Homepage > Classics > Finzione > 18thcentury > Roxana Recensioni

Roxana

Da Daniel Defoe John Mullan, Juanita McMahon,
Recensioni: 30 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
3
Bene
9
Media
8
Male
5
Terribile
5
Roxana (1724), l'ultimo e il più oscuro romanzo di Defoe, è l'autobiografia di una donna che ha scambiato la sua virtù, inizialmente per sopravvivere e poi per fama e fortuna. Il suo narratore racconta la storia della sua vita "malvagia" come amante di uomini ricchi e potenti. Un'avventurosa intraprendente, è anche un'analista spietata delle sue stesse predisposizioni, che ci dice del prezzo

Recensioni

data di revisione 04/21/2020
Fahy Baltazar

Daniel Defoe, il famoso venditore ambulante del 1700, è tornato con un'altra storia sexy sulle troie sexy che fanno sesso - e questa potrebbe essere la sua più sporca! Roxana offre la sua cameriera per scopi sessuali al suo amante! Si veste come una schiava harem e mette su piccoli numeri di danza sexy! Non è così sporco come il famoso porno del 1750 Fanny Hill, ma non è così lontano.

A Defoe piace mettere i suoi personaggi in condizioni disperate. È famoso per quello sul naufrago, ma i suoi due libri più famosi dopo - questo e Moll Flanders - usa molto la parola "puttana", e questo è abbastanza per un modello per me: questi libri erano pensati per titillare, ed è giusto pensare a Defoe come a un ragazzo che ha scritto libri sporchi. Si allontana dalla roba audace creando quegli stretti disperati, costringendo i suoi personaggi a prendere decisioni difficili, e poi scuotendo molto la lingua su di essa, una tradizione che si estende fino al film del Venerdì 13 e alla loro amata abitudine di mostrando adolescenti che hanno rapporti sessuali prematrimoniali e poi essere tritato.

Più avere una torta e scoparsela troppo
- Le relazioni pericolose
- Delta di Venere
- Acqua e Sapone
- Attrazione fatale
- Cinquanta tonalità di grigio

È anche un pedante. Se i suoi libri si distinguono per le esigenze in cui mettono i loro protagonisti, sono anche coerenti nei loro meticolosi record. Crusoe fece una lista di tutte le provviste sulla sua isola. Roxana ripercorre le sue finanze con te, nei minimi dettagli, ancora e ancora. Anche questa è una tradizione che si estende fino in fondo Balzac e Un Albero Cresce A Brooklyn. Sembra noioso, ma se vuoi capire come funzionavano i soldi nel 1700, ecco la tua grande opportunità. Naturalmente no, quindi è per lo più noioso.

Virginia Woolf afferma che Defoe "sembra aver preso i suoi personaggi così profondamente nella sua mente che li ha vissuti senza sapere esattamente come, e, come tutti gli artisti inconsci, lascia più oro nel suo lavoro di quello che la sua stessa generazione è stata in grado di portare al superficie." Mi sembra che i suoi personaggi gli sfuggano: sono più di quello che lui pensa di essere. (O almeno, c'è abbastanza vita in loro per diventare più col passare del tempo.) Robinson Crusoe è un pazzo. Moll Flanders è quasi una femminista.

E Roxana ... beh, Roxana è complicata. "Vedendo la libertà sembrava essere la proprietà dell'uomo, sarei un uomo-donna, perché, dato che sono nato libero, morirei così", dice, ed è davvero fantastico, giusto? Insiste sull'indipendenza. Il suo rifiuto di sposare la sua serie di compagni sembra trionfante per un lettore moderno. Me lo ricorda il potente Becky Sharp, che sfugge allo stesso modo al suo autore e viene punito da lui per questo, o nonostante ciò.

Ma è punita, e Roxana non traduce altrettanto bene per noi lettori moderni come fa Moll Flanders. È una sorta di narratore inaffidabile accidentale. Sembra convincentemente gentile, ma è terribilmente crudele con i suoi figli. io piace sua; Trovo difficile conciliare la donna che sembra costantemente consapevole e preoccupata dei sentimenti degli altri con la donna che lascia dietro di sé una scia di bambini abbandonati come una sigillo di arpa. Questo è probabilmente colpa di Defoe; cerca più duramente di entrare nella testa di Roxana, per descrivere la sua motivazione e personalità, di quanto non abbia mai fatto con Moll o Robinson, e se la mette un po 'su. Non riesce a presentarsi come un essere umano coerente e credibile. Questo è il più psicologico dei romanzi di Defoe ed espone la sua debolezza.

Tra i lati positivi, tuttavia, ci sono alcune parti sexy.
data di revisione 04/21/2020
Hyacintha Robas

Se qualcuno mi dicesse: "Ascolta, ho il tempo e la voglia di leggere solo una libro di Defoe (o un romanzo inglese del periodo 1700-1725 - stessa cosa!), quale dovrebbe essere? "la mia unica possibile risposta potrebbe essere:" Perché, Roxana ovviamente!" Cioè., che secondo me non solo lo è Roxana Il romanzo finale di Defoe, è anche il suo migliore perché:
(i) in esso la capacità dell'autore di "togliersi di mezzo" e di abitare pienamente la sua personalità di narratore confessionale in prima persona raggiunge il suo apice assoluto in questo libro (sebbene sia in effetti il ​​seme più forte di Mr Foe in tutti i suoi libri);
(ii) è pieno di incidenti di deviazione come Moll Flanders (e molto, molto più di Robinson Crusoe!), alla pari in questo senso, per esempio Capitano Singleton ;
(iii) la propensione di Defoe a creare "realismo" attraverso l'accumulo di dettagli fattuali fino alla nausea è mantenuto in modo molto gratificante sotto controllo* qui rispetto ad altrove.

Ancora più importante per questo lettore, tuttavia, è:
(iv) la prima apparizione nel romanzo inglese di reale, reale ambiguità e indeterminatezza! Per mentre la narratrice insiste continuamente nel dirci nel libro che lei adesso (vale a dire, in un momento non specificato molto più tardi nella sua vita) si rammarica della vita di avidità e piacere che ha perseguito, il romanzo stesso suggerisce il contrario, che avrebbe rifatto tutto da capo se fosse data l'opportunità (un sentimento anche parzialmente presente nella storia dei pirati di Capitano Singleton, tra l'altro). Perché è continuamente, in effetti, in guerra con se stessa, anche nel racconto della sua storia, a differenza dei convertiti sinceri e dei pentiti che tentano di elevare / istruire moralmente noi lettori negli altri romanzi di Defoe. (Tale ambiguità è in gioco anche in molti altri modi, come un doppio schema temporale in base al quale siamo simultaneamente nella dissoluta corte di Restauro di Carlo II così come in quello ugualmente irredente - dal punto di vista di De Foe - corte di Giorgio I ...).

Consigliato.

*(visualizza spoiler)[Tale eccesso è molto evidente in Un diario dell'anno della peste e in Robinson Crusoe. Qui, tuttavia, viene utilizzato con parsimonia che, quando viene distribuito, è abbastanza efficace. Considera, ad esempio, questo momento successivo del romanzo in cui (il attualmente dispiaciuto, ricorda) Roxana alla fine si fidanzò con il suo commerciante olandese, e si rivelarono l'un l'altro l'entità della ricchezza che avevano finora maturato individualmente e stanno ora portando alla loro "congiuntura" connubiale e couvenante imeneo, un tale concordato nuziale e un affare coniugale come il mondo della contabilità non ha mai visto! <- I continua un po 'lì, perché lo stesso Defoe continua a fare esattamente questo, immergendosi nel tipo di dettagli gioiosi di cui è così appassionato altrove, ma poiché si è trattenuto, noi lettori ci divertiamo anche nella festa di Roxana e del suo fidanzato Scrooge McDuck nella loro ricchezza non raccontata (beh, ora molto "raccontata"): So we open’d the Box; there was in it indeed, what I did not expect, for I thought he had sunk his Estate, rather than rais’d it; but he produc’d me in Goldsmith’s Bills, and Stock in the English East-India Company, about sixteen thousand amounting in the whole to 5800 Crowns 289 per Annum, or annual Rent, as ’tis call’d there and lastly, the Sum of 30000 Rixdollars in the Bank of Amsterdam; besides some Jewels and Gold in the Box, to the Value of about 15 or 1600 livres among which was a very good Necklace of Pearl, of about 200 livres Value; and that he pull’d out, and ty’d about my Neck; telling me, That shou’d not be reckon’d into the Account.

