Homepage > Finzione > India > HistoricalFiction > Il Dio delle piccole cose Recensioni

Il Dio delle piccole cose

The God of Small Things
Da Arundhati Roy
Recensioni: 30 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
16
Bene
6
Media
3
Male
0
Terribile
5
L'anno è il 1969. Nello stato del Kerala, sulla punta più meridionale dell'India, una Plymouth blu cielo con pinne posteriori cromati è bloccata sull'autostrada nel mezzo di una manifestazione dei lavoratori marxisti. All'interno della macchina siedono i gemelli a due uova Rahel ed Esthappen, e così inizia la loro storia. . . .Armati solo con l'invincibile innocenza dei bambini, modellano un'ombra per se stessi all'ombra

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Philana Northwood

Ok, prima le prime cose. The God Of Small Things è un libro molto intelligente, ma ciò che lo rende eccezionale è che è sia bello che astuto, una combinazione rara. Questo libro ha una struttura. Un sacco. Crea in modo efficace un linguaggio tutto suo, un linguaggio lucido giovanile che completa magnificamente l'umore malinconico del libro. La trama si muove nello spazio e nel tempo con magistrale facilità e non si può fare a meno di provare un vago senso di presagio, una paura spinosa nella parte posteriore del collo.

Da quello che avrebbe potuto essere solo un altro tragico incidente, Arundhati Roy tesse una commovente storia sulla perdita dell'innocenza e la devastazione di vasta portata causata all'indomani di un tragico evento. Esamina ogni personaggio con un calore genuino, le sue motivazioni, insicurezze e, soprattutto, i loro sogni non realizzati, la tragedia umana universale definitiva.

"Il segreto dell'essere noioso è raccontare tutto." Disse Voltaire. Questo libro è un esempio appropriato di quanto sia vero quell'adagio. Come una madre amorevole con un solo pezzo di torta, trattiene le informazioni e le distribuisce nei momenti più opportuni, ma la trama non diventa mai incomprensibile. In effetti, abbiamo finito tutto e non vediamo l'ora che arrivi il prossimo servizio. Anche tentare di sintetizzare la trama significherebbe togliergli tutto perché, beh, sorprendi !, il libro davvero is sulla Piccole cose. E il Davvero Grande Cose.

Ad un certo livello il libro parla di Ammu, il nostro personale Madame Bovary. Riguarda Rahel ed Estha, i gemelli di Ammu, le loro innocenti violazioni dell'infanzia e le impennate e soffocamenti dei loro cuoricini, le loro complesse vite intrecciate che sono governate dal Amore Legislazione, che stabilisce chi dovrebbe essere amato. E come. E quanto costa. E per quanto tempo

Ad un altro livello, si tratta dell'idea che gli uomini siano costrutti sociali. Sulle nostre vite non essere davvero nelle nostre mani. Riguardo alle nostre vite realmente governate dalle forze delle grandi cose invisibili, un bambino sadico che tiene in mano una calamita per il cavallo alle disparate limature di ferro delle nostre piccole vite insignificanti. In breve, a Cronologia lezione. Una lezione sulla dinamica delle caste indiane e il movimento comunista del Kerala. Su come il Davvero Grande Cose spesso penetrano nel Piccola Cose, come il tè di una bustina di tè.

Ciò che fa più male non è l'intensità della sofferenza dei personaggi, ma il fatto che sia estremamente banale, la loro sofferenza, come i dolori del travaglio, come la catena alimentare. Una tragedia della catena alimentare indiana, basata sulla casta e altre offerte Cronologia lasciato alle spalle. Dimostra come tutta la violenza basata sulla casta sia ecologica, basata sulla paura, la strana paura che i potenti hanno per i senza potere. Us e loro.

Alla fine, quello che ho ottenuto dal libro (penso) era che sebbene le cose davvero grandi potessero essere davvero un casino, il più delle volte le piccole cose più che compensarle. Veramente.
data di revisione 04/21/2020
Katie Havenner

descrizione

That's what careless words do. They make people love you a little less. Onestamente, mi è piaciuto così tanto ma lo era terribile.

Segue il romanzo una famiglia indiana multi-generazionale in 1969.

La matriarca, Mammachi, è la loro nonna violenta e cieca. Ammu è la madre stanca dei gemelli fraterni, Esthappen e Rahel.

Lo zio preferito dei gemelli, Chacko, porta la moglie bianca per Natale, i gemelli si innamorano immediatamente del loro cugino - solo per rendersi conto di quanto velocemente la vita può cambiare. And the air was full of Thoughts and Things to Say. But at times like these, only the Small Things are ever said. Big Things lurk unsaid inside. Quelle cose buone diventano cattive, in un istante. This was the trouble with families. Like invidious doctors, they knew just where it hurt. Questo libro è uno dei Romanzi importanti - quelli di cui si parla più volte di come Significativo e Essenziale sono per la lettura ... e proprio come molti Romanzi importanti , Semplicemente non mi è piaciuto.

Ora, l'ultima volta che non mi è piaciuto Romanzo importante (*tosse tosse* Fattoria di animali), Sono stato assediato da commenti su come ero troppo stupido per capire il romanzo (manterrò, almeno nel caso di quel romanzo, che "ottenerlo" e "gradirlo" sono due cose completamente separate. Non mi piaceva Fattoria degli animali. Periodo.).

Tuttavia, per The God of Small Things, onestamente non so se non mi è piaciuto perché era male o se non l'ho capito. Non riuscivo a seguire nulla.

Il la cronologia era disgiunta, spesso saltando avanti seguito da flashback, quindi mi sono sentito disorientato e scontento gran parte del tempo.

Il la prosa era eccessivamente complicata e noiosa leggere. Adoro il linguaggio bellissimo e le metafore eleganti ... ma questo aveva così tanto di entrambi che a volte ci sarebbero volute delle pagine per capire un singolo punto sottile.

Il i personaggi sembravano più delle istantanee piuttosto che personaggi ben definiti. Tanto tempo metafora, assolutamente nessuno sviluppo del personaggio.

E, in generale, il la trama era un gigantesco pasticcio grigio. è successo qualcosa? È stato significativo? O erano solo gli umani a essere spazzatura l'uno con l'altro?

Questo sembra accadere molto con i libri acclamati dalla critica: la gente lo adora, ma senza quel badge o adesivo di approvazione, Non penso davvero che sarebbe così popolare.

Alla fine, è una stella molto confusa. Non è un fan di questo. DISCLAIMER: I'm a huge audiobook fan, so I picked up the audio version. Maybe I shouldn't have?

I kept getting confused (this novel (to me) was difficult to follow via audiobook, even when I repeated the beginning 3xs) so perhaps if I had read it the book would've felt less disjointed and I would have enjoyed it significantly more.

But I'm not feeling up for a reread, so my review will stand as is.
Youtube | Blog | Instagram | Twitter | Snapchat @ miranda.reads

Buona lettura!
data di revisione 04/21/2020
Jablon Gravina

Lussureggiante, splendida prosa: leggere Il Dio delle piccole cose è come avere le braccia e le gambe legate a un cavallo che si muove lentamente, forse morendo, e di essere trascinato a faccia in giù attraverso la giungla. Voglio dire, solo così. Non puoi smettere di vedere e annusare tutto, ed è tutto così estraneo e ricco. Potenzialmente maturo con e coli.

Le similitudini e le metafore che Roy impiega sono allo stesso tempo tattili e surreali, come un sogno eccessivamente vivido, e il suo stile narrativo è da qualche parte tra Joseph Conrad, Emily Dickinson e Pilgrim's Progress (se in realtà leggi quella particolare gemma). Le frasi chiave riappaiono più volte più volte nel corso del libro: la principale, ovviamente, è "Tutto può cambiare nel corso della giornata". E se hai intenzione di ripetere più volte una frase in un libro, non è certo una brutta frase.

L'unica cosa che mi rende riluttante a uscire con le cinque stelle è l'intera cosa di sviluppo della trama all'indietro. Almeno all'inizio del libro, mi è sembrato un po 'ingannevole, soprattutto perché il risultato finale è così drammatico. Estha non parla più. Perché Estha non parla più? Deve essere successo qualcosa a lui. Quando gli è successo? Da bambino, gli è successo qualcosa di molto brutto da bambino. Probabilmente ti stai chiedendo cosa sia adesso, giusto? Bene, parliamo di sua zia. Anche lui ha una mamma. Ecco com'è il loro giardino. Ehi, ricordi Estha, quel ragazzo di cui ti stai chiedendo? Sì, gli è sicuramente successo qualcosa da bambino. Continua a leggere, sfigati!

Ma non dovrei dirlo, perché, naturalmente, si scopre che non sei un fanatico della lettura di questo libro, e lo scherzo è su di me per averlo mai pensato in primo luogo.
data di revisione 04/21/2020
Pass Hilland

Per favore, mi scusi mentre vado a sedermi in questo angolo ed essere terribilmente deluso.

Il Dio delle piccole cose ha vinto il Booker Prize nel 1997 e ne avevo sentito parlare molto bene. Eppure non mi è proprio piaciuto. Non è un brutto libro - tutt'altro. I personaggi che ha creato sono davvero meravigliosi, ed è riuscita a evocare tutti i rumori, i panorami e gli odori del Kerala, anche per uno come me che non è mai stato più a est della Polonia. La struttura narrativa è sconnessa, vagando dall'ora al 1969 e viceversa, ma non mi sono mai trovato confuso da essa.

L'uso del linguaggio è inventivo, creativo e originale; ci sono stati momenti in cui mi sono ritrovato a fermarmi a rileggere una particolare metafora o similitudine perché era proprio così bello o stimolante. Ma più leggo nel libro, più la lingua sembra tesa. Sembra vacillare sempre di più dal meravigliosamente ornato a una sorta di cosa che mi ricorda l'architettura vittoriana - tutti i ghirigori e le fioriture e i bizzarri cherubini e gli edifici che sembrano gigantesche torte nuziali esagerate. È troppo tutto in una volta, travolgendo l'occhio e lasciandomi lievemente mal di mare.

Non mi piace neanche il tono che lei prende in parte; specialmente quando parla della natura umana o della storia o del sistema delle caste. Non che non sia molto d'accordo con quello che dice - lo faccio - ma è troppo didattica. Penso che sia la sua tendenza a mettere ogni riga in un nuovo paragrafo in queste sezioni. Una mano sottile ti servirà sempre meglio, credo.
data di revisione 04/21/2020
Miles Gerdts

È il 1969 e l'India, sebbene abbia raggiunto l'indipendenza vent'anni prima è ancora impantanata nel suo sistema di caste. In questa luce, Arundhati Roy ci porta il suo primo romanzo magistrale The GD of Small Things che ha vinto il Man Booker Prize nel 1997. Un potente romanzo pieno di prosa succulenta e una storia straziante, Roy rivela ai suoi lettori un'India aggrappata al tradizioni del passato con una leggera occhiata al suo futuro.

