dalle tombe della foresta e dal raccapricciante Marchese e da altri colpi di scena nel romanzo che mi ero completamente dimenticato che c'era un presunto fantasma che correva intorno al rovina in primo luogo. Ci sono state molte volte in cui l'ultima cosa che Adeline avrebbe dovuto fare era svenire e lei mi ha infastidito con quasi mai intraprendere una sola azione per aiutare se stessa, quindi a causa di ciò e una o due cose che non menzionerò, le do tre stelle. Lo rileggerei sicuramente, se mai dovessi leggere tutti gli altri miei libri.
data di revisione 04/21/2020
Mill Volinsky

Una ragazza sconosciuta donata a uno sconosciuto, un'abbazia deserta, camere segrete, ossa, un marchese crudele, il bel straniero ... ahh ... La mia prima storia d'amore gotica. L'ho letto dopo aver letto Northanger Abby (Austen) - È un romanzo rosa e un'avventura in uno. Un piacere colpevole per le ragazze la cui immaginazione aveva la tendenza a scatenarsi. Quale male si nascondeva ogni volta che prendevano la carrozza? Quale spirito sconosciuto viveva nella foresta?

Per quanto riguarda il libro stesso, ho pensato che avesse una trama abbastanza buona ... prevedibile per una storia d'amore ma ancora abbastanza colpi di scena che fosse interessante. Forse non una lettura da spiaggia ma una fredda notte invernale. Il linguaggio potrebbe essere un po 'estraneo a volte e le poesie sono spesso citate nella narrazione, ma ogni volta che mi sono imbattuto in uno di questi passaggi ho potuto solo immaginare una ragazza che cercava di immaginare la scena e desiderava la maggior descrizione possibile. Ciò che è più romantico di uomini e donne in grado di citare la poesia durante i periodi di coercizione o per il loro amante. Perché altrimenti le ragazze dovrebbero imparare la poesia?
data di revisione 04/21/2020
Montfort Stiern

[Queste note sono state fatte nel giugno 1981:]. Fonte: Robarts. Finito maggio / 81. Dopo aver letto Castelli e Romanticismo Siciliano, Sono stupito dal sorprendente miglioramento di questo libro. Per i miei soldi è meglio di Udolpho - è misericordiosamente libero dall'eccessiva descrizione naturale e le sue scene di cellule della morte mi commuovono un po 'più della coraggiosa difesa di Emily della sua proprietà. Il Marchese non è, forse, magistralmente un cattivo come Montoni, ma poi, nessuno dei due può vivere fino a Schedoni, e trovo Adeline e il suo amante un po 'più indipendenti di mente che Emily / Ellena e Valancourt / Vivaldi. Il miglior Radcliffe che ho letto finora, anche se non ho ancora finito L'italiano.
data di revisione 04/21/2020
Ranee Surano

descrizione
Una buona lettura È in qualche modo esagerato, il che è davvero fastidioso!
Amavo quei romanzi forse due anni fa, ma ora penso di no! Così semplice!

descrizione

C'erano alcune belle citazioni nel romanzo. La sua lingua è piuttosto ordinata.
Leggerò l'altro popolare romanzo di Radcliffe, Adolpho :) Ne sono davvero entusiasta.
data di revisione 04/21/2020
Shelden Godbe

I recently went to an exhibition on female Gothic literature in Jane Austen's old abode Chawton. Obviously the booksale at the end included novels by Anne Racliffe, much loved by Catherine Morland in Northanger Abbey. I think the Mysteries of Udolpho had sold out so I bought the Romance of the Forest. I imagine Radcliffe would have been amused to see her books are now Oxford Modern classes as I am pretty sure they were the pot boilers of the day. In this story the pure innocent and beautiful Adeline goes through many dreadful trials but gets through them due to her innocence, purity, beauty and excessive swooning. It starts off in a ruined abbey in a forest where there are skeletons, secret rooms and other most dreadful things. Then she meets up with a terrible Marquis who seems to have designs upon her purity.. he reminded me a bit of Count Olaf in a series of Unfortunate events... shed think shed got rid of him and then he would turn up again Then she goes off and visits lots of lovely places in Switzerland and Savoie and goes sailing around the Mediterranean on a boat. Those were my favourite bits as the scenery was very well described. The language was delightfully naive. I particularly loved the "stupendous mountains" every time a mountain was described .. i live in the mountains but have never heard them described as stupendous. Perhaps I shall start doing so myself now.
data di revisione 04/21/2020
Sackman Mavrakis

Quasi non riesco a credere di aver finalmente finito questo orribile libro.

