Homepage > Fantascienza > Finzione > Russia > Picnic sulla strada Recensioni

Picnic sulla strada

Roadside Picnic
Da Arkady Strugatsky Boris Strugatsky, Theodore Sturgeon, Antonina W. Bouis,
Recensioni: 28 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
8
Bene
14
Media
4
Male
1
Terribile
1
Red Schuhart è uno stalker, uno di quei giovani ribelli che sono costretti, nonostante il pericolo estremo, ad avventurarsi illegalmente nella Zona per raccogliere i misteriosi manufatti che i visitatori alieni hanno lasciato dispersi. La sua vita è dominata dal luogo e dal fiorente mercato nero dei prodotti alieni. Ma quando lui e il suo amico Kirill vanno insieme nella Zona per scegliere

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Ethyl Vaghy

Questo vecchio classico russo è oggi sorprendentemente rilevante e fresco, senza tutte le abbondanti quantità di fumo in corso. :) Se qualcosa regalerà questo gioiellino, è praticamente solo quello.

È molto stretto, mascherato da un'avventura scavenger che diventa un thriller del mercato nero che diventa una domanda sulla natura dell'intelligenza, della scoperta e persino della domanda più elementare di tutte: "Che diavolo stanno pensando questi alieni ???"

Dopotutto, hanno appena lasciato un enorme casino sul ciglio della strada, senza nemmeno preoccuparsi di salutare i maledetti locali prima di scaricare la loro merda mangiata per metà e lasciare le loro bottiglie di soda ad alta tecnologia.

Voglio dire, sul serio? Chi pensano che siano questi americani, spogliando una così bella campagna russa? * sospiro * E poi c'è tutto il casino sul consumismo e sul capitalismo, dandoci una condanna abbastanza completa e coerente senza mai "dire" nulla. È tutto appena mostrato e mostrato estremamente bene.

E poi c'è l'ovvia connessione con il lavoro molto successivo che è fortemente in debito con Roadside Picnic, il dubbio Area X: The Southern Reach Trilogy. Altri hanno superato le connessioni meglio di me, ma posso dire una cosa liberamente: i due sono molto simili nel grossolano, tra la stranezza all'interno dell'area e il desiderio di comprensione e possibili cianfrusaglie, ma è praticamente lì che il le somiglianze finiscono. Certo, continueremo a fare domande in entrambi i romanzi, molto tempo dopo che sono finiti, ma questo mantiene le cose abbastanza leggere anche quando l'MC striscia nel fango. Lo biasimo con l'alcool. Ma poi, questo è davvero un romanzo russo.

Penso che potrei andare avanti e dire che penso che questa sia la storia di San Francisco più stretta. Il primo romanzo in Area X è stato delizioso per il surreale e i dettagli, ma questo romanzo ha avuto molta più azione e discorsi chiari per coloro che preferiscono i loro racconti scattanti. Non sorprenderti, però, se ottieni più di una pancia dei mali del capitalismo piuttosto che un'esplorazione più profonda degli alieni e della nostra insignificanza ultima. È lì, ma la subdola diatriba contro l'Occidente è in realtà la parte superiore del romanzo. (Superiore sia nel divertimento che nella trama e nelle cose che il nostro MC deve sopportare, piuttosto che puro spazio nella pagina.)

Questo è piuttosto un fantastico SF classico e lo consiglio vivamente. Ovviamente ha avuto un sacco di amore e cura riversati in esso, e i risultati sono fantastici. :)
data di revisione 04/21/2020
Pavel Turdo

[il premio finale, una palla d'oro che presumibilmente dà al proprietario i suoi desideri (nascondi spoiler)]
data di revisione 04/21/2020
Trillbee Vicini

2.5

"È così con la Zona: se torni con lo swag, è un miracolo; se torni vivo, è un successo; se manchi i proiettili di pattuglia, è un colpo di fortuna. E per tutto il resto. -questo è il destino. "

Temo che continuerò a rispondere alle parole "fantascienza russa" gridando "We di Yevgeny Zamyatin! "poiché, a mio modesto parere, Picnic sulla strada non raggiunge quel livello se non, forse, nel concetto.

Perché il concetto is fantastico (e se alla fine arrivasse la famigerata invasione aliena, solo nella forma dei nostri amici stranieri che fanno un picnic allegro e scaricano i loro rifiuti, i loro rifiuti e i loro rifiuti lì a terra? E se quei rifiuti, essendo alieni, avessero qualche misterioso e incredibile proprietà che gli uomini potrebbero studiare e utilizzare a loro volta?). E proprio perché è fantastico, presenta un'enorme quantità di possibilità -quando si tratta della trama e dell'aspetto scientifico. Ma lo sento nessuna di queste possibilità è stata veramente sviluppata ed esplorata. In effetti, l'intera storia sembrava piatta, poco interessante. Il libro è molto breve e sono andato avanti anche se non ero interessato a ciò che stava accadendo, ma sono abbastanza sicuro che ho continuato a leggere solo per inerzia. I personaggi non sono migliori.

In tutta onestà, non posso raccomandarlo Picnic sulla strada: sembra uno di quei libri che ti farà in qualche modo più ricco come lettore e come persona, ma in realtà non mi ha lasciato nulla. Rimane un classico, ovviamente; semplicemente non il mio tipo di classico.
data di revisione 04/21/2020
Abey Gillitzer

Essere al di sotto delle preoccupazioni degli esseri alieni non è un nuovo tema di fantascienza (sebbene sia relativamente raro), ma non ho mai letto un libro che abbia esaminato l'idea in questo modo. La prefazione di Ursula K. Le Guin è giusta: il più delle volte, le persone che interagiscono con la tecnologia aliena sono altamente qualificate e istruite, anche se, come in Appuntamento con Rama, agli alieni non potrebbe importare di meno di noi.

Nota: il resto di questa recensione è stato ritirato a causa dei recenti cambiamenti nella politica e nell'applicazione di Goodreads. Puoi leggere perché sono arrivato a questa decisione qui.

Nel frattempo, puoi leggere l'intera recensione su Smorgasbook
data di revisione 04/21/2020
Rooke Elsey

Ho deciso di leggere una fantascienza per il mio classico del mese questo mese, anche se la vecchia fantascienza spesso mi manca. Per fortuna questo non è stato un totale fallimento, anche se è stato lento.

Gli alieni atterrano sulla terra, forse per fare un "picnic sul ciglio della strada", e si lasciano dietro un mucchio di spazzatura. Le aree in cui sono sbarcati diventano inabitabili ed è pericoloso entrare in queste zone. Gli oggetti lasciati dagli alieni sono di immenso interesse per la comunità scientifica e come oggetti da collezione sul mercato nero. Gli "stalker" si avventurano nelle zone per cercare e raccogliere questi oggetti, con grande rischio per se stessi. Redrick è uno Stalker e il libro parla principalmente di lui, anche se non c'è molto nel modo di sviluppare il personaggio.

A volte mi piaceva molto questo libro; ad altri, ero contento che non ci volesse molto. È una storia lenta, a volte interessante, a volte terribilmente noiosa. Come per molte fantasie classiche, nel libro c'è un po 'di sessismo - per esempio, le uniche donne citate sono in relazione a ciò che stanno facendo per gli uomini. So che è un "segno dei tempi" in cui è stato scritto, ma mi ha comunque fatto roteare gli occhi.

3.5 stelle arrotondate per eccesso

Marzo 2020 classico del mese
data di revisione 04/21/2020
Greenwald Adauto

Nell'aprile del 1986 si verificò un grave disastro nucleare nella centrale di Chernobyl, a un'ora di macchina a nord di Kiev (allora URSS). Una nuvola radioattiva si diffuse in tutta Europa nei giorni seguenti. Milioni sono stati contaminati. La vicina città di Pripyat divenne una città fantasma. In seguito, alcuni animali da fattoria nacquero con deformità mortali. Uomini e donne dovevano entrare nella zona contaminata per sigillare il reattore all'interno di un gigantesco guscio di cemento. Furono chiamati "stalker".

Il loro nome deriva direttamente da Picnic sulla strada. Questo racconta della fama di questo libro di fantascienza di epoca sovietica; una fama probabilmente dovuta, in parte, a quella di Andrei Tarkovsky Stalker (1979), liberamente adattato dai fratelli Strugatsky, che hanno preso parte alla sceneggiatura, dall'ultima sezione - e senza dubbio la parte migliore - del loro libro.

L'installazione è all'ordine del giorno nella letteratura scientifica: alcuni alieni hanno visitato il nostro pianeta. Ma Arkady e Boris Strugatsky non descrivono uno scontro di civiltà (vedi HG Wells ' La guerra dei mondi, e innumerevoli altri dopo), che presuppone implicitamente che gli esseri umani e gli alieni siano fondamentalmente uguali - sono entrambe specie invasive e aggressive in generale e sono incuriosite o desiderose di combattere l'una con l'altra. Invece, in questo romanzo, ritengono che umani e alieni esistano su livelli totalmente diversi. Gli alieni hanno “visitato” il nostro pianeta e, trascurando completamente gli umani, hanno lasciato “oggetti” sparsi, trappole, bombe, manufatti miracolosi, all'interno di una “Zona” che è stata isolata. Solo una manciata di persone, chiamate "stalker", si insinuano nella Zona a rischio della propria vita, come formiche che esplorano un mucchio di immondizia oltre la loro comprensione, lasciate da pic-nic soprannaturali sul ciglio della strada intergalattica. La natura impenetrabile degli alieni nel romanzo di Strugatskys è simile a quella di Stanislaw Lem Solaris; entrambi adattati allo schermo da Tarkovsky.

È comunque una lettura davvero strana. Si espande attraverso una decina di anni della vita dello stalker Red Schuhart, con episodi sparsi: conversazioni riguardanti il ​​commercio di oggetti alieni, discorsi sulla natura di alieni e umani, incursioni all'interno della Zona, flussi di coscienza. Le prospettive sono spesso tristi; lo stile è grezzo; i personaggi, in una sorta di pastiche Noir, sono volgari, sudati, portano il cuore sulle maniche e hanno una forte tendenza a bere e fumare. Tutto ciò che ha procurato agli Strugatski parecchi rigetti da parte dei comitati sovietici (leggi la postfazione di Boris Strugatsky su questo argomento).