I was equally pleas’d and surpriz’d; and it was with an inexpressible Joy, that I saw him so rich: You might well tell me, said I , that you were able to make me Countess , and maintain me as such: In short , he was immensly rich; for besides all this, he shew’d me, which was the Reason of his being so busie among the Books, I say , he shew’d me several Adventures he had Abroad, in the Business of his Merchandize; as particularly, an eighth Share in an East-India Ship then Abroad; an Account-Courant with a Merchant, at Cadiz in Spain ; about 3000 livres lent upon Bottomree? upon Ships gone to the Indies ; and a large Cargo of Goods in a Merchant’s Hands, for Sale, at Lisbon in Portugal ; so that in his Books there was about 12000 livres more; all which put together, made about 27000 livres Sterling, and 1320 livres a Year.

I stood amaz’d at this Account, as well I might , and said nothing to him for a good-while, and the rather, because I saw him still busie, looking over his Books: After a-while, as I was going to express my Wonder; Hold , my Dear, says he , this is not all neither; then he pull’d me out some old Seals, and small Parchment-Rolls, which I did not understand; but he told me , they were a Right of Reversion which he had to a Paternal Estate in his Family, and a Mortgage of 14000 Rixdollars , which he had upon it, in the Hands of the present Possessor; so that was about 3000 livres more.

But now hold again, says he , for I must pay my Debts out of all this, and they are very great, I assure you; and the first, he said , was a black Article of 8000 Pistoles, which he had a Law-Suit about, at Paris , but had it awarded against him, which was the Loss he had told me of, and which made him leave Paris in Disgust; that in other Accounts he ow’d about 5300 livres Sterling; but after all this, upon the whole, he had still 17000 livres clear Stock in Money, and 1320 livres a-Year in Rent.

After some Pause, it came to my Turn to speak; Well, says I , ’tis very hard a Gentleman with such a Fortune as this, shou’d come over to England , and marry a Wife with Nothing ; it shall never, says I , be said, but what I have, I’ll bring into the Publick Stock; so I began to produce.

First , I pull’d out the Mortgage which good Sir Robert had procur’d for me, the annual Rent 700 l . per Annum ; the principal Money 14000 livres
Secondly , I pull’d out another Mortgage upon Land, procur’d by the same faithful Friend, which at three times, had advanc’d 12000 livres.
Thirdly , I pull’d him out a Parcel of little Securities, procur’d by several Hands, by Fee-Farm Rents, and such Petty Mortgages as those Times afforded, amounting to 10800 livres principal Money, and paying six hundred and thirty six Pounds a-Year; so that in the whole, there was two thousand fifty six Pounds a-Year, Ready-Money, constantly coming in.

When I had shewn him all these, I laid them upon the Table, and bade him take them, that he might be able to give me an Answer to the second Question , viz. What Fortune he had with his Wife ? and laugh’d a little at it.
Ma come apparentemente la mia bisnonna scozzese diceva, "Troppe risate portano sempre a piangere", ovviamente ... ahimè! (nascondi spoiler)]
data di revisione 04/21/2020
Fryd Soja

Oh! È così deliziosamente vecchio! Frasi che si estendono per paragrafi; lettere maiuscole apparentemente casuali sparse per le pagine! Eppure, è una storia così umana che difficilmente puoi credere che la creatura che si è autoproclamata umana nel 1720 potrebbe avere così tanto in comune con te, il tuo stesso io. Tutti sono così cattivi! Fa sembrare bello essere apparentemente moderno.
data di revisione 04/21/2020
Charline Kosik

Questo libro contiene l'argomentazione più moderna, avvincente e approfondita sul perché le donne del 1724 fossero meglio non sposate, il che è assolutamente da leggere ed evidenzia tutti i punti di forza di Roxana. Lo prometto, il resto del romanzo non è NIENTE di questo. Se sei interessato a provarlo, passa al tag spoiler inferiore.



Non sono una di quelle persone che scrivono i libri di DNF. E sì, ho abbandonato Oresteia ma lo faresti anche se dovessi leggere tutte quelle note a piè di pagina dopo aver lasciato la lezione

Se fossi intelligente (e se lo sei), non avrei mai finito questo libro. Ma è strano e sono contento di averlo fatto.

La storia inizia, per mancanza di una parola migliore, noiosa. Una volta ho letto da qualche parte che una buona storia inizia nella ricerca mediatica (nel mezzo delle cose), ma abbiamo un'idea di chi sia la nostra narratrice da dove sceglie di iniziare la storia.

Sono nato, come mi hanno detto i miei amici, nella città di Poitiers, nella provincia o nella contea di Poitou in Francia, da dove sono stato portato in Inghilterra dai miei genitori, fuggiti dalla loro religione intorno all'anno 1683, quando i protestanti furono banditi dalla Francia dalla crudeltà dei loro persecutori.

Interessante al suono? Sfortunatamente, la storia non ha nulla a che fare con questo. Roxana si limita a mettere in relazione i fatti, e mentre è chiara e concisa qui, devolve solo quando la storia inizia e le cose iniziano a diventare un po 'più ... intime (e non sto solo parlando delle sue scelte). Il sommario su Goodreads dipinge Roxana come una donna che "ha scambiato la sua virtù" e mentre l'autobiografia inizia, cerca di dipingere se stessa come questa. Ma poiché questa è un'autobiografia, e lei è la narratrice trasformata in autrice, non solo ottieni molto "Ma andare avanti con la mia storia" quando divaga anche per una SECONDA su qualcun altro, anche la sua più intima conoscente e amatissima amica, Amy. Ottieni anche molto di questo:

Potrei anche chiamarlo languido, perché se la Provvidenza non mi avesse sollevato, sarei morto in poco tempo. Ma di quello in seguito.

Come lettore moderno, puoi fare l'argomentazione, beh forse hanno scritto diversamente allora. Posso assicurarti, dopo aver letto una discreta quantità di pubblicazioni del 18 ° secolo, che questo non era comune. Hai ottenuto la prima persona principalmente attraverso le lettere, ma era più popolare scrivere al momento, o in sequenza cronologica, piuttosto che lasciar cadere questi fastidiosi suggerimenti di ciò che sta arrivando. Io non lo sopporto. È fastidioso! Non voglio i tuoi spoiler a metà strada, voglio la prova convincente di non sapere cosa sta arrivando. Perché per gran parte della storia, ero convinto che Roxana fosse un narratore terribile, terribile.

Anche se non sei come me, ottieni comunque scene come questa, in cui è così egocentrica e rimossa dal raccontare la sua storia - che a proposito, non scopri mai da quale periodo ha iniziato a narrare - che devi lottare per andare avanti, perché anche le cose più terribilmente orribili sono sovrastate:

Avevo solo un piccolo incoraggiamento a darle, e in effetti potevo dire solo pochissimo, ma le feci comporre un po 'e non lasciare che nessuno della gente della nave capisse cosa intendesse o cosa dicesse. Ma anche nella sua più grande compostezza ha continuato a esprimersi con il massimo terrore e terrore a causa della vita malvagia che aveva vissuto, e piangendo avrebbe dovuto essere dannata e simili, il che era molto terribile per me che sapeva in che condizioni ero in me stesso.

Sì, sono solo due frasi.

Vedo da alcune di queste righe che questo libro potrebbe sembrare molto avvincente con il suo narratore egoista, che essendo così egoista e egocentrico, a volte può diventare molto inaffidabile, specialmente con la sua prospettiva limitata. Tuttavia, sono fedele alle mie convinzioni, secondo cui questo libro non parla di un linguaggio profondo, significativo e poetico. Non ho letto nessun altro Defoe, quindi non posso dirti se questo è solo il suo stile o se intendeva qualcosa di "diverso" con questo.