In primo luogo, ho pensato che fosse incredibilmente noioso, ho continuato a sperare che sarebbe migliorato, ma anche se verso la fine succedono più cose, ciò non significa che vada bene. La fine è incredibilmente inverosimile, dipende completamente da tutti i tipi di coincidenza. Il personaggio principale dovrebbe essere il tipo ispiratore di ragazza pia e buona, ma mi è sembrata molto fastidiosa. È costantemente svenuta e non è in grado di affrontare la sua situazione. Non il tipo di eroe che mi piace. Anche gli altri personaggi sono molto piatti ed è stato molto difficile entrare in empatia con loro.

Ho dovuto leggere questo libro per un corso di letteratura gotica, ma non mi sembra davvero gotico. Non c'è ruolo per il soprannaturale e non è poi così spaventoso. Sono soprattutto persone che camminano attraverso corridoi bui.
data di revisione 04/21/2020
Bor Morice

Questa recensione è stata originariamente pubblicata su warmdayswillnevercease.wordpress.com

Innanzitutto, la trama è stata grandiosa, ma secondo me è stata un po 'formulata. Ho letto molti romanzi gotici però ed è facile notare schemi o tropi quando leggi molti romanzi come questo. Tuttavia, era ancora una trama abbastanza grande, piena di intrighi e terrore, quindi mi sono divertito ancora. Il romanzo della foresta è anche magnificamente scritto. La scrittura di Ann Radcliffe è così descrittiva e parla a tutti i tuoi sensi. È accattivante e ti immergi completamente nel mondo che ha creato. È un vero piacere leggere.

Mi sono piaciuti molto anche i personaggi di questo romanzo. Radcliffe scrisse le eroine più incredibili che erano esperte e intelligenti. Adeline conosce la sua stessa mente ed è determinata a sfuggire al terribile Marchese che è irremovibile nel farla diventare sua moglie / amante. Mi è piaciuto molto anche Peter, che è un "domestico" nel romanzo, ma ha un ruolo enorme nella vita di Adeline mentre la mette in guardia dal pericolo in cui si trova e la aiuta a pianificare la sua fuga. Penso che tutti i personaggi siano ben scritti e ben arrotondati in questo libro. Hanno tutti un ruolo importante da svolgere nella trama e non ci sono personaggi che sono solo nel libro senza motivo.

Alla fine, ho adorato il finale. Non lo rovinerò, ma è meraviglioso ed è una conclusione davvero soddisfacente per il libro.
data di revisione 04/21/2020
Lenox Bordeau


Dopo essere stato stolti da I misteri di Udolpho, Ero un po 'titubante nel leggere un altro dei libri di Radcliffe. Di conseguenza, sono rimasto piacevolmente sorpreso Il romanticismo della foresta, che è molto più breve e notevolmente meno sciocco. L'eroina inizia come una ragazza abbastanza sensibile, anche se mentre il libro avanza sviluppa una tendenza a svenire. Ma nel complesso il mistero si svolge bene, così come il romanticismo. Il cattivo è utilmente malvagio (con motivazioni logiche). A parte l'eccessiva poesia (che ho semplicemente ignorato), questa è stata davvero una storia piuttosto divertente.
data di revisione 04/21/2020
Beichner Anantram

Ad essere sincero: ho iniziato a leggere questo perché è menzionato in "EMMA".

Ha smesso di leggerlo a metà perché mi sono detto "Se questa stupida ragazza sviene ancora una volta, ho finito." Due pagine dopo, lo fece. E io ero.