La traduzione di Olena Bormashenko è grezza e superba. Picnic sulla strada ebbe una possibile influenza su alcuni romanzi anglo-americani, Dan Simmons Hyperion, VanderMeer's Area X trilogia, o Ted Chiang's Storie della tua vita, per esempio. Alcuni videogiochi sono anche in debito con i fratelli Strugatsky. Ultimo ma non meno importante, è probabile che l'autore francese Alain Damasio avesse qualche accenno di questo romanzo dietro la testa quando scriveva La Horde du Contrevent.
data di revisione 04/21/2020
Betsy Depp

La mia lunga conversazione con Picnic sulla strada:

Io: "Davvero? Non siamo soli ?! Gli alieni sono qui ?!"

RP: "Beh ... erano qui. Sono tornati a casa ora."

Io: "Ma ci hanno lasciato un sacco di cose fantastiche per noi? Fantastico!"

RP: "Sì, è un po 'bello, tranne, beh ... quello che hanno lasciato potrebbe essere in realtà spazzatura aliena, e sembra che non ci abbiano nemmeno notato."

Io: "Oh ... giusto. Ma hanno visitato diversi posti sulla Terra, sì? Quindi almeno c'è un sacco di spazzatura aliena da analizzare?"

RP: "Sì, tranne per il fatto che tutte le zone che hanno visitato sono ora piene di strane trappole. È praticamente un suicidio che finisce in una sola."

Io: "Quindi ... quello che mi stai dicendo è che gli alieni si sono presentati, ci hanno ignorato, hanno distrutto il posto e sono tornati a zonzo in Andromeda o ovunque?"

RP: "Sì".

Benvenuti nel mondo di Picnic sulla strada, il famoso film del romanzo Tartovsky Stalker è basato su.

Gli alieni hanno visitato diversi luoghi in tutto il mondo. I luoghi che hanno visitato sono disseminati di strani artefatti che sfidano la nostra comprensione, i prodotti di una scienza strana e avanzata. Grandi aree intorno ai siti di visita sono inabitabili e quasi impercettibili: effetti di gravità strana e mortale, aree di improvviso incenerimento di calore, vasche di gelatina incandescente che distruggono il metallo tanto facilmente quanto la carne - questi e altri orrori infestano questi siti.

Le persone che sono state esposte alle zone sono spesso alterate e i loro figli nascono con strane mutazioni, nonostante non vi siano radiazioni misurabili nelle zone.

Naturalmente i governi hanno limitato l'accesso alle zone e inviano scienziati in missioni letali per acquisire gli oggetti all'interno per scoprire i segreti delle tecnologie aliene.

Allo stesso modo naturalmente, i contrabbandieri - noti come Stalker - rischiano le loro vite di sgattaiolare nella zona per recuperare oggetti per il mercato nero, alimentando un fiorente commercio di tecnologia aliena.

Uno dei più riusciti di questi Stalker è Red Schuhart, un uomo che è entrato e rientrato dalla zona molte volte, spesso con un inestimabile bottino alieno. È un tipo di lavoro rigido, sempre sul punto di essere al verde e costantemente tentato di inseguire i grossi soldi che può guadagnare come Stalker. La narrazione lo segue e attraverso di lui apprendiamo della natura delle zone, cosa possono fare alle persone che vi entrano e il loro effetto sul mondo in generale.

Ma mentre la storia di Red è interessante, per i miei soldi la carne di questo romanzo è contenuta nelle idee alla base. La premessa centrale - che i visitatori alieni si sono fermati sulla Terra e hanno lasciato strani artefatti che non comprendiamo appieno, artefatti che cambieranno il corso della nostra storia - non è unica, ma il motivo dietro queste visite è; gli alieni si fermavano da qualche parte e non ci notavano o ci consideravano sotto la loro attenzione.

Non erano qui per il primo contatto o per sollevarci. Si sono semplicemente fermati per un "picnic sul ciglio della strada" e i potenti artefatti, le zone che distorcono la realtà e mortali - tutti questi non sono altro che pezzi di spazzatura scartati e strisce di inquinamento dalle loro attività, proprio come un gruppo di umani potrebbe gettare alcuni beercans intorno a un campeggio e lasciare una pozzanghera di olio puzzolente dietro la loro macchina che perde.

I amato questa idea. Allontana completamente le basi della storia dalle solite direzioni che prendono le storie focalizzate sulla tecnologia aliena, che di solito ha a che fare con la scoperta della tecnologia che cambia il mondo lasciata in un mondo lontano da una razza aliena morta da lungo tempo le cui origini sono ora perse nella notte dei tempi, blah-blah-russare. Questo scenario è sovrautilizzato a San Francisco, quindi l'idea dei fratelli Strugatsky sul trofeo è rinfrescante come una bevanda misteriosamente idratante prodotta con la tecnologia aliena perduta da tempo, vale a dire: piuttosto rinfrescante.

L'intera storia è intrigantemente contaminata dal sentimento che la tecnologia che è stata trovata potrebbe essere solo spazzatura, che i personaggi principali stanno rischiando la vita per le lattine di birra aliene e che l'umanità, così importante ai nostri occhi, ha così poche conseguenze a poteri più grandi che arrivano, incasinano i nostri cortili e se ne vanno senza nemmeno un Take-Me-To-Your-Leader. Questo oscuramento rende ancora più cupa una storia già abbastanza cupa, ma mi è piaciuta l'oscurità Picnic sulla stradae l'umore pesante che pervade gran parte della storia.

Questo romanzo è influente per una buona ragione e vale la pena dedicare del tempo. Picnic sulla strada è scuro, affascinante e originale.
data di revisione 04/21/2020
Karame Behl

Cosa accadrà quando la mente umana incontrerà fenomeni trascendenti?
Picnic sulla strada è un tentativo di risposta a questa domanda impossibile.
“Le case nel quartiere della peste sono scrostate e senza vita, ma le finestre sono per lo più intatte, solo così sporche da sembrare opache. Ora di notte, quando ti trascini, puoi vedere il bagliore dentro, come se l'alcol stesse bruciando in lingue bluastre. È l'inferno di melma che si irradia dal seminterrato. Ma soprattutto sembra un quartiere normale, con case ordinarie, niente di speciale tranne che non ci sono persone in giro. "
Gli alieni avevano visitato la Terra e se ne erano andati ma dopo di loro, c'erano delle zone di visita lasciate che gli umani tentano invano di esplorare, comprendere e usare.
Picnic sulla strada è un'indagine complessa della trascendenza: dei problemi morali, scientifici, politici e umanistici, può creare ...
Ci sono voci sulla Sfera d'oro nascoste nella zona di visita e contuse che possa esaudire qualsiasi desiderio umano ...
“Rise di una risata felice, si accovacciò e batté a terra con i pugni il più forte possibile. Il groviglio di capelli sulla chioma della testa tremava e ondeggiava in modo strano e divertente, ciuffi di terra asciutta volavano in ogni direzione. E solo allora Redrick alzò gli occhi e guardò la Sfera. Accuratamente. Con apprensione. Con una paura repressa che sarebbe tutto sbagliato: che avrebbe deluso, sollevato dubbi, buttato fuori dal cielo in cui era riuscito a salire, soffocando sulla merda lungo la strada ... "
Esseri umani e Dio: non sappiamo se esiste davvero ma crediamo che risponderà alle nostre preghiere.
data di revisione 04/21/2020
Sunderland Rimblas

Il primo contatto viene realizzato sotto forma di Zone e dei suoi scenari tutt'altro che idilliaci o disastrosi del passato di San Francisco. Quello che abbiamo ottenuto è molto più simile a uno schiaffo in faccia ... diavolo possiamo capire uno schiaffo. Questo è un gesto indifferente, se si può chiamare così e nessuno lo sa con certezza. Questa incertezza e pericolo risucchia tutto ciò che ha a che fare con esso e probabilmente li fa impazzire, o almeno li fa pagare per questo. Vediamo tutto ciò attraverso la vita dello Stalker Red e con lui chiediamo: perché, come, abbiamo fatto qualcosa di sbagliato, ne vale la pena e non ottenere mai una risposta.
data di revisione 04/21/2020
Verena Durre

Picnic su strada: classico russo SF con paralleli all'Area X di Vandermeer
Originariamente pubblicato su Letteratura fantasy
Roadside Picnic (1972) è un romanzo russo di fantascienza scritto da Boris e Arkady Strugatsky. Ciò avveniva quando autori ed editori erano soggetti a revisione e censura da parte del governo. Dal momento che non seguì la linea del Partito Comunista, non fu pubblicato in forma di libro senza censure in Russia fino agli anni '1990 nonostante fosse apparso su una rivista letteraria russa nel 1972. Quindi la sua prima pubblicazione di libri fu negli Stati Uniti nel 1977. Dal poi Roadside Picnic è stato pubblicato in dozzine di edizioni e lingue nel corso degli anni e ha ispirato il film Andalk Tarkovsky del 1979 Stalker, per il quale i fratelli Strugatsky hanno scritto la sceneggiatura.

La storia è ambientata dopo la Visitazione, quando gli alieni si fermarono brevemente sulla Terra e lasciarono sei Zone in cui esistono strane tecnologie aliene e fenomeni fisici. I residenti di queste aree non hanno mai visto gli alieni, ma i manufatti alieni hanno poteri misteriosi che a volte possono essere sfruttati dagli umani senza capire la tecnologia di base. Il titolo si riferisce alla semplice analogia di un gruppo di persone che vanno a fare un picnic in campagna, si divertono, scaricano vari rifiuti e proseguono. Per gli animali della foresta, le azioni di questi misteriosi esseri sono incomprensibili, così come sono gli oggetti che si lasciano alle spalle. Quindi siamo quelle creature indifese della foresta.

Dalla visita, le zone sono state chiuse dalle Nazioni Unite e vari governi ai civili, ma il richiamo dei manufatti alieni crea un solido commercio illegale in essi da parte di "stalker" che sanno come evitare le numerose strane trappole strane e spesso mortali che ucciderebbe gli incauti. Il protagonista della storia è Redrick "Red" Schuhart, uno stalker veterano che ha fatto decine di viaggi di successo nella Zona ed è emerso con abbastanza artefatti da sostenere se stesso e la sua ragazza. Questa esistenza è abbastanza precaria, quindi prende anche un lavoro come assistente in un laboratorio che studia la Zona. Tuttavia, spesso si ritrova nel bar locale, soprattutto quando realizza un altro punteggio illegale.

Quando Red si avventura nella Zona con un altro stalker di nome Burbridge, incontrano la "gelatina di strega", una sostanza che dissolve le gambe di Burbridge. Red lo salva, ma deve sfuggire alle autorità al suo ritorno. Nel frattempo, la sua ragazza Guta dà alla luce una ragazza con un corpo pieno di capelli (che guadagna il moniker "Scimmia"), dal momento che molti bambini nati vicino alla Zona o esposti a persone come stalker finiscono con strane mutazioni.