Tuttavia, ogni tanto ottieni una linea come questa:

Questo, tuttavia, ci mostra con quali deboli scuse e con quali insignificanti pretendiamo di soddisfare noi stessi e di reprimere i tentativi di coscienza nella ricerca del crimine piacevole e nel possesso di quei piaceri con cui detestiamo separarci.

Che è assolutamente bellissimo. Il vero dono di Roxana è farci capire il suo processo di pensiero e perché ha fatto le cose. Si ripete continuamente, sì, ma quella ripetizione è lì per costringerti, non solo a credere alla sua storia di come è possibile come un fatto, ma anche come una difesa. Roxana vuole che tu accetti la catena della vita e dica: "Bene, se ti sei comportato in questo modo e ti sei sentito così, allora, ha senso ..."

Il problema con questa storia è davvero il periodo di tempo. Le avventure di Roxana sarebbero perfettamente accettabili (e forse non altrettanto redditizie) ai giorni nostri. E ovviamente sono tutto per un'eroina malvagia. Ma la mia carneficina con questa storia è che l'originale, beh ... Non c'è catarsi. Roxana è davvero l'amante FORTUNATA. E questo è un grosso problema.

Vedi, questa è la fine della storia

(visualizza spoiler)[ Qui, dopo alcuni anni di circostanze floride e esteriormente felici, mi sento in un terribile corso di calamità, e anche Amy; il contrario dei nostri bei giorni passati. L'esplosione del Cielo sembrò seguire l'infortunio fatto da entrambi la povera ragazza, e fui di nuovo così basso che il mio pentimento sembrò essere solo la conseguenza della mia miseria, poiché la mia miseria era fuori dal crimine. (nascondi spoiler)]

Naturalmente, ho trovato difetti in questo finale, perché tutti sanno da che parte dovrebbe vincere e perdere, e come deve essere una perdita davvero buona, soprattutto dopo un guadagno davvero grande. Bene, questo è un finale davvero patetico. Alcune persone si sono sbagliate, e così una persona molto speculata ha scritto un finale diverso.

Il problema con quel finale è che non è affatto d'accordo con il processo della storia in molti aspetti. Prende Roxana, che è in Olanda nel paragrafo finale, torna in Inghilterra e la inizia lì. Mentre spiega alcune cose (visualizza spoiler)[come quello che è successo a Susanna se non fosse davvero morta (nascondi spoiler)], interrompe ancora la continuità in modo negativo. Inoltre, non è d'accordo con il paragrafo finale in questo (visualizza spoiler)[ci sono stati anni felici in Olanda prima che arrivassero le calamità - Roxana non ha nulla di tutto ciò, Susanna arriva subito e rovina tutto (nascondi spoiler)].

Ora, per quanto mi è piaciuto leggere questo, quando era così noioso, terribile e placido nel mezzo, era la fine. Dopo aver letto le varie glorie di Roxana, ti starai chiedendo perché vale la pena dirlo. Perché le ultime due pagine portano, come descritto da un altro lettore, un incidente d'auto lento. Per me, quello è stato il momento più avvincente per girare le pagine di tutto il libro. Se Roxana avesse pensato di includere o meno la lucentezza di altri momenti in cui era quasi stata bruciata, o si era fatta saltare la copertina, o semplicemente inquadrando le istanze che erano avvenute correttamente, questo libro sarebbe stato più avvincente.

Allo stato attuale, ho dovuto dargli 3 stelle, semplicemente a causa dell'inizio. Avrei davvero potuto rinunciare a questo libro! La fine è stata davvero più vicina a 3.5 o 4.

Ora consiglierei questo? Forse, se sei attratto da ciò che vedi qui, ti piace la letteratura classica, in precedenza hai apprezzato Defoe e, soprattutto, sai in cosa ti stai cacciando! Non posso sottolineare abbastanza, questo non è il libro che mi è stato promesso. Ecco il riassunto REALE di Roxana.

Roxana (1724), l'ultimo romanzo di Defoe, è l'autobiografia di una donna portata sull'orlo della sopravvivenza. Per sopravvivere, deve sacrificare la sua virtù e il suo onore per il pane tra le braccia di un altro uomo. Molti anni dopo, quando la tragedia colpisce la coppia, le viene offerta la possibilità di fare tutto di nuovo, ma questa volta come un'amante non mascherata. In tutto, Roxana si ritrae distaccata, distante ed esotica - guadagnandosi il nome che vince in Inghilterra per il suo possesso in parti uguali di bellezza, equilibrio e mistero. Spesso più composta di quanto dovrebbe essere, Roxana è un'analista perdona delle sue stesse predisposizioni, implorando il pubblico di capire come è stata condotta su questa strada. Dotata di un egoismo così profondo da non lasciarsi interessare da nulla intorno a lei, è in grado di portare avanti la sua vita di fama per molti anni ed esultare per il guadagno. A differenza degli altri penitenti antieroi di Defoe, Roxana non prova mai sensi di colpa, dolore o vergogna a meno che non creda che la salverà dalle conseguenze. Il risultato di Defoe fu quello di inventare, in "Roxana", un avvincente narratore, ma ciò che riuscì a ottenere fu una narrazione inaffidabile la cui risolutezza rende la narrazione meno prevedibile di quella a cui sono abituati i lettori moderni.


Infame passaggio delle opinioni di Roxana sul matrimonio
(visualizza spoiler)[Era estremamente deluso da questo articolo e non sapeva come gestirlo per un bel po '; e come oso dire, se non si fosse aspettato di renderlo serio per sposarmi, non avrebbe tentato dall'altra parte, quindi, ho creduto, se non fosse stato per i soldi che sapeva di avere, non avrebbe mai voluto sposarmi dopo essersi steso con me. Perché dov'è l'uomo che si prende cura di sposare una puttana, anche se di sua propria creazione? E poiché sapevo che non era uno sciocco, quindi non gli ho fatto nulla di male quando lo immaginavo, ma per i soldi, non avrebbe avuto alcun pensiero su di me in quel modo, specialmente dopo il mio cedimento come avevo fatto; in cui si deve ricordare che non ho fatto alcuna capitolazione per averlo sposato quando mi sono arreso a lui, ma gli ho lasciato fare esattamente quello che gli piaceva, senza alcun accordo precedente.

Bene, fino ad ora abbiamo provato a indovinare i disegni degli altri; ma mentre continuava a importunarmi per sposarmi, sebbene fosse stato con me e continuasse a mentire con me tutte le volte che gli piaceva, e io continuavo a rifiutarmi di sposarlo, sebbene lo lasciassi mentire con me ogni volta che lo desiderava; Dico, poiché queste due circostanze hanno costituito la nostra conversazione, non potrebbe continuare a lungo così, ma dobbiamo arrivare a una spiegazione.

Una mattina, nel mezzo delle nostre libertà illegali - vale a dire, quando eravamo a letto insieme - sospirò e mi disse che desiderava il mio permesso di farmi una domanda, e che gli avrei dato una risposta con la stessa ingegnosa libertà e onestà con cui l'avevo trattato. Gli ho detto che lo avrei fatto. Perché, allora, la sua domanda era, perché non lo avrei sposato, visto che gli concedevo tutta la libertà di un marito. "O," dice lui, "mio caro, dato che sei stato così gentile da portarmi nel tuo letto, perché non mi farai tuo, e mi prenderai per il bene e per tutti, affinché possiamo divertirci senza rimproverare ad un altro?"