Se ti piace un'eroina con anche solo un po 'di sperma, questo libro non fa per te.
data di revisione 04/21/2020
Godderd Hooghkirk

Questo potrebbe essere il mio ultimo romanzo di Ann Radcliffe. Il divertimento di The Romance of the Forest è stato molto più grande di Mysteries of Udolpho, ma i suoi romanzi sono così incredibilmente estenuanti da leggere. Il ritmo di The Romance of the Forest è stato più rapido e pieno di azione rispetto a MOU, e i personaggi sembravano molto meglio scritti. Non male, ci è voluto solo per sempre.
data di revisione 04/21/2020
Brezin Seacrist

Adoro i romanzi gotici. Questo è altrettanto buono, se non migliore dei Misteri di Udolpho. Posso sempre contare su omicidi, romanticismo pulito, intrighi, corruzione, lezioni apprese e lieto fine. Cosa non mi piace dei romanzi gotici: i svenimenti. Le donne non sono altro che vittime e anche gli uomini sono sempre in lacrime. È una specie di montagna russa emotiva ... per loro comunque. LOL
data di revisione 04/21/2020
Gusty Tenley

Un po 'divertente, con tutti i primi temi gotici. È diventato un po 'troppo lungo e i personaggi erano piatti. Cosa dovrei aspettarmi di più?
data di revisione 04/21/2020
Puri Gyden

Mentre questo libro è iniziato davvero interessante e misterioso, il mio interesse per esso ha iniziato a diminuire dopo un po '.

La scrittura si trascina, ho letteralmente saltato le pagine senza sentire la mancanza di qualcosa. È stato scritto poeticamente e include anche alcune poesie, che potrebbero piacere molto, ma non me ne importava, dal momento che ha aggiunto alla sensazione che questo libro spesso non è arrivato al punto. Mentre alcuni personaggi sembravano affascinanti nelle prime due pagine, non erano sufficienti per tenermi impegnato. Adeline era particolarmente semplice: mentre mi dispiaceva per la sua vita triste, non c'era molto personaggio se non piangere tutto il tempo. Mi sembrava di non averla presa, quindi il suo viaggio è diventato meno significativo per me. Né ho capito perché tutti si sono innamorati di lei immidiatamente.

C'erano alcuni aspetti positivi: l'abbazia era suggestiva, c'era una bella svolta e altre cose divertenti, ma verso la fine non potevo aspettare fino a quando fosse finita.
data di revisione 04/21/2020
Kwei Celestino

A classic work of historical fiction, one of the first Gothic Romances ever written. Radcliffe's beautiful descriptions of nature combine with her use of poetry and prose to tell the story of Adeline. Raised in a convent, she refuses to take the veil and after being removed and taken to a small cottage is given into the care of la Motte and his wife - gentry fleeing Paris after la Motte became embroiled in a scandal. Agreeing to take Adeline under his care, la Motte takes the young girl and his wife to live in an abandoned and desolate abbey. When the owner of the abbey discovers them a series of events are set in motion that will change all their lives forever. If you ever wondered where Gothic Romance began, read Radcliffe. Sometimes difficult to read, the plot is twisted, and the prose is beautifully descriptive.
data di revisione 04/21/2020
Rutherford Hassinger

This is my favorite Radcliffe (no quasi-supernatural events to be explained away), and I think I now know where Jane Austen got the idea for her proposal scene(s) in Pride and Prejudice. I also liked the nod to Richardson's Pamela at the end of this novel, and so many other aspects as well. The plot was slow in starting, but Adeline's escape to Savoy and the La Luc family were interesting to read about, as were the prison scenes. Edmund Burke's Sublime and Beautiful essay clearly an influence on Radcliffe throughout. The father / daughter dynamics, perhaps coupled with Shelley's Mathilda, may make for an interesting conference paper topic.
data di revisione 04/21/2020
Childers Scarpa

This is another one I had to read for school. There were parts of the story I really enjoyed, mostly volumes 1 & 2 of this. But volume 3 I had SUCH a hard time with until the last 50ish pages. There were many times when the writing in this just dragged on forever, and I can’t tell you how many times the main character cried/fainted. But overall I still enjoyed this read.
data di revisione 04/21/2020
Marmawke Suder

I have enjoyed all Radcliffe's other novels, and The Romance of the Forest is no exception. Indeed, I believe it is my favourite. I enjoyed the simplicity of the tale and cared about the characters. The Gothic themes are there, but they are more subdued than in Radcliffe's later works, so they don't take over the narrative. All up, this was a delightful read from start to finish. It is very much a work of its time, but that will be no obstacle for those used to reading eighteenth century literature. It is certainly one for all Gothic fans.
data di revisione 04/21/2020
Rebecka Koback

Confesso di voler leggere i libri della signora Radcliffe da quando ho letto Northanger Abbey. Ora ho provato questo, e devo dire che mi è piaciuto molto. Forse Jane Austen mi considererebbe sciocca, ma non credo di dover seguire l'opinione di Jane Austen in ogni aspetto della mia vita!