Dopo varie raschiature con acquirenti di artefatti ombrosi, organizzazioni sotterranee e un periodo in prigione, Red si ritrova a casa ancora una volta. Purtroppo, sua figlia ha perso la capacità di parlare. Infine, viene attirato in "un ultimo lavoro" per recuperare un oggetto leggendario chiamato "Sfera d'oro", che si dice per concedere i desideri del suo proprietario. Entra nella Zona con il figlio di Burbridge, ma devono prima superare il "Meatgrinder". Il finale della storia è piuttosto brusco e ambiguo, quindi lo lascerò al lettore per la decifrazione.

Quindi Roadside Picnic andava bene? Ho pensato che il concetto centrale fosse eccellente, ma mi sarebbe difficile dire che mi è piaciuto il libro. Trascorse molto tempo con Red ubriaco al bar, commiserando con vari altri nella strana sottocultura che si sviluppa intorno alle Zone, che sono generalmente desolate e scarsamente popolate. I vari acquirenti loschi e i loro piani per ottenere artefatti non erano così interessanti come speravo, e il tempo effettivo all'interno delle Zone era spesso anticlimatico. La sua vita familiare con sua moglie e sua figlia mutante è stata più promettente, ma non ha sviluppato una profondità abbastanza drammatica. E il finale ... Ho dovuto tornare indietro e ri-ascoltare due volte solo per essere sicuro di non aver saltato un capitolo finale per errore.

La cosa più interessante di Roadside Picnic è il parallelismo che ha con Annihilation di Jeff Vandermeer (2011), che precede di circa 40 anni. Quel libro parla di una strana area conosciuta come Area X, dove si verificano bizzarri fenomeni fisici e molte spedizioni sono entrate ma non sono mai tornate. Naturalmente non viene rivelato se l'Area X fosse dovuta ad alieni o altre fonti più occulte, e il romanzo è stilisticamente molto più vicino al Cthulhu di Lovecraft e alla New Weird school of fiction. Vandermeer ama mescolare i generi, iniettando molti elementi horror e misteriosi, e ha una fantastica scrittura descrittiva. Ma Annihilation e Roadside Picnic condividono lo stesso DNA: un rifiuto di rivelare i loro misteri al lettore. Mostrano i limiti della conoscenza umana e la nostra impotenza di fronte a una forza superiore e misteriosa. I personaggi di Annihilation sono narratori più inaffidabili di Red e meno facili da mettere in relazione. Alla fine, non era il mio libro preferito, ma vale comunque la pena leggerlo se sei interessato al classico SF russo.

Versione cinematografica: Stalker (1979) diretto da Andrei Tarkovsky

Roadside Picnic ha ispirato un adattamento molto approssimativo di Andrei Tarkovsky, che ha anche diretto la versione cinematografica di Solaris di Stanislaw Lem nel 1972. È stato incuriosito dal libro e ha affrontato molti problemi (incluso il dover riprendere completamente l'intero film dopo il primo stock di film era inutilizzabile) per raggiungere l '"unità classica aristotelica" e creare una versione cinematografica molto artistica, intellettuale e STUNNINGLY BORING. Avevo già visto Solaris e sapevo di dover affrontare scatti lunghi, ininterrotti e statici, dialoghi minimi, frammenti imperscrutabili di dibattito filosofico, e soprattutto ambiguità e mancanza di azione. Sembra un modo promettente per passare 2 ore e 40 minuti?

Sono rimasto scioccato di trovare il film disponibile nel mio negozio di video giapponese locale. Cosa stavano pensando? Questo film è esattamente il tipo di pretenzioso film d'essai molto apprezzato, scelto # 29 dal British Film Institute dei "50 film più belli di tutti i tempi" e ottenuto una valutazione positiva al 100% su Rotten Tomatoes, pur essendo completamente inguardabile. Ho iniziato il film determinato a dargli la mia totale attenzione, ma mi ha punito senza sosta. Sfido chiunque a guardare questo film fino alla fine senza voler mettere una forchetta negli occhi.

La storia è stata cambiata in modo abbastanza drammatico dal libro. L'intero retroscena della visita, il mercato nero dei manufatti alieni e gli schemi di varie organizzazioni sono principalmente esclusi, lasciandoci con ... Non sono sicuro di cosa. Invece, abbiamo lo Stalker, lo Scrittore e il Professore (molto simili ai 4 personaggi principali dell'Annientamento di Vandermeer), questi ultimi due cercano ispirazione o fama scoprendo una Stanza nella Zona che garantirà il desiderio più profondo del concorrente.

Siamo quindi sottoposti a più di due ore in cui non succede quasi nulla. Mia moglie e mia figlia hanno iniziato a ridicolizzare il film e abbiamo deciso di aspettare per vedere se fosse successo qualcosa, e scoppiarono a ridere per l'insistenza di Tarkovsky di girare amorevolmente scene industriali desolate e abbandonate senza eventi di alcun tipo. Ci sono state alcune discussioni completamente incomprensibili tra i tre personaggi sul significato della vita, l'ambizione e le loro vere motivazioni per cercare la stanza. Il finale è quasi comicamente ottuso, poiché ogni volta che c'è qualche possibilità di azione, i personaggi scelgono invece di sedersi o sdraiarsi sul pavimento sporco e borbottare sul drivel. Ho la sensazione che Tarkovsky e io non andremmo d'accordo a un cocktail party.

Immagino che Tarkovsky abbia visto il film come un mezzo per esplorare la psicologia interiore dei suoi personaggi e la Zona come un semplice dispositivo di inquadramento per questo. Non penso che fosse l'intenzione originale dei fratelli Strugatsky (anche se hanno scritto la sceneggiatura), dal momento che Roadside Picnic era, almeno per me, più su come gli umani reagiscono a una presenza aliena superiore e inconoscibile. Francamente, l'intento di Stalker era completamente perso su di me. C'è un aneddoto raccontante di cui ho letto. Quando un funzionario del governo si è lamentato del fatto che il film fosse lento, Tarkovsky ha presumibilmente ribattuto "il film deve essere più lento e noioso all'inizio in modo che gli spettatori che sono entrati nel teatro sbagliato abbiano il tempo di partire prima dell'inizio dell'azione principale". Piuttosto sprezzante per lo spettatore, se me lo chiedi. Perché preoccuparsi di fare il film? Concederei a questo film zero stelle - evitatelo.
data di revisione 04/21/2020
Parthinia Pence

Finalmente. In qualche modo Andrei Tarkovsky è stato in grado di leggere questo, estrarre un capolavoro assoluto del film pseudo-genere e tuttavia in realtà non ha quasi alcuna relazione con la fonte. Laddove Tarkovsky ha portato questo in ambiguità e riff filosofici, l'originale è più specifico nei suoi termini, trattando quasi interamente con la massiccia economia criminale che sorge a seguito di un evento tremendo (se ti sei mai chiesto cosa sia realmente la Zona, qui ci viene semplicemente detto nelle prime pagine, ma questo non graffia la superficie). Ad ogni modo, è un trattamento molto pratico, russo, e molto di più verso la polpa in grande stile.

Eppure il romanzo ha anche la sua forte parte del metafisico. Questo è, come Solaris, un libro sull'incomprensione terminale. In netto contrasto con l'ottimistico ottimismo di tanta fantascienza americana, qui, l'ingegnosità umana ha incontrato il suo blocco decisivo. Siamo completamente sostituiti dagli eventi. Ciò è ugualmente presente nelle descrizioni effettive della Zona - che sono incredibili, pungenti e bizzarre - e negli eventi circostanti a volte menzionati solo in modo obliquo. La trama è infatti incredibilmente obliqua nel suo insieme, con implicazioni spesso lasciate fuori dalla telecamera, o per insinuarsi lentamente ed emergere in momenti di riconoscimento agghiaccianti. L'esatto significato della carriera di Burbridge, ad esempio, rimane quasi subliminalmente orribile. Sorprendentemente quasi nulla a che fare con il film Tarkovsky, e indipendentemente eccellente per questo.
data di revisione 04/21/2020
Andert Laraia

Uno dei miei obiettivi non ufficiali da ora fino alla fine dell'anno è di tornare al libri che ho datato e conservato alla fine dell'anno scorso e finisci le cose pericolose! Roadside Picnic è uno di quelli, anche se ho un altro motivo per leggerlo che sarà presto rivelato.

Questa è la storia delle conseguenze di un primo evento di contatto - tranne per il fatto che gli alieni non trattarono così tanto il contatto con gli alieni che trattano la Terra come un ... aspettalo ... Sono entrati, distruggendo intere aree e rendendo gli altri non sicuri per gli umani (le zone proibite), e hanno lasciato molti detriti. Gli "stalker" pettinano le zone per la tecnologia aliena che possono solo indovinare allo scopo e subire le conseguenze.

Mi è piaciuta questa edizione perché è una versione più completa, e c'è una postfazione di uno dei fratelli Strugatsky sulle questioni di censura e di pubblicazione del romanzo in URSS.
data di revisione 04/21/2020
Arundel Bonilla

Se ti piacciono cose come questa, puoi leggere la recensione completa.


Questione di concretezza SF: "Roadsiden Picnic" di The Strugatsky Brothers



(recensione originale, 2000)

Ho appena iniziato a rileggere questo ieri e sono già afferrato. È davvero inquietante nei modi più discreti. Mi ricorda un po 'il lavoro di John Wyndham; ha una simile qualità di concretezza e che in qualche modo rende ancora più agghiacciante.

Puro oro letterario ... stranamente mi ha fatto venire in mente "Stoner". Leggi e non c'è modo di fermarti. A meno che non sia necessario fare pipì o bere una tazza di caffè. Oppure sei davvero stanco e vai a letto. Oppure sei arrivato al lavoro e, sul serio, non puoi stare di fronte alla classe a leggere un libro a caso; soprattutto non sul tuo smartphone. A parte questo, è imputabile.
data di revisione 04/21/2020
Georgeta Devendra

Potresti aver visto il film russo del 1979 Stalker, o Stalker, ma fino a un paio di mesi fa, non avevo idea che fosse basato su un romanzo. Picnic sulla strada è incredibile. Anche se devo dire che amo di più il film, questo è un libro eccellente con profonde sfumature psicologiche e numerosi dispositivi di trama contorti.
data di revisione 04/21/2020
Bach Jemmott

Roadside Picnic non è la solita fantascienza. La maggior parte delle prime storie di contatto sono fondate sul presupposto fondamentale che gli alieni troveranno la razza umana degna della loro attenzione e abbastanza interessante da interagire - anche quando il primo contatto è di natura militaristica, sappiamo almeno che vale la pena sprecare risorse su di noi . Ma forse se fossero appena arrivati, si fossero fermati per un picnic e fossero andati avanti, lasciandosi dietro l'equivalente dei nostri involucri di plastica, batterie usate, chiavi da scimmia e coltelli da tasca?