Gli dissi che, come confessavo, era l'unica cosa in cui non potevo conformarmi a lui, quindi era l'unica cosa in tutte le mie azioni per cui non potevo dargli una ragione; che era vero che l'avevo lasciato venire a letto da me, che doveva essere il più grande favore che una donna potesse concedere; ma era evidente, e poteva vederlo, che, dato che ero consapevole dell'obbligo che avevo verso di lui per avermi salvato dalla peggiore circostanza, era possibile per me essere portato a, non potevo negargli nulla; e se avessi avuto un maggiore favore nel cederlo, avrei dovuto farlo, quello del matrimonio era stato escluso, e non poteva non vedere che lo amavo in misura straordinaria, in ogni parte del mio comportamento nei suoi confronti; ma quello del matrimonio, che stava rinunciando alla mia libertà, era ciò che una volta sapeva che avevo fatto, e aveva visto come mi aveva fatto correre su e giù nel mondo e a cosa mi aveva esposto; che avevo un'avversione e desideravo che non insistesse. Poteva facilmente vedere che non avevo avversione per lui; e che, se fossi stato con lui da bambino, avrebbe dovuto vedere una testimonianza della mia gentilezza verso il padre, perché avrei sistemato tutto ciò che avevo nel mondo sul bambino.

È stato muto per un bel po '. Alla fine dice: "Vieni, mia cara, tu sei la prima donna al mondo che sia mai stata con un uomo e poi si sia rifiutata di sposarlo, e quindi ci deve essere qualche altra ragione per il tuo rifiuto; e quindi ne ho un'altra richiesta, e cioè, se immagino la vera ragione e rimuovo l'obiezione, allora cederai a me? " Gli ho detto che se avesse rimosso l'obiezione che avrei dovuto rispettare, perché avrei sicuramente dovuto fare tutto ciò per cui non avevo obiezioni.

"Perché allora, mia cara, dev'essere che o sei già fidanzato o sposato con un altro uomo, o non sei disposto a disporre dei tuoi soldi per me e ti aspetti di avanzare più in alto con la tua fortuna. Ora, se sii il primo di questi, la mia bocca si fermerà, e non ho altro da dire; ma se sarà l'ultimo, sono pronto efficacemente a rimuovere l'obiezione e rispondere a tutto ciò che puoi dire su questo argomento. "

L'ho preso brevemente al primo di questi, dicendogli che doveva avere pensieri basici su di me, per pensare che avrei potuto cedergli in un modo come avevo fatto, e continuarlo con così tanta libertà come ha scoperto io sì, se avessi un marito o fossi fidanzato con un altro uomo; e che avrebbe potuto dipendere da ciò che non era il mio caso, né da nessuna parte del mio caso.

"Perché allora," disse lui, "per quanto riguarda l'altro, ho un'offerta da farti che toglierà tutte le obiezioni, vale a dire che non toccherò una pistola del tuo patrimonio più di quanto sarà con la tua consenso volontario, né ora né in qualsiasi altro momento, ma dovrai risolverlo a tuo piacimento per la tua vita e su chi desideri dopo la tua morte; " che avrei dovuto vedere che era in grado di mantenermi senza di essa e che non era per quello che mi seguiva da Parigi.

Ero davvero sorpreso da quella parte della sua offerta, e poteva facilmente percepirla; non era solo ciò che non mi aspettavo, ma era ciò che non sapevo quale risposta dare. Aveva, invero, rimosso la mia principale obiezione: anzi, tutte le mie obiezioni, e non era possibile per me dare una risposta; poiché, se un'offerta così generosa dovessi essere d'accordo con lui, allora feci altrettanto bene che confessai che era sul conto del mio denaro che lo rifiutavo; e che sebbene potessi rinunciare alla mia virtù ed espormi, tuttavia non avrei rinunciato ai miei soldi, il che, sebbene fosse vero, era davvero troppo grossolano per riconoscerlo, e non potevo pretendere di sposarlo su quel principio nessuno dei due. Quindi per quanto riguarda averlo, e togliermi di mano tutte le mie proprietà, in modo da non dargli la gestione di ciò che avevo, ho pensato che non sarebbe solo un po 'gotico e disumano, ma sarebbe sempre stato il fondamento di scortesia tra noi e renderci sospettati l'uno dell'altro; cosicché, nel complesso, ero obbligato a dare una nuova svolta ad esso, e parlare di una specie di tensione elevata, che all'inizio non era affatto nei miei pensieri; poiché possiedo, come sopra, il disinvestimento della mia proprietà e il togliermi i soldi dalla mano era la somma della questione che mi fece rifiutare di sposarmi; ma, dico, ho dato una nuova svolta in questa occasione, come segue:

Gli dissi che forse avevo nozioni diverse sul matrimonio da ciò che l'usanza ricevuta ci aveva dato; che pensavo che una donna fosse un libero agente oltre che un uomo, che fosse nata libera e che, se fosse riuscita a gestirsi adeguatamente, avrebbe potuto godere di quella libertà per lo stesso scopo degli uomini; che le leggi sul matrimonio erano davvero diverse, e l'umanità in quel momento agiva in modo abbastanza conforme ad altri principi, e quelli tali che una donna si abbandonava completamente a se stessa, nel matrimonio e capitolava, per essere, nella migliore delle ipotesi, ma un servitore superiore e dal momento in cui prese l'uomo non era migliore o peggiore del servo tra gli israeliti, che aveva le orecchie annoiate - cioè inchiodate sul paletto della porta - che con quell'atto si abbandonò a fare il servo durante vita; che la natura stessa del contratto matrimoniale non era altro che rinunciare alla libertà, alla proprietà, all'autorità e tutto per l'uomo, e la donna era davvero una semplice donna per sempre - vale a dire una schiava.

Rispose che, sebbene per alcuni aspetti fosse come avevo detto, eppure dovrei considerare che, in equivalente a questo, l'uomo aveva tutta la cura delle cose devolute su di lui; che il peso degli affari ricadeva sulle sue spalle, e poiché aveva la fiducia, così aveva la fatica della vita su di lui; il suo era il lavoro, il suo l'ansia di vivere; che la donna non aveva altro da fare che mangiare il grasso e bere il dolce; sedersi fermi e guardarsi intorno, essere aspettati e fatti molto, essere serviti, amati e resi facili, specialmente se il marito si comportava come lui; e che, in generale, il lavoro dell'uomo era incaricato di far vivere la donna tranquilla e indifferente nel mondo; che avevano il nome di soggezione senza la cosa; e se nelle famiglie inferiori avevano la fatica della casa e la cura delle provviste, eppure avevano davvero la parte più facile; poiché, in generale, le donne avevano solo la cura di gestire, cioè spendere ciò che ottengono i loro mariti; e che una donna aveva il nome di soggezione, in verità, ma che generalmente comandavano, non solo gli uomini, ma tutto ciò che avevano; gestito tutto per se stesso; e dove l'uomo faceva il suo dovere, la vita della donna era tutta agiata e tranquilla, e che lei non aveva altro da fare che essere facile e rendere tutto ciò che era in lei facile e allegro.

Sono tornato, che mentre una donna era single, era un maschio nella sua capacità politica; che aveva quindi il pieno comando di ciò che aveva e la direzione completa di ciò che faceva; che era un uomo nella sua capacità separata, a tutti gli effetti che un uomo poteva essere così per se stesso; che non era controllata da nessuno, perché non era responsabile verso nessuno, e non era soggetta a nessuno. Così ho cantato queste due righe di Mr. —— di: -

"Oh! È piacevole essere liberi,
La più dolce signorina è Liberty. "

Ho aggiunto che chiunque fosse la donna che possedeva un patrimonio e che avrebbe rinunciato a essere schiavo di un grande uomo, quella donna era una sciocca e non doveva essere adatta a nient'altro che a un mendicante; che era mia opinione che una donna fosse adatta a governare e godere del proprio patrimonio senza un uomo come un uomo senza una donna; e che, se avesse avuto la mente di gratificarsi per quanto riguarda i sessi, avrebbe potuto intrattenere un uomo come un uomo fa un'amante; che mentre era così single era la sua e se avesse ceduto quel potere meritava di essere tanto miserabile quanto era possibile che potesse esserlo qualsiasi creatura.