Ammukutty Kochamma, figlia di un rispettato entomologo e violinista classico, desiderava un'educazione piuttosto che un matrimonio combinato. La sua famiglia apparteneva alla casta Touchable e, sebbene tollerabile nei confronti degli altri, desiderava che la loro figlia sposasse qualcuno di una famiglia come la loro. Ammu incontrò un bengalese e si sposò per amore. Si è rivelato essere un alcolizzato e hanno divorziato in due anni, anche se non prima di dare alla luce due gemelli fraterni Estahappen (Esta) un ragazzo e Rahel una ragazza. Ammu si ritira con i suoi figli nella tenuta di famiglia, condannata a vivere una miserabile vita da emarginata.

Sebbene Ammu cresca Esta e Rahel come bambini geniali, il resto della famiglia si risente della loro presenza nella casa di Ayemenem. Suo padre è morto e sua madre, sebbene presente, è cieca. Il nuovo capo della famiglia è suo fratello Chacko, ex studioso di Rodi e attuale membro del partito comunista. Anche se tenta di essere padre dei gemelli, i suoi pseudo-pini d'amore per sua figlia biologica Sophie Mol, che vive in Inghilterra. Mentre Chacko tollera la famiglia, la zia di Ammu, Baby Kochamma, non vomita altro che veleno ad Ammu e ai suoi figli per il resto della sua vita. Non riuscendo a diventare una suora e a conquistare il suo vero amore nella vita, Baby Kochamma non desidera altro che rendere tutti quelli che la circondano infelice, ma soprattutto sua nipote divorziata Ammu e due figli bastardi.

Roy ha meritato il premio Booker solo per la sua storia in quanto presentava l'amore proibito nel sistema delle caste e personaggi memorabili a più livelli. Tuttavia, ciò che molto probabilmente ha vinto a Roy questo premio è stata la sua magica prosa, che, combinata con il suo racconto, si traduce in un classico istantaneo. Passare dal tempo corrente ai flashback, parlare all'indietro in due lingue e descrizioni dettagliate della vita indiana sono solo alcune delle sfaccettature che contribuiscono a questo racconto. Aggiungendo alla prosa la tragica storia di due gemelli separati, una donna ha negato l'amore perché appartiene a un'altra casta intoccabile e altri personaggi in attesa di una vita che avrebbe potuto essere, Roy ha intrecciato una vera gemma.

Di recente mi sono unito all'anno della lettura delle donne della sfida del colore, che mi ha portato a leggere romanzi di autori femminili in tutto il mondo che non avrei considerato diversamente. Arundhati Roy è un talentuoso narratore e scrittore cinematografico, il cui lavoro non dovrebbe mancare. Il suo secondo romanzo, The Ministry of Upmost Happiness, uscirà a luglio 2017. Se è magistrale quasi quanto The GD of Small Things, è un romanzo da non perdere. Un romanzo succulento e complesso degno dei suoi premi, The GD of Small Things merita 5 stelle scintillanti.
data di revisione 04/21/2020
Roxana Corington

Mentre sono appena fuori dal complesso con il giardino non curato - un visitatore casuale non invitato - la casa oscura di Ayemenem assomiglia a una dimora infestata, smentendo la verità delle vite che una volta nutriva con protezione materna nei suoi interni accoglienti. Derelict. Abbandonato. Dimenticata.
Ma ricordo. Ricordo le vite vissute e gli amori che nacquero dalle circostanze, amori che respirarono per un po 'prima di perire sull'altare della conformità.
Ricordo Chacko e Sophie Mol. Ammu e Velutha. Rahel ed Estha.

E, soprattutto, mi ricordo di te. Tu, il pittore di questo ritratto della spirale discendente di una famiglia nell'oblio. Tu, il creatore di questo dipinto a grandezza naturale di una città e di una nazione, e tutta la civiltà umana a sua volta.
Ti vedo come un iconoclasta, persistente nella tua richiesta di libertà, siamo troppo sottomessi per sognare di acquisire. Chiedete cose così incuranti, così potenti. Il diritto di amare chi vogliamo e quanto vogliamo. Il diritto di essere uguali. Il diritto a non essere discriminati. Il diritto di non essere lasciato languire in solitudine, combattendo ricordi dolorosi. Il diritto di non perdere, ad ogni costo, la propria fiducia nella bontà degli esseri umani.
Sei il ribelle che non abbiamo mai considerato di diventare. Non abbiamo coraggio come il tuo, vedi.
(Le tue opinioni in onda sulla televisione nazionale sono spesso interpretate erroneamente. Deliberatamente. Artigianalmente.)

Il sole dentro di te che rifiuta di essere assoggettato dal tormento delle macchinazioni politiche, dal male che si nasconde nel cuore umano, dalla finzione di 'sviluppo' perpetrato sotto l'utile sciarada di libertà, uguaglianza, fratellanza inesistenti, secondo ognuno 'No no no, chiedi troppo. Il mondo non può mai essere un posto giusto. ', ha inviato una piccola luce a modo mio.
Quella luce mi dà speranza. Il tuo piccolo Dio mi dà speranza.

Sostiene che le piccole e banali crudeltà mondane trascineranno in una tragedia di proporzioni che cambiano la vita in seguito, un masso gigantesco che precipita giù per il pendio di una montagna schiacciando tutto sul suo cammino in un'irriconoscibile polpa di carne e sangue. L'ira del Piccolo Dio alla fine consumerà l'apatia del Grande Dio e la ridurrà a semplici scorie.
Spero che il tuo piccolo Dio abbia ragione.

Parli il linguaggio esoterico dei bambini, i cui mondi interiori sono solo i loro, oltre la portata degli artigli affilati delle Leggi dell'Amore - mondi che sono liberi e infiniti, dove favole, sogni e realtà terrificanti si trasformano in una massa adorabile senza senso, mondi non vincolato a considerazioni terrene. I mondi interconnessi dei gemelli a due uova, che rigettavano ostinatamente la continua tirannia del ciclo di ingiustizie perpetuato all'esterno, erano gli stessi.
Il loro mutismo combinato pulsava con il dolore sordo del desiderio, della perdita e del danno irreparabile. La loro passività collettiva si è distinta come una denuncia clamorosa dell'umanità sempre seconda per pregiudizi ciechi conservati con zelo. E hai parlato attraverso il silenzio di Rahel ed Estha che ha suonato molto più forte di una gigantesca campana della chiesa che suona nelle vicinanze.

Calpestiamo le nostre insicurezze e l'irrilevanza di piccoli oltraggi personali, incapaci di fare un passo avanti, prigionieri indifesi nella morsa di ferro del status quo del mondo. Mentre tu, la signora Roy, prendi la penna e saluti senza timore Il Dio della dignità umana, dell'empatia e dell'amore - Il Dio delle piccole cose.

Quindi, in questo spazio, ringrazio quel Dio per gli Arundhati Roys del mondo.
data di revisione 04/21/2020
Mukund Ajayi

descrizione
Arundhati Roy - immagine da ardesia

Questo è un romanzo meraviglioso e ricco di immagini raccontato da diverse generazioni di una famiglia in India. L'evento centrale è la morte di una giovane ragazza e come il razzismo e la meschina politica del CYA si traducano nella morte di un innocente per un crimine che non è mai stato commesso. Il personaggio centrale è una ragazza / donna, una gemella, con una connessione quasi surreale con l'altra. Viene raccontata la loro vita familiare. C'è molto qui sulla storia indiana, sul sistema delle caste e su come ciò si manifesta nel mondo moderno. Ha vinto il premio Booker ed è molto soddisfacente.
data di revisione 04/21/2020
Salisbarry Throop

Questo è, senza dubbio, il singolo libro peggiore mai scritto.
Non ha praticamente senso, saltare dal passato al presente così spesso e senza preavviso che non hai idea di cosa stia succedendo. Dal nulla lo scrittore menziona cose sessuali inquietanti e sporche senza motivo. Non riuscivo nemmeno a trovare una storia lì dentro, solo insignificante senza senso.
La cosa che mi stupisce di più, però, è che mentre devo ancora incontrare una sola persona che PIACE a questo libro, lo rende tra le prime 100 liste ecc.
Posso solo credere che ciò sia dovuto al fatto che NON c'è alcun punto nel libro, ma i revisori e le persone che completano gli elenchi di libri ritengono che nessun libro possa essere scritto senza motivo e quindi devono mancarne il punto e quindi valutare il libro molto altamente, quindi sembrano incredibilmente intelligenti e hanno acquisito una profonda comprensione da questo libro della spazzatura.


Fine Rant.
data di revisione 04/21/2020
Grassi Santillan

"Non importava che la storia fosse iniziata, perché Kathkali ha scoperto molto tempo fa che il segreto delle Grandi Storie è che non hanno segreti. Le Grandi Storie sono quelle che hai ascoltato e che desideri ascoltare di nuovo. Quelle a cui puoi entrare. ovunque e abitano comodamente. Non ti ingannano con brividi e finali ingannevoli. Non ti sorprendono con l'imprevisto. Sono familiari come la casa in cui vivi. O l'odore della pelle del tuo amante. Sai come fine, ma ascolti come se non lo facessi. Nel modo in cui, sebbene tu sappia che un giorno morirai, vivi come se non lo facessi. Nelle Grandi Storie sai chi vive, chi muore, chi trova l'amore , chi no. Eppure vuoi saperlo di nuovo. "- Arundhati Roy, Il Dio delle piccole cose

Il tempismo è tutto ciò che riguarda i libri, e devo dire che il tempismo di questo libro è stato eccellente in quanto mi è venuto in mente tra le mie riflessioni sul passato, la mia educazione e la storia personale. Questo è stato uno dei libri che ho letto al momento giusto e quando leggi libri al momento giusto spesso hanno più significato per te. Questo è uno dei libri che mi hanno appassionato fin dall'inizio. Arundhati Roy è un brillante narratore e mi sono innamorato della struttura, del contenuto di questo libro, dell'umorismo, delle riflessioni culturali. Questo libro mi ha ricordato come quando ho iniziato a cercare diversità nella letteratura, la letteratura indiana era uno dei primi generi in cui cercavo e mi sentivo a mio agio nonostante non fosse la mia cultura. Sapevo di potermi mettere in relazione con le rappresentazioni della vita ai tropici, la vita in un'ex colonia britannica con la britannicità vista come centrale e qualcosa a cui aspirare e come avevo sperimentato in precedenza era molto nella mia mente durante la lettura di questo.

Ho trovato questo un libro molto interessante, bello, triste, con immagini ricche. Lo sfondo storico è stato avvincente. Avevo poca conoscenza dell'area del Kerala che faceva da sfondo alle storie dei gemelli Rahel ed Estha, ma Roy è riuscita a rendere la storia molto avvincente con la sua discussione sulle questioni sociali indiane e la storia del colonialismo. E non è stato difficile ricordare come la storia ci modella.

"La memoria era quella donna sul treno. Insano nel modo in cui setacciava le cose oscure in un armadio ed emerse con le più improbabili: uno sguardo fugace, una sensazione. L'odore del fumo. Un tergicristallo. Gli occhi di marmo di una madre ".