Arkady e Boris Strugatsky non affrontano il concetto di visita aliena in modo grandioso. Questo esempio di una prima storia di contatto differisce notevolmente dalla sua controparte occidentale piena di azione; non è pesante su esplosioni e laser spaziali.

Il libro inizia diversi anni dopo "la Visita", il breve e inosservato atterraggio di alieni in diversi siti del pianeta che ha creato sei paesaggi inquietanti e rovinati, o "Zone". Le “Zone” sono pervase da anomalie pericolose e impercettibili, come i concentrati gravi, un punto che soffre di una gravità estremamente forte, o Witch's Jelly, un gas colloidale che penetra in qualsiasi materiale e lo trasforma in più Welly's Jelly.

Abbondano anche in strani manufatti lasciati dal Visitatore, da oggetti relativamente banali che sono comunque preziosi per gli umani e che valgono molti soldi per il giusto acquirente, a manufatti unici che vengono trasmessi come leggenda, come la Sfera d'oro , noto anche come macchina dei desideri.

Roadside Picnic mostra una dualità nell'ottimismo e nel fatalismo. Mentre diversi personaggi amano caricare la visita aliena con lo scopo e le Zone che sono state create come risultato, non sembra esserci alcun messaggio da decodificare.

Uno scienziato, in particolare, ritiene che non vi fosse alcuna intenzione dietro questi disturbi. Per lui, gli alieni sono simili a un gruppo di escursionisti e il desiderio metafisico prevalente, il desiderio di dare un senso al posto dell'umanità nell'universo, rimane insoddisfatto. È lo stesso disagio che sta rovinando la vita di tutti mentre cercano di attribuire valore e significato a quello che, dopo tutto, potrebbe essere nient'altro che spazzatura aliena.

Redrick "Red" Schuhart è il principale antieroe e un assistente di laboratorio presso l'Istituto internazionale di culture extraterrestri istituito per studiare le zone del mondo. È anche uno stalker. Red naviga nella zona e riporta manufatti da vendere sul mercato nero.

Rimane scontento per tutto il libro, intossicato dalla Zona e dalla sua parvenza di infinite possibilità e allo stesso tempo sperando nel grande punteggio che gli permetterà di lasciare il suo lavoro a margine. Ciò lo porta inevitabilmente alla ricerca della leggendaria Sfera d'oro e della sua capacità di esaudire ogni desiderio, e l'ultima e disperata speranza di Red è una sorta di appello che l'umanità continuerà ad avanzare contro l'indifferenza dell'universo.

Guarda nella mia anima, lo so - tutto ciò di cui hai bisogno è lì. Deve essere. Perché non ho mai venduto la mia anima a nessuno! È mio, è umano! Cerca di capire cosa voglio, perché so che non può essere male! Al diavolo tutto ciò, non riesco proprio a pensare a una cosa diversa da quelle sue parole - FELICITÀ, LIBERA, PER TUTTI, E CHE NESSUNO DIMENTICATO!

Roadside Picnic è anche una riflessione sulle ripercussioni sociologiche della tecnologia avanzata scartata con noncuranza nel nostro angolo di galassia da creature provenienti dallo spazio. Si concentra con attenzione sull'atmosfera senza scrupoli e fortemente competitiva che si insedierebbe tra noi umani nella nostra corsa per trasformare i rifiuti alieni in profitto per sfuggire alla povertà e alla fame.

L'ambientazione e il modo in cui influenza e informa i personaggi sulla vita, la felicità e la libertà potrebbe sembrare analogo alle condizioni oppressive della Russia sovietica, ma se ci fa intravedere la stagnazione dell'era sovietica negli anni '70, lo fa concentrandosi su quanto brevi, scarse e imprevedibili siano le vite degli uomini di fantasia che si caricano nella Zona per necessità e per avidità.

Non intendo dire che è un libro straordinariamente privo di politica, il che non è il caso, ma il focus del libro è in gran parte orientato verso le preoccupazioni temporali della ricerca scientifica incontrollata e delle ricadute nucleari.

Coloro che conoscono la serie di videogiochi STALKER, in particolare il primo gioco della serie, "STALKER: Shadow of Chernobyl", riconosceranno diversi punti principali della trama parallela - come il granitore dei desideri - ed elementi familiari, come i manufatti, le anomalie gravitazionali e la possibilità di lanciare bulloni per cercare anomalie lungo il percorso verso il centro della zona. Questo libro, infatti, ha ispirato il film che, a sua volta, ha ispirato il gioco, quindi se ti è piaciuto il gioco, il suggerimento di acquistare questo libro è raddoppiato.
data di revisione 04/21/2020
Elery Badalamenti

I’m an animal, you can see that I’m an animal. I have no words, they haven’t taught me the words; I don’t know how to think, those bastards didn’t let me learn how to think. But if you really are—all powerful, all knowing, all understanding—figure it out! Look into my soul, I know—everything you need is in there. It has to be. Because I’ve never sold my soul to anyone! It’s mine, it’s human! Figure out yourself what I want—because I know it can’t be bad! The hell with it all, I just can’t think of a thing other than those words of his—HAPPINESS, FREE, FOR EVERYONE, AND LET NO ONE BE FORGOTTEN!
Questo è un altro esempio di come la fantascienza può essere il tessuto usato per creare una grande letteratura. Picnic sulla strada mette in discussione il significato di "intelligenza umana" mentre, allo stesso tempo, mette al microscopio le nostre capacità intellettuali. Se l'intelligenza viene misurata relativamente a questa di altre specie, gli umani sono gli esseri più intelligenti del pianeta. E se un giorno ci imbattessimo in una tecnologia molto più alta della nostra? E se Newton dovesse imbattersi in un emettitore di microonde, come dice uno dei personaggi del libro? Ecco cosa affrontano i personaggi Picnic sulla strada e il meglio che possono inventare è vendere e trarre profitto dai risultati. Sembra abbastanza umano, no?

In altre recensioni è stato suggerito che nel romanzo c'è qualcosa di Dostoevskij e, per quanto "off" possa sembrare, penso anche che esista. I personaggi principali sono esseri tormentati e, sebbene ci siano alieni nel gioco, il centro del libro è l'introspezione. La prima metà imposta la fase in cui l'azione effettiva avrà luogo nella seconda metà. Un palcoscenico che si estende dall'interno verso l'esterno e poi scorre di nuovo dentro.

Ciò che gli impedisce di essere perfetto è che la sua profondità filosofica è principalmente concentrata nei due capitoli finali. Detto questo, essere divertente da leggere e allo stesso tempo fornire spunti di riflessione lo rende sicuramente unico.
data di revisione 04/21/2020
Elliot Demilt


Affascinante fantascienza russa



"Roadside Picnic" è una avvincente storia di fantascienza scritta mentre l'URSS era ancora viva e vegeta, sebbene non fosse stata pubblicata fino a anni dopo la sua prima scrittura; e ci è voluto ancora più tempo per pubblicare la versione originale (senza tagli).

Gli autori, due fratelli, hanno un punto di vista completamente originale. Non ci sono romanzi di fantascienza americani o britannici come questo in alcun modo.

In un certo senso la novella può essere letta come un'accusa di capitalismo. Può anche essere visto, forse, come una metafora della dipendenza della nostra specie dalla guerra.

Nella città di Harmont, in un paese senza nome (chiaramente non è la Russia), c'è una cosiddetta "Zona", una delle tante in tutto il mondo, lasciata indietro da "La Visitazione" di alieni anni fa.

"Roadside Picnic" è una storia sui cosiddetti "stalker". Questi sono ragazzi che entrano nella Zona estremamente pericolosa di Harmont per recuperare artefatti alieni. Gli alieni hanno lasciato dietro di sé molti oggetti unici, utili e belli che gli umani non possono iniziare a comprendere o duplicare. Tuttavia, gli umani trovano molti usi per questi artefatti alieni. Perché c'è una grande richiesta di questi oggetti e perché il compito di recuperarli è così difficile e pericoloso, la ricompensa monetaria per loro è alta.

Il titolo "Roadside Picnic" si riferisce all'idea che probabilmente gli alieni si sono semplicemente lasciati dietro un mucchio di spazzatura nei siti delle loro visite, indifferenti alle conseguenze che potrebbe avere per gli abitanti della terra.

Lo stalking è una professione redditizia ma molto pericolosa. Ci sono molti pericoli nella Zona e molti degli stalker sono stati uccisi o mutilati dalle loro escursioni nella Zona.

I pochi rimasti sono stati perseguitati dalla polizia e persino incarcerati, poiché lo stalking è illegale.

Il personaggio principale è il leggendario Redu "Red" Schuhart. È solo l'ultimo vero stalker rimasto. È uno stalker duro ed esperto. Può anche essere cattivo, volgare, volgare e indifferente alla sofferenza altrui, sebbene abbia un debole per i familiari. In particolare adora Guta, la sua ragazza all'inizio del romanzo, e sua moglie in seguito; sua figlia, soprannominata "La scimmia"; e il suo vecchio padre decrepito. In qualche modo, nonostante i suoi fallimenti, simpatizziamo con Red, anche se a volte rabbrividiamo per la sua crudeltà e indifferenza verso gli altri.

Red racconta una parte della storia; anche se altre parti sono narrate da altri personaggi, ad esempio Richard Noonan, un appaltatore che è amico di Red.

All'inizio del libro, Red ha un lavoro diurno come tecnico di laboratorio presso l'Istituto Internazionale di Culture Extraterrestri, un think tank locale su questioni relative alla Zona e alla Visitazione. Può andare legalmente nella Zona durante il giorno in spedizioni sanzionate e dotate dall'Istituto.

Moonlights rossi come uno stalker. Gli stalker operano di notte per evitare le molestie della polizia.

Direttamente o indirettamente, la Zona provoca disastri su Harmont, sebbene i suoi tesori portino anche molti soldi agli abitanti di Harmont.

Nella vita di Red, in particolare, quasi tutti intorno a lui sono danneggiati direttamente o indirettamente dalla sua associazione con la Zona. Diverse persone muoiono, anche se porta anche un vecchio stalker fuori dalla Zona. Quest'uomo sarebbe morto se non fosse stato per Red.