Tutto ciò che poteva dire non poteva rispondere alla forza di ciò riguardo all'argomento; solo questo, che dall'altra parte era il metodo ordinario da cui il mondo era guidato; che aveva motivo di aspettarsi che dovessi accontentarmi di ciò di cui tutto il mondo era contento; che era dell'opinione che un sincero affetto tra un uomo e sua moglie rispondesse a tutte le obiezioni che avevo fatto sull'essere schiavo, servo e simili; e dove c'era un amore reciproco non poteva esserci schiavitù, ma c'era solo un interesse, un obiettivo, un disegno e tutto cospirato per rendere entrambi molto felici.

"Sì", dissi, "questa è la cosa di cui mi lamento. La finzione dell'affetto prende da una donna tutto ciò che può essere chiamato se stessa; non deve avere alcun interesse, nessun obiettivo, nessuna visione; ma tutto è interesse, obiettivo e visione del marito; deve essere la creatura passiva di cui hai parlato ", dissi I." Deve condurre una vita di perfetta indolenza e vivere per fede, non in Dio, ma in suo marito, affonda o nuota, poiché è sciocco o saggio, infelice o prospero; e nel mezzo di ciò che pensa sia la sua felicità e prosperità, è avvolta dalla miseria e dall'accattonaggio, che non aveva il minimo preavviso, conoscenza o sospetto di. Quante volte ho visto una donna che vive in tutto lo splendore che un'abbondante fortuna dovrebbe permetterle, con i suoi allenatori e le sue attrezzature, la sua famiglia e i suoi ricchi mobili, i suoi assistenti e amici, i suoi visitatori e la buona compagnia (nascondi spoiler)]

Quanto sopra è continuato nei commenti!
data di revisione 04/21/2020
Terra Moulding

Questo è dello stesso autore che ha scritto Moll Flanders. Quel libro non mi piaceva e ... neanche questo mi piaceva. Come appassionato di storia, adoro leggere vecchi romanzi, dato che ti danno una buona occhiata a come era la vita ai vecchi tempi, da persone che hanno vissuto in questi tempi.

Penso che parte del problema sia che un ragazzo ha scritto questo e Moll Flanders. Ora, non credo che il genere o qualsiasi altra cosa al di fuori del controllo di una persona significhi che non possono scrivere su un gruppo in cui non si trovano. Voglio dire, da giovane donna, ho scritto dal punto di vista di un vecchio (e un veterano, non meno) dopo attenta considerazione e ricerca. Sento che con sufficiente immaginazione e ricerca, un autore può entrare nella mente di un personaggio molto diverso da se stesso.

Certo, l'autore non aveva Google, e le sfere di maschi e femmine nella maggior parte se non in tutte le parti del mondo erano molto separate in quel momento, quindi non posso criticare l'autore per essere ignorante di "roba da ragazze", ma dannazione, ho trovato questo libro noioso e ho sfogliato gran parte di esso.
data di revisione 04/21/2020
Ewald Carraby

Nel regno di strani paragoni da fare tra i libri, eccone uno: questo e Intervista a The Vampire. Non perché ci siano vampiri o altro (ovviamente), ma a causa dei miei sentimenti nei confronti dei rispettivi protagonisti. La cosa principale che ricordo della lettura Colloquio è quanto Louis mi ha infastidito con il suo costante piagnisteo e quanto avrei voluto che stesse zitto e lo superasse. Sono abbastanza sicuro che lo stesso sentimento per l'eroina senza nome di Defoe (il suo nome non è in realtà Roxana) è ciò che mi resterà per questo libro.

Perché, oddio, si agita molto. E sempre più o meno la stessa cosa. Sento che ogni singola pagina contiene almeno un paragrafo in cui si lamenta della sua professione prescelta e di ciò che significa per la sua anima immortale o altro, e mi ha fatto impazzire. Forse se fossi stata cresciuta nello stesso ambiente in cui si trovava, con il suo orrore per tutto ciò che riguarda il sesso (specialmente per quanto riguarda le donne, ovviamente), non me ne sarei preoccupato tanto, ma seriamente. Una volta che hai accumulato abbastanza ricchezza per sopravvivere, se pensi che quello che stai facendo sia così terribile, smetti di farlo. Se la ricchezza è abbastanza importante per te che vuoi mantenerla in modo da poterne ottenere di più, allora fallo e superala. Ma in entrambi i casi, per amore di qualunque cosa, SHUT. SU.

Non fraintendetemi. Sono comprensivo fino a un certo punto. Non è colpa sua se crede che la sua anima sia in pericolo a causa del modo in cui vive la sua vita. La società in cui è cresciuta l'ha resa molto chiara per lei. L'unica cosa peggiore di rinunciare ai tuoi favori al di fuori del matrimonio è trarne profitto. No, scusa, c'è una cosa che è ancora peggio: godersela. La cosa peggiore che una donna possa fare.

Perché ecco la cosa. All'inizio, quando stava cercando di decidere se dovesse diventare l'amante di qualcuno in primo luogo, uno dei modi in cui giustifica è dire che, se si tratta di una questione di vita o di morte, allora sicuramente può essere perdonata. E per lei, dato che era praticamente sull'orlo della fame, era una questione di vita o di morte, quindi la sua "caduta" era perdonabile. Ma davvero, il sesso era praticamente una questione di vita o di morte per tutte le donne di quell'epoca. Alle donne, come regola generale, non era permesso fare soldi in alcun modo "accettabile" (anche se nacquero in ricchezza che forniva solo un reddito senza dover lavorare per esso, le donne in genere non potevano ereditare nulla di tutto ciò ), il che significa che in sostanza dovevano affidarsi a un uomo per provvedere a loro. Che tu sposi o meno il tizio, in pratica si riduce ancora a scambiare favori sessuali e il tuo sistema riproduttivo per cibo e alloggio. Il matrimonio rende semplicemente un contratto più vincolante. Quindi, secondo quella logica, ogni donna di quell'epoca dovrebbe ottenere questo particolare modo di vivere.

Ma poi, naturalmente, si ritrova a dover ammettere che le piace. Le piace l'attenzione e l'ammirazione, e voglio dire che in almeno un punto è implicito che le piace davvero l'atto stesso (sussulto!). Ed è allora che inizia la vera stretta di mano, e quando ho iniziato a dare un'occhiata.

Il resto del libro prosegue in modo simile. Diventa amante di una manciata di uomini (quattro, secondo il mio conteggio, senza contare il suo primo marito, e alla fine ha sposato uno dei quattro - non un numero irragionevole), fa un mucchio di soldi e si preoccupa per tutto attraverso. Così noioso.

E suppongo che dovrei affrontare la sezione finale. Si ritiene che sia stato effettivamente scritto da qualcuno diverso da Defoe, poiché ci sono alcune incongruenze. Uno menzionato dallo scrittore di introduzione era che mentre Defoe tendeva a usare "spaventato", l'autore dell'ultima sezione usava "spaventato". Ho anche osservato che Defoe faceva in modo che la sua eroina si riferisse a suo marito più spesso come il suo "coniuge", mentre nell'ultima sezione usava più spesso la parola "marito". Inoltre, mentre, come detto sopra, ho trovato molto noioso il racconto, la prima parte della sezione finale è stata dolorosamente così. I dettagli del loro viaggio da Londra a Dover erano collegati con una precisione così minuta che era esasperante.

Detto questo, supponendo che Defoe non abbia davvero scritto l'ultima sezione, mi rimane una domanda per lui: WTF? Il suo finale è essenzialmente “Poi si sono trasferiti in Olanda e sono successe cose terribili. Fine." Che cosa?! E poi ho trovato la mia reazione a questo tipo di affascinante. Perché "e vissero felici e contenti" è molto più accettabile come fine di "e vissero miseramente per sempre"? Non è meno brusco. Immagino che si tratti solo di convenzioni narrative. La buona narrazione si basa generalmente sul conflitto. Se vissero felici e contenti, ciò implica che non c'è più conflitto, quindi non c'è più storia. Se hanno vissuto miseramente per sempre, è presumibilmente perché c'era ancora qualche conflitto, di cui noi lettori vogliamo sapere e scoprire come è stato risolto. Tanto più perché non è come se la narrazione di Defoe si concludesse con la risoluzione di tutti i conflitti in sospeso, quindi c'erano solo quelli futuri da affrontare. No, ci lascia ancora nel mezzo di quello più recente che ha presentato. È tutto molto strano e non sono particolarmente sorpreso dal fatto che qualcuno abbia sentito il bisogno di scrivere una vera conclusione alla storia.