Mi è piaciuta la narrazione non lineare e sto scoprendo che ciò è vero per la vita in molti modi. I ricordi spesso non sono lineari, e con ogni capitolo viene rivelato più mistero e trovo che sia una metafora interessante nelle nostre stesse vite.

C'era così tanta profondità in questo libro, e brevi frasi che, nonostante la loro lunghezza, mi hanno fatto pensare in tutti i tipi di direzioni, ad esempio "Storie di giocattoli per i ricchi turisti in cui giocare" per descrivere la storia e il ricco patrimonio culturale perduto, e che mi ricorda storie false.

Il gioco di parole, anche se è diventato un po 'ripetitivo, era anche interessante e ho amato così tanto le immagini, in particolare quella della falena:

"La falena sul cuore di Rahel allargò le ali di velluto e il freddo si insinuò nelle sue ossa."

Nel complesso, un libro eccellente e tragico con personaggi indimenticabili. Sicuramente vale la pena leggere.

"Sia lei che lui sapevano che ci sono cose che possono essere dimenticate. E cose che non possono - che siedono su scaffali polverosi come uccelli imbalsamati con occhi maliziosi e fissi di sbieco."
data di revisione 04/21/2020
Brandt Faragher

Sono tutto solo qui, ma che diavolo.

Sembra un esercizio di classe di scrittura laureato saltato da 20 pagine a 300. Le metafore, sebbene occasionalmente fresche e inaspettate, sono noiose e spesso sostengono qualcosa che potrebbe essere molto meno complesso. La scrittura è autocosciente e preziosa. Non c'è davvero alcun buon motivo per raccontare la storia in modo così sconvolto. I tentativi di Roy di ricreare il modo in cui i bambini vedono il mondo sono stati carini per circa 10 pagine, per poi diventare noiosi (c'è un motivo per cui i bambini non scrivono romanzi). Splendide intuizioni e rivelazioni sono sepolte da una densità e un'elaborazione così ostinate che ero solo annoiato. Troppo sforzo, modifica troppo piccola.
data di revisione 04/21/2020
Ricoriki Kvek

Sono stato afferrato visceralmente da questo libro da ieri che ho finito oggi, che ho concluso con la parola "domani". È stato scritto magnificamente, ma mi ci è voluto un po 'per apprezzare il testo sovrasaturato in quanto vi sono analogie e allusioni in quasi ogni frase. I personaggi sono disegnati graficamente e realisticamente. Mi sono piaciute anche le parole e i concetti della lettera maiuscola che sono una sorta di filtro per bambini sul testo del narratore onnisciente. Il mio problema con il libro è che a tutti i personaggi manca un'anima (quelli vivi alla fine in ogni caso). In un certo senso, è in qualche modo prevedibile, ma intenzionalmente perché il presagio del climax viene dalle pagine iniziali. La rottura finale della Legge dell'Amore è stata, a mio avviso, superflua e un po 'gratuita. Non sto minando la sua forte e necessaria corrente femminista o, di nuovo, il meraviglioso arazzo verbale che Roy ha intrecciato, ma alla fine mi sono sentito un po ', che senso aveva? Sembrava che si fosse accontentata di una finitura drammatica in stile Bollywood piuttosto che una più flauberiana (che perlomeno la sua padronanza del linguaggio era possibile).
Questo è un classico moderno e una lettura importante, sento solo di aver letto altri che mi hanno lasciato un sentimento meno vuoto alla fine.
data di revisione 04/21/2020
Sherill Mcumber

Ho cercato di rimanere a galla con tutta la mia forza di volontà, ma il gorgo scatenato che gorgoglia in Piccoli miracoli e Grandi calamità che spuntano da questo romanzo si è rivelato troppo violento per le mie deboli braccia e il mio fragile cuore. Quindi sono annegato. Sono morto mille morti avvolto dalle acque gonfi di questo fiume lussureggiante di allegorie fluenti e parabole increspate che hanno lavato il mio essere più e più volte in ondate di bellezza penetrante e tristezza insopportabile.
Imitando il ciclo naturale della marea lunare, Arundhati Roy riempie il fiume insignificante dell'esistenza con continue ripetizioni di dettagli insignificanti in Piccole vite per rivelare grandi perdite indicibili che non lasciare impronte in una spiaggia senza Dio dove esiste solo un lirismo crudo, un lirismo che prende a calci il lettore nell'intestino con il suo brutale realismo magico.

Piccole cose. Piccole vite. Persone non importanti.
La Regal Mammachi ha fondato l'azienda di famiglia Sottaceti e conserve Paradise e Pappachi la picchiava ogni giorno con l'attesa tradizionale crudeltà perché non avrebbero chiamato la sua falena dopo di lui. La zia Baby Kochamma, alla quale la felicità è sfuggita molto tempo fa, avvelena le menti delle anime abbandonate intorno a lei come un serpente strisciante che morde di nuovo con amarezza furtiva. Chacko, figlio ed erede della famiglia, è la mela dell'occhio di Mammachi, un anglofilo in conflitto e un auto-proclamato marxista la cui identità è stata strappata via dai conquistatori che ammira così tanto. Sua sorella Ammu è una madre divorziata due uova gemelli, la cui pelle dorata traspare una agitazione irrequieta quando si siede sul letto del fiume con le stelle negli occhi, bagnata da raggi di luna d'argento e dolorante di essere amata. Velutha, il Intoccabile falegname di una casta inferiore, porta dentro di sé il fiume e si tuffa con grazia su sponde malinconiche di sogni vulnerabili fatti di pezzi di porcellana dove il giusto e il buio possono fondersi in flussi di passione non rivelata ignorando il Leggi sull'amore che si sdraiò "chi dovrebbe essere amato e come. E quanto".

Una piccola famiglia in un grande pezzo di terra a forma di barca visto attraverso gli occhi innocenti dei gemelli a due uova, Estha e Rahel, noto anche come Ambasciatore Elvis Pelvis per le scarpe a punta di Estha e Ambassador Stick Insect per la falena intrappolata di Pappachi che svolazza nel cuore di Rahel. Quando la loro pulita, bionda e adorabile cugina britannica Sophie, Chacko e la figlia della sua ex moglie Margaret, entrano nella vita dei gemelli, sentono piuttosto che capire la loro piccolezza in questo grande gioco della vita, dove non tutti i bambini sono uguali a quelli che contano di più .

Il fiume glorioso, fecondo di pesci di fanatismo, continua a scorrere fino a un appuntamento al buio con History, dove due gemelli di uova navigano nella barca dell'infanzia irreprensibile inconsapevole dell'umanità Cuore di tenebra e Orangedrinks, Lemonadedrinks mali che si aggirano in queste acque torbide. Onde di dolore e colpa inonderanno la nave dei gemelli per il resto del loro viaggio e solo quando finalmente attraverseranno il fiume ventitré anni dopo, solo quando permetteranno loro "Non vecchio. Non giovane. Ma un'età possibile da morire" due uova da fondere in una troveranno sollievo sbiadito e consolazione scivolosa.
Questa è la storia delle piccole persone che abitano in un vasto mondo in cui no "Dio delle grandi cose" può esistere fintanto che le Leggi dell'abuso e dell'atrocità prevalgono sulle Leggi dell'amore e della compassione, purché un "La morte dell'uomo può essere più redditizia di quanto non sia mai stata la sua vita".

Arundhati Roy scatena la sua rabbia limitata sopra e sotto la superficie della sua voce a cascata inzuppando il suo testo con maiuscole casuali, corsivo intenzionale e capitoli senza titolo che contengono Terrori che è meglio lasciarsi celare mascherati in sontuose metafore e letali poesie in prosa, trascinando dolcemente il lettore con le correnti sotterranee scrittura perlacea. Ho provato a nuotare, ma sono annegato. Sono affogato nella bellezza e nella tristezza. Mi sono dissolto nelle acque di Roy. Tutto ciò che restava era un buco gocciolante a forma di cuore nel mio fluido universo e una speranza vacillante che le cose possono cambiare in un giorno e che c'è ancora domani. Può essere. O forse no.
data di revisione 04/21/2020
Jennings Berridge

92. The God of Small Things, Arundhati Roy

The God of Small Things (1997) è il romanzo d'esordio dello scrittore indiano Arundhati Roy. È una storia sulle esperienze infantili dei gemelli fraterni le cui vite sono distrutte dalle "Leggi sull'amore" che stabiliscono "chi dovrebbe essere amato e come. E quanto." Il libro esplora come le piccole cose influenzano il comportamento delle persone e le loro vite. Ha vinto il Booker Prize nel 1997.

La storia è ambientata ad Ayemenem, ora parte del distretto di Kottayam nel Kerala, in India. L'ambientazione temporale si sposta avanti e indietro tra il 1969, quando i gemelli fraterni Rahel (ragazza) e Esthappen (ragazzo) hanno sette anni e il 1993, quando i gemelli si riuniscono.

Ammu Ipe è alla disperata ricerca di fuggire dal padre irascibile, noto come Pappachi, e dalla madre amara e longanime, conosciuta come Mammachi. Convince i suoi genitori a lasciarla trascorrere un'estate con una lontana zia a Calcutta. Per evitare di tornare ad Ayemenem, lei sposa un uomo lì ma in seguito scopre che è un alcolizzato, e lui la abusa fisicamente e cerca di portarla al suo capo. Dà alla luce Rahel ed Estha, lascia il marito e torna ad Ayemenem per vivere con i suoi genitori e suo fratello, Chacko. Chacko è tornato in India dall'Inghilterra dopo il divorzio da una donna inglese, Margaret, e la successiva morte di Pappachi. ...