La sua famiglia è influenzata anche in vari modi che non descriverò per evitare spoiler.

Ma Red non può rinunciare alla sua dipendenza dalla Zona. Sembra che le persone siano attratte dalla Zona come falene a una fiamma. Pochi fuggono incolumi.

La storia ti attira e non puoi mettere giù il libro finché non lo hai finito.

Il finale è volutamente ambiguo, sebbene il lettore possa immaginare la conclusione più probabile.

Questa è una lettura divertente. Inoltre, è breve, il che è rinfrescante. La versione che ho ascoltato è stata seguita da una storia piuttosto noiosa, eccessivamente dettagliata delle difficoltà che gli autori hanno avuto nel pubblicare il libro. Puoi saltare la postfazione, ma leggi la novella.

Robert Forster fa un ottimo lavoro nel leggere l'audio. Esprime abbastanza bene i diversi personaggi, specialmente il husky che ha doppiato Red.
data di revisione 04/21/2020
Brandt Boose

Bene, questo non era proprio quello che mi aspettavo. Mi sono reso conto che il libro parlava dei detriti lasciati dai visitatori alieni sulla Terra e che poneva domande su cosa avrebbe fatto l'umanità se non fossimo riusciti a capire i suoi misteri. E se trovassimo la tecnologia aliena e non avessimo idea di come usarla o per quale scopo potrebbe essere usata? E se non sapessimo come è arrivato qui, non importa cosa significhi tutto? Mi aspettavo che questo fosse uno sguardo alle questioni della comprensione interculturale quando nessuna delle due culture sapeva nulla dell'altra. Mi aspettavo che questo fosse Ursula LeGuin-esque.

Mentre tutti questi elementi sono presenti nel libro, ci sono solo a causa della prefazione scritta dallo stesso LeGuin e di una conversazione tra due personaggi a circa 3/4 del libro. Questa conversazione pone direttamente queste stesse domande: nessun sottotesto, nessun ulteriore pensiero richiesto. Se togliessi questa singola conversazione dal libro, non credo davvero che quei punti preziosi si verificherebbero molto fortemente. Potresti meravigliarti dei personaggi che dedicano la loro vita a vagare tra le zone più pericolose e imprevedibili dell'universo per recuperare oggetti che non riescono nemmeno a capire, per non parlare dell'uso. Potresti ridere dei personaggi che usano queste incredibili pietre che emettono luce che infrangono tutte le leggi della fisica come braccialetti di perline, ma non penso che ti verrà chiesto di meditare su cosa significhi essere umani a meno che questo singolo pezzo di il dialogo l'ha fatto per te. Immagino che ciò che sto dicendo sia che le idee sono affascinanti. Vorrei solo che ci fosse stato un metodo di consegna più sfumato.

Detto questo, mi è davvero piaciuta la Postfazione di Boris Strugatsky che ci dà una finestra su come fosse essere uno scrittore nella Russia sovietica negli anni '1970 e '80. È anche un ottimo esempio del suo stile di scrittura: tutto il calore, l'umorismo e la rabbia repressa che sono inerenti ai personaggi principali del libro, che tra l'altro sono incredibilmente affini per quelli di noi al di fuori dell'Europa orientale.

Quindi sono diviso tra una recensione a 3 e 4 stelle. Dirò 3 stelle per ogni edizione che non include questa particolare Prefazione e Postfazione e 4 stelle per questa edizione che ha entrambe.
data di revisione 04/21/2020
Gingras Gulla

Mi è piaciuto molto questo breve romanzo.

Dopo che gli alieni si sono fermati vicino alla loro città e hanno lasciato un'area desolata piena dei loro rifiuti, le persone chiamate Stalker si guadagnano da vivere recuperando e vendendo i castoff.

Gli effetti psicologici e fisiologici della visita perseguitano il libro, poiché i personaggi hanno un senso delle cose che stanno accadendo a loro e intorno a loro ...

L'ho finito un paio di giorni fa, e l'atmosfera è ancora inquietante per me, un segno per me di un pezzo di finzione che ricorderò a lungo
data di revisione 04/21/2020
Rainah Ganska


Gli scrittori di fantascienza in genere affrontano il contatto alieno in termini grandiosi, ma i fratelli Strugatsky si chiedono invece: "E se fosse più simile a un" Picnic su strada? ""

Gli alieni che camminano nello spazio scoprono di dover riposare un incantesimo e atterrare sulla Terra, per pranzo, un po 'di ricerca, forse un fumo. Dopo un intervallo - per quanto tempo impieghi un alieno a godersi un pasto all'aperto - si allontanano dal nostro pianeta poco interessante, probabilmente non torneranno mai più, lasciandosi dietro l'equivalente viaggiatore di stelle barattoli di birra vuoti, forchette di plastica, tovaglioli di carta, mozziconi di sigaretta, e forse una o due fuoriuscite nocive.

Questo libro è la storia degli "stalker", i trafficanti che si avventurano in The Zone per riportare sul mercato nero alcuni di questi manufatti pericolosi e sconcertanti.

Il libro inizia come un'avventura piuttosto semplice resa superiore dalla creazione fantasiosa della Zona e dei suoi artefatti (gli Strugatsky aggiungono i dettagli giusti per delineare un luogo ed evocare un umore, mai più) ma si approfondisce e si arricchisce ulteriormente mentre apprendiamo di più su Red e gli stalker, cosa hanno rischiato e quanto hanno perso. Il climax è soddisfacente, poiché seguiamo il nostro eroe nella sua ultima missione, lo guardiamo affrontare una grave scelta morale, commettiamo un grande crimine e tuttavia ci riveliamo ancora completamente umani e, in fondo, essenzialmente buoni.
data di revisione 04/21/2020
Iosep Cassity

"L'intelligenza è l'attributo dell'uomo che separa la sua attività da quella degli animali. È una specie di tentativo di distinguere il padrone dal cane, che sembra capire tutto ma non riesce a parlare. Tuttavia, questa definizione banale porta a più argute. Si basano su osservazioni deprimenti della suddetta attività umana. Ad esempio: l'intelligenza è la capacità di una creatura vivente di compiere atti inutili o innaturali. "

"Sì, siamo noi!"

foto Stalker_zpsnki59goq.jpg
C'è un film del 1979 di Andrei Tarkovsky liberamente tratto da The Roadside Picnic. La sceneggiatura è di Arkady e Boris Strugatsky. Ovviamente, dovrò guardarlo.

Redrick "Red" Schuhart è uno stalker. È una delle poche persone abbastanza pazze da entrare in "The Zone". Trenta anni fa gli alieni visitarono la Terra. Sono atterrati in sei luoghi diversi. Riappesi per un po 'e partì.

Ci hanno ignorato.

What The Frill?

Qui siamo le specie più intelligenti che si siano mai evolute su questo pianeta (discutibile) e si verifica il grande momento in cui un'altra specie, ovviamente intelligente, viene a trovarci, e si comportano come la regina promettente e il re di ballo della grande danza.

Penseresti che fossimo semplici bug. Nemmeno degno di un buon sondaggio o dissezione.

In queste zone si sono lasciati alle spalle la spazzatura, come se, come affermava uno scienziato, si fossero appena fermati per un picnic lungo la strada. Hanno anche lasciato trappole. Cose inspiegabili. Le cose che la scienza ha persino problemi ad etichettare. Un esempio è ciò che Red chiama una trappola per insetti, ma le "teste d'uovo" la chiamano qualcos'altro.

"Il suo viso è diventato completamente calmo, puoi vedere che ha capito tutto. Sono tutti così, le teste delle uova. La cosa più importante per loro è trovare un nome. Fino a quando non ne viene fuori uno, ti dispiace davvero per lui, sembra così perso. Ma quando trova un'etichetta come 'graviconcentrate', pensa di aver capito tutto e si rallegra. ”

foto tarkovsky_zpsm4fgv0m8.jpg

Gli stalker sono persone che entrano in The Zone e recuperano oggetti. Quindi li vendono sul mercato nero per contanti. Hanno bisogno di un grande guadagno perché ogni volta che entrano in The Zone rischiano la vita o l'arto (c'è questa melma che scioglie le ossa e alla fine trasforma tutto ciò che tocca in più melma). La maggior parte degli stalker originali sono morti. I loro cadaveri sporcano il paesaggio di The Zone fornendo guide per ...non andarci.

La zona fa qualcosa per loro. I loro figli sono mutanti. La bambina di Red diventa sempre meno umana mentre cresce e diventa qualcosa di sconosciuto, inconoscibile. Le persone di questa zona non possono emigrare perché iniziano a verificarsi disastri strani nei luoghi in cui si spostano. La Zona li possiede. Tuttavia, Red dovrebbe semplicemente sistemarsi e ottenere un vero lavoro, un lavoro sicuro.

"Ma come posso smettere di essere uno stalker quando ho una famiglia da sfamare? Hai un lavoro? E non voglio lavorare per te, il tuo lavoro mi fa venire voglia di vomitare, capisci? Se un uomo ha un lavoro, allora lavora sempre per qualcun altro, è uno schiavo, niente di più - e ho sempre voluto essere il mio capo, il mio uomo, in modo che non me ne debba fregare niente di chiunque altro, della loro tristezza e della loro noia ... "

Oltre ad essere pericoloso, anche lavorare come stalker è illegale. Presto si ritrova in un'ultima missione per una sfera d'oro che deve trovare prima che i robot di Stato arrivino per primi. Non si tratta solo di soldi. Si tratta di superare in astuzia tutti forse anche se stesso.

Arkady e Boris Strugatsky erano scrittori di fantascienza russi che riuscirono a pubblicare la maggior parte di ciò che scrissero anche sotto la pesante mano della censura dell'Unione Sovietica. Ursula K. Le Guin in avanti lo spiega bene. "Quello che hanno fatto, che ho trovato più ammirevole allora e che faccio ancora adesso, è stato scrivere come se fossero indifferenti all'ideologia - qualcosa che molti di noi scrittori nelle democrazie occidentali hanno avuto difficoltà a fare. Là ha scritto come scrivono gli uomini liberi. " Hanno lottato per ottenere Picnic sulla strada pubblicato.

Nella postfazione Arkady ha un elenco di tutte le lettere e le petizioni scambiate tra vari comitati russi che cercano di ottenere l'approvazione. "Otto anni. Quattordici lettere ai comitati centrali "grandi" e "piccoli". Duecento correzioni degradanti del testo. Una quantità incalcolabile di energia nervosa sprecata per banalità ... Sì, gli autori hanno prevalso; non si discute con quello.