Ad ogni modo, a questo punto, penso di poter affermare con certezza che ho finito con Defoe. Ho letto tre dei suoi libri e non mi è particolarmente piaciuto nessuno di loro. Qualcuno dovrebbe escogitare un argomento molto convincente che io possa leggere ancora.
data di revisione 04/21/2020
Curren Regos

Quando Roxana si spoglia della cameriera e costringe la ragazza a letto con l'amante di Roxana, può riflettere dopo il fatto che lo ha fatto perché non era disposta a lasciare che la sua cameriera fosse moralmente superiore a lei. "... Dato che mi credevo una puttana", spiega, "non posso dire che fosse qualcosa di disegnato nei miei pensieri, che anche la mia domestica dovrebbe essere una puttana, e non dovrebbe rimproverarmi per questo." Questo è il tipo di introspezione che rende Roxana una voce narrativa così interessante e qualcosa che la distingue dalla sorella anti-eroina, Moll Flanders.

L'autoconoscenza di Roxana, tuttavia, è incoerente. Altre volte nella sua narrazione, racconta semplicemente le sue azioni senza avere nulla da dire sul loro carattere morale. È indolente quando descrive di aver costretto suo figlio a sposare una donna di sua scelta, quindi punendolo per la sua riluttanza trattenendo il capitale di investimento promesso. Ciò è interessante in un altro modo: non commenta perché Defoe sta rappresentando intenzionalmente i punti ciechi del suo personaggio, o è solo un'altra delle tante incongruenze del romanzo? (La sua età e il numero di bambini sono confusi, il che non è il genere di cose che mi aspetterei che un autore si sbagli di proposito.) O sto incontrando valori così sconosciuti alla mia esperienza morale e all'osservazione che ciò che non è degno di menzione nella comunità di Defoe sembra una specie di crimine nel mio? Non lo so e mi diverto a non saperlo. Questo è uno dei motivi per cui mi piace leggere vecchi romanzi. La moralità della maggior parte dei romanzi contemporanei è così palese da diventare noiosa.

Il comportamento "cattivo" di Roxana è palese, ma i suoi argomenti morali sono sottili. Si rappresenta malvagia anche quando sta descrivendo atti di gentilezza o fair play e generosità straordinari. Affrettandosi ad assicurare al lettore che concorda con l'opinione convenzionale della sua vita dissoluta, lei (e l'autore) anticipano abilmente la condanna del lettore, anche se forse non nella misura in cui ha impedito agli editori di sentire la necessità di aggiungere finali alternativi alle successive edizioni del libro. In questi finali alternativi, Roxana è punita per le sue azioni illecite, penitente, riformata e di solito morta. Anche Defoe le diede una fine triste e brusca, ma il gusto con cui vengono raccontati i suoi peccati e la complessità del suo carattere morale mi fanno pensare a quanto fosse malvagia. Sono abbastanza malvagio, suppongo, per fare una buona lettura - ancora.


Per il mio riferimento:
La tassonomia degli sciocchi di Roxana inizia con il passaggio: "Se hai qualche riguardo alla tua felicità futura, qualsiasi visione di vivere comodamente con un marito, qualsiasi speranza di preservare le tue fortune o ripristinarle dopo un disastro, mai, donne, sposare uno sciocco. "

La falsa "nuova svolta" di Roxana sul tema del matrimonio, in cui spiega perché dormirà, ma non si sposerà, il suo amante inizia con: "Gli ho detto che forse avevo nozioni diverse di matrimonio da ciò che l'usanza ricevuta ci aveva dato di esso ... "
data di revisione 04/21/2020
Bennie Faccone

Roxanne !!! accendi la luce rossa ... accendi la luce rossa ...

In effetti, Roxana ha un successo eccezionale nel settore della padrona / pussypower, diventando una donna indipendente in un mondo in cui gli uomini controllano il commercio e il potere politico. Defoe esplora il ruolo e la fattibilità dell'Autorità femminile nel mondo di un uomo, narrando dalla prospettiva di Roxana.

Il libro ha molti passaggi noiosi, ma la quarta stella è per il dramma oscuro del romanzo, e i suoi passaggi a volte brillanti e moralmente complessi: Roxana costringe la sua domestica a fare sesso; il suo raccapricciante resoconto del matrimonio con gli sciocchi; le sue riflessioni sul "pentimento della tempesta" in mare; il suo dibattito al capezzale con la mercante olandese sul matrimonio e il paragone nero e divertente di essere moglie / amante; e molti altri ancora.

La fine del romanzo sostiene un tono di terrore e una particolare perplessità sugli presunti istinti "materni" delle donne. Non riesco a decidere se sembra forzato o stranamente convincente per questo operatore nel mondo degli uomini. In ogni caso, indugia nella mente e mi fa chiedere chi scrive così oggi. Perché anche se le donne hanno molte più opzioni in questi giorni, molti dei problemi sorgono ancora.
data di revisione 04/21/2020
Turtle Lechlak

I libri per l'università non sono sempre i migliori letti. Questo libro ha comunque una donna affascinante, interessante e perfetta, proprio come in Moll Flanders. Era incredibilmente frustrante e divertente in quanto fosse manipolatrice, subdola, egoista e egocentrica.
data di revisione 04/21/2020
Rothwell Laughlin

Ho adorato questo libro MOLTO !!!! Devo dire che la fine è un po 'strana ... Non mi aspettavo che finisse in questo modo, ma non lo odiavo comunque. È scritto molto bene, così piacevole da leggere. Roxana è uno dei migliori personaggi che abbia mai conosciuto, è così femminista e ho adorato il suo lato tosto. Odia gli uomini tanto quanto me. L'amava.
data di revisione 04/21/2020
Beryle Florio

Va bene, non avrei mai letto questo se non fosse stato nella lista dei 1001 libri da leggere prima di morire. Sono contento che sia sulla lista!
Sono stato divertito dalle buffonate di Lady Roxana e sento che questo era un semplice gioco da ragazzi rispetto alla morale moderna. Ti dà una prospettiva di quanto fosse severa e stressante la vita delle donne nel 1670 e oltre.
Questo sarebbe un utile riferimento per chiunque persegua un maggiore in Storia o un minore in Letteratura.
data di revisione 04/21/2020
Acus Lopau

avrei dato queste quattro stelle se lo stile e la grammatica della scrittura fossero stati migliori. le costanti frasi rincorse, l'uso eccessivo di punti e virgola e le strane italicizzazioni hanno reso questo difficile da superare.
data di revisione 04/21/2020
Eugenides Bealmear

Ho adorato la psicoanalisi di Roxana e delle sue relazioni con Amy, i suoi figli e i suoi clienti. Grazie al mio geniale professore della British Lit, mi è anche piaciuto discutere della struttura (o della mancanza) di questo libro, del tema della redenzione, di Defoe e dei suoi sadici giochi mentali. Anche se non mi allontano dalla lettura di ciò che è cambiato o particolarmente colpito, lo apprezzo a livello intellettuale e come lavoro con un narratore pazzo.
data di revisione 04/21/2020
Callida Lesslie

Daniel Defoe pubblicò tutte le grandi opere di finzione che oggi è ricordato in un arco di mezzo decennio tra il 1719 e il 1724. In precedenza era un noto giornalista. Questo periodo è iniziato con le famose avventure di Robinson Crusoe e si è concluso con il suo romanzo finale, Roxana o The Fortunate Mistress, nel 1724. Dovrebbe essere una biografia di una Madamoselle Beleau, la figlia adorabile dei rifugiati protestanti francesi, cresciuta in Inghilterra e sposato con un figlio del nulla buono di un birraio inglese.