عنوانها: خدای چیزهای کوچک; اله بی کسان, نویسنده: آرونداتی روی; انتشاراتیها (علم, مس, طنین, روزگار, گوهرشاد) ادبیات هند; تاریخ نخستین خوانش: دوم ماه می سال 2012 میلادی

عنوان: خدای چیزهای کوچک; اثر: آرونداتی روی, مترجم: گیتا گرکانی, تعداد صفحه: 458, نشر: علم, تاریخ: 25 تیر, 1387, محل نشر: تهران, چاپ نامشخص, شابک: 9644053672 mila; قطع کتاب: رقعی, وزن : 950 گرم

عنوان: خدای چیزهای کوچک, اثر: آرونداتی روی, مترجم: زهرا برناک, تعداد صفحه: 480 ص; نشر: مس, تاریخ نشر: اردیبهشت سال 1379; محل نشر: تهران, چاپ اول, شابک: 9649202757 mila; قطع کتاب: رقعی, جلد: شومیز

عنوان: اله بی کسان ، اثر: آرونداتی روی ، مترجم: شیرین رایکا ، تعداد صفحه: 350 ، نشر: طنین ، تاریخ نشر: ه،،،

عنوان: خدای چیزهای کوچک, اثر: آرونداتی روی, مترجم: گلریز قدسی (شهابزاده), تعداد صفحه: 464, نشر: روزگار, تاریخ نشر: 1379, محل نشر تهران, چاپ اول, شابک: 9646675999 mila;

عنوان: خدای چیزهای کوچک ، اثر: آرونداتی روی ، مترجم: شیرین شریفیان ؛ تعداد صفحه:

کتاب «خدای چیزهای کوچک» برنده ی جایزه «بوکر» در سال 1997 میلادی, اثر: «آرونداتی روی», در ایران ما با پنج ترجمه ی مختلف از سوی بانوان فرهیخته: «گیتا گرکانی», «زهرا برناک», «شیرین رایکا »،« گلریز قدسی »، و« شیرین شریفیان »، توسط ناشرها منتشر شده است

خدای چیزهای کوچک, داستان زندگی خواهر و برادر دوقلوی هندی, با نامهای «استا» و «راحل» است, که مرگ دختر خاله ی نه ساله, و یک عشق ممنوع, دنیای کودکی آنان را نابود میکند. از سوی دیگر داستان اینک داستان رمان, بیانگر اوضاع سیاسی «هندوستان», در دهه ی 1960 میلادی است, تضاد میان دو طبقه ی فرودست جامعه, از یکسو «نجسها», و از دیگر سو ثروتمندان جامعه است, همچنین بازگویی سنن و آداب مردمان هند, با تکیه بر اساطیر آن سرزمین نیز هست; «راحل», و «استا», برادر و خواهری دوقلو هستند, که در کودکی از یکدیگر جدا گشته, و پس از سالها, اکنون در کنار یکدیگر هستنند. «فلش بک» به رویدادهای زندگی این دو, طلاق مادر «آمو», دختر دایی نیمه انگلیسی, و ....; همان کلیشه ی فیلمهای هندی ست, که دختری ثروتمند, عاشق مردی نادار میشود, خواهر و برادری, که پس از سالها به هم میرسند. «روی» ، با نوشتن این کتاب ، جایزه ی «بوکر» را بردند ، و سپس در اعتراض به حمله ی آمریکا به «افغا،ه ا نقل از کتاب: «اگر او را لمس میکرد ، نمیتوانست با او حرف بزند ، اگر عاشق او میشد ، نمیتوانست برود ؛؛ اگر میجنگید ، نمیتوانست پیروز شود. »؛ پایان نقل. ا. شربیانی
data di revisione 04/21/2020
Fredi Affuso

Una storia lirica e misteriosa di incomprensioni e dolore, che riecheggia negli anni. Nel suo cuore oscuro, dimostra come le piccole cose possano avere conseguenze multiple e importanti, nel senso che tutto può cambiare in un solo giorno. "Tutto può succedere a chiunque. È meglio essere preparati." - e queste paure innescano la tragedia.

È ambientato nel Kerala (India meridionale) nel 1969 (quando i gemelli Rahel (ragazza) e Estha (ragazzo) hanno 7 anni) e 23 anni dopo, quando i gemelli ritornano nella casa di famiglia. Man mano che la narrazione cambia periodo, i suggerimenti diventano più chiari e alla fine diventano fatti: sai che accadranno cose brutte, ma inizialmente non è chiaro chi saranno i colpevoli. C'è bellezza, ma rimugina sempre una minaccia di cattiveria a venire, o echi di traumi molto tempo fa.

Casta, comunismo, "Heart of Darkness" di Conrad, "The Sound of Music", che amano (e come), e gli insetti (in particolare le tarme) sono fili comuni.

LA FAMIGLIA
Sono cristiani ricchi, istruiti, anglofili, siriani. Il nonno (Pappachi) era l'entomologo imperiale e negli anni successivi sua moglie (Mammachi) e il loro figlio (Chacko) hanno avviato una fabbrica di sottaceti (una fabbrica di sottaceti è anche significativa in Rushdie I bambini di mezzanotte). La loro figlia, Ammu, è la madre divorziata dei gemelli e ha "l'infinita tenerezza della maternità e la rabbia spericolata di un attentatore suicida". Anche la prozia dei gemelli (Baby Kochamma) vive lì. È una donna amara, che ha amato, ma mai avuto, padre Mulligan, quindi si ritira nella falsa pietà. Cerca e apprezza le occasioni per gongolare i delitti e le sventure degli altri: sentendo lo scandalo, "Salpò subito. Una nave di bontà che solca un mare di peccato".

Il grande evento è quando l'ex moglie inglese di Chacko (Margaret) è vedova e lei porta la figlia di 9 anni di Chacko (Sophie Mol) a visitare.

L'altro personaggio chiave è Velutha (figlio di Vellya Paapen), un'abile intoccabile, un paio di anni più giovane di Ammu. La famiglia paga per la sua educazione e diventa indispensabile in fabbrica per la manutenzione delle macchine, sebbene la falegnameria sia la sua vera abilità. C'è anche Kochu Maria, una domestica, che diventa più simile alla compagna di Baby Kochamma negli anni successivi.

GEMELLAGGIO
Il potente legame dei gemelli "a due uova" è essenziale per la storia: "In quei primi anni amorfi in cui la memoria era appena iniziata ... Estha e Rahel pensavano di essere insieme come Me, e separatamente, individualmente, come Noi o Noi ... una rara razza di gemelli siamesi, fisicamente separati, ma con identità comuni ".

Tuttavia, trascorrono gli anni tra i due periodi di vita separati e ciò, inevitabilmente, cambia le cose. Quando ritorna da adulta, "ora pensa a Estha e Rahel come a loro ... Sono apparsi bordi, bordi, confini, orli e maglie". Ora sono "Una coppia di attori ... che inciampano nelle loro parti, nutrendo il dolore di qualcun altro", e realizzando, troppo tardi, "Tu non sei i peccatori. Sei il peccato contro".

FANTASMI
La famiglia è fondata sulla conservazione: prima degli insetti, poi dei sottaceti e delle conserve del paradiso, e sempre della reputazione. Tuttavia, i fantasmi sono ovunque, principalmente nei ricordi dei morti e nelle ramificazioni delle loro morti, ma anche in altre forme di perdita: opportunità, amore, nomi (i gemelli non hanno un cognome quando i loro genitori si dividono) e persino il potere di discorso. "Il silenzio era sospeso nell'aria come una perdita segreta."

La morte di Sophie Mol è menzionata a pagina 4, e sebbene il suo significato sia costantemente riferito, i dettagli vengono rivelati solo molto vicino alla fine. La sua morte "è passata dolcemente in giro per casa ... come una cosa tranquilla in calzini" e "a volte il ricordo della morte vive ... molto più a lungo della vita che ha rubato". Alla fine "Sophie Mol è diventata un ricordo, mentre The Loss of Sophie Mol è cresciuto robusto e vivo. Come un frutto di stagione. Ogni stagione."

Quelli lasciati alle spalle "Non la morte. Solo la fine della vita".

La casa di famiglia scende in rovina. La piccola Kochamma, una volta un abile giardiniere, lascia appassire o scatenare le sue piante, mentre dedica la sua vita a vivere vicariamente le vite dei fantasmi che vede sulla TV satellitare.

C'è anche una casa abbandonata attraverso il fiume che i gemelli soprannominano The History House. Ci sono molti paragoni espliciti con The Heart of Darkness: era la casa di Kari Saipu e dell'inglese che "diventarono nativi" e "catturarono i sogni e li sognarono". Alla fine, si è sparato quando il suo giovane amante è stato portato via.

BETRAYAL E LA MORTE DELL'AMORE
Ci sono relazioni violente, relazioni interrotte (non necessariamente uguali) e amore non corrisposto, ma sono, ovviamente, i bambini a soffrire di più.

I gemelli sono allevati dalla loro madre amorevole ma severa, ma sono ossessionati dalla paura che lei smetta di amarli. La loro "disponibilità ad amare le persone che non le amavano davvero ... era come se la finestra attraverso la quale il loro padre fosse scomparso fosse stata aperta a chiunque". Dopo la morte di Sophie Mol, quando tutto cambia, (visualizza spoiler)[Ammu viene mandato via, Estha viene inviata a suo padre e Rahel viene lasciato alle spalle per essere cresciuto da suo zio e dai suoi nonni, che "hanno fornito le cure (cibo, vestiti, tasse) ma hanno ritirato le preoccupazioni". (nascondi spoiler)]

Ci sono altre forme e casi di tradimento e menzogne, a volte per mantenere le apparenze, a volte per fini egoistici.

INCROCIARE I CONFINI - DI AMORE E ALTRE COSE
I tabù sono molti in una società governata dalla casta (così come dalla classe e dalla religione), ma i problemi della famiglia con la classificazione vengono prima evidenziati in relazione a marmellate e gelatine, e il fatto che la marmellata di banane era illegale come se non rientrasse in nessuna categoria. "Hanno infranto tutte le regole. Hanno attraversato tutti in territori proibiti. Tutti hanno manomesso le leggi che stabiliscono chi dovrebbe essere amato e come. E quanto." E da chi.

A poco a poco, "Estha e Rahel hanno imparato come la storia negozia i suoi termini e raccoglie i suoi debiti da coloro che infrangono le sue leggi". "La storia ha usato la veranda posteriore per negoziare i suoi termini e riscuotere i suoi debiti. Estha avrebbe conservato la ricevuta per i debiti che Velutha ha pagato." Quando è stato spinto da un adulto a mentire su qualcosa di significativo, "L'infanzia è andata in punta di piedi. Il silenzio è entrato come un fulmine. Qualcuno ha spento la luce e Velutha è scomparsa."

C'è anche confusione e ipocrisia in alcune delle relazioni di potere, ad esempio un ricco padrone di casa comunista e proprietario di una fabbrica con "una mente marxista e una libido feudale" e, naturalmente, i diversi livelli di libertà sessuale consentiti per uomini e donne.

PICCOLE COSE: MADRE E FARFALLE
L'intera storia è davvero una dimostrazione di The Butterfly Effect, anche se sono le falene che sono menzionate esplicitamente (Pappachi ha scoperto una nuova varietà di falene, ma non è stata riconosciuta per questo).

"Era il tipo di tempo nella vita di una famiglia quando succede qualcosa che spinge la sua moralità nascosta dal suo luogo di riposo e lo fa gorgogliare in superficie e galleggiare per un po 'in bella vista."

Ci sono molte altre piccole cose:
* "Il dio della perdita. Il dio delle piccole cose."
* Ammu dice a Rahel "Quando fai del male alle persone, iniziano ad amarti di meno", una linea di lancio che cresce, festeggia e si contorce all'interno fino a quando non cambia la vita di tutti.
* Ammu è "Someone Small che è stato vittima di bullismo per tutta la vita da Someone Big".
* Nei grandi momenti "solo le Piccole Cose vengono mai dette".
* Una coppia che sa di non avere futuro, quindi "istintivamente si attaccano alle piccole cose"
* La sporcizia e il decadimento, di cui ci sono molti 23 anni dopo, è un accumulo di piccole cose.

bauli
Una caratteristica distintiva della scrittura è il gran numero di monete portmanteau. La maggior parte sono coppie di aggettivi o aggettivi più il nome: sourmetal, oldfood, fishswimming, chinskin, deadlyposposed, longago, suddenshutter, sharksmile, orangedrinks, steelshrill, suddenshutter, stickysweet. Tuttavia, cose come i gemelli sono scritte con un trattino. I gemelli suggeriscono anche una spiegazione: quando ai giovani gemelli viene detto che "" collegano i polsini insieme ... sono rimasti elettrizzati da questo boccone di logica ... e hanno dato loro una soddisfazione eccessiva (se esagerata), e un vero affetto per la lingua inglese ".