Ma è stata una vittoria di Pirro. "


foto arkady-and-boris-strugatsky_zpsom36tzj3.jpg
Arkady e Boris Strugatsky

Il libro è stato pubblicato in russo nel 1972 e tradotto in inglese nel 1977. Questa edizione, che ho letto, è una nuova traduzione con tutto il testo originale, come intendevano gli autori, ripristinato. C'è un film del 1979, come ho detto sopra. Il libro ha anche ispirato un videogioco chiamato. MOLESTATORE

Adoro questo concetto. Hollywood ha trascorso così tanto tempo a farci preoccupare che gli alieni venissero sulla Terra per schiavizzarci, per rubare le nostre risorse naturali, per conquistare il pianeta, per usarci come incubatrici per il loro spawn ecc. Siamo completamente impreparati a essere ignorati. Non ci piace davvero essere ignorati.

Il libro può essere letto su molti livelli. È una lettura piacevole e frenetica al livello più elementare. Per coloro a cui piace applicare la filosofia, la politica e la psicologia alla loro lettura, ci sono molti agganci per farti riflettere sul vero significato delle diverse situazioni. È un libro, che senza dubbio darà al lettore di più ad ogni nuova lettura. Questa è una di quelle fantastiche scoperte che potrei non aver mai letto senza la guida di amici su GR. La nostra conoscenza della lettura compilata è davvero molto più grande di quando leggiamo da soli.

Se desideri vedere altre recensioni dei miei libri e film più recenti, visita http://www.jeffreykeeten.com
Ho anche una pagina di blogger di Facebook su:https://www.facebook.com/JeffreyKeeten
data di revisione 04/21/2020
Crescen Dosher




Hai familiarità con Stalker, lo splendido film di fantascienza sovietico del 1979 diretto da Andrei Tarkovsky? Se è così, ho buone notizie, compagni: il romanzo su cui si basava il film è ancora migliore. Mi unisco ai ranghi degli appassionati di sf che giudicano Arkady e Boris Strugatsky Picnic sulla strada tra i più grandi romanzi di fantascienza mai scritti.

Sebbene ci siano sei persone del posto o zone in cui gli alieni hanno lasciato oggetti misteriosi dietro su questo pianeta, lo scenario per Picnic sulla strada si svolge in una di queste zone ad Harmont, in Canada, una città di estrazione immaginaria fuori dai boonies. La maggior parte del romanzo consiste nel racconto in prima persona di Redrick "Red" Schuart all'età di 23, 28 e 31 anni come uno stalker che rischia la sua vita e la salute degli altri al fine di condurre intrusioni illegali nella Zona per contrabbandare artefatti alieni.

A 200 pagine Picnic sulla strada non è un lavoro troppo lungo ma un lettore può raccogliere un paniere di approfondimenti e immagini potenti su ogni singola pagina. Il romanzo è una avvincente storia di avventura, non c'è dubbio, ma se i lettori desiderano approfondire, questo è un libro che potrebbe essere usato in un corso universitario per psicologia, filosofia, sociologia o storia. Materiale così fertile e stimolante: le mie bozze iniziali includevano non meno di tre dozzine di punti che intendevo coprire. Ma, ahimè, dato che questa è una recensione non un saggio esteso, ho ridotto il numero. Eccoli:

La Visita
Come il premio Nobel Dr. Pillman afferma in modo inequivocabile nelle prime pagine, il fatto che gli alieni abbiano fatto una visita al Pianeta Terra è la scoperta più importante nella storia umana, dimostrando una volta per tutte che i terrestri non sono soli nell'universo. Molte delle dimensioni filosofiche di questa svolta sconvolgente vengono esplorate più approfonditamente più avanti nel libro.

Critici e studiosi del romanzo di Strugatsky hanno ipotizzato cosa potrebbe rappresentare la Zona, equiparando la Zona a cose come il capitalismo, il mercato nero o, più in generale, il desiderio di beni di consumo; tuttavia, per quanto fruttuose possano essere queste interpretazioni, Picnic sulla strada conserva la sua magia e il potere per i lettori se lasciamo che la Zona sia la Zona in cui gli extraterrestri si sono lasciati alle spalle le loro cose come se fossero vacanzieri fortunati che hanno gettato la spazzatura lungo il ciglio della strada dopo un picnic, come se considerassero l'intelligenza umana troppo minuscola (o stupidità umana troppo colossale) per disturbare il contatto diretto con la nostra specie.

I numerosi pic-nic umani lungo la strada
Uno dei funzionari più esperti al servizio dell'organizzazione internazionale responsabile della Zona definisce la fascia di terra che circonda la Zona come "una piaga orribile sulla faccia del pianeta". Poiché la zona ha attratto un numero enorme di turisti e scienziati e truppe militari, grattacieli e un complesso per il jazz, sono stati schiacciati spettacoli di varietà e un gigantesco bordello. A questo proposito, Harmont non è diverso dalle migliaia di brutte città costruite per la loro rigida utilità che diventano rapidamente inutili, un fenomeno architettonico comune a tutti i sistemi politici ed economici in tutto il mondo. La società moderna come produttore di picnic di massa su strada.


Questo complesso di appartamenti abbandonato costruito dai prigionieri sovietici Gulag sembra un set cinematografico per il film Stalker

Xenology, lo studio degli extraterrestri
Concordo con il dottor Pillman: il modo in cui noi umani studiamo i mancini è altamente imperfetto in quanto presume che gli alieni pensino come pensiamo noi. Che arroganza! Perché le persone nella società moderna non possono tenere le mani lontane? Per ulteriori esempi non dobbiamo guardare lontano: di tutti i popoli indigeni che hanno la propria società e cultura, quanti sono fuggiti dal mondo occidentale invadendo e sconvolgendo il loro stile di vita?

The Midwich Cuckoos Redux
Il dottor Pillman continua osservando "Tutte le persone in contatto con la Zona per un tempo sufficientemente lungo subiscono dei cambiamenti. Sai come sono i figli degli stalker, sai cosa succede agli stessi stalker. Perché? Cosa causa le mutazioni? Non c'è radiazione nella zona ". Uno scenario inquietante. È del tutto possibile che queste mutazioni possano avere conseguenze catastrofiche a lungo raggio, trasformando gli umani in alieni per un'eventuale acquisizione aliena. In questo modo Roadside Picknic porta il confronto con John Wyndham The Midwich Cuckoos o di Jack Finney The Body Snatchers. E quegli alieni non hanno bisogno di fare altro che lasciare le loro cose perché noi umani non possiamo resistere a tenere le mani lontane da ciò che appartiene agli altri.

Holy HP Lovecraft!
Il nostro premio Nobel continua spiegando come la duplicazione di astronavi e cadaveri rianimati dalla Zona violano i principi della termodinamica o, in un linguaggio più ordinario, sono al di fuori delle leggi della natura. Wow! In questo modo Picnic sulla strada non è solo un'opera di fantascienza, ma attraversa il regno dell'orrore soprannaturale lovecraftiano. Ora, bravi umani, avete davvero qualcosa di cui preoccuparvi! Empties, Full Empties, Hell Slime, Graviconcentrates, a Golden Sphere - se questi oggetti e realtà extraterrestri hanno o potrebbero avere proprietà soprannaturali, dovresti assolutamente pensarci due volte prima di fare casino con loro.

Red the Stalker
Arkady e Boris Strugatsky hanno preso l'inferno dai censori sovietici per la grossolanità, la volgarità e il comportamento immorale inclusi nel loro romanzo. Caso in questione: Stalker Red Schuhart è dipendente da alcol, sigarette, linguaggio volgare e comportamento grossolano. E Red non vede l'ora della sua prossima occasione di usare le sue tirapugni o tornare nella Zona, la sua casa lontano da casa.

Possiamo dare la colpa al rosso? È circondato da nient'altro che sporcizia e bruttezza, oscurità e schifezze. Mentre sfogliavo le pagine ho tentato di trovare qualsiasi cosa, intendo QUALCOSA nel mondo di Red, sia nella natura che nell'arte o nella musica che conteneva il minimo grammo di bellezza. Non c'era nessuno. La cosa più vicina al confine con un'esperienza estetica edificante è quando Red passa davanti a una panetteria con finestre illuminate al mattino presto e "lascia che l'aroma caldo e incredibilmente delizioso gli coli sopra". Dico questo per notare come Red possa apprezzare la bellezza se ce ne fosse qualcuno da avere, ma, sfortunatamente, il suo mondo è uno di bruttezza senza fine.

Pulp Science Fiction Revisited
Lo porto indietro. C'è una seconda esperienza estetica edificante che incontra Red. È la più ovvia per una giovane avventuriera: una donna bellissima. "Era setosa, succulenta, sensualmente sinuosa, senza un solo difetto, una sola oncia in più - cento libbre di carne deliziosa di vent'anni - e poi c'erano gli occhi color smeraldo, che brillavano dall'interno, e il pieno labbra umide, denti bianchi e uniformi e capelli neri come il getto che brillavano al sole, gettati con noncuranza su una spalla; la luce del sole scorreva sul suo corpo, scivolando dalle sue spalle allo stomaco e ai fianchi, gettando ombre tra i suoi seni quasi nudi ". Ha! Forse Arkady e Boris avevano le lingue profonde nelle guance, evocando volutamente l'immagine femminile stereotipata così comune nelle riviste di pulp di fantascienza negli anni passati.

A Hero's Journey
Le avventure di Red come stalker durano otto anni. Mentre apprendiamo verso la fine del romanzo, il viaggio di Red è il viaggio di un eroe, che coinvolge ciò che Joseph Campbell ha definito "sacrificio e felicità". Per giudicare la verità di queste parole, ti incoraggio a leggere questo classico per te stesso - ti garantisco che non rimarrai deluso.


Arkady e Boris Strugatsky

“Come posso rinunciare allo stalking quando ho una famiglia da sfamare? Hai un lavoro? Non voglio lavorare per te, il tuo lavoro mi fa vomitare, capisci? Questo è il modo in cui lo immagino: se un uomo lavora con te, lavora sempre per uno di voi, è uno schiavo e nient'altro. E ho sempre voluto essere me stesso, da solo, in modo da poter sputare tutti voi, la vostra noia e disperazione. "
- Arkady e Boris Strugatsky, Picnic sulla strada
data di revisione 04/21/2020
Rad Derr

Gioco ai videogiochi, di tanto in tanto, ma non mi interessa essere "bravo" con loro. Non sono competitivo sulle mie capacità. Sono interessato alla storia, ai personaggi e al mondo. Dopo una serie particolarmente irritante di battaglie perse, dissi frustratamente a un amico "Non voglio passare un sacco di tempo a esercitarmi e diventare un esperto solo per andare avanti con la storia. Sarebbe come dover leggere lo stesso pagina del libro più e più volte fino a quando "ho capito bene" e ho potuto procedere fino alla fine! "

"Non è esattamente quello che fai trascorrendo il tuo tempo a fare con i libri?" Egli rispose: "Non hai appena descritto l'analisi letteraria?"