Certo, la scrittura è talvolta (spesso?) Esagerata con il suo stile romantico eccessivamente descrittivo, ma ho un debole per quello stile e potrei trascurare i suoi eccessi con un sorriso divertito occasionale. Alzavo gli occhi ogni volta che appariva un'altra poesia, specialmente quando non erano poesie particolarmente buone, ma allo stesso tempo queste rapsodie entusiaste appartengono totalmente allo stile generale. La trama, ora, con tutti i suoi misteri e intrighi, era eccitante e spesso mi teneva incollato al libro. Il romanticismo è stato molto, beh, romantico, ma mi è piaciuto e ho provato molta simpatia per Adeline e il suo amore da gentiluomo per tutte le prove che hanno dovuto affrontare. In generale, i personaggi non sono disegnati in modo super fine o altro, ma mi piacciono molto. E Adeline riesce ad essere abbastanza coraggiosa e ammirevole per una ragazza che sviene ogni due pagine circa. Chiaramente il suo corsetto era troppo stretto, povera ragazza.

L'unica cosa di cui non mi importava era la "discussione di idee" elogiata dalla quarta di copertina; la parte più noiosa del libro era senza dubbio la rappresentazione estremamente lunga e superflua dello stile di vita e dei valori di un certo virtuoso sacerdote. Ha interrotto la mia lettura per circa tre settimane perché mi ero solo annoiato. Era inutile, noioso e non originale, in gran parte sollevato direttamente da Rousseau piuttosto che presentare un pensiero molto originale della signora Radcliffe. Preferirei che avesse appena incluso una nota a piè di pagina dei suoi libri preferiti di Rousseau, con alcune frasi che annotavano dove le sue opinioni divergono dalle sue (sembra avere una visione leggermente più liberale dell'educazione delle donne), e ci ha risparmiato i sermoni e è andato avanti con la trama. Questo è ciò in cui è brava; filosofare e predicare, non tanto. Mi è piaciuta la cosa dello spettacolo-vita-e-filosofia-del-religioso quando Victor Hugo l'ha fatto, ma la signora Radcliffe lo fa piuttosto male. Ma sono contento di averlo superato, perché il resto del libro mi è piaciuto molto.

Penso che proverò il Misteri di Udolpho Il prossimo. Da Romance of the Forest è forse il libro elogiato per i suoi valori filosofici Udolpho si concentrerà esclusivamente sulle cose buone, vale a dire. trama e mistero con qualche romanzo idealistico e poetico sul lato. Non sto dicendo che non mi importa di alcuni contenuti più profondi, ma per questo mi rivolgerò a qualche scrittore più adatto a questo. A cosa serve Radcliffe sono i brividi e gli intrighi con un sacco di descrizione fiorita e romanticismo idealistico sul lato. E quel tipo di letteratura ha totalmente il suo posto nel mio mondo, anche se ogni tanto ridacchia quando probabilmente non dovrei.
data di revisione 04/21/2020
Bevon Kirkman

Ann Radcliffe, o "La grande incantatrice" mentre veniva soprannominata, era una delle scrittrici più influenti e popolari degli anni '1790 del Settecento. È generalmente considerata la scrittrice leader del genere popolare di narrativa gotica, poiché il genere si è sviluppato nella fine del XVIII secolo in Gran Bretagna.

Radcliffe aveva pubblicato due brevi romanzi gotici, "The Castles of Athlin and Dunbayne" (1789) e "A Sicilian Romance" (1790) prima del suo primo romanzo acclamato dalla critica, "The Romance of the Forest" nel 1791. Scritto solo due anni dopo la Rivoluzione francese del 1789, il romanzo è ambientato in Francia e si impegna direttamente con la politica della Francia post-rivoluzionaria e il periodo che divenne noto come "le Terroir". In effetti, la finzione di Radcliffe nel suo insieme ha il merito di suscitare efficacemente l'emozione del terrore nel lettore (al contrario dell'orrore), principalmente evocando il sentimento del sublime attraverso il suo uso distintivo di ambientazione, ritmo narrativo e atmosfera. In "The Romance of the Forest", l'isolamento dell'eroina Adeline e la crescente persecuzione sessuale per mano di un vecchio Marchese dissoluto in un castello sconclusionato e desolato nel cuore di una vasta pineta, è la sostanza di infiniti incubi immaginari a venire:

'Per la sua immaginazione, i motivi erano illimitati; aveva vagato da un prato all'altro e da un boschetto all'altro, senza percepire alcuna fine al luogo; il muro del giardino che non riuscì a trovare, ma non decise né di tornare al castello né di abbandonare la sua ricerca. Mentre si alzava per andarsene, percepì un'ombra muoversi a una certa distanza; si fermò ad osservarlo. Avanzò lentamente e poi scomparve, ma in quel momento vide una persona emergere dall'oscurità e avvicinarsi al punto in cui si trovava. Non aveva dubbi che il Marchese l'aveva osservata, e corse con tutta la velocità possibile all'ombra di alcuni boschi sulla sinistra. I passi la inseguirono e sentì ripetersi il suo nome, mentre invano si sforzava di accelerare il passo "(cap. XI).
data di revisione 04/21/2020
Ruggiero Gurrieri

Being a huge Jane Austen fan, I've naturally been curious about the books that were popular to her characters. Gothic romance novels aren't really my thing, but I have read one other (The Castle of Otranto by Horace Walpole) which I found rather bizarre, but amusing because it was so out there. The other one I never made it through. The Mysteries of Udolpho by Ann Radcliffe played a prominent part in Austen's story Northanger Abbey. I really tried to make it through that one, but the characters were so weepy and took so long to say anything, it was just driving me nuts.

Comunque, torniamo a The Romance of the Forest. La trama era in gran parte un romanzo gotico, ma si è spostato più rapidamente. L'eroina, sebbene di alti standard morali e piuttosto audace a modo suo, svenne o almeno svenne praticamente ogni capitolo. L'eroe era forte e coraggioso, ma pianse molto - quando la sua amata fu imprigionata (molte volte), quando il suo buon padre anziano era sconvolto, e quando stava per essere giustiziato e lasciare il suo amore e la sua famiglia. Il Marchese (il cattivo) era davvero molto cattivo. In effetti, il retro del libro lo ha descritto come libidinoso. Ha vissuto fino a quello.

Se provi a leggere questo libro solo per il suo merito, potresti trovarlo piuttosto sdolcinato e sentimentale. Ma se lo leggi con una piccola conoscenza del romanzo gotico alle tue spalle, è molto più divertente come uno sguardo interessante a un genere obsoleto.
data di revisione 04/21/2020
Otes Ciulla

Questo libro è stato scritto nel 18 ° secolo e mostra. Da quel momento non ho letto molti libri, ma quelli che ricordo avevano uno stile simile. C'è amore, molti svenimenti, persone malvagie, un finale prevedibile e molte coincidenze. Sembra che il mondo sia piccolo come un villaggio e tutti si conoscano o siano in qualche modo collegati.

Ma ha i suoi ciondoli. Mentre la fine è prevedibile, sappiamo che il protagonista vivrà per sempre felici e contenti, ci sono stati ancora molti momenti nel mezzo in cui mi chiedevo cosa stesse succedendo. Aveva abbastanza mistero per un libro del 18 ° secolo. Il personaggio principale che sviene molto (e per quanto ne so le donne in realtà li hanno fatti indietro a causa dei corsetti che indossavano) in realtà è piuttosto forte rifiutando di essere costretto nella vita che non vuole ed è anche in lotta per lei vita. Lo scenario è bellissimo e aggiunge l'atmosfera del romanzo. Mentre alcuni personaggi sono incredibilmente bravi come il personaggio principale e altri assolutamente malvagi, ne abbiamo ancora alcuni che sono in mezzo e in realtà sembrano veri umani per un libro di quei tempi.

Questo tipo di libri è anche divertente da leggere perché sono così vecchi. Mentre lo leggevo immaginavo come la gente lo leggesse nel 18 ° secolo quando la vita era così diversa da quella che abbiamo ora. Questo aggiunge ulteriore piacere alla lettura.

Lascia una recensione per Il romanticismo della foresta