CITAZIONI
* "Le bluebottles dissolte ronzano vacuamente nell'aria fruttata. Poi si stordiscono contro i vetri trasparenti e muoiono, apertamente sconcertati dal sole."
* "Le notti sono chiare ma intrise di pigrizia e aspettative cupe" e nella stagione dei monsoni "brevi periodi di sole splendente e scintillante con cui i bambini elettrizzati si divertono a giocare."
* "Nel corso del tempo aveva acquisito la capacità di fondersi con lo sfondo ... [occupava pochissimo spazio nel mondo."
* "Una volta che arrivò la quiete, lo ... lo avvolse tra le sue braccia paludose ... Mandò i suoi tentacoli furtivi, risucchiati ... aspirando le collinette e le cose della sua memoria, sloggiando vecchie frasi, togliendole dalla punta della sua lingua. Spogliava i suoi pensieri delle parole che li descrivevano e li lasciava spenti e nudi ".
* "Case con soldi del Golfo costruite da [persone] che lavoravano sodo ma infelicemente in luoghi lontani ... le vecchie case risentite si tingevano di invidia, rannicchiandosi nei loro vialetti privati."
* "scivolò nel matrimonio come un passeggero si dirige verso una sedia non occupata in una sala dell'aeroporto."
* "I suoi occhi si spalancarono come burro dietro i suoi spessi occhiali."
* Si allontanò "come un cammello di alto livello con un appuntamento da mantenere".
* "Rahel ha cercato di dire qualcosa. Ne è uscito frastagliato. Come un pezzo di latta."
* "Scintillò era una parola con contorni arricciati e felici."
* Il peso dell'obbligo "allargò il suo sorriso e piegò la schiena".
* Le cose che non possono essere dimenticate "siedono su scaffali polverosi come uccelli imbalsamati, con gli occhi di balzo laterali di partenza".
* "Silverfish sintonizzato attraverso le pagine, scavando arbitrariamente da una specie all'altra, trasformando le informazioni organizzate in pizzi gialli."
* "Le formiche emisero un debole suono croccante mentre la vita le lasciava. Come un elfo che mangia toast."
* Un adulto che gioca con i bambini "Istintivamente colludendo nella cospirazione della loro finzione".
* "La follia è rimasta a portata di mano, come un cameriere impaziente in un ristorante costoso."
* "riposare sotto la pelle dei suoi sogni"
* Il bacio "trasparente" di un bambino "non cullato dalla passione o dal desiderio ... che non richiedeva alcun bacio. Non un bacio nuvoloso pieno di domande."
* "Le grandi storie sono quelle che hai ascoltato e che desideri ascoltare di nuovo. Quelle in cui puoi entrare ovunque e abitare comodamente."
* "Era troppo giovane per rendersi conto che quello che pensava fosse il suo amore per Chacko era in realtà un'accettazione timida e timida di se stessa."

GRAZIE
Devo aggiungere che ne sono davvero grato Steve la cui eccellente recensione, e i commenti sottostanti, mi hanno convinto a raccogliere questo libro al più presto, piuttosto che lasciarlo languire ancora sui miei scaffali. La sua recensione è qui: https://www.goodreads.com/review/show...
data di revisione 04/21/2020
Ripley Meglio

A volte, soffriamo più della memoria che dell'azione passata, siamo perseguitati dall'immaginazione più della realtà, in un lampo se n'è andato e portiamo il dolore di "what if" per una vita nel nostro cuore, ripetiamo nel nostro mente, decine e centinaia di cose da dire, invece, immaginiamo l'infinito rifacimento di una visione che è andata con il vento, come due amanti della notte che si incontrano in una baia lontana, tremando per la paura di ciò che ci aspetta, e il piacere dell'anticipazione , sia esitanti che frettolosi, gli innamorati cadono in una frenesia di movimenti incoerenti, esaurendosi rapidamente a vicenda, ora si sdraiano ancora strangolati, svuotati e pieni tutti allo stesso modo, mentre sentono la melodia tintinnante dei loro respiri malconcio e alla pausa del giorno , gli innamorati si separano, con ricordi di profumi, respiri, foglie scricchiolanti e un paradiso a breve distanza, freschi nella loro mente come ferite sanguinanti, 'Forse è vero che le cose possono cambiare in un giorno' gli amanti diventano estranei e il domani non arriva mai.
Ciò che viene è il ricordo, di una faccia scomparsa da tempo, di un sorriso spezzato, di una voce silenziosa in una cella oscura, di un uomo, di un intoccabile pravaan, di un comunista di umile castone, del luccicante nuotatore delle acque della passione che non lasciare impronte quando cammina nel buio, l'uomo di grande cuore, il dio delle piccole cose. Non mi è mai capitato di non gradire la narrazione di un libro al punto di lasciarlo incompiuto due volte, e non sono mai stato così tormentato dal destino di qualche personaggio immaginario al punto di cambiarlo ripetutamente nella mia testa frenetica, Non doveva sia così dolorosamente bello e sensualmente angosciante. Tutta l'aria del libro è blu, ironia della sorte, non c'è nulla di cui piangere, nessuna tragedia al di sopra del cielo, solo la Legge dell'Amore è infranta, leggi che stabiliscono chi dovrebbe essere amato e come. E quanto costa." E di conseguenza, i fuorilegge sono stati disciplinati per correggere ciò che è andato irrevocabilmente in errore.
Tuttavia, faccio fatica con la pronuncia dei nomi dei personaggi, non trovo uno scopo prudente per intrecciare la narrativa che sembra fuori posto in alcuni punti, se non fosse stato per l'aura malinconica dei personaggi che li ricopre e lo stile malinconico di svelare eventi schiumosi, il romanzo potrebbe facilmente essere considerato un'opera di espedienti. Il vago incesto tra gemelli, allontana l'attenzione dal flusso oscuro della storia, Il libro è gravato da monete e frasi innovative che si aggiungono solo alla frustrazione da parte del lettore che è alimentata dalle incessanti elaborazioni delle parole usate.
Il fanatismo deve essere sradicato alla base immediata come viene fatta la filtrazione dell'aria, in luoghi contaminati dalla peste, dobbiamo diventare ricettivi o indifferenti nel tentativo, almeno, di salvare gli dei di piccole cose!
data di revisione 04/21/2020
Mikkel Manasco

[Sapevo di aver aggiunto questo libro e che era scomparso dai miei scaffali, quindi l'ho aggiunto di nuovo l'11 maggio. Bene, ora lo trovo in Dropbox. Ho esportato i miei libri il 1 ° giugno 2014 e questo è il file e il libro è su di esso. Quindi come è scomparso?

Non ho mai avuto prove prima di aver davvero aggiunto un libro che GR ha rimosso. Li ho fatti dire che devo averlo rimosso per errore, ma così tanti? Ovviamente no. Inoltre non rimuovo libri dal
data di revisione 04/21/2020
Korff Magsayo

Riconosco che quando si tratta di questo libro, le banalità valgono anche meno del solito quando si tratta di trasmettere qualcosa con un significato reale. Quindi su quella nota risparmierò sia io che te. Mi consolerò invece nel cuore della metafora e andrò da lì.

Dire che questo libro ha risuonato con me è come dire che l'ingestione di arsenico fa un lavoro decente nel causare l'insufficienza di organi multi-sistema. Dire che l'ho letto al momento giusto è simile a dire che il lattice aggiunto al cavo ha fatto un lavoro decente di essere la quantità esatta richiesta per trasformare una finalità di caduta libera in un'oscillazione sostenuta, una che sta resistendo fino ad oggi . Dire che ha cambiato la mia vita per sempre è troppo facile e troppo semplice, perché mi ci sono voluti quattro anni per tornarci e rendermi conto di quanto pervasivamente gli impulsi tematici abbiano sofferto di sensibilità e quanto diversamente sarebbe potuto andare se non lo fossero stati.

Invece di versare budella che sono ancora troppo vicini per poter parlare in termini comodamente distanziati, dirò semplicemente che il primo giorno di questa rilettura, sono tornato dopo aver finito e giocato ai videogiochi fino a quando non potevo fidarmi di una seria attività mentale di nuovo, perché se c'è una cosa che ho imparato da "Infinite Jest" è che, a volte, pensare di uscire da qualcosa è la decisione peggiore che tu possa prendere. Ma prima ho scritto quanto sopra.

Ora che ho finito e ho tutte le risorse a disposizione, posso offrirti questo: And there it was again. Another religion turned against itself. Another edifice constructed by the human mind, decimated by human nature. È assurdamente divertente, quasi, quante volte il libro ti scaglia il suo significato in pacchetti molto discreti e concreti. Religione, cultura, relazioni con l'estero, politica, famiglia, convinzioni, sangue e legami. Verrebbe fuori come banale e pretenziosamente esagerato, se non fosse per la distruzione sistematica di ogni metodologia narrativa normalmente usata per impartire tali lezioni di vita. L'industrializzazione, l'informazione, i viaggi, appassionatamente, monetariamente, e tanti altri percorsi di fuga di solito offerti sull'altare del "lieto fine", o qualsiasi cosa tranne una "realtà completamente debilitante di un finale", e l'amore più popolare. L'amore, il suo come e il suo quanto. Ma più importante di tutto ciò che sta crescendo. Il Bildungsroman, la promessa che il Tempo dà ai suoi componenti più indifesi. O almeno, una promessa che all'umanità piace pensare che esista.

Dimmi, quanta risonanza avrebbero questi fatti minacciosi della vita, fatti dilaganti in India come lo sono in America, continueranno ad essere così ovunque finché l'umanità striscia e brama attraverso questa nostra società moderna, se una di queste evasioni fosse riuscita a provocare compiacimento dei contenuti? Quante recensioni ho letto che ha menzionato Tragedy of it All, un pugnale emotivo che si attaccherà in una grave urgenza quando tutto il resto è svanito in un breve ricordo di parole e pensieri, se non altro garantirà un ricordo del dolore? Circa quante ne ho letto che menzionano la prosa.

La prosa. Qualcosa che credo abbia posto le basi per quanto sono stato attratto da questo romanzo, inconsciamente in risonanza con il punto di vista che trasmette. Per tutti i libri che ho letto nel corso degli anni e ne ho letti molti, ce ne sono davvero pochi che riesco a pensare a quello sguardo ai bambini in termini di realtà. Non infanzia. L'infanzia è un sostituto del pensiero serio che gli individui con un rispettabile numero di anni alle spalle adorano usare invece di considerare quegli individui più piccoli e più brevi dell'esistenza accumulata. La realtà è ciò che tutti gli esseri umani attraversano dal primo giorno e non ci sono mandati che i primi anni di quel nuoto saranno gentili. 'Le istruzioni' realizza pienamente queste istruzioni, e così fa.