Hmm.

Qualche tempo fa, come probabilmente molti di voi sanno, Roger Ebert ha scritto un articolo che lo dichiara "I videogiochi non possono mai essere arte". Com'era prevedibile, ciò ha causato un enorme contraccolpo, aprendo un dibattito ampio e disordinato. Ebert, stanco di essere al centro di questa discussione, ha fatto a risposta di follow-up dove dichiarò di non avere una definizione di "Arte" che escludesse i videogiochi, che non li aveva giocati, e quindi, non era in grado di giudicare, ma che non avrebbe ripreso la sua dichiarazione.

Ho letto gli articoli e io d'accordo con Tycho da Penny Arcade che Ebert non ha mai avanzato argomenti che richiedano confutazione. Dato che Ebert non conosce i videogiochi, non dice mai nulla che li squalificherà come arte. Solo perché hanno iniziato come semplici piccole macchine in cui hai pompato monete non significa che non possano essere arte, ecco come sono iniziati i film, Dopotutto.

Sfortunatamente, non credo che i difensori di Videogiochi come arte ho fatto un ottimo lavoro nel formulare i loro punti, e ho trovato Kellee Santiago molto lodato Presentazione TED semplicistico e pieno di errori nel ragionamento, non toccando mai veramente ciò che rende l'arte o perché i giochi dovrebbero essere inclusi.

Ma personalmente ho avuto molte esperienze con i videogiochi che sono stati toccanti, stimolanti, divertenti e belli come funziona su qualsiasi altro mezzo. In effetti, la trama, i personaggi, i romanzi e i dilemmi morali del Serie Baldur's Gate non sono solo migliori della novellizzazione del gioco, ma sono un'esplorazione più sentita e approfondita della fantasia epica rispetto alla maggior parte degli autori moderni che potrei nominare.

Planescape: Torment, per gli stessi editori, è un'esplorazione esistenziale selvaggiamente surreale, che tocca molte filosofie e mette in discussione la natura stessa della realtà e dell'identità. È un'esplorazione rivoluzionaria del genere che è spesso più ponderata e sottile di quella di Mieville Stazione di Perdido Street.

Questi giochi (e altri) combinano trame complesse e ponderate, personaggi psicologicamente profondi che cambiano nel corso della storia, bella grafica, musica, cinematografia, esplorazioni filosofiche e umorismo per creare visioni uniche dell'esperienza umana. Ebert ci chiede se siamo in grado di indicare giochi validi quanto le più grandi opere d'arte. Forse no - ma poi i videogiochi sono in circolazione da trent'anni, e mi farebbe fatica a nominare un romanzo degli ultimi trenta anni che sia buono come le più grandi opere letterarie. Certamente, ci sono videogiochi che sono superiori a molte opere d'arte di altri media.

E uno di questi giochi è MOLESTATORE, che si basa vagamente sul libro di Strugatsys (finalmente stiamo arrivando da qualche parte). Mi sono imbattuto nel gioco, ci ho giocato e mi sono divertito, il tutto senza sapere nulla del libro che lo ha ispirato. Il gioco è una delle storie più inquietanti e terrificanti che io abbia mai vissuto, su qualsiasi supporto. La struttura sottilmente inquietante del gioco mi ha influenzato più di qualsiasi film o libro horror. Come un mondo desolato, solitario, post-apocalittico, l'ho trovato molto più toccante di La strada (che Ebert sostiene come esempio di arte moderna).

Ma per me i videogiochi non hanno mai riguardato i puzzle, i combattimenti, le vincite o le sconfitte; riguarda la storia, l'esperienza, i momenti tranquilli che definiscono un mondo:
You come to a campfire in the grey light of the early morning, tired, your mind numb from a firefight in the dark, having stumbled into the midst of a group of nervous men who fired at the half-seen movement. A twig snaps and bodies lie still. There is a misting rain. You sit quietly for a moment, watching the grass waving, just letting everything fall away. You approach the fire. There, on the ground beside you, half buried in the dirt is a skull, a pelvis. "Yeah. Me, too." you think.
Quindi, come faccio con qualsiasi storia che mi piace, ho cercato le radici e le ispirazioni del gioco, sperando che mi portasse a qualcosa di altrettanto divertente. È così che ho trovato Film di Tarkovsky, che è diventato uno dei miei preferiti e che preferisco ai più noti Solaris.

E questo mi porta a Roadside Picnic; un viaggio indietro nel tempo, dall'ispirazione più lontana alla fonte. È un'ambientazione così intrigante per me, una visione così insolita dell'interazione aliena. È così disumanizzato, così remoto, che per me sembra molto più realistico, molto più comprensibile degli uomini in tuta di gomma che fanno "guerra spaziale". Vale a dire, non è comprensibile, è un'altra cosa che non possiamo capire, non importa quanto ci sforziamo, ma con cui dobbiamo convivere, ogni giorno, confondendoci.

Il concetto centrale di Roadside Picnic è stato messo in evidenza altrove, da David Foster Wallace Jest infinito (esplorato qui) al più esplicito omaggio in H. John Harrison Nova Swing . Ma non è davvero sorprendente, in quanto esiste una sorta di richiamo junghiano universale al concetto di "Wish Granter nascosto nella Terra della Morte".

Ma per me l'esplorazione di Roadside Picnic non è mai andata abbastanza in profondità, quindi ho sempre desiderato di più. Non per più comprensione o esposizione - anzi il contrario - volevo più di quei momenti silenziosi, più tempo per guardare nell'abisso, per confrontarmi con l'ignoto, l'innominabile e la piccolezza dell'uomo. Volevo di più di ciò che il film di Tarkovsky mi ha dato: la silenziosa ponderatezza con cui l'uomo incontra il Grande Mistero.

Il libro aveva troppe spiegazioni e divagazioni su se stesso, cose che avrei voluto poter vedere, che sarebbero potute passare senza comprendere, invece di essere raccontate in seguito come una massa di teorie e spiegazioni. Il film era anche pieno di digressioni, ma queste riguardavano sempre l'uomo, le eterne domande che l'alienazione ha portato alla ribalta. Questi servivano solo ad approfondire il mistero, dato che danzavano sempre attorno ad esso, evitandolo (anche se dirò che non tutte queste digressioni erano necessarie o gradite, specialmente quando trasformava i personaggi in bocchini).

Allo stesso modo, ciò che mi mancava dal gioco era l'isolamento, il modo in cui l'oscurità era sempre lì, aspettando pazientemente, appena oltre la luce della tua falsa sicurezza, e anche i momenti di inaspettata surrealtà che hanno ispirato un terrore così avvincente. C'è un preciso elemento di Lovecraftian e se abbiamo imparato qualcosa dai seguaci di Lovecraft, è che lunghe spiegazioni sono il modo migliore per uccidere un mostro.

Mi è piaciuta la lenta bruciatura del libro, la graduale progressione psicologica - che questi uomini, che avevano guardato nell'oscurità e si erano allontanati straziati, col tempo si erano rivoltati nella paura e nell'isolamento, contraffando un nemico della carne per rappresentare l'insensibile , incomprensibile nemico che hanno affrontato ogni giorno. Il degrado della famiglia, della comunità e dell'identità di fronte all'oscurità invadente ha dato ai personaggi una disperazione introversa che è stata molto coinvolgente e molto russa.

Fu anche una satira efficace e sottile della brutalità impersonale del governo, motivo per cui questo libro è rimasto inedito così a lungo in Russia. Alla fine, ha raggiunto la pubblicazione solo in forma censurata. Esiste una versione approvata dall'autore dell'ultimo decennio, ma è una speranza troppo grande per pensare che potremmo vederne una traduzione in inglese. Semplicemente non c'è abbastanza domanda per un piccolo libro di fantascienza di culto, il che è un peccato.

La traduzione che ho letto era un po 'compromessa e c'erano molte opportunità di sottigliezza che potevo sentire, ma non del tutto comprensibile. Vorrei che fosse stato più personale, meno basato sui dialoghi dopo il fatto, che si fosse avvicinato più da vicino alle orribili implicazioni del mondo e che ci avesse dato più tempo per venire a patti.

Ma non ho voce in capitolo. Bene, non ancora. Sebbene con tutti gli autori, la scrittura diventa l'atto di raccontare quelle storie che hai sempre cercato, ma che non hai mai trovato; devi crearli, per te stesso. E questo fa parte dell'ultima barriera tra videogiochi e arte. Il pubblico può partecipare all'arte? Questo distrugge la sua visione? Il finale indeciso di Inception rende meno arte perché invita il pubblico a partecipare a quel finale?

Inoltre, l'arte non è arte per le persone che la creano, perché ne decidono il risultato? Questa è una parte dell'argomento di Ebert. Per uno, aspetto con impazienza un futuro in cui posso avere più partecipazione all'arte che consumo, ed è un desiderio che i creatori riconoscono: ottengo "finali alterni", rifacimenti re-immaginati, adattamenti che prendono libertà dalla loro ispirazione.

Forse un giorno presto vivremo in un mondo in cui non definiamo la qualità delle storie in base al dispositivo su cui vengono riprodotte.
data di revisione 04/21/2020
Schreib Callnan

Recensione aggiornata il 26 ottobre 2018.

Un gruppo letto con elena, sottovento e Sarah. Aggiornerò l'elenco se altre persone si uniranno più tardi.

Devi ricavare il bene dal male perché è tutto quello che devi fare per uscirne.
-Robert Penn Warren


L'epigrafia del libro è così perfetta che ho dovuto semplicemente citarlo.

I fratelli Strugatsky hanno un seguito di culto nei territori dell'ex Unione Sovietica; pensa Heinlein dei sovietici in termini di popolarità.
Fratelli Strugatsky
Questo è probabilmente il loro romanzo più conosciuto a livello internazionale grazie a un film Stalker di Tarkovsky e diversi videogiochi con lo stesso nome. A proposito, ai fratelli non è piaciuto il film in quanto era completamente diverso dalla loro visione. Per darti un'idea di quanto sia stato influente, il termine Stalker (nel senso in cui è usato nel libro / film) praticamente è diventato una parola. Anche un grande elenco delle migliori opere di fantascienza include il romanzo.