Il marito di Roxana spreca la sua proprietà e abbandona sua moglie e cinque figli. Entra in una carriera di amante, prima dal padrone di casa nella casa che lei e suo marito stavano affittando, e poi da una serie di ricchi aristocratici e uomini d'affari in tre paesi, Inghilterra, Francia e Olanda. Acquisisce il suo nome di "Roxana", tradizionalmente dato alle attrici teatrali, dopo essere tornata a Londra dall'Europa, essendo diventata una famosa cortigiana.

È accompagnata nelle sue avventure da una fedele domestica, Amy, una donna molto vivace, attraente e intelligente. Dopo molte avventure con molti uomini e donne, la maggior parte dei quali sorprendentemente, sono brave persone decenti che non sfruttano una bella donna abbandonata in difficoltà (da cui il titolo della storia: "La fortunata padrona"), finalmente sposa un olandese mercante che è stato il suo amante e amico da molto tempo e persino il padre di uno dei suoi figli. Tuttavia, in una conclusione piuttosto affrettata della storia, il marito scopre la vita ingannevole e immorale che sua moglie ha condotto e muore poco dopo averle lasciato una piccola somma di denaro.

È interessante notare che la fine di Roxana è avvolta nella disputa. Nella versione originale di Defoe la protagonista non muore, ma si pente per la vita che ha vissuto, e anche quella - secondo la stessa Roxana - solo perché finisce infelice dopo la morte del marito. Tuttavia, il libro, poiché è stato pubblicato in forma anonima (come spesso accadeva con storie fittizie in quei giorni) e poi ha attraversato diverse edizioni discutibili, in seguito gli interpolatori hanno dato alla storia varie terminazioni, ognuna delle quali ha fatto morire la protagonista pentendosi per la vita piena dei peccati.

Ancora più interessante e importante per il futuro della finzione, è l'attenzione di Defoe sul dramma interiore del decadimento morale di Roxana, il tumulto psicologico di una donna che sceglie intenzionalmente la vita glamour di una cortigiana sulla vita più noiosa, ma onorevole, di una sposata donna. Il risultato della sua decisione porta a una spirale discendente dalla quale non è in grado di fuggire. Quindi l'ultimo romanzo di Defoe è la sua unica e unica tragedia.
data di revisione 04/21/2020
Wenn Peight

L'ultimo romanzo di Defoe è una curiosità notevole. Affronta direttamente le questioni della libertà sessuale e dell'indipendenza finanziaria femminile e deve essere sembrato audacemente radicale quando fu pubblicato per la prima volta nel 1724. Dà il pieno controllo narrativo alla sua omonima eroina, che sceglie quali parti della sua storia raccontare, e cosa omettere e chi è il solo giudice delle proprie azioni e motivazioni. Stabilisce (ma non segue completamente) un affascinante conflitto a tre vie tra necessità pragmatica, convenzioni sociali (onore) e morale assoluta (onestà). Sotto questi aspetti, sembra straordinariamente moderno, ma è praticamente inconcepibile che Roxana avrebbe potuto essere scritto com'era oggi, o addirittura come il romanzo inglese maturò più tardi nel diciottesimo e nel diciannovesimo secolo. Gran parte della narrazione è meno di una trama di una serie di eventi che si propagano a vari livelli di interesse del lettore, fino a quando non esplodono in un parossismo di intensità quasi isterica, melodrammatica - che poi si ferma. La fine del romanzo può essere un botto, o può essere un piagnucolio, ma qualunque cosa accada, accade fuori scena. Ci sono fasce di dettagli finanziari e altri dettagli pratici (non sempre così avvincenti) che suggeriscono che Defoe punta al realismo quasi-documentario. Allo stesso tempo, il romanzo ha anche molto del sapore di un gioco di moralità medievale: i personaggi lavorano come individui e come tipi; Amy, la mercante olandese, la quacchera e la figlia Susan di Roxana lavorano così come le persone nella vita dell'eroina, come aspetti della stessa Roxana, o manifestazioni esterne e personificazioni dei suoi desideri e azioni. Uno strano libro, certamente, ma un esempio esaltante di una forma che trova ancora i suoi piedi: il romanzo che salta, inciampa, salta.
data di revisione 04/21/2020
Micheline Tweedle

Scusa no. Ho trovato questa storia ridicola e ridicolmente improbabile. Roxana NON è - o non la vedo come - una figura proto-femminista, tranne, forse, per la sua visione del matrimonio e del perché le donne stanno meglio senza mariti, in un momento in cui i mariti avevano il controllo della fortuna delle loro mogli. Ma si sottolinea che fondamentalmente vive nel peccato ed è condannata ad andare direttamente all'inferno. Quindi sì, fa quello che vuole, ma secondo lei è ancora una grande peccatrice. C'è libertà in quel modo di pensare? Inoltre, sembra che non le importi un BIT dei suoi figli. Oh, tranne alla fine, giusto. Non posso fare a meno di pensare che la consideriamo una figura femminista ora perché non gliene frega niente dei suoi figli e fa sesso con diversi uomini. Sì, la libertà sessuale è importante. Ma no: trattare i tuoi figli come una merda - che tu sia un uomo o una donna - non fa parte di alcuna libertà che dovresti chiedere. So che il 1724 fu un tempo completamente diverso, con costumi completamente diversi, quindi il modo di Roxana di trattare i suoi figli avrebbe potuto essere la norma allora. Non lo so. Ma per noi chiamarla una figura femminista OGGI è - a mio avviso - strano.
Come detto, è la MIA vista sul libro. Potrei essere sbagliato e ignorante, sentirmi libero di non essere d'accordo, con forse più intuizioni di quelle che ho sul libro e sul contesto della pubblicazione. Tuttavia, non mi è piaciuta nemmeno la storia. Noioso, e nel complesso piuttosto assurdo.
data di revisione 04/21/2020
Siddra Wiltjer

Il mio ultimo libro Defoe nella lista dei 1001 libri!

Quindi, questo libro ha quasi 300 anni. E ne ha voglia. La lingua è datata e ci è voluto un po 'per abituarsi. Gli scandali non sarebbero così scandalosi (non che avrei voluto essere amico di "Roxana") oggi. E oggi, Roxana non avrebbe dovuto lottare per evitare il matrimonio per mantenere il controllo della sua ricchezza. Certo, oggi è molto più difficile perdere qualcuno (o perdersi), quindi molti dei problemi di Roxana non si sarebbero mai verificati in primo luogo.

Quindi è quello che è. Mi chiedo chi abbia letto questo libro c1724. Non riesco a credere che si tratti di donne e famiglie - o il comportamento di Roxana non sarebbe considerato scioccante quanto offensivo? O è stato scritto per gli uomini da leggere nei club e di cui ridere con i loro amici? Dovrei esaminare questo.
data di revisione 04/21/2020
Willem Radmall

La "18 libri ..." del 1,001 ° secolo marcia attraverso la prostituzione continua con un'altra puttana che si fa strada nel Regno Whorenited. Chi trova questo claprap, gioco di parole inteso, divertente? Certamente no. Defoe è ancora abile nella narrazione, ma ho finito con le puttane che sono anche contabili part-time che calcolano ogni centesimo che la loro prostituzione le guadagna. L'unica cosa che distingue questo è che mentre scende sempre di più nella sua vita fatta da sé felicemente per sempre durante il crollo ma alla fine è che è costantemente contemplativa delle sue azioni. Grande affare. È ancora un'arma morale decrepita e, signor Boxall, non riesco più a leggere così. In che modo questo contribuisce alla letteratura?
data di revisione 04/21/2020
Garvy Willoby