Il lettore non osserva mai un indulgente assecondamento dei sensi dei più piccoli quando la storia scava in Storia, Letteratura, Politica, Cultura e tutte le costrizioni che si sovrappongono a qualunque vita gli sia stata concessa. Tutto ciò che manca davvero a questi più piccoli è abbastanza esperienza con i lati più oscuri di tutte queste cose per indurli a cercare compiacentemente un posto nella vita che non richieda curiosità, nessuna scoperta, né armeggiare nell'oscurità.

Compiacenza, in reazione alla paura di conseguenze inattese.

Senza questi, essi vedono il mondo in bizzarre e meravigliose mode, non ancora in sintonia con ciò che deve essere guardato, ciò che deve essere coperto e il modo migliore per procedere. E così, ottieni la prosa, un mix deliziosamente nauseabondo di lussureggiante rigogliosità mentre un fertile sottobosco si arrampica su una civiltà fredda e irremovibile, un allevamento la cui Bestia da soma risultante non è né buona né cattiva. Lo è semplicemente.

Fino a quando, naturalmente, gli umani non ci mettono le mani sopra. Perché spetta agli umani capire come usare questo mondo che gli è stato dato. Coloro che imparano troppo tardi lo sono, beh. Avrebbero dovuto saperlo meglio.

Non vi è alcun numero di anni necessari per la completa perdita di fiducia in ogni concetto di redenzione da parte di familiari, amici e ambienti sociali familiari raggruppati attorno a una stabilità ideologica. Non esiste un'età standard per accettare il fatto che il Sé sia ​​un blip senza diritti alla felicità, o che nessuno dei manuali standard per tali Diritti funzioni. Non c'è durata dell'esistenza in cui è vietato chiedere che si prenda la decisione di quale valore il Sé abbia nella sua esistenza continua e cosa ci vorrà per mantenere detta esistenza. Non vi è alcuna quantità di vita che si traduca nella realizzazione che "Ciò che accadrà" non coinciderà necessariamente con nessuna forma di "Vita sostenibile".

Per molto tempo, ho pensato, potrebbe essere peggio. Al giorno d'oggi, penso, potrebbe essere migliore. Oggi, prendo il deposito potrebbe essere peggio, e investirlo nel debito potrebbe essere migliore. I miei metodi scelti per farlo sono stati accolti con gesti sorpresi alla mia età, forse con gesti non espressi e sorpresi sul mio genere, alcuni giorni devo chiedermi.

Guardo questo libro e penso a me stesso, ecco una lezione che ho imparato molto tempo fa. Non ho intenzione di sprecarlo stando fermo.
data di revisione 04/21/2020
Mooney Geach

Va bene, ha vinto il premio Booker e tutti l'hanno già detto prima - ma dannazione è questo pezzo malinconico di lavoro, ed è proprio per questo che mi piace.

È malinconico, non deprimente, e risponde a più domande sui personaggi di quanto non sembrasse inizialmente, anche se, devo dire, i personaggi nel complesso sono piuttosto bidimensionali. Poi di nuovo, lo sono anche molte persone vere: questa è un'accusa alla vita umana se mai l'avessi vista.

Il linguaggio è geniale, la combinazione di parole per formare temi, la mancanza di qualsiasi spiegazione quando si sposta nel tempo che non è necessario, perché lo stile e / o la prospettiva sono cambiati in modo così fluido che ci vuole solo mezzo secondo per riaggiustare te stesso. Penso che forse il ritmo nell'ultimo trimestre, che ha portato a The Incident, sia stato il miglior lavoro che ho letto anche se una o due cose sembravano fuori posto, permettendoci di indovinare troppo presto cosa succede, una o due volte.
Tuttavia, ciò si aggiunge all'immagine che costruiamo e aiuta il dramma finale ad essere davvero drammatico.

Il mio aspetto preferito / meno preferito della storia è la stessa cosa esatta: il destino di Baby Kochamma. Se l'hai letto saprai che ciò che merita meriterebbe solo per mano di una banda di poliziotti, ma il modo in cui trascorre la stragrande maggioranza della sua vita, la sua convinzione incessante e la sua esistenza patetica continua, è in realtà il suo solo punizione.
Ma per dio volevo sporgermi tra le pagine e accelerare il suo arrivo.

Comunque, sì, è davvero un libro magnifico, che merita pienamente tutte e cinque le stelle, ma anche se non è in realtà deprimente, è malinconico come l'inferno.

Non posso che elogiare alcuni dei personaggi perché sono dipinti in modo così ricco, i due protagonisti in particolare, ma anche se gli eventi reali, sebbene brutali, tragici e realistici nelle loro conseguenze, sono importanti e potrebbero devastare tante vite come le vite in questo libro sono state così devastate che non sono state affatto "epiche", come piace a molti recensori.

Le cose peggiori accadono in mare, ancora.
data di revisione 04/21/2020
Lefty Jeansonne

3.5
Di solito adoro i libri ambientati nel subcontinente indiano, ma questo è frustrante per essere onesto.
Da un lato era un tour de force di sontuosa prosa, ma dall'altro ho scoperto che la narrazione si snodava dappertutto, rendendo difficile per me (con il mio cervello di cavalletta) tenere il passo.
Sebbene la scrittura di Roy sia baciata dagli dei, io sono un grande sostenitore del bisogno di una storia di fluire e il mio entusiasmo iniziale è stato costantemente smorzato mentre il libro progrediva.
data di revisione 04/21/2020
Neddie Zobell

Un libro straordinario; e ha vinto il Booker! Quando mi sono seduto a finirlo per pensare ai temi, ho capito quanto terreno Roy aveva coperto e in un modo così ben scritto. I temi includono il sistema delle caste, le tensioni religiose, il comunismo, l'amore proibito, la storia e il colonialismo, la classe, la cultura, solo per citarne alcuni. È una saga di famiglia raccontata in terza persona e non è realmente sequenziale; la trama in contorno è nota fin dall'inizio del libro.
La trama ruota attorno ai gemelli Rahel ed Esthappen, ma è vista principalmente dal punto di vista di Rahel. Altri giocatori di famiglia includono la madre Ammu, lo zio Chacko, la prozia Baby Kochamma; La figlia di Chacko, Sophie Mol, è molto acclamata durante il libro e fondamentale, ma ha solo una piccola parte. Altri personaggi importanti includono Velutha, intoccabile che lavora nella fabbrica di sottaceti di famiglia.
I personaggi di Roy si piegano e infrangono le regole, oltrepassano i confini ("i confini si confondono mentre i recinti della tapioca mettono radici e fioriscono"), trasgrediscono. Sebbene questo sia ambientato nel Kerala, nell'India meridionale, lontano dalle aree colpite dalla partizione, la separazione e la demarcazione sono ancora significative. Di recente ho letto Heart of Darkness e speravo di aver visto l'ultimo riferimento HoD per qualche tempo; ma no. Roy li impiega è un modo abbastanza significativo. Kari Saipu, l'inglese che "è diventato nativo" è un tipo Kurtz, esplicitamente così, ma anche Chacko (che è un anglofilo) ha un ruolo simile. Questo è particolarmente vero quando dice in riferimento all'azienda di famiglia "La mia fabbrica, i miei ananas, i miei sottaceti" (contrasto con Kurtz, "Il mio inteso, il mio avorio, la mia stazione"). L'ambientazione Ayemenem, diventa una sorta di cuore di oscurità per diversi personaggi. Le linee divisorie tra est e ovest e tra maschile e femminile sono chiare. Chacko è in grado di fare ciò che Ammu non può fare in termini di relazioni intime. Nella vita e nella morte Ammu è costantemente perseguitato e perseguitato dalla tradizione, dalla cultura, dallo sciovinismo maschile, dalla negazione dell'educazione, dalla vita e dalla morte.
La narrazione è triste e tragica, ma Roy scrive con grande stile e persino umorismo su temi profondi e importanti. Il libro non ha bisogno di me per promuoverlo, ma se non lo hai letto; per favore fallo.
data di revisione 04/21/2020
Miche Bestdavidsen

In questo romanzo ci sono molte belle sceneggiature, ma il modo sconclusionato in cui viene raccontata questa storia rende difficile mantenere i personaggi e le loro linee temporali diritte: saltiamo avanti e indietro nel tempo senza motivo per cui riesco a vedere.

La disuguaglianza tra i sessi non riguarda solo il fatto che ha luogo in India. È anche una testimonianza dell'era della storia in cui viene raccontata parte della storia. Ad esempio, i genitori di Ammu pensano che l'educazione sia sprecata per una ragazza, quindi sposa il primo uomo che incontra dopo averlo conosciuto solo pochi giorni. Dopo che si sono sposati e ha dato alla luce due gemelli fraterni, si rende conto di quanto sia alcolizzato. Troppo ubriacone per trattenere un lavoro e sostenere una famiglia.

Il fatto che a un maschio, Estha, piaccia cucinare e ripulire dopo se stesso e servirsi da solo invece di convincere una femmina a lavorare per lui è malvisto. Le donne che aspirano a qualsiasi cosa con se stesse oltre a prendersi cura dei bambini e dei mariti sono state disapprovate, ma non era così diverso qui in America nel 1969. Per motivi che non riesco a capire, siamo ANCORA non pagati come gli uomini per lavoro equivalente.

Questo è un romanzo unico e intrigante.
data di revisione 04/21/2020
Nalor Sakash

Non c'era ragionamento con questo libro. Mi ha catturato con i suoi occhi a forma di parola e voleva bloccare le corna. Mi ha gettato a terra e mi ha colpito ogni volta che l'ho raccolto. Durante alcuni di questi colpi sono uscito in cima, ma la maggior parte delle volte sono stato sopraffatto dalla forza prepotente del libro nonostante la sua scarna spina dorsale. Nell'ultima partita, come se mi stesse allenando, ho superato il libro. Non dovevo fare altro che riflettere sulla lotta che mi aveva portato a sbattere le ultime pagine in vittoria e

Mi sono trovato confuso

Sulla scia di questo libro mi sono ritrovato a porre una domanda che mi ero posto prima, ma a cui non avevo mai risposto correttamente. Per non dire che risponderò correttamente qui. Per non dire che c'è una risposta adeguata. La domanda:

Posso perdonare un libro per una lettura dolorosa se alla fine ripaga?

Il mio fidanzato ha regalato Arundhati Roy's Il Dio delle piccole cose a me per Natale perché:

a) È stato un vincitore del premio Booker
b) È stato scritto da un autore internazionale
c) Ha letto recensioni che hanno sia elogiato che lamentato questo libro

Lei mi conosce bene! In effetti, il libro ha colpito molte delle mie caselle di spunta personali. Il Dio delle piccole cose ero sul mio radar da molto tempo e mentre mi accingevo al primo capitolo, rimasi stupito da quanto fosse difficile seguirlo. La scrittura, floreale e descrittiva, era di una tale densità che mi colse di sorpresa. Certo, questo è diminuito dopo un po 'e mi sono adattato alla prosa di Roy. Detto questo, c'è molto da fare e non è spiegato in un modo che potrebbe essere descritto come lineare.