L'idea principale spiegata proprio nel prologo. Una razza aliena molto avanzata ha lasciato artefatti e anomalie (scartati?) In diversi punti della Terra chiamati Zone. Le Zone sono pericolose, ma i manufatti sono molto apprezzati e quindi alcune persone chiamate stalker contrabbandano cose dalle Zone. Tuttavia, c'è un prezzo da pagare per questi viaggi di contrabbando. Red Schuhart è uno di questi stalker, abbastanza famoso e fortunato (uno stalker ha bisogno di molta fortuna per tornare vivo da un viaggio nella zona). Durante l'avanzamento della storia, Red paga il prezzo per visitare la Zona per intero.

Lo sviluppo di Red è eccezionale ed è un personaggio interessante; per sopravvivere agisce in un modo che non lascia dubbi sul fatto che non è un bravo ragazzo. La stessa zona è inquietante, affascinante e ti costringe davvero a usare la tua immaginazione. Grazie alla sua brillante rappresentazione i termini "gelatina di strega", "tritacarne", "grido" e altri invocano sempre la Zona nella mia mente. Anche dopo le mie innumerevoli rilievi mi viene ancora paura di essere al suo interno dopo le spedizioni di Red.
Zona

Come per molte fantasie fantascientifiche sovietiche, aspettatevi molte domande, nessuna risposta chiara fornita e nessun lieto fine, ma ancora secondo me il finale è stato molto potente e commovente. È un capolavoro stimolante ma difficile da mettere in scena, molto probabilmente la migliore introduzione alla fantascienza sovietica. A deve leggere per ogni appassionato di fantascienza.

"FELICITÀ PER TUTTI, GRATUITI E NESSUNO VERRÀ LONTANO INDISPENSABILE!"

L'ultima domanda ancora senza risposta rimane: i fratelli Strugatsky hanno predetto il disastro di Chernobyl? La città morta di Pripyat e i suoi dintorni hanno una forte somiglianza con la Zona.
Pripyat
data di revisione 04/21/2020
Pelligrini Herout

Come romanzo sul primo contatto con gli alieni, adoro Roadside Picnic! È fresco e pertinente e, aspettalo, non contiene alieni. Questo romanzo sul primo contatto riguarda più ciò che gli alieni hanno lasciato alle spalle.
Nel romanzo, ci sono spazzini che razziano le zone in cui gli alieni hanno visitato alla ricerca dei manufatti a volte mortali che sono disseminati a casaccio. Ma cosa hanno lasciato esattamente gli alieni? È più simile alla spazzatura che un viaggiatore potrebbe lasciarsi alle spalle dopo un picnic sulla strada? Ci sono molte possibilità. E questo ci porta a uno dei temi centrali del romanzo: cosa dice della nostra intelligenza se gli alieni che hanno visitato il pianeta non si sono nemmeno accorti della vita intelligente sulla Terra? Ho sicuramente pensato all'annichilimento di Jeff Vandermeer mentre leggevo questo, ma ogni scrittore aveva il suo punto di vista. Lettura divertente! 4.25 stelle.
data di revisione 04/21/2020
Disraeli Hargis

SCI-FI russo.

Penso che la descrizione più accurata sarebbe stata SCI-FI dell'era sovietica poiché apparentemente i fratelli Strugatsky avevano abbastanza tempo per superare i censori e pubblicare. Ci si chiede se la novella di 145 pagine sia iniziata come un colosso di Tolstoj e il resto finì sul pavimento dell'editor del compagno.

Questo è un approccio molto nuovo a una prima storia di contatto. Il titolo deriva dall'idea che i manufatti alieni che sono stati lasciati indietro in "zone" in tutto il mondo non sono stati deliberatamente lasciati, ma sono piuttosto i detriti di una breve sosta galattica sulla Terra di ritorno sulla strada verso un altro posto.

Ci sono altre idee sugli alieni e su cosa si sono lasciati alle spalle e perché. Detto dalla prospettiva di uno "stalker" - una specie di cercatore o bracconiere che entra nelle zone per raccogliere i manufatti e venderli. È un lavoro pericoloso poiché le zone sono radioattive o magiche o qualcosa come malattia, mutazione e morte perseguitano i vicoli e le strade vuote in una misteriosa profezia di Chernobyl anni dopo la sua pubblicazione.

I fan di San Francisco trarranno paragoni con il romanzo di Frederik Pohl del 1977 porta a causa della raccolta redditizia ma pericolosa di reliquie aliene. Ma mentre il romanzo di Pohl era duro SF, questo aveva la letteratura russa sottocorrente di depressione e introspezione cupa.

Questo è stato molto influente e conteneva persino un riferimento Vonnegut; un classico nel genere e un must per i fan.

descrizione
data di revisione 04/21/2020
Manon Rarogal

Cosa succede quando gli alieni arrivano sulla Terra e se ne vanno di nuovo senza nemmeno un saluto, lasciando dietro di sé tutta la loro spazzatura? Naturalmente, gli umani vogliono essere coinvolti, nel bene e nel male, nonostante il fatto che i rifiuti avanzati siano quasi del tutto mortali e oltre ogni comprensione.

Questo libro porta lo spirito di una tendenza nella storia umana. La Terra non è al centro dell'Universo, né l'Universo è limitato al nostro singolo sistema solare, galassia o persino ammasso di galassie. Più impariamo, più ci rendiamo conto che non abitiamo in nessun posto speciale nelle cose. Non siamo al centro di nulla. Allo stesso modo, le persone in questo libro sono costrette a considerare la possibilità che non sono i bambini poster per intelligenza o coscienza, ma affini alle formiche, che si affrettano attorno ai resti di esseri che sono profondamente inconoscibili.

Una visione divertente, tragica e unica del contatto alieno, Roadside Picnic offre uno sguardo attento e affascinante a cosa significhi essere umani.
data di revisione 04/21/2020
Tamanaha Omender

4.22 valutazione media, eh? Non è immeritato, ma direi che la soddisfazione non è garantita.

Picnic sulla strada è qualcosa di un classico minore che ho visto spesso menzionato in gruppi di discussione di letteratura fantascientifica come l'eccellente PrintSF su Reddit. Certamente la presunzione di base è meravigliosamente "sfnal". Sei zone della Terra sono state visitate dagli alieni per un periodo di due giorni, non ci sono testimoni per queste visite, l'unica prova sono gli strani artefatti che questi alieni apparentemente hanno lasciato alle spalle o scartati. Il breve romanzo tratta le conseguenze o le culture che si sviluppano da "The Visitation", poiché questo evento è diventato noto.

Questo libro mi ricorda il trope fantascientifico di "Big Dumb Object" in cui un manufatto alieno viene trovato dagli umani ma i loro proprietari sono assenti, per esempio Appuntamento con Rama , porta e Ringworld . La differenza principale è che gli oggetti dentro Picnic sulla strada sono piccoli sparsi in tutte le Zone di Visitazione, i tuoi BDO fantascientifici medi sono cose gigantesche che fluttuano nello spazio. Quindi propaga i due fratelli Strugatsky per aver fatto un giro originale su un concetto logoro.

Adoro i bizzarri artefatti alieni descritti in questo libro. Ad esempio, "vuoti" che sono contenitori vuoti di qualche tipo ma puoi vedere solo il coperchio e il fondo, il contenitore stesso non è solo invisibile ma sembra fatto di nulla. Puoi mettere le mani attraverso il contenitore nello spazio tra il coperchio e il fondo come se non ci fosse nulla, ma il coperchio e il fondo mantengono sempre le rispettive posizioni e distanze. Sono artefatti estremamente interessanti ma nessuno sa a cosa servono o cosa dovrebbero contenere. Ci sono alcuni oggetti misteriosi come questo nel libro, ma le descrizioni sono abbastanza elaborate, quindi ti lascerò scoprirli da te. Oltre a questi oggetti, ci sono anche strani effetti delle Zone sulle persone che si trovavano nelle vicinanze quando si verifica la Visitazione.

Ora i negativi. C'è qualcosa nella narrativa o nello stile di prosa a cui non mi collego del tutto. Non so se ciò sia attribuibile alla traduttrice Sig.ra Antonina W. Bouis; in effetti, l'inglese della traduzione sembra abbastanza chiaro, ma c'è qualcosa di vago nella narrazione che non riesco a capire. I personaggi sembrano andare avanti e indietro ed è difficile ricordare chi siano alcuni di loro. I manufatti misteriosi sono fantastici, ma alcuni di essi non sono chiaramente descritti (inspiegabile è OK, poiché dovrebbero essere misteriosi, ma non descritti è un po 'frustrante). Non riesco a connettermi con i personaggi anche se le loro motivazioni sono comprensibili. Immagino che ciò sia dovuto agli sviluppi superficiali di questi personaggi; anche se gran parte della narrazione è incentrata su Redrick Schuhart, non mi sento di sapere molto su di lui entro la fine del libro. Il risultato di tutti questi aspetti negativi è che mi sento un po 'disconnesso dal libro mentre lo leggevo, tutto sembra piuttosto spassionato. Non mi piace anche il finale ambiguo (in tutta onestà ad alcune persone non dispiace i finali ambigui, mi frustrano).

Per riassumere Picnic sulla strada ha una premessa brillante ed è infinitamente inventiva, ma personalmente trovo che l'esecuzione sia meno che soddisfacente. Detto questo, è una storia così bella ed è piuttosto breve, quindi posso consigliarlo con le prenotazioni di cui sopra.

Stelle 3.5.
_______________________

Note
Per una spiegazione del titolo del libro, consulta la sezione "QUOTES APATT LIKED" di seguito, in particolare quella che inizia con "Un picnic. Immagina una foresta "

Mi piacciono queste due citazioni, ma non sono incluse in Goodreads Picnic sulla strada pagina delle citazioni:

“Per me la Visitazione è principalmente un evento unico che ci consente di saltare diversi passaggi nel processo di cognizione. Come un viaggio nel futuro della tecnologia. Come un generatore quantico che finisce nel laboratorio di Isaac Newton. ”

“Lo direi così. Ci sono oggetti per i quali abbiamo trovato usi. Li usiamo, ma quasi certamente non nel modo in cui i visitatori li usano. Sono sicuro che nella stragrande maggioranza dei casi stiamo martellando le unghie con microscopi. "

Lascia una recensione per Picnic sulla strada