C'è un'enorme differenza tra la letteratura inglese del 17 ° e 18 ° secolo. Ho avuto un momento molto difficile attraverso questo libro. In primo luogo, è stato scritto nello stile della sua epoca, e ho trovato estremamente distratti i nomi in maiuscolo e in corsivo. Aggiungete a ciò la narrazione sconnessa del narratore, e ho quasi messo giù il libro più volte. Non posso dire di essere stato ricompensato per la perseveranza, ma alla fine sono stato enormemente sollevato!
data di revisione 04/21/2020
Ewens Hussman

Non posso credere che l'edizione stampata di questa sia solo più di 200 pagine. Avevo l'ebook e mi sembrava di avere almeno 500 pagine. Naturalmente, non c'erano lezioni di scrittura creativa negli anni 1720. La prima metà va bene e ci sono molte cose interessanti sulla posizione delle donne nella società in quel momento, oltre a una sorprendente quantità di viaggi e commercio tra Inghilterra, Francia e Paesi Bassi. Ma la seconda metà si trascinò e divenne un lavoro ingrato.
data di revisione 04/21/2020
Bonucci Desoto

Non mi aspettavo che mi sarebbe piaciuto questo libro tanto quanto me. Solo perché è un libro più vecchio non significa che non sia un buon libro. Avrei voluto che fosse finito in un modo diverso, ma sono consapevole che ci sono finali alternativi creati dagli editori, quindi vale la pena dare un'occhiata.
data di revisione 04/21/2020
Janaye Coutermarsh

Ho il sospetto che questo libro fosse abbastanza rischioso per il suo tempo. Ancora oggi, sembra abbastanza sexy. Ma la storia sembra molto datata e caratteristica per un lettore moderno. Mentre Roxana si preoccupa costantemente di come il suo passato rovinerà il suo futuro se diventa noto, ho trovato difficile da credere anche se probabilmente è vero per i suoi tempi. Inoltre, cosa succede con il fatto di abbandonare tutti i suoi figli? Questa parte del personaggio non ha senso per me anche quando si guarda la storia attraverso una lente storica. Le persone hanno davvero avuto figli e poi li hanno lasciati indietro, forse con un po 'di soldi per la cura, o forse no? Sembrava selvaggiamente non plausibile. Non sembrava così dolorante. Defoe ha avuto figli? Forse non credeva che i genitori avessero un vero legame con la loro prole.

Il narratore per la versione udibile di questo è favoloso. Lo legge con energia reale e gestisce la discussione apparentemente infinita delle finanze senza lasciarla trascinare giù per la storia.

Caro lettore, fatti un favore e cerca rapidamente la valuta quanto basta per capire i livres, le pistole e l'ecu francesi stravaganti (anche se qui non sono menzionati molti ecu).

Sono felice di aver ascoltato questo, ma si potrebbe facilmente saltare questo senza perdere un classico importante. La mia biblioteca (piuttosto completa) non ne aveva nemmeno una copia.
data di revisione 04/21/2020
Gelman Maturo

Per il suo tempo questo lavoro è stato rivoluzionario: promiscuità, ateismo, bigamia, è tutto qui. Pensare che questo romanzo sia un quasi contemporaneo di Pamela, un racconto estremamente moralizzante, rende il contrasto ancora più nitido.

Il vero marchio di uno scrittore, Defoe è controverso e non è abbastanza invadente da evidenziare chiaramente l'approvazione dell'autore o il contrario rispetto agli exploit di Roxana. Certo, Roxana è la narratrice, ma le sue esplosioni di rimorso sembrano indifferenti e la sua deduzione di essere punita da Dio per i suoi peccati si manifesta solo quando la sua fortuna è ridotta. L'edonista non pentito, di successo, indipendente è il quadro più accattivante e inquietante; nonostante la sua dubbia moralità, non si può fare a meno di ammirare Roxana.

Perché la storia è controversa e moralmente ambigua, guadagna il massimo dei voti. D'altra parte questa scrittura ha qualche secolo, quindi mentirei se dicessi che questo non ha importanza per me, lo fa, e la prosa del 17-18 ° secolo trovo a volte ripetitiva, goffa e decisamente noiosa, anche se la storia è brillante.
data di revisione 04/21/2020
Artair Nap

PERCHÉ mi è piaciuto questo libro? Francamente non ne ho idea! Praticamente non succede nulla. L'eroina non è particolarmente simpatica, simpatica o addirittura sexy. In effetti, per essere un romanzo su una prostituta, in questo libro c'è molto poco sesso o addirittura sensualità. Penso che l'unico motivo per cui sono sopravvissuto sia perché mi piaceva l'uso della lingua. Probabilmente per la maggior parte delle persone l'inglese di Defoe non sarebbe molto facile da leggere (senza virgolette, molte lettere maiuscole e un corsivo strano). Tuttavia, ero già sopravvissuto alla "Clarissa" di Richardson, quindi avevo già una comprensione del modo in cui le parole venivano usate allora - una vera comprensione, "Clarissa" è un libro enorme!

Consiglierei questo libro a chiunque altro? Beh no! Lo rileggerò mai? Probabilmente no. Ma per qualche motivo non mi pento del tempo impiegato per leggerlo una volta.

Questa recensione è stata utile? Probabilmente no! Mi dispiace, ma sinceramente non so cos'altro dire su questo libro! :)
data di revisione 04/21/2020
Biancha Macnicol

Un romanzo bellissimo e interessante di Daniel Defoe, che affronta una serie di temi e idee, come la natura del matrimonio, il contratto di matrimonio, la maternità, la libertà personale (in particolare la libertà femminile), azioni e conseguenze, scopi e fini, doveri e responsabilità dei genitori, e il potere della ragione nel trovare soluzioni a minacce e sfide. Mi è piaciuta in particolare la discussione della proto-femminista Roxana sulle differenze di genere nella vita coniugale in una società / cultura patriarcale e sui diversi ruoli e posizioni che uomini e donne ricoprono e ricoprono. Mi piaceva anche la sua descrizione delle differenze tra una donna sposata, un'amante e una puttana; e mi è piaciuta la sua dignità e risoluzione. Anche se mi è piaciuto molto il romanzo, non mi aspettavo una fine così interrotta!
data di revisione 04/21/2020
Reneta Hoel

Ughhhhhh, la fine di questo romanzo è per me frustrante. Trovo che mi diverta a discutere di questo romanzo più che a leggerlo. C'è molto da discutere, dalle caratteristiche formali del testo a quale sia lo scopo del testo, ma nel complesso ho trovato molto difficile sfogliare questo romanzo. Il ritmo è molto lento e ho dovuto forzare me stesso a leggerlo in grossi pezzi per non restare indietro in classe con esso. È molto noioso e denso, ma sono affascinato dall'ambivalenza morale del romanzo, soprattutto considerando che l'autore lo presenta come una fonte veritiera e primaria su un narratore e un incidente di fantasia. L'autore è inaffidabile quanto il narratore Roxana.
data di revisione 04/21/2020
Agnese Oflaherty

Questo è l'ultimo romanzo scritto da Daniel Defoe.

Racconta la storia di Roxana, già conosciuta come Mlle Beleau, che deve scegliere tra essere un ladro o una ricca cortigiana poiché ha cinque figli da sola e il suo fedele servitore Amy.

Una volta che ha fatto la sua scelta, intraprende una vita con diversi protettori in diversi paesi: Inghilterra, Francia e Olanda.

Devo confessare che non è stata una lettura facile poiché il personaggio principale è il narratore della sua stessa storia. Inoltre, è scritto in vecchio stile inglese con troppe parole in maiuscolo. Tuttavia, si deve tener conto del fatto che questo libro è stato scritto nel 1724.

data di revisione 04/21/2020
Konrad Sonnek

Mi è piaciuto molto questo libro e "Roxana" è un personaggio affascinante anche se a volte era piuttosto vana!

Vorrei tuttavia raccomandare ai potenziali lettori di cercare l'intera edizione del 1745 - poiché ciò dà un finale più pieno (una causa comune di lamentela, specialmente qui su Goodreads, è la brusca fine del finale nell'originale e nelle versioni abbreviate).


Leggi la mia recensione completa su: http://www.andreazuvich.com/book-revi...

Lascia una recensione per Roxana