La storia inizia, si interrompe e salta in giro con sufficiente regolarità da richiedere quasi di essere letta per lunghe sedute. Roy scivola indietro nel tempo all'interno di paragrafi, a volte costringendomi a tornare indietro e leggere ciò che avevo appena letto per assicurarmi di interpretare correttamente il passaggio. Anche Roy salta spesso tra i personaggi. Dato che scherzosamente dà ai suoi personaggi variazioni sui loro nomi o usa parti della storia che sono passate per informare la loro descrizione, può essere difficile avere una mano sul cast.

Ma una volta che lasci andare le tue aspettative e vai avanti per la corsa, il libro ha molte qualità gratificanti. I personaggi sono ben sviluppati, comprensibili e legati da un destino condiviso. Sebbene il romanzo sia stato letto come disgiunto, Roy mette tutto insieme abbastanza bene. Il primo capitolo del romanzo serve come una strana sinossi che è abbastanza oscura da non essere in grado di evidenziarne le complessità, identificando solo le tragedie principali. La trama guidata dal personaggio diventa gratificante quando l'artificio della timeline frammentata viene messo a nudo dalla fine del romanzo. Se la ricompensa valga o meno la tensione è un altro argomento.

Certamente, non è tutto sforzo. Roy ha portato a casa il Premio Booker nel 1997 per questo romanzo, ed è facile capire perché potrebbe essere uscito in vetta. Ha un formato unico, ma soprattutto, molto, molto attraente, anche se stravagante, la scrittura. Alcune delle descrizioni di questo romanzo sono così vivide che ti faranno crogiolare nella loro bellezza e orrore. In questo modo Roy ha fatto una cosa impressionante: ha mostrato la bellezza e il terrore insiti nel mondo reale. Naturalmente, rende anche una lettura estenuante.

Sono sicuro che l'opinione del lettore varierà su questo, poiché l'apprezzamento dello stile è una questione così soggettiva, ma la prosa di Roy funziona sia a favore che contro di lei. Rende per alcune belle immagini della mente, senza dubbio. Mi ha anche fatto scrivere il libro per fare una pausa più spesso di quanto non faccia con i romanzi. Il libro è stratificato di metafora, infinitamente autoreferenziale e talvolta abbastanza oscuro da ammettere, senza imbarazzo, che non avevo idea di cosa avrebbe dovuto significare.

Quindi, il legame di tutto ha giustificato la lettura? Beh, certamente ho imparato cose dalla lettura della prosa che sono utili. Tuttavia, la lotta non mi ha mai fatto sentire ricompensato come lo sono stato con gli altri opere impegnative. C'è un sacco di bellezza e grande pensiero da vedere in questo romanzo dell'India, ma mi sono sempre sentito un po 'rimosso dal procedimento. Da qualche parte, in mezzo a una lotta con un flusso di coscienza, apprezzamento della scrittura, sconcerto in una sequenza temporale e personaggi divertenti, troverai la mia opinione.
data di revisione 04/21/2020
Ruthie Karukin

Questo è probabilmente uno dei libri più strani che abbia mai letto. Ho provato a leggere questo quando avevo 15 anni e DNF mentre mi perdevo tra la prosa confusa. ??! Dieci anni dopo ho trovato le stesse parole irresistibili e belle. È stata una lettura affascinante per me.

Sento che questo libro non è per tutti. Alcune persone potrebbero pensare che si stia trascinando o potrebbero non essere in grado di relazionarsi con la trama o i personaggi.

Visto attraverso gli occhi del bambino di 7 anni Rahel, questo libro inizialmente fa credere al lettore che si tratti di alcune sciocche riflessioni di bambini su un mondo e sulle persone che non è ancora in grado di comprendere. Man mano che il lettore procede ulteriormente, diventa una lettura seria, discutendo di diverse questioni sociali che esistevano in Kerala. Punta un dito contro la discriminazione basata sulla casta, la misoginia, la politica indiana. Inoltre prende in giro la tendenza delle persone a imitare tutto ciò che è occidentale. Ad esempio il modo in cui Chacko, lo zio di Rahel va all'estero per motivi di studio, o come Sophie mol, la figlia di Chacko (con una donna britannica) viene trattata in modo superiore dai loro parenti rispetto a come trattano Rahel e il suo gemello Estha, come viene considerato il sapere inglese come equivalente all'essere colti ... ecc. Anche l'impatto della globalizzazione in India è rappresentato indirettamente. Per es. i gemelli e la loro famiglia che vanno a teatro a guardare The Sound of Music ne sono un esempio.

Qui incontriamo strani personaggi sotto l'innocente osservazione di Rahel. Anche se non è in grado di determinare quanto sia vile o buono qualcuno, o quale ruolo svolgono nella sua vita e in quella di Estha, il lettore può facilmente rendersi conto di come vengono manipolate le cose / persone. C'è la giovane madre indifesa di Ammu, Rahel e Estha. C'è Chacko, il fratello maggiore di Ammu che ottiene un'istruzione moderna dall'Università di Oxford in Inghilterra, che sposa una donna inglese. C'è il furbo, intelligente e premuroso Velutha, un uomo di casta inferiore, figlio del servitore di famiglia di Ammu. C'è Baby Kochamma, la zia di Ammu che si innamorò di un prete e trascorse tutta la sua vita da zitella. Ci sono molti di questi personaggi e ognuno di essi è descritto in dettaglio, è uno studio del personaggio ben scritto.

La storia è scritta su una linea temporale molto confusa. I pensieri di Rahel si spostano tra il presente e il passato e alcuni periodi di tempo intermedi senza alcun preavviso. La genialità è che Roy è in grado di creare senso e ordine totale da questo caos.

Mi è piaciuto il modo spensierato e spesso divertente in cui i gemelli hanno cercato di dare un senso a ciò che li circonda. Roy ha usato diverse tecniche letterarie per renderlo realistico. Consiglio questo libro a persone che amano il pensiero profondo che provoca prosa, un mucchio di personaggi interessanti e uno sguardo alla società del Kerala che esisteva negli anni '1960. Raramente trovo libri di autori indiani belli, intriganti e strani! ??.

Non ne ho mai abbastanza di questo libro !!
data di revisione 04/21/2020
Fredrick Crudup

Il Dio delle piccole cose, by Arundhati Roy, è un libro fantastico. Si svolge in una città dell'India chiamata Ayemenem. Riguarda una famiglia e come affrontano la loro vita quotidiana. Rahel ed Estha, i personaggi principali, sono gemelli che si mettono sempre nei guai con la loro mamma, Ammu. Racconta di come è la loro vita in India e di come funzionano il loro governo e la loro società. Possiedono una fabbrica di sottaceti, quindi la famiglia di Rahel ed Estha è conosciuta come una famiglia "tangibile". Dal momento che sono touchables, non sono autorizzati a parlare o avere nulla a che fare con gli "intoccabili". In seguito scoprirai che questo è un problema nella storia. Questa storia racconta come crescono con i problemi che hanno avuto quando erano piccoli, come quando uno dei personaggi viene abusato sessualmente, deve affrontarlo per tutta la vita e racconta della sua lotta. Questo libro cambia pagina ed è di facile lettura. A volte diventa confuso perché alcuni dei capitoli sono flashback. Consiglierei questo libro più alle ragazze, ma anche ai ragazzi piacerebbe.
data di revisione 04/21/2020
Alake Prys

Trova tutte le mie recensioni su: http://52bookminimum.blogspot.com/

"Tutto è possibile nella natura umana."

Buongiorno Goodreaders! Ti preghiamo di essere avvisato: se non hai familiarità con me e sei qui perché questo (1) è stato mostrato in modo casuale sul tuo feed a causa di una conoscenza reciproca che condividiamo o (2) perché ti aspetti un'opinione super intelligente su un classico moderno , Ho una cosa da dirti. . . . .



Nel caso in cui il .gif non ti abbia indotto, non offrirò alcun tipo di intuizione letteraria in questo spazio. Quello che farò è quello che faccio sempre, che è: non parlare un po 'del libro.

Ancora qui? Probabilmente no. Per voi tre che siete, probabilmente siete miei veri amici e mi chiedete “come diavolo ha fatto Questo salire sul suo TBR? ” o "lei sa che questo non è un porno o una selezione di giovani adulti, giusto?" Sorprendentemente, la risposta è SÌ, conosco le cose, anche se questo ha vinto il Premio Booker. . . . . .



Ma se sarò onesto al 100%, devo ammettere che ho letto questo per un motivo e un motivo da solo. . . . .



Se mi conosci, saprai che sono una vera puttana quando si tratta di ottenere lo swag gratuito dalla biblioteca. L'artista precedentemente noto come l'adulto INVERNO Reading Challenge è ora diventato l'adulto ESTATE Leggendo la Challenge e io faremo tutto il necessario per vincere il bicchiere da pinta premio di questa stagione da cui posso bere grandi quantità di birra. . . . .



Concedimi un momento per scusarmi con il mio amico Kristin. Vedi, Kristin è una delle poche persone (sto parlando puoi contare su una mano e avere ancora le dita lasciate) che è stato in grado di rompere la quarta parete e diventare mio amico su Facebook e Goodreads ( nel senso che lei è quella che può confermare che sono terribile dappertutto come lo sono qui e non ti sto pescando) quindi è stata inondata di aggiornamenti sulla mia gioia. Sto immaginando che lei dica qualcosa in questo senso quando vedrà questo post. . . . .



Mi dispiace davvero Kristin. Vorrei che Erica non fosse una così orribile bibliotecaria e mi sarei occupata della tua richiesta di merda gratuita.

Comunque, torniamo su "topic" (HA!). Come puoi vedere sopra, quest'anno il tema è "Spingere il tuo scaffale" che tipo di colpi perché sono più che contento qui nella mia bolla. Buuuuuuuuuut (per quanto sorprendente), mi piace seguire le regole della sfida. I termini generici per vincere il bicchiere sono "leggere 5 libri tra la data X e Y", che sappiamo tutti che è davvero facile spremere il limone per i tuoi. "Spingere il tuo scaffale" significa che dovresti leggere qualcosa che ti porta fuori dalla tua zona di comfort - cosa che non pensavo fosse possibile poiché, sai, vivo con Mitchell. Risulta che "la zona di comfort" per questo equivale a smarty scoreggia e mi ha fatto sembrare un lil 'summin' come questo per un bel po '. . . .



Come dice l'autore nella sezione Domande e risposte, Il dio delle piccole cose "Inizia alla fine e termina nel mezzo". I lettori sono presto consapevoli che un bambino è morto, che un gemello è stato mandato a vivere con suo padre ed è tornato 23 anni dopo, che sua sorella è tornata in India dall'America per riunirsi e che una storia d'amore proibita di qualche tipo ha preso posto. Ci vuole quasi il resto del libro per tornare indietro per riempire i dettagli di questi eventi. ED ESSO ERA SUL SERIO VIOLA IN PROSE. Questo è stato quasi un rompicapo per me. I personaggi, l'ambientazione, ecc. Mi hanno incantato, ma non sono un superfan di "belle" sceneggiature. Fortunatamente per me, ci sono stati momenti come questi che un simpleton come me poteva godere. . . .

"Potrebbe cambiare", dice Ammu.

“Come vuoi dire? Cambia in cosa? " Chiese Sophie Mol.

"In un maschio sciovinista", ha detto Rahel.

"Molto improbabile", ha detto Estha.


^^^^ All'epoca Estha era un ragazzino e il potenziale "maiale sciovinista maschio" in questione.

Mentre questa selezione è stata un po 'una seccatura per me, la consegna "round about" ha finito per essere piuttosto brillante e sono molto felice che sia stata una delle letture consigliate per questa sfida in quanto non l'avrei mai letta se non avesse è accaduto. Ho anche scoperto che l'autore è stato accusato di un reato di "corruzione della moralità pubblica" e legato per anni in procedimenti giudiziari, il che significa che probabilmente dovrei mettere migliori serrature alle porte in modo che Mitchell non riesca a rintracciarla. Per quanto riguarda il momento nel libro che ha causato l'accusa ??????



Ha! tu sapere Non ho questa reazione a quasi nulla. In realtà, pensavo che la scena in questione avesse sminuito quello che altrimenti sarebbe stato un vero e proprio tipo di lettura.
data di revisione 04/21/2020
Dric Botticello

Rimase seduta per un po '. Molto dopo la fine della canzone. Poi improvvisamente si alzò dalla sedia e uscì dal suo mondo come una strega. In un posto migliore e più felice.



Arundhati Roy (1951-)

Sono passati venti anni da quando il libro è stato pubblicato. Ha cambiato la vita dell'autore. Potrebbe anche aver cambiato la vita di alcuni lettori. Chi può dirlo?

Non mi interessa provare a recensire davvero il libro. Quello che ho pensato è rivelato dalla valutazione.

La struttura della narrazione è tuttavia un'opera d'arte meravigliosa. Si concentra su un arco di due settimane che si verificano nell'infanzia di un fratello e una sorella. Il culmine del racconto si verifica nel corso di un giorno e una notte - o notte e giorno in modo più preciso.

Eppure il romanzo, non particolarmente lungo, si avvicina al racconto di questa storia intensamente umana in modo circolare, tessendosi avanti e indietro da prima degli eventi principali, a molti anni dopo, avvicinandosi lentamente al crescendo, rivelando lentamente maggiori dettagli. Non è un mistero, davvero. Roy non fa di tutto per indurre il lettore a indovinare cosa succede. Uno impara gradualmente sempre di più, l'arco della storia diventa più chiaro. A me sembrava una bella sinfonia, costruita su temi che vanno e vengono, che si fondono nel movimento finale a qualcosa che potresti quasi, ma non del tutto, anticipare da ciò che viene prima.

Per recensioni reali, guarda queste: le quattro recensioni più amate dagli amici.

Samadrita: https://www.goodreads.com/review/show...
Rowena: https://www.goodreads.com/review/show...
Cecily: https://www.goodreads.com/review/show...
Dolors: https://www.goodreads.com/review/show...


- - - - - - - - - - - - - - - - -

Recensione precedente: I dialoghi di Platone
Recensione successiva: Riccardo III Shakespeare
Recensione precedente: Dizionario di alfabetizzazione culturale cosa devi sapere se vivi negli Stati Uniti

Revisione della biblioteca precedente: La metà di un sole giallo
Prossima recensione della biblioteca: Un ragazzo adatto
data di revisione 04/21/2020
Buckingham Wilmeth

Cosa dice di me che sono felice di trovare un impostore nel canone? Mi sento come la gestapo, così terribilmente potente ... come se stessi finalmente annullando o decifrando l'incantesimo che questo lavoro invoca sul pubblico generale (sebbene con lettura intelligente). Altri avrebbero potuto facilmente prendere il suo posto in quella lista memorabile ... e perché oh perché "Tropic of Cancer" o "Mao II" potrebbero essere considerati anche dei classici?

e qui ce n'è un altro. Un "capolavoro" pluripremiato ha tenuto alto lo scaffale dei letterati. La trama è delicata - solida, in realtà. Chiamalo "The Sound and the Fury 2.0". Affrontare il flusso della tecnica della coscienza collettiva, scorrere liberamente attraverso il tempo, esplorare psiche e associazioni ... tutto ciò qui, in un aiuto più digeribile. La famigerata confusione in prosa di Faulkner non è uno spettro qui, grazie a dio.

Ma...

Difficile dirlo, solo per dirlo: IL DIO DELLE PICCOLE COSE è incredibilmente pretenzioso. P maiuscola - pretenziosa. Prendere filoni di dichiarazioni quasi intelligenti e ripeterle per tutta la trama contorta, sempre con un'intensità furiosa, forte come una cascata ... tutto ciò porta l'attenzione sulla scrittura stessa ("Magistrale!"), Ma non sulla trama.

& ...

Che cosa?!?! Incesto?!?! (L'ultima volta che ho controllato, questa è stata la cosa più osé in ... Fiori in soffitta!) Anche a parte questo, ci sono ancora molte cose storte nel romanzo. È semi-tollerabile da leggere, lo scrittore è troppo intelligente per essere limitato ai parametri della sua storia - e quindi il caso qui è quello dello scrittore che si sta esaurendo, creando la trama stessa (che non mi stancherò di dire- -non è affatto male [almeno, la trama della maledizione della famiglia è più ricca, più drammatica e sentita, rispetto a quella del clan meridionale del classico di Faulkner]) fa un passo indietro per le fastidiose acrobazie "scritturali". Il finale è fantastico, ma anche, sfortunatamente, sembra completamente inventato.

HAHA, ti ho preso ...! ...! E sai cosa, libro itty? Davvero non è tutto!
data di revisione 04/21/2020
Alric Mirles

"Niente importava molto. Nulla importava molto. E meno importava, meno importava. Non era mai abbastanza importante. Perché erano accadute cose peggiori. Nel paese da cui proveniva, in bilico per sempre tra il terrore della guerra e l'orrore di pace, le cose peggiori continuavano a succedere ".

"Forse è vero che le cose possono succedere in un giorno. Che poche decine di ore possono influenzare i risultati di intere vite. E che quando lo fanno, quelle poche dozzine di ore, come i resti recuperati di una casa bruciata: l'orologio carbonizzato, il fotografia cantata, i mobili bruciati - devono essere risistemati dalle rovine ed esaminati. Conservati. Reso conto. "

"Ammu non ha fatto finta di essere innamorata di lui. Ha solo soppesato le probabilità e accettato."

"La memoria era quella donna sul treno. Insane nel modo in cui setacciava le cose oscure in un armadio ed emerse con le più improbabili: uno sguardo fugace, una sensazione. L'odore del fumo. Un tergicristallo. Gli occhi di marmo di una madre Abbastanza sano nel modo in cui ha lasciato velati enormi tratti di oscurità. Non ricordati. "

"'Sai cosa succede quando fai del male alle persone?' Ammu disse: "Quando fai del male alle persone, iniziano ad amarti di meno. Questo è ciò che fanno le parole negligenti. Fanno in modo che le persone ti amino un po 'meno. ""

"E l'aria era piena di pensieri e cose da dire. Ma a volte come queste, solo le piccole cose vengono mai dette. Le grandi cose si nascondono dentro non dette."

"Se sei felice in un sogno, Ammu, conta?"

"Le Grandi Storie sono quelle che hai ascoltato e che desideri ascoltare di nuovo. Quelle in cui puoi entrare ovunque e abitare comodamente. Non ti ingannano con brividi e finali ingannevoli. Non ti sorprendono con l'imprevisto. Sono familiare come la casa in cui vivi. O l'odore della pelle del tuo amante. Sai come finiscono, ma ascolti come se non lo facessi. Nel modo in cui sai che un giorno morirai, vivi come anche se non lo farai. Nel Grande Storis sai chi vive, chi muore, chi trova l'amore, chi no. Eppure vuoi sapere di nuovo. "

"Pensò alla risata di Chacko e un sorriso rimase nei suoi occhi per molto tempo."

"Se avesse saputo che stava per entrare in un tunnel il cui unico uscita era il suo annientamento, si sarebbe allontanato?
Forse.
Forse no.
Chi può dirlo? "

"Un bacio nuvoloso. Un bacio che ha richiesto un bacio indietro."
data di revisione 04/21/2020
French Kozlov





Uno dei migliori libri che ho letto negli ultimi anni. La storia si svolge in modo intricato; e quindi richiede attenzione. Va avanti e indietro nel tempo; la maggior parte dei nomi sono difficili da pronunciare e sembrano sconosciuti. Ma una volta entrato nella storia, tutto il resto va a posto.

La storia ruota attorno a "Ammu", una donna divorziata di classe superiore e ai suoi due figli, Rahel ed Estha. Ammu, insieme ai suoi figli, torna a vivere con i suoi genitori dove non è davvero benvenuta. La storia prende una svolta molto pericolosa quando Ammu si innamora di un uomo di casta inferiore "Velutha". Tale trasgressione porta disastro nella loro vita. I gemelli Rahel ed Estha sono separati, Velutha viene torturato a morte in custodia della polizia per aver amato una donna di casta superiore, e la reputazione di Ammu scende ulteriormente e muore per una morte anonima in una casetta economica.

Ciò che è così straordinario in questo libro è come è strutturato, come viene raccontato. È veramente "unico". Usa il linguaggio come una danzatrice abile usa movimenti e gesti del corpo. La storia è sua e ciò che lei porta sul giornale è anche lei ferocemente. Non riesco a pensare a nessun altro scrittore indiano o altrove la cui scrittura possa riconoscere rapidamente quando la vedo.

Molte persone pensano che sia diventata un'attivista dopo aver vinto il Booker nel 1997. Chiunque abbia letto questo libro sa che la sua politica è sempre stata lì nel suo primo libro. Bisogna leggere un po 'più a fondo perché è nascosto nella sua prosa poetica. Quasi qualunque cosa abbia scritto in seguito, tutta la sua saggistica potrebbe essere ricondotta al suo primo romanzo.

Questa coerenza di cuore, di visione, di politica è un risultato; soprattutto in un mondo in cui tutto è legato al profitto. Un mondo in cui politici, giornalisti, scrittori si schierano a seconda dei loro "bisogni". Un giorno la globalizzazione è buona, ma un altro giorno è cattiva. A volte il multiculturismo è fantastico, ma ora non lo è. A volte gli piace Obama, e nei giorni nostalgici tifano per "Adolf Trump" e la lista continua. Quindi abbiamo bisogno di scrittori come lei; e abbiamo bisogno di storie che si connettano, che ci facciano vedere come stanno le cose.

Lascia una recensione per Il Dio delle piccole cose